La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Danze strutturate in educazione musicale alcuni criteri metodologici Andrea Sangiorgio Appunti sul laboratorio realizzato nellambito del convegno MUSICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Danze strutturate in educazione musicale alcuni criteri metodologici Andrea Sangiorgio Appunti sul laboratorio realizzato nellambito del convegno MUSICA."— Transcript della presentazione:

1 Danze strutturate in educazione musicale alcuni criteri metodologici Andrea Sangiorgio Appunti sul laboratorio realizzato nellambito del convegno MUSICA E TEATRO A SCUOLA Il laboratorio espressivo come strategia di formazione e integrazione organizzato dal CDM onlus – Centro Didattico Musicale e dal 196° Circolo Didattico Walt Disney Roma, giugno 2004

2 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate2 Danza Musica apprendimento motorio coordinazione figure / sequenza di movimenti creatività motoria apprendimento musicale ascolto melodia / ritmo / struttura musicale

3 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate3 Criteri metodologici sostituzione, semplificazione, riduzione didattica di movimenti complessi gradualità e coerenza del percorso dalla struttura globale ai singoli elementi metodi top down dai dettagli allinsieme metodi bottom up Procedure di montaggio

4 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate4 Attività preparatorie motivare lattività con degli spunti immaginativi, ad es. raccontare una storia, dare unimmagine, ecc. far ascoltare la musica (i bambini ballano liberamente o, stando stesi, puntano lattenzione sulle immagini interne e sulle emozioni che la musica suscita); cantare la melodia e iniziare con lapprendimento di questa, per poi dedicarsi allacquisizione dei movimenti ascoltare e rappresentare la struttura della danza attraverso lesecuzione di movimenti differenziati (ad es., alternare fasi di locomozione nello spazio durante la parte A a fasi di movimento sul posto sulla parte B) iniziare con lapprendimento di un passo nuovo/complesso o di un elemento della danza che possa attirare lattenzione dei bambini

5 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate5 Uso della voce per accompagnare la danza e guidare il gruppo nel montaggio Procedure per introdurre e condurre la danza con la voce: cantare la melodia usare una cantilena ritmica, in cui linflessione della voce renda evidente larticolazione temporale dei vari movimenti scandire ritmicamente parole o brevi frasi che indichino i passi e i movimenti da eseguire, sillabe per indicare quale piede (de=destro, si=sinistro), eventualmente anche numeri Luso della voce consente allinsegnante di regolare la velocità dei passi, di sottolineare i passaggi nei punti cruciali, di indirizzare tempestivamente il gruppo nei cambi. Associata alla voce è la direzione corporeo-gestuale: attraverso il linguaggio non verbale linsegnante indica le direzioni, dà gli attacchi, utilizza segnali che anticipano i successivi movimenti.

6 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate6 Apprendimento musicale integrato allapprendimento motorio In questa prospettiva la danza strutturata assume la funzione di acculturamento musicale (ritmico o melodico) costituisce un ulteriore stimolo a cantare e ad accompagnarsi con la voce è unoccasione per eseguire pattern tonali o ritmici, in alternanza con lesecuzione della melodia o del ritmo della danza offre numerosi spunti per un lavoro più specificamente musicale Se i bambini imparano a intonare la melodia e/o a scandire vocalmente il ritmo della danza, hanno anche più facilità, nelle fasi successive del lavoro, a sincronizzare i movimenti con la musica. Un ponte interessante fra danza e musica è costituito dai gesti- suono (le cosiddette body percussion).

7 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate7 Utilizzo di strumenti musicali Un possibile sviluppo musicale della danza strutturata consiste nel servirsi della musica come base per dei suoniamoci su: i bambini accompagnano le diverse parti della danza con semplici combinazioni ritmiche eseguite con gli strumenti a percussione, ripartiti in più sezioni (ad es., pelli, legni, metalli). Lacquisizione di una sequenza di movimenti diventa propedeutica alla realizzazione di una struttura musicale.

8 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate8 Quali danze, quali musiche Le Danze strutturate sono oggetti didattici caratterizzati da: una articolazione formale ben definita, una suddivisione in parti chiaramente riconoscibili, una corrispondente differenziazione tra struttura dei movimenti e struttura musicale La musica Musica folklorica, etnica, classica, pop…, qualunque genere può essere adatto, purché la musica sia: facilmente percepibile nella sua organizzazione formale, della giusta durata, motivante per il movimento, esteticamente valida.

9 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate9 Elaborazioni creative Su una parte della danza si può intervenire creativamente, elaborando - da soli, a coppie o in piccoli gruppi – dei movimenti alternativi o costruendo una propria coreografia. Fasi del lavoro creativo processo dallimprovvisazione alla composizione acquisizione di modelli esplorazione selezione fissazione di idee Prospettiva metodologica: oltre lapprendimento per imitazione, verso il movimento creativo, limprovvisazione, la composizione nel movimento.

10 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate10 Finalità delle elaborazioni creative La danza strutturata può diventare un contenitore e unoccasione per: favorire lappropriazione del linguaggio della corporeità attraverso la fruizione attiva e creativa dei suoi elementi promuovere lespressione personale stimolare i bambini al problem solving di gruppo sviluppare la loro capacità di cooperazione e negoziazione permettere loro di identificarsi con il proprio prodotto e di aderire emotivamente a un progetto personale. Nella conduzione di attività creative linsegnante non ha il ruolo di detentore della conoscenza, ma di coordinatore del processo e di facilitatore dellapprendimento.

11 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate11 Danzare per... Le danze possono assumere un ruolo educativo di ampia portata e arricchire sensibilmente il vissuto dei bambini nel quotidiano della scuola. Si può danzare per: aprire e chiudere una fase di lavoro ritualizzare alcuni momenti della giornata costruire un clima nella classe assorbire e contenere lesubero di energie trovare la calma e rigenerarsi offrire uno spazio per linvenzione personale esprimersi, comunicare, cooperare, socializzare

12 Andrea Sangiorgio - Danze strutturate12 Educazione alla musica e al movimento secondo lOrff-Schulwerk Fondamenti metodologici centralità della fusione di canto e danza intreccio di apprendimento musicale e apprendimento motorio importanza della rielaborazione creativa apprendimento con / attraverso il gruppo: espressione di sé, condivisione di emozioni, socializzazione, cooperazione


Scaricare ppt "Danze strutturate in educazione musicale alcuni criteri metodologici Andrea Sangiorgio Appunti sul laboratorio realizzato nellambito del convegno MUSICA."

Presentazioni simili


Annunci Google