La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Intercultura uno strumento di lavoro Descrizione e linee guida a cura di Silvia Tavazzani.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Intercultura uno strumento di lavoro Descrizione e linee guida a cura di Silvia Tavazzani."— Transcript della presentazione:

1 Intercultura uno strumento di lavoro Descrizione e linee guida a cura di Silvia Tavazzani

2 Introduzione

3 COME CI PONIAMO NEI CONFRONTI DELLORGANIZZAZIONE? Durante la costruzione della cattedrale di Chartres, a tre spaccapietre che stavano lavorando venne rivolta la medesima domanda: che cosa stai facendo? Il primo rispose seccato, senza neppure sollevare la testa: Lo vedi, sto spaccando le pietre. Il secondo spiegò Mi guadagno da vivere, spacco le pietre per mantenere la mia famiglia. Il terzo lavoratore, fermandosi un attimo, rispose: Sono uno spaccapietre e sto costruendo una cattedrale. Tratto da: Cyrulnik, Parlare damore sullorlo dellabisso

4 Metodo e principi ispiratori

5 Le organizzazioni non sono altro che un insieme di continue decisioni umane. Scelte e comportamenti degli attori sono influenzati dalle caratteristiche dellindividuo, ma anche dal sistema di vincoli dellorganizzazione in cui opera. sfera del logos organizzativo = sistemi operativi strutture, processi, ruoli, forme di controllo sfera del pathos organizzativo = mondi vitali delle emozioni e dellintangibile

6 Intercultura – uno strumento di lavoro

7 Con il D.D.G. prot. n del , integrato con D.D.G. prot. n del , è stato Istituito un Gruppo di Lavoro Regionale che per circa un anno ha esaminato documenti e materiali, ha incontrato docenti, ha cercato parole trasversali e sistematizzato un percorso per offrire e restituire alle Scuole (di ogni ordine e grado, comprese quelle dellInfanzia) un documento che non ha lambizione di fare un passo in avanti, ma lorgoglio di aver raccolto e recuperato i fili per quanto possibile, quel lavoro prezioso che è stato realizzato già nelle scuole, grazie allimpegno di tante.

8 Intercultura – uno strumento di lavoro Prima Parte: Intercultura – uno strumento di lavoro Una visione dinsieme sulla situazione attuale, sugli strumenti a disposizione per migliorarla e alcune indicazioni di metodo e di lavoro

9 Intercultura – uno strumento di lavoro Seconda Parte: Normativa di riferimento Una raccolta organica di tutta la normativa disponibile che fa riferimento a tematiche di immigrazione, inclusione, intercultura, dai Regi Decreti di inizio secolo fino agli ultimi DL in materia di accoglienza scolastica. Introdotti da una breve riflessione.

10 Intercultura – uno strumento di lavoro Terza Parte: Una selezione di modelli e materiali Moduli, modelli, questionari, copie di documenti di lavoro raccolti in un campionario coerente e navigabile

11 Intercultura – uno strumento di lavoro Quarta Parte: Bibliografia e sitografia ragionata Raccolta di riferimenti utili divisa in: Bibliografia Sitografia

12 Obiettivi

13 Torniamo agli spaccapietra. Tutti e tre faticavano e svolgevano la stessa attività, ma il senso che attribuivano al loro lavoro era ben diverso, era ben differente lo stato di innamoramento per lattuazione del loro sogno. Quante volte ci si trova nelle stesse situazioni: superficialità, fretta, timore di farsi coinvolgere (sto scalpellando pietre), necessità e bisogno (mi guadagno il pane), entusiasmo e passione (sto costruendo).

14 Obiettivi Da un concetto di didattica speciale a una visione di didattica per gli alunni …non solo stranieri, ma anche italiani, perché un percorso comune consapevole incoraggia lo scambio, la comprensione e avvantaggia anche il percorso educativo e i programmi

15 Obiettivi Per un percorso che comprenda la specificità del territorio, ma la superi. Perché qualsiasi alunno, si trovi in provincia o nella grande città, abbia le stesse possibilità e perché qualsiasi istituto abbia gli stessi strumenti da cui partire.

16 Per una massimizzazione delle risorse. In questo momento le risorse scarseggiano ed è importante razionalizzarle e ottenere il massimo possibile da ciò che già abbiamo e che va messo a disposizione di tutti con una veste comprensibile e usabile. Obiettivi

17 Conclusioni

18 Lintegrazione non è facile, ma è possibile. Integrare non significa risolvere i conflitti esistenti, ma essere capaci di starci dentro, cercare strategie per la convivenza, formare i cittadini di domani che partono da realtà diverse ma vanno forniti delle stesse opportunità. Conclusioni

19 Ciò vale anche per gli insegnanti e la scuola: è necessario, partendo da situazioni diverse, arrivare a unesperienza che le unifichi senza uniformarle, ma consentendo a tutti di trovare soluzioni in autonomia e parità.

20 Conclusioni Questa è la ragione per cui è nato Intercultura – un documento di lavoro Offrire alle scuole un valido strumento di lavoro che tiri le fila di ciò che già cè, di ciò da cui possiamo e dobbiamo partire per costruire una scuola migliore.

21 Ringraziamenti Le immagini che hanno accompagnato questa esposizione sono immagini di porte: porte aperte, porte che definiscono il dentro e il fuori, ma che offrono passaggi. Porte di ingresso e di uscita. Perché la scuola è il diritto di entrare e ri-uscire. Un ringraziamento quindi a tutti i Docenti e ai Dirigenti che hanno puntualmente inviato i materiali, al personale ATA delle amministrazioni, ai colleghi referenti degli USR regionali, agli amici che negli anni hanno lavorato con noi e che hanno costruito percorsi trasversali e promosso iniziative per favorire il cambiamento di punto di vista.


Scaricare ppt "Intercultura uno strumento di lavoro Descrizione e linee guida a cura di Silvia Tavazzani."

Presentazioni simili


Annunci Google