La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SOGGIORNI CULTURALI 2009 SOGGIORNI CULTURALI 2009 Lemigrazione sammarinese tra il XIX e il XX secolo Sammarinese emigration between the 19th and the 20th.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SOGGIORNI CULTURALI 2009 SOGGIORNI CULTURALI 2009 Lemigrazione sammarinese tra il XIX e il XX secolo Sammarinese emigration between the 19th and the 20th."— Transcript della presentazione:

1 SOGGIORNI CULTURALI 2009 SOGGIORNI CULTURALI 2009 Lemigrazione sammarinese tra il XIX e il XX secolo Sammarinese emigration between the 19th and the 20th century San Marino Gruppo di sammarinesi in procinto di partire per la Germania San Marino Some sammarinese citizens are going to leave to Germany

2 POPOLAZIONE SAMMARINESE cittadini residenti in territorio allestero

3 AMERICHE Argentina 1. PergaminoBuenos Aires Ciudad PericoJujuy ViedmaRio Negro AltamiraCordoba General BaldisseraCordoba GuaymallènMendoza Capital FederalBuenos Aires _______________________________________________________________________________________ USA 1. Rochester HillsMichigan ElmontNew York comunità di cittadini sammarinesi allestero 25 communities of sammarinese citizens abroad

4 EUROPA Belgio 1.La LouviereLa Louviere 62 ______________________________________________________________________________________________________ Francia 1.CosmaParigi771 2.GrenobleGrenoble474 3.Audun Le TicheMetz106 4.St Germain du SalembreDordogna TervilleMoselle ______________________________________________________________________________________________________ Italia 1.Rimini Rimini381 2.Roma Roma531 3.Genova Genova Ravenna Ravenna Milano Milano Novafeltria Pesaro Torino Torino Bologna Bologna Padova Padova Firenze Firenze _

5 Le cause dellemigrazione The causes of emigration Fenomeni espulsivi Povertà in diversi settori della produzione Prevalenza in economia del settore primario caratterizzato da unagricoltura di sussistenza Scarsa attività industriale Contrasti politici e sociali Ricerca di lavoro più redditizio Sviluppo demografico Eccesso di manodopera Motivi religiosi o politici Ragioni di tipo intellettuale Fenomeni dattrazione Sistemi politici più democratici Stabilità politica e sociale Mutamenti economici dovuti alle rivoluzioni industriali Sviluppo delle vie di comunicazione Grande disponibilità e offerta di lavoro Push factors Poverty in different sectors of production Prevalence of subsistence agriculture Lacking industrialization Political and social contrastis Search for a better work Demographic growth Excess of labour Religious or political causes Intellectual cause Pull factors More democratic governments Political and social stability Better economy because of industrialization Development of infrastructures Great work opportunities

6 San Marino nel 1869 Superficie: 61 kmq Popolazione residente: abitanti divisi in nove parrocchie con crescita e diminuzione a seconda delle stagioni Densità: 109 ab/kmq Forma di governo: oligarchia Attività: settore primario: coloni agricoli 35 %, possidenti non redditieri 40%, braccianti agricoli 11%, altro 14% Prodotti: grano, granturco, vino, allevamento Unica industria: lavoro della pietra (scalpellini) Scolarità: analfabetismo del 90% della popolazione San Marino nel 1869 Area: 61 kmq Resident population: inhabitans divided in nine parishes (growth and fall were according to the seasons) Density: 109/kmq Government: oligarchy Economy: agriculture: farmers 35 %, property owners 40%, labourers 11%, others 14% Products: corn, wheat, wine, Industry: stone-cutting School: illiteracy 90% of the population

7 Lagricoltura Lagricoltura era praticata dalla maggioranza della popolazione ma era penalizzata da una grande arretratezza nelle tecniche e nellattrezzatura. Il frazionamento del territorio in una miriade di piccole proprietà dove si produceva solo per il fabbisogno familiare. Le ricorrenti crisi agrarie inducevano quasi sempre i piccoli proprietari a vendere il podere e a trasformarsi in coloni o disoccupati.

8 Rilevamenti censuari PossidentiColoniAffittuari %37%20% %46%20% %19%71%

9 Risorse La maggiore ricchezza di San Marino era rappresentata dallallevamento di ovini e bovini che trovava ottima commercializzazione nelle fiere e nei mercati che si svolgevano a Borgo Maggiore Buona la produzione di vino Florida leconomia legata alla trasformazione di burro e di formaggio Ancora nellOttocento e allinizio del Novecento ha un certo peso lallevamento dei bachi da seta e la vendita del legname Scarsissima lattività industriale Poche risorse del sottosuolo Lindustria della pietra offre possibilità di lavoro e di reddito

10 Attività Extra – Agricola Laboratori di oreficeria 2 Laboratori di stagnini 6 falegnami 1 laboratorio di mobilieri 1 laboratorio di cappelli di paglia 1 laboratorio di amido 1 laboratorio di sapone 10 telerie 15 calzolai 10 fabbri 9 fornaci per la produzione di terracotta e di materiale per ledilizia 1 fabbrica (pubblica) di polvere da sparo 1 fabbrica di lavorazione del tabacco

11 Sviluppo demografico ( ) Trend of sammarinese population ( ) Anni Years Abitanti Inhabitants Tassi di incremento Rate of growth , , , ,09

12 La prima emigrazione Alla fine dellOttocento, la situazione economica di San Marino era in gravi difficoltà, lemigrazione stagionale solo degli uomini non è più sufficiente a sfamare i nuclei familiari Lo sviluppo industriale e la trasformazione capitalistica delleconomia mondiale, provocano in tutta Europa movimenti migratori di massa Anche San Marino viene coinvolto in questo fenomeno

13 Manifesto di protesta (1896) Manifesto of protest (1896)

14 Pietro Franciosi e lemigrazione Pietro Franciosi, dedica molte delle sue energie al problema dellemigrazione e riferendosi ai dati del III censimento del 1899 scrive: «In quellanno il 17% dellintera popolazione è allestero. Gli emigrati erano così suddivisi: 207 possidenti, 1050 coloni, 44 impiegati, 242 operai e 100 fanciulli». E nel 1902 dice ancora: «Prima del 1897 non si avevano che pochi ed isolati casi di contadini, ed artieri che andavano in cerca di occupazione a Roma, a Genova, in Toscana, a Trieste, per poco tempo, dordinario non passate i mesi invernali. Nel 1897 cominciò unemigrazione di intere famiglie di coloni e braccianti verso il Brasile, lArgentina, lUruguay, Stati Uniti e Canada».

15 Prime emigrazioni oltreoceano Argentina: Nel 1882 primi arrivi di sammarinesi in Argentina (dati confermati dal CEMLA). Tale fenomeno continua fino al Brasile: Tra il 1895 e il 1896 partono 458 sammarinesi. I loro nomi sono stati inseriti nei registri della compagnia navale La Veloce che collegava lItalia al Brasile. Stati Uniti: Prima del 1900 – 50 richieste per gli Stati Uniti

16 Popolazione sammarinese nel 1905 Sammarinese population in 1905 Totale popolazione (total population) Residenti in territorio (residents in San Marino) Residenti all'estero (residents abroad) 2.300

17 Istituzione dellUfficio per la tutela dellemigrazione temporanea in Europa (Marzo 1907) Istitution of the Office for the protection of the temporary emigration in Europe (March 1907)

18 Verbali dellUfficio per lEmigrazione Domande di sussidion° 140 Sussidi concessin° 131 Emigrantin° 100 – 95 braccianti n° 2 muratori n° 2 fabbri n° 1 calzolaio Donnen° 31 massaie Emigrazione internaRoma 47 Genova 13 Milano 7 Tivoli 2 Bologna 1 Emigrazione esternaZurigo 20 Trieste 8 Bettlac 8 Laufen 7 Basilea 5 Chassignelles 4 Courtelley 3 St. Gallen 3 Campen 1 Modane 1 Baden 1

19 La prima guerra mondiale Durante la guerra molti cittadini sammarinesi già emigrati nei paesi belligeranti, in particolare in Francia e in Italia, continuano a lavorare perché sostituiscono la manodopera locale che combatte. Finita la guerra, però, perdono il loro posto di lavoro e nel 1919 rientrano a San Marino 1,200 uomini senza lavoro.

20 Istituzione del Comitato Cittadino pro Emigranti Cittadini! […] i nostri emigranti hanno dovuto abbandonare i paesi ospitali doltreconfine dove traevano – da un lavoro diuturno, sicuro e non ingrato – onorevole sostentamento per loro stessi e le loro famiglie, e sono tornati in patria, da essa solo aspettando in questora di supremo dolore ladempimento di un dovere. […] Voi che avete assistito al loro mesto ritorno, che conoscete le loro difficoltà, le loro amarezze, la mancanza di abitazioni e lavoro in paese, voi tutti avete lobbligo di dedicare la vostra attività, di adoprarvi come meglio sarà possibile affinché il ritorno di questi concittadini sia men doloroso e lunica loro speranza non vada delusa. Per questo Vi invitiamo ad accorrere […] allo scopo di costituire un Comitato Cittadino pro Emigranti e contro la disoccupazione.

21 Di nuovo si emigra Nei primi anni Venti, soprattutto nei mesi invernali, quando lattività agricola era ferma, il numero dei disoccupati a San Marino superava il mezzo migliaio. La Francia divenne il luogo di arrivo per il 40% dei Sammarinesi che venivano inseriti con chiamata governativa nelle attività di maggiore utilità (miniere, cantieri edili e fabbriche).

22 Nuove migrazioni dopo la I° guerra mondiale I sammarinesi continuano a ripercorrere mete migratorie già conosciute: in Italia: Roma, Torino e Genova; in Europa: Svizzera, Belgio e Germania, ma soprattutto si dirigono in Francia con la chiamata governativa. Fra i paesi extraeuropei continua lemigrazione in Argentina attraverso le catene migratore e in particolare negli Stati Uniti.

23 Paesi di prima emigrazione ( ) Main countries of emigration ( )

24 Lemigrazione verso gli stati uniti Questa emigrazione non si interruppe mai, malgrado i rigidi contingentamenti applicati alle autorità americane. San Marino fino al 1923 doveva dividere un contingente di 86 unità con Andorra, Malta, Gibilterra e Lichtestein. Nel 1924 anche a San Marino fu attribuita la quota minima pari a 100 unità.

25 Lemigrazione negli anni trenta Negli anni Trenta lemigrazione sammarinese risentì non solo della situazione derivata dalla grande crisi del 1929 ma anche dellegemonia che il regime fascista esercitava sul governo della Repubblica.

26 Due eventi migratori atipici Emigrazione in Africa Orientale Un centinaio di sammarinesi si imbarca per lEtiopia per lavorare nelle grandi opere stradali che vengono realizzate al seguito dellesercito occupante. Emigrazione in Germania Attraverso accordi governativi, la macchina militare tedesca ingloba più di 300 operai sammarinesi.

27 Emigrazione in Africa ( ) Emigration in Africa ( )

28 Emigrazione in Germania ( ) Emigration in Germania ( )

29 La condizione sociale degli emigranti Fino agli anni Quaranta la maggior parte di coloro che emigravano erano braccianti, a conferma che la situazione economico-sociale della Repubblica era ancora arretrata e senza altre alternative professionali.

30 Qualifiche sui passaporti al momento dellespatrio ( ) Qualifications on the passports at the moment of expatriation ( ) (handicraft) (agriculutrue) (industry) (trade) (unclassified) (services)

31 II guerra mondiale San Marino durante la Seconda Guerra ospita rifugiati.

32 Lemigrazione nel secondo dopoguerra Alla fine della guerra, con la riapertura delle frontiere, lunica soluzione alla precarietà economica della vita sammarinese è ancora lemigrazione. I primi ad andarsene furono di nuovo i mezzadri, seguiti anche dai piccoli coltivatori e da diversi artigiani.

33 Le nuove mete migratorie Francia Belgio Stati Uniti Argentina

34 Il Rientro Alla fine degli anni Sessanta, grazie alle rimesse degli emigranti, ai primi insediamenti industriali e alle prime attività turistiche, si avvia il periodo dei grandi rientri.

35 Fra il 1960 e il 1985 rientrano circa Sammarinesi

36 Rientri dagli Stati Uniti Da 0 a 5 anni Da 6 a 10 anni Da 11 a 15 anni Da 16 a 20 anni Da 21 a 25 anni Da 26 a 30 anni Da 31 a 35 anni Da 36 a 40 anni Da 41 a 45 anni Da 46 a 50 anni Da 51 a 55 anni Da 56 a 60 anni Da 61 a 65 anni Da 66 a 70 anni Da 71 a 75 anni Da 76 a 80 anni Da 81 a 85 anni Da 86 a 90 anni Da 91 a 95 anni Andamento dei rientri da USA suddivisi per sesso e per fascia di età; FemmineMaschi

37 Rientri dalla Francia Da 0 a 5 anni Da 6 a 10 anni Da 11 a 15 anni Da 16 a 20 anni Da 21 a 25 anni Da 26 a 30 anni Da 31 a 35 anni Da 36 a 40 anni Da 41 a 45 anni Da 46 a 50 anni Da 51 a 55 anni Da 56 a 60 anni Da 61 a 65 anni Da 66 a 70 anni Da 71 a 75 anni Da 76 a 80 anni Da 81 a 85 anni Da 86 a 90 anni Da 91 a 95 anni Rientri dalla Francia suddivisi per sesso e per fascia di età; FemmineMaschi

38 Rientri dallItalia Andamento dei rientri dall Italia per sesso e per regione;

39 Rientri dallArgentina

40 CENTRO STUDI PERMANENTE SULLEMIGRAZIONE MUSEO DELL'EMIGRANTE REPUBBLICA DI SAN MARINO ISTITUITO NEL 1997


Scaricare ppt "SOGGIORNI CULTURALI 2009 SOGGIORNI CULTURALI 2009 Lemigrazione sammarinese tra il XIX e il XX secolo Sammarinese emigration between the 19th and the 20th."

Presentazioni simili


Annunci Google