La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Sacro Cuore – Corso Europa 19 Gennaio 2011 Introduzione allUniversità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Sacro Cuore – Corso Europa 19 Gennaio 2011 Introduzione allUniversità"— Transcript della presentazione:

1 Istituto Sacro Cuore – Corso Europa 19 Gennaio 2011 Introduzione allUniversità

2 Dopo il ciclo secondario, il ciclo terziario si articola in quattro grandi percorsi Si rimanda ad una consultazione dei seguenti siti web per relative informazioni: Accademie-conservatori: IFTS: Mediatori linguistici:

3 La riforma del Sistema Univesitario Lattuazione del DM 509/1999, a partire dallanno accademico ha trasformato profondamente l'organizzazione della didattica degli Atenei italiani. La successiva entrata in vigore del DM 270/2004 a partire dallanno accademico e fino al ha avviato unulteriore fase di riorganizzazione accademica orientata verso un sistema meno burocratizzato e una maggiore autonomia e concorrenza tra le università. Listruzione universitaria La riforma si prefigge di allineare il sistema di istruzione superiore italiano a quello europeo, avvicinando la didattica alle esigenze dello studente, consentendo loro di acquisire, in tempi più rapidi, una preparazione culturale e professionale solida ed aggiornata. Come e cosa è cambiato?...

4 Scuola secondaria di II grado Laurea I livello 3 anni 180 crediti Laurea I livello 3 anni 180 crediti Laurea Magistrale 2 anni 120 crediti Laurea Magistrale 2 anni 120 crediti Dottorato di ricerca 3 anni 180 crediti Dottorato di ricerca 3 anni 180 crediti Master 1° Livello 1 anno 60 crediti Master 2° Livello 1 anno 60 crediti scuole di specializzazionepraticantati esame di stato N.B.: Per alcune professioni previste dalla legge labilitazione allesercizio della professione si conseguirà frequentando, dopo la laurea di primo livello o magistrale, le specifiche scuole di specializzazione o praticantati, che durano in genere 1-2 anni e superando successivamente lesame di stato. Con lintroduzione della riforma sono istituiti due cicli formativi

5 Le ragioni della riforma La situazione, oggi, vede gli studenti italiani in forte ritardo nei confronti dei colleghi europei che saranno domani i loro effettivi concorrenti nelle professioni. Infatti, una percentuale enorme degli inscritti in Italia, è arrivato alla laurea impiegando quasi il doppio del tempo previsto. Obiettivi abbreviare i tempi di conseguimento del titolo di studio e ridurre gli abbandoni ; unire, ad una preparazione metodologico-culturale, una formazione fortemente professionalizzante e la possibilità di un aggiornamento costante; facilitare la mobilità degli studenti a livello nazionale e internazionale.

6 I corsi di studio Voi non vi iscrivete ad una Facoltà. Come di solito si dice, ma ad un Corso di laurea che fa capo ad una Facoltà. Ciascuno di questi Corsi di studio fa capo ad una delle Classi di Laurea previste dalla Legge. Il valore legale del titolo è relativo alla Classe, il che significa che tutte le lauree ottenute in Corsi diversi della stessa Classe hanno lo stesso valore legale. o I corsi di laurea di I livello sono istituiti allinterno di 43 classi + 4 classi di laurea nelle professioni sanitarie + 1 classe di laurea nelle Scienze della difesa e della sicurezza. o I corsi di laurea magistrale sono istituiti allinterno di 94 classi + 4 classi di laurea magistrale delle professioni sanitarie + 1 classe di laurea magistrale nelle Scienze della difesa e della sicurezza Può accadere che nella stessa Classe siano attivati due o più corsi I Corsi di Laurea hanno un proprio Regolamento didattico, che stabilisce gli scopi del corso e le attività formative offerte.

7 I Corsi di Laurea hanno un proprio Regolamento didattico che stabilisce gli scopi del corso e le attività formative offerte Gli obiettivi formativi Conoscenze Capacità Tipo di formazione Sbocchi professionali Attività formative Corsi di lezioni Seminari Esercitazioni pratiche o di laboratorio Tutorato Orientamento Tirocinio Ricerca (per tesi, progetti) Studio individuale

8 I Crediti (CFU) - 1/2 A che serve il credito? Definisce quanta attività di studio, o di lavoro di apprendimento, è convenzionalmente richiesta a uno studente nellunità di tempo fissata in 25 ore. Le università possono riconoscere come crediti anche conoscenze (ad esempio di tipo linguistico o informatico) e competenze professionali, acquisite in ambiti extra- universitari purché certificate. Almeno la metà dei CFU è riservata allo studio individuale e viene assegnata attraverso il superamento degli esami I corsi e i relativi esami più impegnativi corrispondono a CFU più elevati

9 I Crediti (CFU) - 2/2 I crediti vengono adottati in tutto il sistema universitario italiano per facilitare agli studenti il trasferimento da un corso di studio ad un altro, oppure da ununiversità ad unaltra, anche straniera. La valutazione dei crediti acquisiti spetta alluniversità di accoglienza. I crediti assegnati a ogni attività formativa vengono indicati nei regolamenti didattici di ateneo e più in dettaglio nei regolamenti didattici dei singoli corsi di studio. I crediti non valutano il profitto, rappresentano invece una misura quantitativa del carico di lavoro richiesto allo studente per raggiungere diversi traguardi formativi. Sono pertanto indipendenti dal voto conseguito con esami o prove di altro genere.

10 I crediti per la Laurea di I livello: 180

11 I crediti per il Master di I livello: 60

12 I crediti per la Laurea Magistrale: 120

13 I crediti per il Master di II livello: 60

14 I debiti formativi prima e dopo la laurea di I livello Con il diploma di maturità puoi iscriverti a qualunque corso di laurea: lUniversità verificherà il tuo curriculum in relazione al corso che hai scelto. Questa verifica può evidenziare delle lacune (espresse in debiti formativi) che dovrai recuperare nel primo anno con apposite attività integrative organizzate dallateneo. Puoi trovarti ad avere dei debiti formativi anche se, dopo la Laurea, scegli una Laurea Specialistica di tipo differente (ad esempio ti laurei in Fisica, ma vuoi specializzarti in Matematica). Anche in questo caso, le tue lacune verranno espresse in debiti formativi da recuperare

15 La laurea di primo livello Ha lobiettivo di assicurare allo studente unadeguata padronanza di metodi e contenuti generali e di specifiche conoscenze professionali finalizzate a un immediata spendibilità del titolo nel mercato del lavoro. Per essere ammessi a un corso di laurea occorre aver conseguito il diploma di scuola secondaria superiore e possedere unadeguata preparazione iniziale. I regolamenti didattici dAteneo definiscono le competenze richieste per laccesso e ne determinano, ove necessario, le modalità di verifica.

16 Il master di I livello Ci si può accedere dopo la Laurea di I levello Ci si può accedere dopo la Laurea di I levello: subito, ma anche dopo diversi anni. Anche quando lavori puoi mantenerti aggiornato ed aumentare le tue competenze, con un Master Universitario.

17 La laurea magistrale Per la Laurea Magistrale sono necessari 300 Crediti Formativi Universitari. Di questi, 180 sono i CFU già conseguiti per la Laurea, a meno che tu non scelga una specializzazione diversa da quello del tuo corso di laurea, come per esempio se ti laurei in Matematica e vuoi specializzarti in Fisica.In questo caso ti verrà riconosciuta solo una parte dei tuoi 180 CFU. Con la laurea magistrale è possibile: inserirsi in specifici ambiti del mondo del lavoro con unelevata qualificazione accedere ai concorsi della pubblica amministrazione e iscriversi agli albi professionali nella sezione A proseguire gli studi con un master di II livello, oppure con un corso di perfezionamento, con una scuola di specializzazione o ancora con il dottorato di ricerca

18 Il master di II livello Ci si può accedere dopo la Laurea Magistrale Ci si può accedere dopo la Laurea Magistrale: subito, ma anche dopo diversi anni. Ti permette di affinare la tua formazione e/o di acquisire ulteriore competenze utili nel mondo del lavoro

19 Le lauree a ciclo unico E prevista solo per alcuni corsi, afferenti a professioni regolamentate, per garantire un maggiore completezza ed unicità della formazione: o Medicina e chirurgia (6 anni) o Odontoiatria e protesi dentaria (5 anni) o Medicina veterinaria (5 anni) o Farmacia e Farmacia industriale (5 anni) o Architettura (5 anni) o Ingegneria edile-architettura (5 anni) o Giurisprudenza (5 anni, inizialmente 3+2 poi si è tornati al ciclo unico) o Scienze della formazione primaria (4anni) Tranne che per i corsi di farmacia, chimica e tecnologie farmaceutiche, ingegneria edile e giurisprudenza, tutti gli altri corsi di laurea a ciclo unico sono a numero chiuso, cioè a numero programmato definiti a livello nazionale

20 I corsi universitari a numero chiuso Principali corsi di laurea per i quali è previsto il numero chiuso con test di ammissione: o corsi di laurea in medicina e chirurgia, medicina veterinaria, odontoiatria e protesi dentaria o corsi di laurea direttamente finalizzati alla formazione di architetto o corsi di diploma universitario di primo livello per la formazione del personale sanitario infermieristico, tecnico e della riabilitazione o corso di laurea in scienze della formazione primaria o corsi di formazione specialistica di medici o scuole di specializzazione per le professioni legali Il test di ammissione, per queste facoltà a numero chiuso, prevede una serie di quesiti che spaziano dalla cultura letteraria a quella scientifico - matematica ed una serie di domande attinenti al corso di interesse. Sul sito del Ministero per luniversità e la ricerca vengono resi disponibili ogni anno, i programmi per i test di ammissione delle facoltà a numero chiuso, in modo da fornire ulteriori specifiche per la preparazione degli studenti, oltre che le date ufficiali in cui si tengono le prove, valide per tutti gli atenei.

21 Il dottorato di ricerca Ha lobiettivo di fornire le competenze necessarie per esercitare, nelle università, negli enti pubblici e privati, attività di ricerca di alta qualificazione. Vi si accede con la laurea magistrale oppure con altro titolo di studio conseguito allestero e ritenuto idoneo. Il riconoscimento dellidoneità è deliberato dalluniversità interessata, nel rispetto degli accordi internazionali vigenti

22 La valutazione degli esami I voti dei singoli esami si esprimono in 30/30 Mentre quelli della prova finale, in 110/110 La laurea di I livello prevede una prova finale decisa da ogni Ateneo La laurea magistrale prevede la discussione di una tesi I CFU misurano il raggiungimento del traguardo formativo I voti misurano il profitto Quindi i CFU sono del tutto indipendenti dal voto conseguito e si acquisiscono con il superamento della prova a prescindere dal voto

23 Alcuni link utili o è il sito del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Scientifica (MIUR), realizzato per orientare i ragazzi/e interessati all'iscrizione all'università, nella scelta del corso di studi che più risponde ai loro interessi. o per gli aggiornamenti sullofferta didattica dellAteneo Federico II e per le guide alle facoltà in formato digitale o sito di riferimento per gli studenti delle università italiane o il portale della Federico II o Seconda Università o Università degli studi parthenope(navale) o Accademia belle arti o Istituto orientale o Suor Orsola Benincasa


Scaricare ppt "Istituto Sacro Cuore – Corso Europa 19 Gennaio 2011 Introduzione allUniversità"

Presentazioni simili


Annunci Google