La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA RIMA. La rima Perfetta identità, in due o più parole, delle vocali e delle consonanti dalla vocale accentata in poi Es.: altròve : pròve; màre: naufragàre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA RIMA. La rima Perfetta identità, in due o più parole, delle vocali e delle consonanti dalla vocale accentata in poi Es.: altròve : pròve; màre: naufragàre."— Transcript della presentazione:

1 LA RIMA

2 La rima Perfetta identità, in due o più parole, delle vocali e delle consonanti dalla vocale accentata in poi Es.: altròve : pròve; màre: naufragàre

3 Tipi di rime A seconda della natura dellultima parola del verso, la rima può essere: piana tronca sdrucciola bisdrucciola Dal punto di vista delle forme la rima può essere: facile difficile o rara derivativa ricca equivoca ipermetra A seconda delle loro relazioni allinterno della strofa la rima può essere: baciata alternata incrociata o chiusa reiterata o ripetuta invertita incatenata

4 Rima facile Il poeta ha a disposizione un repertorio vasto di parole da far rimare Es.: cantare, amare; in questo caso il repertorio è la desinenza del verbo allinfinito –are e la rima è detta anche desinenziale

5 Rima difficile o rara Il poeta ha a disposizione un repertorio esiguo di parole. Es. : Novità, verità

6 Rima derivativa Si ha quando tra le parole in rima cè un legame etimologico Es.: vantaggio, svantaggio; agio, disagio

7 Rima ricca Quando lidentità tra le parole in rima comprende, anche, almeno un suono che precede la vocale tonica Es. : secondo: giocondo

8 Rima equivoca È fatta con due parole di suono uguale, ma di significato diverso. Es.: sole, sost. maschile e sole, agg. femminile plurale; luce, sost. maschile e luce voce del verbo lucere O cameretta che già fosti un porto ……………………………………………………. che l dì celate per vergogna porto (Petrarca)

9 Rima ipermetra Si ha quando una parola sdrucciola rima con una parola piana; da alcuni poeti la sillaba di troppo della sdrucciola viene trasferita nel computo delle sillabe del verso successivo Es.: 9 È, quella infinita tempesta, 9 finita in un rivo canoro. 9 Dei fulmini fragili restano 1+8cirri di porpora e doro

10 Rima imperfetta Assonanza: si ha quando è identica lultima vocale tonica, variano uno o più fonemi successivi Es.: témpo-lénto; buttàto-digrignàta Consonanza: si ha quando sono identiche le consonanti dopo lultima vocale tonica Es. : parlòtta-marétta; attaccàto-vìta

11 Rima al mezzo e rima interna La rima sta quasi sempre in fine di verso, ma può cadere anche allinterno di esso; in questo caso si dice: rima al mezzo: quando la parola finale di un verso rima con la parola che sta nel mezzo di un altro verso; Es. : Soccorri alla mia guerra benchi sia terra, e tu del ciel regina rima interna: quando la parola finale di un verso rima con una parola posta allinterno del medesimo verso o con una parola interna ad un altro verso Es.: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo

12 Rima baciata Cade tra due versi susseguenti secondo lo schema: AA-BB-CC ecc. Es.: Nella torre il silenzio era già alto.A Sussurravano i pioppi del Rio SaltoA I cavalli normanni alle lor posteB frangean la biada con rumor di crosteB Là in fondo la cavalla era, selvaggia, C nata tra i pini su la salsa spiaggia…C (Pascoli, La cavalla storma)

13 Rima alternata Il primo verso rima col terzo, il secondo col quarto e, in genere, i versi dispari con i dispari, i pari con i pari, secondo lo schema: ABABAB… Es. : Farfalletta che, fuor di compagnia,A giri in calle deserto o in nuda riva,B tu sei, credo, lalata anima mia,A cui tanto piace andar solinga e schivaB

14 Rima incrociata o chiusa Il primo verso rima col quarto e il secondo col terzo, secondo lo schema: ABBA Es.: Addio, rabbia di tempesta!A Addio, strepito di tuoni!B Vanno in fuga i nuvoloniB e pulito il cielo restaA

15 Rima reiterata o ripetuta È tipica delle terzine del sonetto. Le rime si susseguono in ordine uguale in ciascuna strofa, secondo lo schema: ABC, ABC Es. : Da larga narice umida e neraA fuma il tuo spirito, e come un inno lietoB il mugghio nel sereno aer si perdeC e del grave occhio glauco entro lausteraA dolcezza si rispecchia ampio e quietoB il divino del pian silenzio verdeC

16 Rima invertita Si ha quando le rime si susseguono in ordine invertito in ciascuna strofa, secondo lo schema: ABC-CBA oppure ABC-BAC. Es: Mostrasi sì piacente a chi la mira,A che da per li occhi una dolcezza al coreB che ntender non la può chi no la prova:C e par che de la sua labbia si mova C uno spirto soave pien damoreB che va dicendo allanima: SospiraA (Dante)

17 Rima incatenata Si ha quando in una serie di terzine, il primo verso rima con il terzo, il secondo con il primo della terzina che segue, e così via secondo lo schema: ABA, BCB, CDC Es.: Io era tra color che son sospesi A e donna mi chiamò beata e bella, B tal che di comandar io la richiesi A Lucevan gli occhi suoi più che la stella, B e cominciommi a dir soave e piana, C con angelica voce in sua favella: B (Dante)


Scaricare ppt "LA RIMA. La rima Perfetta identità, in due o più parole, delle vocali e delle consonanti dalla vocale accentata in poi Es.: altròve : pròve; màre: naufragàre."

Presentazioni simili


Annunci Google