La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Teoria e metodi della ricerca sociale. 2 Concetti e indicatori Un concetto racchiude il significato di un segno linguistico o di un immagine mentale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Teoria e metodi della ricerca sociale. 2 Concetti e indicatori Un concetto racchiude il significato di un segno linguistico o di un immagine mentale."— Transcript della presentazione:

1 1 Teoria e metodi della ricerca sociale

2 2 Concetti e indicatori Un concetto racchiude il significato di un segno linguistico o di un immagine mentale I concetti sono necessari per rappresentare il reale. Essi rispondono alla necessità di DIFFERENZIARE E RIDURRE LA COMPLESSITA

3 3 Concetti - Il peso - Il titolo di studio - La salute - La libertà Concretezza Astrazione I concetti possono essere disposti lungo un continuum ideale di concretezza o astrazione:

4 4 Concetti Nel ragionamento scientifico i concetti sono i mattoni delle ipotesi, le quali possono essere sottoposte a vaglio empirico. Tuttavia i concetti per essere utilizzati in ipotesi falsificabili, devono essere tradotti in proprietà osservabili (e misurabili) su delle unità di analisi.

5 5 Concetti Per testare unipotesi, occorre passare dai concetti che la definiscono, alle proprietà di questi concetti, e all – operativizzazione in variabili di queste proprietà. CONCETTOProprietà VARIABILE Operativizzazione

6 6 Concetti ESEMPIO: HP – Listruzione rende più sani. Il concetto istruzione deve essere tradotto in un concetto più concreto (che è chiamato INDICATORE), che potrebbe essere quello di titolo di studio. Il quale viene OSSERVATO attraverso le sue proprietà (ad esempio la gradazione) che possono assumere STATI differenti. Gli STATI sono misurati attraverso una definizione operativa, la quale costituisce un insieme di regole che traducono le proprietà dei concetti in variabili. Ossia… …il complesso di regole che guidano le operazioni con cui lo stato di ciascun caso sulla proprietà X viene rilevato, assegnato a una delle categorie stabilite in precedenza. Marradi 1980

7 7 Concetti e indicatori CONCETTO ASTRATTO Proprietà VARIABILE Operativizzazione Concetto concreto INDICATORE

8 8 Concetti e indicatori CONCETTO ASTRATTO Proprietà VARIABILE Operativizzazione Concetto concreto ISTRUZIONE Titolo di studio Gradazione del titolo INDICATORE dellistruzione

9 9 Concetti Il processo nel quale si applica la definizione operativa è lOPERATIVIZZAZIONE. ES: Listruzione rende più sani. ES - Definizione operativa: quando lunità di analisi (il soggetto) dichiara di aver terminato gli studi con le scuole dellobbligo, segnare la risposta 1, quando il soggetto dichiara di aver terminato gli studi con il diploma segnare la risposta 2, eccetera.

10 10 Procedure di operativizzazione Classificazione Ordinamento Conteggio Misurazione

11 Concetti tradotti in variabili CONCETTO (INDICATORE) ProprietàOperativizzazione REGISTRAZIONE SULLA VARIABILE PESOPeso di una persona MISURAZIONE Pesatura 65 Kg LIVELLO SCOLASTICO Gradazione del titolo di studio CLASSIFICAZIONE Intervista e registrazione della risposta 3 - Diploma di maturità DIMENSIONI DEL NUCLEO FAMILIARE Numero di persone nel nucleo familiare CONTEGGIO Conta delle persone che appartengono allo stesso nucleo familiare 4 ETA Numero di anni compiuti MISURAZIONE Lettura dellanno di nascita dal documento didentità, differenza con lanno corrente e registrazione della risposta 23 anni GRADIMENTO DI TRE PARTITI Gradimento ORDINAMENTO Lintervistato indica lordine dei partiti Partito in 1° posizione Partito in 2° posizione Partito in 3° posizione OCCUPAZIONE Tipo di condizione occupazionale CLASSIFICAZIONE Intervista e registrazione della risposta 1 - Occupato

12 12 Variabili Possono applicarsi diverse tipologie di variabili. Le principali sono definite in base a: - alla scala di misurazione - alle relazioni che intercorrono tra loro - allosservabilità NB: se una variabile registra sempre lo stesso stato rispetto alla proprietà osservata è detta COSTANTE.

13 13 Variabili: la scala di misurazione Si distinguono tre principali livelli di misurazione delle variabili: nominale, ordinale e cardinale. A seconda della scala di misurazione cambiano le procedure di rilevazione (operativizzazione delle proprietà in casi) e le analisi applicabili.

14 14 Variabili NOMINALI Quando le modalità non sono ordinabili e possiedono un alto grado di autonomia semantica (le modalità hanno senso di per sé, indipendentemente dalle altre). La fede religiosa Lessere daccordo o no (si/no) con una certa affermazione La condizione occupazionale Il colore dei capelli Il genere Non è possibile nessuna operazione aritmetica sulle modalità. Tuttavia alle modalità è possibile attribuire dei valori a cui corrispondono delle etichette. Ad esempio per il genere (variabile nominale): 1=femmina; 2=maschio

15 15 Variabili ORDINALI Quando le modalità sono ordinabili e possiedono un basso grado di autonomia semantica. La frequenza di un certo luogo (spesso, qualche volta, mai) …teatro u.m. Lordinamento in preferenze di alcuni colori (rosso, giallo, verde) Lessere molto, abbastanza, poco o per niente daccordo … Il livello distruzione in gradi scolastici. È possibile applicare sulle modalità operazione di confronto (<>=). Alle modalità è possibile attribuire dei valori a cui corrispondono delle etichette. Ad esempio per il titolo di studio: 4=Laurea; 3=Diploma; 2=Licenza Media; 1=Licenza Elementare

16 16 Variabili CARDINALI (e quasi-cardinali) Quando le modalità costituiscono numeri derivati da misurazioni discrete (conteggi) o continue, e non possiedono nessun grado di autonomia semantica (le modalità non hanno senso di per sé, se non in relazione alle altre). Laltezza in centimetri Letà in anni Il reddito Grado di accordo tra 0 e 100 su una certa affermazione* È possibile applicare sulle modalità tutte le operazione di confronto (-+*/). Le modalità corrispondono ai valori, e non vengono attribuite etichette.

17 17 Variabili dipendenti e indipendenti Quando è possibile considerare che due variabili sono in relazione di causa-effetto (o ipotizzate come tali) è possibile distinguerle : Le variabili indipendenti sono le variabili causa, che realizzano un effetto sulle variabili DIPENDENTI. Generalmente si indicano le var.dipendenti con la Y, e le variabili indipendenti con la X. Y =f(X) EXPLICANDUMEXPLICANS

18 18 Variabili dipendenti e indipendenti Le variabili indipendenti sono di tipo ascrittivo quando riguardano caratteri anagrafici, altrimenti sono considerate come tali in base a considerazioni squisitamente teoriche. Ad esempio, ponendo in relazione titolo di studio e genere, solo la seconda può assumere la condizione di indipendente. Oppure, tra valori e comportamenti, teoricamente si è orientati a considerare i secondi come effetto del sistema valoriale incorporato dalle identità individuali.

19 19 Variabili osservate e latenti Le variabili sono distinte tra latenti ed osservate quando … in un qualche modello statistico sono impiegate le variabili (normalmente presenti in un data set), direttamente derivate dalle operativizzazioni delle proprietà osservate, … ed a queste si aggiungono delle variabili che non sono osservate direttamente, ma sussunte da altre variabili osservate (con un certo errore misurabile).

20 ESEMPI DI FATTORI LATENTI Risorse econ.fam. Soddisfazione economica DEPRIVAZIONE ECONOMICA Situazione economica Salute percepita Soddisfazione salute CATTIVA SALUTE

21 Le scale di misura La classificazione rappresenta il tipo più semplice di misurazione; E possibile definire quattro livelli di misurazione, comunemente detti scale di misurazione o semplicemente scale:

22 Le scale di misura Scala ordinale Una classificazione delle variabili in base a un dato ordine, a una graduatoria. Esempio: reddito medio, alto, basso Studenti bravi, medi, scarsi. Attenzione! Se si passa a valori puntuali (somma precisa per il reddito, o voto per gli studenti) si passa in unaltra scala

23 Le scale di misura Scala a intervalli Una classificazione delle variabili secondo un dato ordine, con in più un riferimento a una unità di misura che consente di valutare la distanza tra variabili Esempio: il Quoziente di Intelligenza

24 Le scale di misura Scala di rapporti Una classificazione delle variabili in modo che non solo sia consentita la misurazione delle distanze, ma anche lapplicazione delle proprietà della moltiplicazione e della divisione. Deve avere inoltre un punto di partenza fisso (zero).

25 Le scale di misura Scala a intervalli e scala di rapporti: Una differenza convenzionale? SI e NO????? -distanza tra qualità e quantità (diversa da caso a caso) e -tecniche di misurazione che, per quanto raffinate, non possono mai giungere a esprimere pienamente una valutazione completa e soddisfacente dei fenomeni sociali indagati

26 26 Errore accidentale Errore accidentale + Errore sistematico E(t)=0E(t)=a Il centro è il valore vero!


Scaricare ppt "1 Teoria e metodi della ricerca sociale. 2 Concetti e indicatori Un concetto racchiude il significato di un segno linguistico o di un immagine mentale."

Presentazioni simili


Annunci Google