La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Linguistica e Comunicazione

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Linguistica e Comunicazione"— Transcript della presentazione:

1 Corso di Linguistica e Comunicazione
Prof.ssa Maria Catricalà La conversazione Laurea specialistica in Teorie della comunicazione

2 Libri di testo primari Bazzanella, Carla, Linguistica e pragmatica del linguaggio, Bari, Laterza 2005 (in particolare 2ª parte). Orletti, Franca, La conversazione diseguale. Potere e interazione, Roma, Carocci 2001.

3 Calendario e tabella di marcia 08
Mar. 4 marzo - Proprietà dei codici linguistici Lun.10 marzo –Analisi dei codici per livelli Mar.11 marzo - L’interazione verbale come oggetto di studio Contesto e deissi Atti comunicativi e funzioni della interazione Lun. 17 marzo - Fonti e metodologie di trascrizione Mar.18 marzo – Prospettive di analisi Pasqua Lun. 31marzo –Pragmatica e cervello Mar. 1° aprile – Aspetti dell’interazione verbale Lun. 7 aprile - La comunicazione asimmetrica : L’intervista I turni di parola in classe e altri esempi Mar. 8 aprile - L’interazione nativo/non nativo Lun. 14 aprile - Lo studio delle variabili Mar. 15 aprile - Le strategie di veridizione nella comunicazione politica Lun. 21 aprile - La conversazione in pubblicità (3h) Mar. 22 aprile – La conversazione a telefono (3h) Mer. 30 Prova finale

4 Dove: tra Germania Francia Svizzera Italia India
La prima parte del libro Linguistica generale : Quando nasce, Dove, Quali sono i linguisti più importanti? Quando e chi ne parla: franc. Linguistique (II metà ‘700) ted. Linguistik (1778 anche Sprachwissenschaft); ingl. Linguistics; Italiano: 1848: LINGUISTICA: Panlessico 1839; Ugolini Vocabolario di parole e modi errati LINGUISTIQUE GENERALE: Cours affidato a Saussure (il Cours pubblicato nel 1916 dai suoi allievi) “ “” ” ”” ” : Benedetto Croce Estetica come scienza dell’espressione e linguistica generale ° corso di SCIENZA DEL LINGUAGGIO in Italia: corso di Alfredo Trombetta - Bologna Dove: tra Germania Francia Svizzera Italia India

5 Indici: motivati naturalmente /non intenzionali (starnuto; impronta)
Lingue = codici semiotici complessi Indici: motivati naturalmente /non intenzionali (starnuto; impronta) Segnali: motivati naturalmente /usati intenzionalmente (fuoco) Icone: motivati analogicamente / intenzionali (fotografie,mappe,onomat) Simboli: motivati culturalmente /intenzionali (bandiere;colori) Segni: non motivati / intenzionali (parole) Codice> Problema cognitivo

6 Le pratiche discorsive possono Macrofunzioni sociali del discorso
essere socialmente fondanti: i discorsi possono servire a costruire soggetti collettivi (razze, etnie, nazioni) costruttive perpetuare, riprodurre o giustificare lo status quo sociale perpetuanti trasformare lo status quo trasformative avere effetto sullo smantellamento e/o sulla distruzione dello status quo distruttive 6

7 biplanarità, arbitrarietà, doppia articolazione
In sintesi, il pensiero linguistico dell’8/900 ha individuato una serie di PROPRIETA’ delle lingue su cui tutti ormai concordano, indipendentemente dalla differenza di approcci e scuole di pensiero: “La lingua è un codice che organizza un sistema di segni del significante primariamente fonico-acustici, fondamentalmente arbitrari ad ogni livello, e doppiamente articolati, capaci di esprimere ogni esperienza esprimibile, posseduti come conoscenza interiorizzata che permette di produrre infinite frasi a partire da un numero finito di elementi”. biplanarità, arbitrarietà, doppia articolazione trasponibilità mezzo, onnipotenza, linearità, produttività ricorsiva complessità sintattica, equivocità, distanziamento, trasmissibilità culturale

8 Biplanarità Arbitrarietà Doppia articolazione
Significante (Snte) “Significato”(Sto) Arbitrarietà Secondo il triangolo semiotico (Sito/Snte/Referente) si possono individuare 4 tipi di arbitrarietà. Fra nomen/res (nome/referente), fra Snte/Sto, tra forma/sostanza del Sto; tra forma/sostanza del Snte. Il principio iconico funziona in maniera del tutto discontinua (farfalla vs mariposa) Doppia articolazione A livello del Snte le lingue si articolano in unità di tipo diverso: quelle di prime articolazione sono dotate di significato e si chiamano morfemi. Le unità di seconda articolazioni, prive di Sto, ma in grado, se commutate, di modificarlo. Queste unità di 2° articolazione si chiamano fonemi. Grazie a questa proprietà le lingue sono ECONOMICHE E governate da leggi COMBINATORIE

9 Onnipotenza semantica
Trasponibilità mezzo Scritto 3500 a.C. /parlato 1 milione a.C/ trasmesso XIX sec: varietà in diamesia Onnipotenza semantica LA LINGUA è PLURIFUNZIONALE: Funzioni di Jakobson Funzioni di Austin I segni linguistici si dispongono nello spazio (successione) e sono discreti cioè al contrario delle icone1. Assenza principio graduazione (del tipo bier/pier; Palla/Pala vs casa/casetta); 2.Assenza principio di inversione (del tipo Noto/tono) 3. Assenza principio solidarietà al tutto (del tipo Amore more ore re) Linearità Produttività Le lingue sono governate dalla Ricorsività (atto, attuale, attualizzabile, ecc.)

10 Complessità sintattica
Distanziamento Servono a raccontare ciò che è lontano nello spazio e nel tempo e sono libere da stimoli Equivocità Molte parole sono polisemiche e, quindi, ambigue (carica) Complessità sintattica La sintassi è governata da regole sull’ordine le dipendenze, d’incassature, stand-by, ecc.) Trasmissibilità culturale Ogni lingua umana è apprendibile/insegnabile e si trasmette con la cultura

11 E’ necessario segmentare per livelli le singole unità di analisi
Ess. esperanto: come andare avanti e passare dalla comprensione globale all’analisi? E’ necessario segmentare per livelli le singole unità di analisi

12 [m] [i] [e] [s] [t] [a] [s] [s] [t] [u] [d] [e] [n] [t] [o]
Livelli di analisi: Elementi di fonetica e fonologia Fonetica Disciplina che studia i suoni linguistici nella loro fisicità (cioè i foni)e spiega come: -come sono prodotti dall’apparato fonatorio (fonetica articolatoria) -come si propagano (fonetica acustica) -come vengono percepiti (fonetica uditiva) [m] [i] [e] [s] [t] [a] [s] [s] [t] [u] [d] [e] [n] [t] [o] Fonologia Disciplina che studia la funzione distintiva dei suoni all’interno di un sistema linguistico e, dunque, i fonemi. Il fonema è un’astrazione (legata alla bifaccialità dei codici ling.) ed è l’unità minima distintiva dei sistemi linguistici. E’ priva di significato, ma ha il potere di modificarlo. Si rappresenta fra due barre /m/ /i/ /e/ /s/ /t/ /a/ /s/ /s/ /t/ /u/ /d/ /e/ /n/ /t/ /o/

13 Elementi di fonetica acustica

14 Indagini più recenti Varietà> sociolinguistica
Testo > elementi coesivi, coerenza, ecc. gerarchizzazione/focalizzazione informaz. Grammatica emergente (Bybee – Hopper) >processo continuo di strutture e procedure cognitive instabili che si sedimentano nel discorso e sono collegati a restrizioni di tipo cognitivo; L=sistema > L=collezione di costruzioni eterogenee

15 Prototipicità (Rosch)> Lessico=reti di proprietà
Punti focali individuabili entro il continuum di varietà; punti di riferimento cognitivi entro una data categoria, casi più salienti, per ragioni che possono essere di volta in volta di tipo percettivo, cognitivo, culturale. A partire dall’elemento percepito come più saliente, confrontiamo e valutiamo gli altri elementi secondo giudizi di maggiore o minore similarità che sono giudizi graduati, inferenziali, perché non seguono una regola di sostituzione ma un principio di analogia parziale.

16 Quando, dove nasce la Pragmalinguistica
Il termine Pragmatismo compare nel titolo di un’opera di 1904 Prezzolini del 1904 > corrente filosofica Pragmatica e Pragmalinguistica (1949 Morris)> relazione fra il linguaggio e chi lo usa Conversare, dialogare, parlottare, discorrere, chiacchierare, colloquiare, ecc.

17 Sistema di trascrizione “Gail Jefferson
L’analisi della conversazione Sistema di trascrizione Gail Jefferson (1974) Sistema di trascrizione “Gail Jefferson -suoni non verbali, come mh, eh, tch, o le risate (h tra parentesi se sono all’interno delle parole,es: pa(h)sta oppure come ih, zh - ah, ah - eh, eh, ecc. a seconda della vocale portante) -le inspirazioni (.h) ed espirazioni (h) -il troncamento: trattino (-); -una sillaba allungata : due punti, (::) in numero proporzionale alla durata.

18 Gli atti linguistici Tempo enunciazione:
-i cunei puntati verso l’interno (> <) indicano un’accelerazione; -puntati verso l’esterno (< >) indicano parlato più lento del normale; -il segno = serve a indicare che alcune parole/suoni sono stati pronunciati molto ravvicinati tra loro (latching) Glosse e numerazione turni

19 Analisi conversazionale anni’90
Volume - maiuscoletto e maiuscolo, rispettivamente per i segmenti pronunciati a voce più alta e molto più alta del normale; due circoletti (° °) per segmenti pronunciati a voce più bassa Enfasi la sottolineatura: un suono o una parola possono infatti essere enfatizzati in molti modi, con una variazione di volume, di intonazione, di ritmo, di qualità della voce, e spesso con più di uno di questi mezzi Intonazione -? Ascendente . Punto:Discendente conclusiva !disc. forte

20 Parola o espressione dubbia (xxxx)
Pause Breve (.) Media (-)/(0.3) o + Sovrapposizioni -[ ] -[ [ ] ] partenze simultanee

21 Trascrizione spot (met. Gail Jefferson)
(musica) n. turno parola VFC 1. Osservate(.) con quanta previdenza(.) la 2. natura(.) madre del genere umano(.) ebbe cura di spargere ovunque(.) un pizzico di follia (0.4) infuse. nell’uomo(.) più passione che ragione fosse tutto meno triste(.) difficile(.) brutto(.) insipido(.) fastidioso se i mortali si guardassero(.) da qualsiasi rapporto con la saggezza(.) la vecchiaia neppure ci sarebbe SE SOLO FOSSERO PIU’ FATUI ALLEGRI E DISSENNATI? godrebbero felici di un’eterna giovinezza la vita umana(.) non è altro(.) che un gioco di follia il cuore(.) ha sempre ragione. Spot 2006: Alfaromeo 159

22 Parlando faccia a faccia:
I suoni svaniscono I suoni non si possono correggere Per i suoni basta l’aria Sono modulati con varie intonazioni I suoni sono completati da altri codici Emittente e ricevente sono noti Emittente e ricevente condividono il contesto Produzione o ricezione sono contemporanee La velocità è determinata da chi parla Il parlato è meno pianificato Il parlato ha varie forme di feed-back


Scaricare ppt "Corso di Linguistica e Comunicazione"

Presentazioni simili


Annunci Google