La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A. Lovisetto 2009/2010 RISPONDERE AI QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA 1. Ragionare come se si trattasse di una domanda a risposta aperta: si individua direttamente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A. Lovisetto 2009/2010 RISPONDERE AI QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA 1. Ragionare come se si trattasse di una domanda a risposta aperta: si individua direttamente."— Transcript della presentazione:

1 A. Lovisetto 2009/2010 RISPONDERE AI QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA 1. Ragionare come se si trattasse di una domanda a risposta aperta: si individua direttamente la risposta corretta senza valutare le altre proposte 2. Seguire un procedimento di eliminazione, individuando per esclusione la risposta corretta

2 A. Lovisetto 2009/2010 ESEMPIO Qual è la capitale della Colombia? A. Delhi B. Buenos Aires C. Bogotà D. Brasilia E. Santiago Risposta corretta: C

3 A. Lovisetto 2009/2010 SCELTA CASUALE DELLA RISPOSTA NEI QUESITI CHE NON SI SANNO RISOLVERE La penalità sulle risposte errate è introdotta per ridurre il punteggio positivo che, statisticamente, il candidato potrebbe conseguire rispondendo a caso. Ma allora: conviene o no rispondere a caso ?

4 A. Lovisetto 2009/2010 ESEMPIO Non si conoscono le risposte di 20 quesiti (con 5 risposte possibili ciascuno). Scegliendo a caso, si risponderebbe statisticamente in modo corretto a 4 domande e si sbaglierebbero le altre 16. Il punteggio totalizzato sarebbe, dunque: Risposte esatte: 4 x (+ 1) = + 4 Risposte errate: 16 x (- ¼) = - 4 Risposte nulle: 0 x 0 = 0 PUNTEGGIO TOTALE: 4 – 4 = 0 Si otterrebbe, quindi, un punteggio nullo, pari a quello che si otterrebbe scegliendo di NON rispondere ai 20 quesiti.

5 A. Lovisetto 2009/2010 È evidente che il punteggio totalizzato rispondendo casualmente sarà TANTO MAGGIORE QUANTO MINORE sarà IL NUMERO DELLE ALTERNATIVE tra cui si è indecisi e quanto minore è la PENALITÀ ATTRIBUITA ALLE RISPOSTE ERRATE. Se, per esempio, tra 5 alternative se ne possono sicuramente scartare 2, il numero da considerare per il confronto con la penalizzazione è 3 (cioè 5 – 2).

6 A. Lovisetto 2009/2010 DUNQUE… Conviene rispondere casualmente ogni volta che il numero di alternative tra cui si è indecisi è pari o inferiore al reciproco del punteggio negativo attribuito alle risposte errate. Due numeri sono reciproci quando il loro prodotto è uguale a 1. Esempio: se la risposta errate vale – ¼, è sufficiente scartare una (o più) alternative per rendere conveniente rispondere a caso al quesito. MMMMAH ???

7 A. Lovisetto 2009/2010 GESTIONE DEL TEMPO È senzaltro uno dei fattori critici: è fondamentale impiegarlo razionalmente. CALCOLARE, PRIMA DI INIZIARE LA PROVA, IL TEMPO MEDIO A DISPOSIZIONE PER OGNI QUESITO E CERCARE DI RISPETTARLO. Esempio: 80 quesiti in 2 ore = 1,5 minuti a quesito

8 A. Lovisetto 2009/2010 UN CONSIGLIO Può essere utile affrontare prima gli esercizi che si ritiene di saper risolvere più facilmente e velocemente, per passare poi a quelli più complessi che richiedono un dispendio di tempo maggiore. È possibile evidenziare con dei segni i quesiti lasciati in sospeso o che si vorrebbero rivedere prima del termine della prova, in modo di poterli ritrovare velocemente.

9 A. Lovisetto 2009/2010 ATTUALITÀ CONSIGLI Leggere i quotidiani Prepararsi un po su tutti gli argomenti (cronaca, scienza, politica, mass media…) Iniziare la preparazione molto prima dellesame (gli esperti consigliano addirittura uno o due anni!)

10 A. Lovisetto 2009/2010 ATTUALITÀ TIPOLOGIE PIÙ FREQUENTI DI DOMANDE: In quale anno/periodo si è verificato lavvenimento…? Quali capi di Governo/Stato hanno partecipato alla conferenza/incontro…? Quali Paesi fanno parte dellorganizzazione/associazione? Chi è il leader/regista/protagonista del movimento/film/romanzo…?

11 A. Lovisetto 2009/2010 STORIA CONSIGLI Le domande vertono prevalentemente sugli ultimi secoli, Ottocento e Novecento A volte, però, sono verificate anche le conoscenze relative ai secoli precedenti Sono gli aspetti nozionistici (date, periodi, eventi, personaggi…) ad essere al centro delle domande

12 A. Lovisetto 2009/2010 STORIA TIPOLOGIE PIÙ FREQUENTI DI DOMANDE: In quale anno/periodo si è tenuta la conferenza/battaglia/accordo…? Il trattato di… ha sancito la pace fra… Quale Stato ha dichiarato la guerra a… Quali capi di governo hanno firmato il trattato di…?

13 A. Lovisetto 2009/2010 EDUCAZIONE CIVICA CONSIGLI La fonte principale consiste nella Costituzione e nelle altre leggi particolarmente rilevanti (i Codici, le norme relative ai sistemi elettorali, allantitrust, le privatizzazioni, la tutela della privacy…), in trattati e dichiarazioni internazionali (il Trattato di Maastricht, la Dichiarazione dei diritti delluomo, la Costituzione europea…) e in valori facenti parte della coscienza civica (doveri di fedeltà alla Patria, obblighi di solidarietà…)

14 A. Lovisetto 2009/2010 EDUCAZIONE CIVICA TIPOLOGIE PIÙ FREQUENTI DI DOMANDE: La legge/referendum… è relativa a… Larticolo… della Costituzione prevede che… Quale organo/istituzione ha il compito di… Lente… dipende da… Laccordo/trattato di… prevede che…

15 A. Lovisetto 2009/2010 LETTERATURA CONSIGLI Le domande hanno carattere prevalentemente nozionistico: quindi è necessario memorizzare date, nomi di autori e titoli di opere, collocandoli nel quadro delle contemporanee correnti letterarie e dei movimenti culturali e di pensiero; è anche utile ricordare il contenuto o la trama delle opere più significative I quesiti riguardano più spesso i secoli XIX e XX, ma non mancano riferimenti anche ad altri periodi

16 A. Lovisetto 2009/2010 LETTERATURA TIPOLOGIE PIÙ FREQUENTI DI DOMANDE: Chi è lautore di … ? Quale delle seguenti opere è stata scritta da … ? A quale delle seguenti correnti letterarie appartiene lautore … ? In quale epoca è vissuto lautore … ? Il romanzo/racconto/dramma … narra la storia di… Chi è il protagonista del romanzo … ?

17 A. Lovisetto 2009/2010 STORIA DELLARTE CONSIGLI Non trascurate questa materia, perché è comparsa anche nei test di facoltà come Medicina e Chirurgia o Veterinaria… Le domande sono quasi sempre nozionistiche

18 A. Lovisetto 2009/2010 STORIA DELLARTE TIPOLOGIE PIÙ FREQUENTI DI DOMANDE: In che secolo visse … ? Chi dipinse il quadro … ? In quale corrente artistica si inquadra … ? In qualche caso, si sono avute domande collegate a brevi testi o brani sottoposti al candidato, dove minore è il ricorso alla memoria e maggiore, viceversa, lo spazio lasciato alla capacità di comprensione dei fenomeni artistici.

19 A. Lovisetto 2009/2010 GEOGRAFIA CONSIGLI I quesiti fanno riferimento sia a nozioni di carattere puramente geografico (estensione geografica, fiumi, monti…), sia a nozioni geopolitiche (capitali, province, confini, popolazioni, religioni…) La configurazione geopolitica del mondo è cambiata negli ultimi anni: è opportuno aggiornarsi (ad esempio, consultando un recente atlante geografico) Anche per geografia, il ripasso generalizzato è dispendioso. Conviene considerare lopportunità di sfruttare conoscenze anche sommarie tramite il procedimento per esclusione.

20 A. Lovisetto 2009/2010 GEOGRAFIA TIPOLOGIE PIÙ FREQUENTI DI DOMANDE: Quale dei seguenti Paesi/regioni ha la maggiore estensione geografica? Quale dei seguenti Paesi si affaccia/non si affaccia sul mare? Qual è la capitale del … ? Qual è il principale fiume/monte/lago del … ? Dove sfocia il fiume? Quale delle seguenti città/regioni/Paesi è maggiormente popolato? Dove si trova il fiume/monte/lago/città?

21 A. Lovisetto 2009/2010 GRAMMATICA ITALIANA Lo studio della grammatica può essere suddiviso in quattro parti: fonologia, morfologia, sintassi, lessicologia. Frequenti sono i quesiti sul lessico (significato, sinonimi, contrari…).

22 A. Lovisetto 2009/2010 COMPRENSIONE DI TESTI Quesiti (di norma da 4 a 6) su un brano di varia natura (scientifico, tecnico, letterario, storico, giornalistico…), di lunghezza variabile (in genere, una o due pagine). CONSIGLI È importante gestire bene il tempo (circa 1 minuto per la lettura di ogni pagina e mezzo minuto per la soluzione di ogni quesito) : leggere le domande prima del brano; sottolineare; analizzare tutte le alternative; una volta letto il brano, non passare ad altri quesiti, senza aver dato tutte le risposte; rispondere unicamente sulla base di quanto affermato nel testo.

23 A. Lovisetto 2009/2010 COMPRENSIONE DI TESTI TIPOLOGIE PIÙ FREQUENTI DI DOMANDE: Sul pensiero centrale del brano (il titolo che meglio esprime le idee del brano è …; lidea principale espressa dal brano è …; laffermazione che meglio sintetizza il tema centrale del brano è …; il brano illustra …; lo scopo dellautore del brano è …) Su concetti specifici o dettagli (lautore afferma che …; il brano riporta tutte le seguenti affermazioni tranne una. Quale?; quale delle seguenti affermazioni è corretta, secondo quanto riportato dal brano? ; quanti/quali/quando/dove … ?)

24 A. Lovisetto 2009/2010 Sulle implicazioni e le conseguenze logiche di quanto affermato nel brano (lautore probabilmente crede che …; dal brano è/non è possibile dedurre che …; quale delle seguenti sarebbe una logica continuazione del brano?; quale delle seguenti conclusioni non può essere dedotta dal brano?) Sul contesto del brano (dal brano si può dedurre che lautore è un fisico/avvocato/giornalista …; lepoca in cui si svolgono gli avvenimenti descritti è probabilmente …; la nazionalità dellautore è …; il brano è di natura scientifica/storica/economica …; il carattere del brano è critico/celebrativo/descrittivo/giornalistico…)


Scaricare ppt "A. Lovisetto 2009/2010 RISPONDERE AI QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA 1. Ragionare come se si trattasse di una domanda a risposta aperta: si individua direttamente."

Presentazioni simili


Annunci Google