La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sacerdoti dello stato romano. Ordo sacerdotum Festo p. 198 L Ordo sacerdotum aestimatur deorum ordine, ut deus maximus quisque. Maximus videtur Rex, dein.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sacerdoti dello stato romano. Ordo sacerdotum Festo p. 198 L Ordo sacerdotum aestimatur deorum ordine, ut deus maximus quisque. Maximus videtur Rex, dein."— Transcript della presentazione:

1 Sacerdoti dello stato romano

2 Ordo sacerdotum Festo p. 198 L Ordo sacerdotum aestimatur deorum ordine, ut deus maximus quisque. Maximus videtur Rex, dein Dialis, post hunc Martialis, quarto loco Quirinalis, quinto pontifex maximus. Itaque in soliis Rex supra omnis accumbat licet; Dialis supra Martialem, et Quirinalem; Martialis supra proximum; omnes item supra pontificem. Rex, quia potentissimus: Dialis, quia universi mundi sacerdos, qui appellatur Dium; Martialis, quod Mars conditoris urbis parens; Quirinalis, socio imperii Romani Curibus ascito Quirino; pontifex maximus, quod iudex atque arbiter habetur rerum divinarum humanarumque.

3 Rex sacrorum Rex ridotto alle funzioni sacrali Plutarco, Questioni romane 63 «I Romani, avendo scacciato del tutto i re, ne stabilirono un altro per i sacrifici, senza permettere che avesse una carica di governo e tenesse discorsi al popolo, cosicché risultasse che erano soggetti a un re soltanto nei riti sacri e tolleravano una monarchia per riguardo agli dèi. In ogni caso si fa nel foro un sacrificio tradizionale nel luogo chiamato comitium: dopo averlo celebrato il re si allontana in fretta fuggendo dal foro.» Kalende di ogni mese: fissa le nonae 9 gennaio - Agonium: (prima festa dellanno) immola un ariete nella regia in onore di Giano; altri dies agonales : 17 marzo (apertura della stagione della guerra); 21 maggio 24 febbraio Regifugium 24 marzo QRCF (quando rex comitiavit fas) 24 maggio QRCF (quando rex comitiavit fas) Data incerta Vigilasne rex? Vigila!

4 Flamines Maiores Dialis Martialis Quirinalis Minores Carmentalis Cerialis Portunalis Vulcanalis Volturnalis, Palatualis, Furinalis Floralis Falacer Pomonalis

5 Ara Pacis

6 Flamen Dialis Gellio, Notti Attiche X 15 Al flamen Dialis non è consentito: farsi trasportare da un cavallo scorgere l'esercito in armi prestare giuramento infilare al dito un anello che non sia aperto o spezzato recare alcun nodo sulla sua persona farsi tagliare i capelli se non da un uomo libero toccare capra, carne cruda, edera, fava,. e neppure deve pronunziarne i nomi toccare pasta fermentata passare sotto a pergolati i cui pampini siano eccessivamente ricchi di viticci non può dormire fuori dal suo letto per un periodo superiore a tre notti consecutive, né è permesso ad alcun altro dormirvi stare senza il suo copricapo all'aperto sotto al cielo togliersi la tunica che porta aderente al corpo se non al coperto, per non restare nudo sotto al cielo, cioè sotto lo sguardo di Iuppiter metter piede nel luogo in cui si cremano i morti, né osar di toccare un cadavere sciogliere il vincolo coniugale se non con la morte; se perde la moglie, decade dalla carica

7 Altre prescrizioni Dalla sua abitazione non si può portar via del fuoco se non per ragioni sacrali. Se qualcuno viene introdotto in casa sua legato, è indispensabile scioglierlo, e i suoi legami dovranno essere gettati sul tetto attraverso l'impluvium, e dal tetto in strada. Se qualcuno, condannato alla flagellazione, mentre viene portato al supplizio, si getta implorante ai suoi piedi, per quel giorno evita di essere picchiato, altrimenti si dovrebbe compiere un rito espiatorio. I sostegni del suo letto devono essere ricoperti da un lieve strato di fango. Ai piedi del suo giaciglio deve esser situato un vassoio con una stiacciata e un cumulo di focaccine sacrificali. I frammenti delle sue unghie e i capelli tagliati vanno sepolti ai piedi di un albero da frutta. È sempre in festa

8 Flamen Martialis Denario di L. Lentulus (12 a.C.) Zecca di Roma. D/AVGVSTVS V/ L LENTVLVS FLAMEN MARTIALIS personaggio togato con scudo rotondo, su cui è scritto CV, che pone una stella a sei punte su eroe vincitore (Giulo Cesare?)

9 Flamen Quirinalis Denario di Numerius Fabius Pictor (126 a.C.) Zecca di Roma D/ Testa di Roma V/, Q. FABIVS PICTOR, flamen Quirinalis, seduto con scudo su cui è scritto QVI/RIN nella destra tiene sollevato un apex

10 Res Gestae Divi Augusti 9. Vota pro valetudine mea suscipi per consules et sacerdotes quinto quoque anno senatus decrevit. Ex iis votis saepe fecerunt vivo me ludos aliquotiens sacerdotum quattuor amplissima collegia, aliquotiens consules. Privatim etiam et municipatim universi cives unanimiter continenter apud omnia pulvinaria pro valetudine mea supplicaverunt. Pontefici Auguri Xvviri sacris faciundis VIIviri epulones

11 Pontefici

12 Auspici di Romolo

13 Auguri Vulci, Tomba François Vel Saties in toga picta prende gli auspici

14 Tarquinia, Tomba degli auguri

15 Ansa di brocca di bronzo (fine V sec. a.C.) Arezzo, Museo archeologico Scena di divinazione mediante osservazione degli uccelli

16 Augure da Gabii

17 Festo p. 316 L Quinque genera signorum observant augures publici: ex caelo, ex avibus, ex tripudis, ex quadripedibus, ex diris

18 Templum augurale Da Carandini, Roma. Il primo giorno, p. 39

19 Cippi augurali di Bantia CIL 1, 3181h = AE 1967, 105e R(emore) ave CIL 1, 3181i = AE 1967, 105a C(ontraria) a(ve) en(ebra ) CIL 1, 3181c C(ontraria) a(ve) a(ugurium) p(estiferum ) CIL 1, 3181a B(ene) iu(vante) av(e)

20 Denario del 42 a.C. (zecca militare in Asia Minore) R/BRVTVS, strumenti pontificali: ascia (securis), mestolo (simpulum), coltello (secespita) V/ LENTVLVS SPINT, strumenti augurali brocca (sitella), bastone (lituus) Denario del 38 a.C. di Marco Antonio (zecca di Atene) R/, M ANTONIVS M FM N AVGVR IMP TERT Marco Antonio togato e velato come augure con il lituo V/ III VIR R P C COS DESIG ITER ET TERT Testa del Sole volta a destra

21 Ara dei vicomagistri

22 Auspici in guerra CIL XIV 2523 = ILS 2662 da Grottaferrata

23 M(arco) Pompeio M(arci) f(ilio) Ani(ensi) Aspro / |(centurioni) leg(ionis) XV Apollinar(is) | (centurioni) coh(ortis) III pr(aetoriae) / primo p(ilo) leg(ionis) III Cyren(aicae) praef(ecto) castr(orum) / leg(ionis) XX Victr(icis) / Atimetus lib(ertus) pullarius / fecit et sibi et / M(arco) Pompeio M(arci) f(ilio) / Col(lina) Aspro / filio suo et / M(arco) Pompeio M(arci) f(ilio) Col(lina) / Aspro filio minori / et Cinciae / Saturninae / uxori suae

24 XVviri sacris faciundis Parigi, Louvre

25 Denarius del 69 d.C. R/ A VITELLIVS GERM IMP AVG TR P V/ XV VIR SACR FAC, tripode sormontato da un delfino; al di sotto un corvo

26 VIIviri epulonum

27 CIL VI 1374=31639=ILS 917 C(aius) Cestius L(uci) f(ilius) Pob(lilia) Epulo pr(aetor) tr(ibunus) pl(ebis) / VIIvir epulonum // opus absolutum ex testamento diebus CCCXXX / arbitratu / [L(uci)] Ponti P(ubli) f(ilii) Cla(udia) Melae heredis et Pothi l(iberti)

28 Denario del 51 a.C., coniato da C. Coelius Caldus in ricordo del nonno omonimo propretore in Spagna Citeriore nel 99 e 98 a.C. R/ C. COELIUS CALDVS testa del governatore con vessillo HIS V / C. (COELIUS) CALDVS CRUS IIIVIR. L. COELIUS CALDUS VII VIR EP dietro a un tavolo con offerte e tra due trofei

29 Salii Firenze, Museo Archeologico Sardonica con rappresentazione del trasporto degli ancilia (Appius Alce) Firenze, Museo Archeologico Cornalina. Medesimo soggetto

30 Asse del d.C. R/ testa laureata di Antonino Pio V/ IMPERATOR II - ANCILIA Denario 17 R/ AVGVSTVS TR POT V/ P STOLO III VIR (P. Licinius Stolo) apex del flamen tra due ancilia

31 Roma, Museo Borghese rappresentazione del mese di Marzo e cerimonia saliare (Mamurio Veturio?)

32 Fetiales CIL l = VI 1302 = ILS 61 = ILLRP, 447 = Inscriptiones Italiae, XIII, 3, n. 66 Roma, Museo del Palatino Ferter Resius / rex Aequicolus. / Is preimus / ius fetiale paravit / inde p(opulus) R(omanus) / discipleinam excepit

33 Denarius del 16 a.C. R/ IMP CAESAR AVGVS TR POT VIII V/ C ANTIST VETVS FOED P R C[V]M GABINIS, due sacerdoti velati affrontati che tengono per le zampe un maiale sopra un altare decorato con ghirlande

34 Fratres Arvales I fratelli di Romolo CIL VI Acta del Collegio dal 21 a.C al 304 d.C. con lacune

35 Lucio Vero come frater Arvalis Parigi, Louvre

36 Luperci Vienna, Kunsthistorisches Museum Gemma con volto di donna e simboli legati ai Lupercalia Roma, Museo Nazionale Romano Lastra Campana di rivestimento con scena di lupercalia dal Palatino

37 Roma, Musei Vatic ani CIL VI 3512 = CIL XIV 3624 (da Tivoli). Ti(berio) Claudio Liberali / praef(ecto) fabr(um) equo publico filio optimo / piissimo dulcissimo / sodali desiderantissim(o) / vixit annis XVI / mensibus V diebus XXI / parentes infelicissimi

38 Dettaglio della base di Liberale Il giovane defunto come Luperco

39 Aruspici Aruspice Città del Vaticano, Museo Gregoriano Etrusco Fegato Etrusco – Piacenza, Museo Archeologico Palazzo Farnese

40 Esame delle viscere Ansa di brocca di bronzo (fine V sec. a.C. Amsterdam, Allan Pierson Museum

41 Scena di extispicium Parigi, Louvre

42 VESTALES 3 (o quattro) poi 6 vergini appartenenti a famiglie patrizie. Alla nomina provvedeva il Pontefice Massimo attraverso la captio Venivano sorteggiate all'interno di un gruppo di 20 bambine di età compresa fra i 6 e i 10 anni Il servizio sacerdotale durava di 30 anni: nei primi dieci erano considerate novizie, Dai 10 ai 20 erano addette al culto Dai 20 ai 30 istruivano delle novizie. In seguito erano libere di abbandonare il servizio e sposarsi. Roma, Villa Albani

43 Aureo del 207 d.C. Zecca di Roma. R/ IVLIA AVGVSTA Busto di Giulia Domna R/ VESTA MATER Sei Vergini Vestali attorno allaltare in atto sacrificale. Dietro il Tempio di Vesta.

44 Casa delle Vestali Nellestate 2005 è stata rinvenuta una struttura dell'VIII secolo a.C. Si tratta forse della capanna delle Vestali Sorgeva accanto alla capanna-tempio di Vesta, poi inglobata nel corso dei secoli dal tempio medesimo di cui si ammirano oggi i resti del II secolo d.C. La struttura ovale (larga 4 metri e mezzo e lunga circa 10) presenta i buchi dei pali, focolari, piani di cottura e ricettacoli per i cereali. Nei pressi del muro di recinzione è stato rinvenuto un grosso strato di semi di farro alto quattro centimetri che ricopriva il vicolo originario in tutta la sua lunghezza,

45 Abbigliamento Testa di Vestale. Marmo di età adrianea ( d.C.). Dal Palatino. Antiquario del Palatino

46 suffibulum Palermo, Museo A. Solinas

47 Banchetto delle Vestali con figura maschile (Pontifex Maximus?) da Via del Corso; forse frammento dellaltare interno dellAra Pacis Roma: Museo Nazionale Romano, Centrale Montemartini

48 Gran Cammeo di Francia

49 Culto imperiale C(aio) Valerio C(aii) f(ilio) Pap(iria tribu) / Mariano, / honores omnes / adepto Trident(i), / flamini Rom(ae) et Aug(usti), / praef(ecto) quinq(uennali), augur(i), / adlecto annon(ae) leg(ionis) III / Italic(ae), sodali sacror(um) / Tusculanor(um), iudici / selecto, decur(iali) trib(unicio), / decurioni Brixiae, / curatori rei p(ublicae) Mant(uanorum), / equo publ(ico), preaf(ecto) fabr(um), / patrono colon(iae) / publice. Trento, Castello del Buonconsiglio CIL V 5036 (fra il e il 211 d. C)


Scaricare ppt "Sacerdoti dello stato romano. Ordo sacerdotum Festo p. 198 L Ordo sacerdotum aestimatur deorum ordine, ut deus maximus quisque. Maximus videtur Rex, dein."

Presentazioni simili


Annunci Google