La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La task analysis Francesca Vinai, Consulente per le attività educative. Cuneo, 30 Marzo 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La task analysis Francesca Vinai, Consulente per le attività educative. Cuneo, 30 Marzo 2011."— Transcript della presentazione:

1 La task analysis Francesca Vinai, Consulente per le attività educative. Cuneo, 30 Marzo 2011

2 «In quel momento apparve la volpe. Buon giorno disse la volpe. Buon giorno rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno. Sono qui disse la voce sotto il melo … Chi sei? domandò il piccolo principe sei molto carino … Sono una volpe disse la volpe

3 Vieni a giocare con me le propose il piccolo principe sono così triste … Non posso giocare con te disse la volpe non sono addomesticata. …. Che cosa vuol dire addomesticare? … La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline e, gli uomini danno la caccia a me. Tutte la galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio perciò. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà come illuminata.

4 Conoscerò il rumore dei passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo mi farà uscire dalla tana, come una musica. … Che bisogna fare? Domandò il piccolo principe. Bisogna essere molto pazienti … in principio tu ti siederai un po lontano da me, così, nellerba. Io ti guarderò con la coda dellocchio

5 e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno potrai sederti un po più vicino. (…) Il piccolo principe tornò lindomani. Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora, disse la volpe, se tu vieni per esempio tutti i pomeriggi alle quattro dalle tre comincerò a essere felice. (…) Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore. Ci vogliono i riti

6 Cosè un rito? E quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, unora dalle altre ore.» Il piccolo principe Antoine de Saint - Exupèry

7 7 Cos è la task analysis? ?

8 8 obiettivo comportamentale lanalisi del compito fasi prerequisiti La task analisys si riferisce alla descrizione dellobiettivo comportamentale o meta comportamentale che ci siamo prefissati attraverso lanalisi del compito, sia nelle diverse fasi che lo compongono in sequenza sia nei prerequisiti necessari a evidenziare le diverse abilità basilari per eseguire correttamente il compito. Meazzini, 1997 Task analysis

9 9 Descrizione dettagliata di ogni comportamento che normalmente viene emesso per il raggiungimento dellobiettivo comportamentale. Task analysis Sequenza di fasi.

10 10 2. Descrizione di ogni comportamento o fase che si emette nellesecuzione del compito. Task analysis 3. Valutazione iniziale delle capacità dello studente. 1. Descrizione dellobiettivo comportamentale o meta.

11 11 La task analisys è una procedura comportamentale che consiste nel scomporre il compito nella sequenza di singoli step che lo costituiscono. Abilità complesse (ad es., lavarsi le mani) vengono scomposte in sotto unità più semplici (ad es., tirare su le maniche) e da insegnare una alla volta. Task analysis

12 12 Ad esempio: lavare i denti …

13 13 1.Prendere il tubetto di dentifricio 2.Svitare il tappo di dentifricio 3.Mettere il tappo del dentifricio sul lavandino 4.Prendere lo spazzolino 5.Premere il tubetto di dentifricio 6.Mettere il dentifricio sul lavandino 7.Mettere lo spazzolino in bocca 8.Strofinare i denti (destra sopra, destra sotto …. )

14 14 9. Togliere lo spazzolino dalla bocca 10. Appoggiare lo spazzolino sul lavandino 11. Aprire lacqua fredda 12. Prendere il bicchiere 13. Mettere lacqua nel bicchiere 14. Fare un sorso dacqua 15. Sciacquare 16. Sputare lacqua

15 Svuotare il bicchiere dacqua 18. Risciacquare il bicchiere dacqua 19. Sciacquare lo spazzolino 20. Mettere lo spazzolino nel bicchiere 21. Chiudere lacqua 22. Mettere il tappo al dentifricio 23. Mettere il dentifricio nel bicchiere 24. Asciugare le mani

16 Definizione obiettivo Definire i singoli task Scomposizione ulteriore in singoli task Ordinare i task secondo una traiettoria Task analysis

17 Lavare le mani …..??

18 18 Es. lavare le mani 1Tirare su le maniche 2Aprire il rubinetto 3Prendere il sapone 4Strofinare le mani 5Sciacquarle 6Asciugarle Task analysis

19 19 Scomposizione di un compito nei suoi vari step può sembrare un procedimento semplice. Attenzione: Valutazione iniziale livello di abilità della persona Pensare concretamente al compito da scomporre Sperimentare task analisys prima di utilizzarla con la persona Task Analisys diverse a seconda della persona. Task analysis

20 20

21 Insegnamento anterogrado: procedura secondo cui si insegna una catena di comportamenti partendo dal primo step. Insegnamento retrogrado: procedura secondo cui si insegna una catena di comportamenti partendo dallultimo step.

22 22 1.Prendere il tubetto di dentifricio 2.Svitare il tappo di dentifricio 3.Mettere il tappo del dentifricio sul lavandino 4.Prendere lo spazzolino 5.Premere il tubetto di dentifricio 6.Mettere il dentifricio sul lavandino 7.Mettere lo spazzolino in bocca 8.Strofinare i denti (destra sopra, destra sotto …. )

23 Svuotare il bicchiere dacqua 18. Risciacquare il bicchiere dacqua 19. Sciacquare lo spazzolino 20. Mettere lo spazzolino nel bicchiere 21. Chiudere lacqua 22. Mettere il tappo al dentifricio 23. Mettere il dentifricio nel bicchiere 24. Asciugare le mani

24 24 Frasi scritte Immagini Frasi scritte + immagini Task analysis

25 Fetta biscottata con la marmellata Prendere una fetta biscottata Prendere la marmellata Prendere un piatto Prendere un coltello Mettere la fetta biscottata sul piatto Prendere il coltello Spalmare la marmellata sulla fetta biscottata con il coltello Chiudere il barattolo della marmellata Mettere via la marmellata Mettere il coltello nel lavandino

26 26 Frasi scritte Immagini Frasi scritte + immagini Task analysis Differenti tipologie:

27 27 Esempio: LAVARE I DENTI.

28 METTO QUA

29

30

31

32 32 Esempio: LAVARE I DENTI.

33 LAVO I DENTI DentifricioSpazzolinoApro lacquaLavo i denti Chiudo lacqua

34 34 Esempio: LAVARE I DENTI.

35 Lavo i denti Prendo:

36 Metto il dentifricio Metto lo spazzolino sotto lacqua

37 Lavo i denti

38 Risciacquo i denti Sputo lacqua

39 Asciugo la bocca

40 40 Esempio: LAVARE LE MANI ED IL VISO.

41 LAVO LE MANI LAVO IL VISO Apro lacqua Bagno la manopola Sapone Lavo il viso Chiudo lacqua Asciugo il viso Apro lacqua Sapone Lavo le mani Chiudo lacqua Asciugo le mani

42 42 Esempio: METTO IL PIGIAMA.

43 43 METTO IL PIGIAMA

44 44

45 45 Esempio: USO DEL BAGNO.

46 46

47 47

48 48 Associazione un futuro per lautismo – ONLUS

49 49 Esempio: USO DEL BAGNO.

50 50

51 51

52 52

53 53

54 54 Visual Strategies di L. Hodgdon Edizione Italiana Strategie visive per la comunicazione Vannini Editrice

55 docenti.lett.unisi.it

56 In bagno.

57 57 * aiuti fisici, gestuali, verbali; * rinforzi; * giochi di ruolo. Task analysis, in associazione con altri strumenti: * utilizzo in autonomia del supporto cartaceo; * abbandono del supporto cartaceo; * generalizzazione ad altri contesti. Task analysis, con il tempo:

58 58 Ambiti di utilizzo della task analisys: 1. abilità domestiche (ad es., preparare un panino, lavare i piatti …); 2. abilità igiene personale (ad es., lavare i denti, lavare le mani); 3. abilità sociali (ad es., utilizzo del telefono, comprare il giornale, regole di comportamento in classe o in altri ambienti); 4. uso del denaro. Task analysis

59 59 Diverse ricerche in letteratura hanno dimostrato che la task analisys è una metodologia efficace: Corner & Keilitz, 1975 (lavare i denti) Lowe & Cupo, 1976 (sommare monete) Spooner, Keul & Grossi, 1980 (uso del telefono pubblico) Tauber, Alberto, Hughes & Seltzer, (uso del cellulare) Task analysis

60 60 Diverse ricerche in letteratura hanno dimostrato che la task analisys è una metodologia efficace: Rehfeldt, Dahman, Young, Cherry & Davis, 2003 (preparazione di un pasto) Stokes, Cameron, Dorsey & Fleming, 2004 (igiene personale) Cannella, Malone, Sigafoos, OReilly, de la Cruz, Edrisinha & Lancioni, 2006 (mettere a posto la spesa, apparecchiare tavola per pranzo) Task analysis

61 Difficoltà a capire le richieste. Difficoltà a capire come utilizzare il materiale. Difficoltà a comprendere le situazioni. … Inoltre:

62 Non voglio asserire che tutti gli autistici dovrebbero essere considerati geni; sto suggerendo che le persone autistiche, a prescindere dal loro livello di funzionalità, non dovrebbero essere pensate a priori come ritardate mentali. Sto suggerendo che si parli loro e si mostrino loro cose come a qualsiasi altra persona della stessa età, ma con un linguaggio concreto, conciso ed essenziale, con un parlare lento e chiaro, con un minimo di informazioni superflue, eccessive e distraenti.

63 Seguono alcuni punti basati su ciò che mi ha aiutato di più a capire, in modo più completo ed efficiente, le informazioni in arrivo (e quindi a monitorare e accedere a quanto necessario per rispondere in modo comprensibile): - usare un linguaggio concreto; - rendere ciò che si è visto o sentito chiaramente osservabile, se possibile tangibile o, se necessario, anche facilmente ripetibile; - essere concisi ed essenziali; - essere chiari nelle proprie intenzioni e nei messaggi;

64 - non fornire inutili scenari nel contesto; - fornire regolarmente pause reali per lasciare il tempo di elaborare pezzi di informazione; - presentare nuove informazioni in forma o stile diventato prevedibile (se di successo); - indicare inizio e fine chiaramente e concretamente. Donna Williams (1996)

65


Scaricare ppt "La task analysis Francesca Vinai, Consulente per le attività educative. Cuneo, 30 Marzo 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google