La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Francesco Petrarca 1304-1374. Straniero ovunque Nato «sotto il segno dellesilio», sentirsi «straniero ovunque»: così affermerà Petrarca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Francesco Petrarca 1304-1374. Straniero ovunque Nato «sotto il segno dellesilio», sentirsi «straniero ovunque»: così affermerà Petrarca."— Transcript della presentazione:

1 Francesco Petrarca

2 Straniero ovunque Nato «sotto il segno dellesilio», sentirsi «straniero ovunque»: così affermerà Petrarca

3 La vita Nato «sotto il segno dellesilio», sentirsi «straniero ovunque»: così affermerà Petrarca La vita di Petrarca fu sempre segnata dal conflitto interiore: –Aspirazione alle glorie e ai piaceri della vita mondana –Aspirazione allelevazione spirituale, al distacco dal mondo, alla riflessione su di sè

4 La vita - 1 Nasce ad Arezzo nel 1304, ……… Nel 1312 dovette anchegli trasferirsi ad …… Per volontà del padre, nel 1316 intraprese gli studi di legge a Montpelier e dal 1320 a Bologna insieme al fratello Gherardo; qui …….

5 La vita - 2 Nel 1326, con la morte del padre ……e segue la sua vocazione letteraria e filosofica Ad Avignone, divenuta una città dinamica e affollata, …………. Il 6 aprile del 1927, ……….levento è caricato dal poeta di un profondo significato simbolico

6 La vita - 3 Nel 1330 diviene chierico ……... Entra al servizio della potente famiglia dei Colonna: può ……. Compie numerosi viaggi e fa importanti scoperte filologiche Nel 1337 si stabilisce a Valchiusa, ….. Avignone: alla irrequietezza che lo spingeva a viaggiare si accompagnava il desiderio di una vita appartata, dedita alla meditazione e alla scrittura

7 La vita - 4 Nel 1940, i seguito alla pubblicazione di nove canti dellAfrica, ebbe ……..(titolo di massimo prestigio) da Roma e da Parigi. Accettò lofferta di Roma e, dopo un esame ……….. fu incoronato poeta in Capidoglio l8 aprile 1341 Tornò ad Avignone e nel 1343 conobbe Cola di Rienzo

8 La vita - 5 Negli anni successivi alla laurea fu impegnato …… Nel 1343 nasce la seconda figlia e il fratello Gherardo si dà alla vita monastica: si accelera la crisi interiore, …. Nel 1347 appoggia il tentativo di Cola di Rienzo di ……; va a Roma ma Cola è arrestato …. Nel 1348 muore Laura, vittima della peste

9 La vita - 6 Nel 1350 si reca a Roma per lanno Santo, passando per Firenze … Nel 1353 lascia la Provenza; su invito dei Visconti si stabilisce …. Nel 1361 abbandona Milano e alterna periodi a Padova e Venezia Nel 1368 si trasferisce a Padova e poi.. Qui morirà nel 1374, assistito dalla figlia e dal genero, ….

10 Le opere in latino De vita solitaria «La vita solitaria» : opera di carattere religioso e morale; vi esalta la solitudine, ma non dal punto di vista religioso perché al rigore della vita monastica P contrappone lisolamento operoso dellintellettuale. Lisolamento dello studioso in una cornice naturale che favorisce la concentrazione è lunica forma di solitudine e di distacco dal mondo che P riuscì a conseguire; non lo considerava in contrasto con i valori spirituali cristiani in quanto la saggezza contenuta nei libri, soprattutto i testi classici, era in perfetta sintonia con quelli- Questa posizione è definita «umanesimo cristiano»

11 Le opere in latino De otio religioso Lozio religioso: trattato scritto dopo la visita alla certosa di Montrieux, al fratello Gherardo; rimane colpito dallo stato danimo gioioso dei monaci, ma è consapevole che quellisolamento rigoroso dal mondo non era per lui Scretum: dialogo immaginario tra P e santAgostino. Lopera che meglio riflette la sua crisi interiore: il desiderio di assaporare le gioie del mondo e il richiamo alla religione, alla vita ascetica. Nei tre libri confessa le sue debolezze di uomo, medita sulla seduzione delle passioni terrene, sulla fragilità della volontà, sulla precarietà della vita terrena e sul problema della morte, sulla sua «accidia», una complessa malattia dellanimo, paragonabile alla moderna depressione.

12 Le opere in latino – 3 Le Epistulae lettere scritte agli intellettuali, ai signori, agli uomini di Chiesa. Sono componimenti letterari sottoposti a lunga elaborazione. Tracciano il ritratto ideale del letterato, del dotto, delluomo dedito alle lettere per adempiere ad un ruolo di guida degli uomini del suo tempo, ai quali offre la saggezza ottenuta attraverso la conoscenza della letteratura latina

13 Epistulae 1 …. 2 …. 3 … 4 …

14 Le opere in latino – 3 –Africa poema epico in esametri sulla seconda guerra punica; iniziato nel 1338, incompiuto –De viris illustribus … –Bucolicum carmen … –De remedis utriusque fortunae … Anche nelle opere latine P tratta i temi privilegiati della sua riflessione: la precarietà di tutte le cose umane e terrene, il mistero della morte, la ricerca del senso vero dellesistenza

15 Le opere in volgare Petrarca scrisse in volgare solo due opere, perché convinto che fosse il latino la lingua letteraria per eccellenza. Sapeva comunque che il volgare costituiva una risorsa linguistica nuova con la quale era possibile raggiungere forme espressive di elevato valore artistico I Trionfi 1353 poema allegorico in terzine a rima incatenata. Il poeta immagina di avere avuto la visione di sei carri trionfali: il carro dellAmore, della Pudicizia, della Morte, della Fama, del Tempo, dellEternità

16 I Trionfi Sei figure allegoriche, che indicano le fasi della vicenda umana del poeta e i nodi centrali della sua riflessione: …..

17 Il pensiero e la poetica - 1 Petrarca incarna un nuovo modello di intellettuale, alla cui base cè la dignità delle lettere e la forte coscienza di sé e del proprio ruolo Rompe con lesperienza comunale e si apre a una dimensione «europea» in nome di un ideale di libertà che solo la letteratura e la cultura possono garantire In conflitto con i suoi tempi privilegia il dialogo ideale con gli autori classici e cristiani del passato e con i lettori del futuro

18 Il pensiero e la poetica - 2 Autobiografia e scrittura: è il primo autore italiano ad aver lasciato molte notizie su di sé; questo perché voleva costruire un autoritratto ideale da consegnare ai posteri Tutta la produzione di P è caratterizzata dallattenzione allinteriorità, che si esprime nella ricerca del senso della propria esistenza e della conoscenza di sé Il legame tra vita e letteratura è lo strumento con cui dare ordine e valore simbolico ai frammenti sparsi della propria vita interiore, nel tentativo di ricomporre i moti dellan ima e le sue intime lacerazioni

19 Il pensiero e la poetica - 3 Petrarca ha come modelli lesperienza agostiniana e la Vita nova di Dante, dalla quale si distanzia perché lincessante dialogo con se stesso lo porta a svelare dubbi, aspirazioni opposte, oscillanti fra terra e cielo, corpo e anima, amore per Laura e amore per Dio, senza che il conflitto interiore, sempre apertamente esibito, si risolva a trovi una soluzione pacificante

20 Il Canzoniere - 1 Le prime liriche risalgono al 1337, quando si stabilì a Valchiusa Al 1342 risale la cosiddetta «prima» forma del Canzoniere, il primo nucleo unitario del suo libro poetico Nel 1348 muore Laura, vittima della peste; il lutto assume un forte valore simbolico: la scomparsa della donna e quella di tanti amici, diventa il segno della fine di unepoca e lo spinge ad avviare un bilancio della propria esperienza umana e intellettuale. E il momento della cosiddetta «mutatio animi», «trasformazione dellanimo», in cui matura lidea di raccogliere le sue liriche in volgare in un libro unitario e le sue lettere in latino negli epistolari

21


Scaricare ppt "Francesco Petrarca 1304-1374. Straniero ovunque Nato «sotto il segno dellesilio», sentirsi «straniero ovunque»: così affermerà Petrarca."

Presentazioni simili


Annunci Google