La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INO - CNR Istituto Nazionale di Ottica www.ino.it Titolo: Il processo della Visione e Stereoscopia Relatore: Luca Mercatelli 16 aprile 2010 Polo viale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INO - CNR Istituto Nazionale di Ottica www.ino.it Titolo: Il processo della Visione e Stereoscopia Relatore: Luca Mercatelli 16 aprile 2010 Polo viale."— Transcript della presentazione:

1 INO - CNR Istituto Nazionale di Ottica Titolo: Il processo della Visione e Stereoscopia Relatore: Luca Mercatelli 16 aprile 2010 Polo viale Morgagni Largo Fermi 6, Firenze Tel Fax

2 Sommario Il processo della visione Fisiologia dell'occhio umano Campo di vista Funzioni visive: adattamento, accomodamento, convergenza Visione binoculare e stereoscopia Esempi di visione stereoscopica

3 Il processo della visione Fattori che influenzano la percezione visiva Sorgente di luce Dimensioni oggetto Sfondo Direzione di osservazione

4 Il processo della visione Sorgente Agente Modificatore Ricevitore (Occhio) Agente Interpretante (Cervello)

5 Il processo della visione Sorgente Agente Modificatore

6 Locchio umano Ricevitore (Occhio) Diametro = 22mm Sistema diottrico centrato (formato da mezzi sferici con centro su un unico asse ottico) Focalizzazione ottenuta cambiando spessore del cristallino Pupilla: da 2 a 8mm di diametro, proprietà di adattamento 16 Ogni mezzo scherma alcune lunghezze donda

7 Locchio umano Coni: 6 milioni Bastoncelli: 125 milioni Fovea: maggior acuità visiva, 2° angolo di vista Macula: punto cieco

8 Sensibilità dellocchio umano Scala delle luminanze Sensibilità spettrale

9 Cervello Agente Interpretante (Cervello) INPUT: Due immagini nitide in unarea ristretta e invertite sopra-sotto destra- sinistra OUTPUT: Intero scenario 3D

10 Cervello INPUT: Due immagini nitide in unarea ristretta e invertite sopra-sotto destra-sinistra OUTPUT: Intero scenario 3D

11 Il processo della visione

12

13 Campo di vista Campo di vista totale: 180° orizzontale, 130° verticale Più ci si discosta dalla visione foveale, più la prestazione visiva decresce: visione periferica di emergenza, percezione di elementi o movimenti nella periferia del campo visivo

14 Adattamento Meccanismo attraverso il quale locchio modifica la sua sensibilità in modo da accettare informazioni visive in un ampio intervallo di livelli di luminosità Adattamento in un tempo più breve se il passaggio è buio-luce, un tempo più lungo il contrario. Andamento logaritmico: buona parte delladattamento è quasi immediato, si completa in tempi più lunghi (anche 30 min) Un continuo adattamento comporta affaticamento e disturbi dellapparato visivo

15 Accomodamento I muscoli ciliari permettono di cambiare la curvatura del cristallino A riposo è quasi piatto ed ha potere di 1 diottria. Laccomodamento arriva fino a quasi 15 diottrie Laccomodamento avviene in circa 0.7 secondi Diottria:unità di potenza per le lenti Lente con focale di 1m 1diottria Focale 25 cm 4 diottrie Focale 10 cm 10 diottrie I bambini riescono a mettere a fuoco anche sotto ai 10cm A 45 anni la capacità di adattamento si riduce, necessitano occhiali per la messa a fuoco di oggetti vicini

16 Convergenza Oggetto lontano: gli occhi si orientano in modo che le due direzioni di osservazione siano parallele Oggetto vicino: le direzioni di osservazione si intersecano in un punto (convergenza) Il processo di convergenza dura qualche decimo di secondo Langolo di convergenza cambia continuamente così come laccomodamento del cristallino e diametro della pupilla

17 Visione stereoscopica Ai due occhi, causa la diversa angolazione, arrivano due immagini diverse

18 Visione stereoscopica Fattori che inducono a percepire oggetti tridimensionali a partire da visione monoculare: Grandezza oggetto Sovrapposizione oggetti vicini su quelli lontani Scattering aereo Ombre Parallasse (muovendosi, oggetti più vicini si muovono in direzione contraria di oggetti lontani)

19 Visione stereoscopica Area di fusione di Panum (Panums fusional area) : nel centro del campo visivo le immagini si fondono, una viene soppressa, non cè visione stereo. Fuori da quellarea la stereoscopia è data dalle piccole differenze

20 Stereoscopio Principio di funzionamento: I due occhi R e L guardano il muro GH attraverso la finestra WW. La proiezione del muro sulla finestra è diversa per I due occhi (GH) R >(GH) L Sulla finestra WW si mettono le cartoline per la visione 3D Stereoscopio di Wheatstone, 1838

21

22 Altri metodi per stereoscopia Metodo non-guidato: se lo stereogramma è piccolo è possibile fondere le due immagini rilassando la convergenza mentre si mantiene laccomodamento. Inizialmente si vedono 4 immagini, riuscendo a sovrapporre le 2 centrali si ha leffetto 3D. Soprattutto con reticoli o figure cicliche

23 Anaglifi Le due immagini corrispondenti alla vista dx e sx sono stampate sullo stesso supporto ma una in verde e laltra in rosso. Vengono indossati occhiali, in modo che un occhio guardi attraverso un filtro verde e laltro rosso. Locchio che guarda attraverso il filtro verde non vede limmagine verde, mentre la rossa appare nera. Cosa opposta accade per laltro occhio. Immagini povere in informazione cromatica.

24 Luce polarizzata Le due immagini corrispondenti alla vista dx e sx sono proiettate in modo che la luce che arriva allocchio è piano-polarizzata. I piani di polarizzazione destro e sinistro sono perpendicolari tra di loro. Sono necessari occhiali opportuni.

25 Pseudoscopia Si basa sulla differenza di allineamento tra oggetti vicini e lontani rispetto allocchio che sta guardando gli oggetti stessi. Parallasse

26

27 Grazie CNR-INOA: Laboratorio Fotometria e Illuminotecnica: Laboratorio Collettori Solari:


Scaricare ppt "INO - CNR Istituto Nazionale di Ottica www.ino.it Titolo: Il processo della Visione e Stereoscopia Relatore: Luca Mercatelli 16 aprile 2010 Polo viale."

Presentazioni simili


Annunci Google