La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Due temi sullacqua: dissesto idraulico servizio idrico Incontri dallAmelia 18/11/2010 eco-impronta Ing. Tiziano Draghetti coordinatore circolo ambiente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Due temi sullacqua: dissesto idraulico servizio idrico Incontri dallAmelia 18/11/2010 eco-impronta Ing. Tiziano Draghetti coordinatore circolo ambiente."— Transcript della presentazione:

1 Due temi sullacqua: dissesto idraulico servizio idrico Incontri dallAmelia 18/11/2010 eco-impronta Ing. Tiziano Draghetti coordinatore circolo ambiente SEL Bologna

2 Dissesto idraulico: alcune cause Urbanizzazione: aumento dellimpermeabilizzazione e regolarizzazione delle superfici, che contribuiscono allincremento della portata per unità di superficie drenata Urbanizzazione: aumento dellimpermeabilizzazione e regolarizzazione delle superfici, che contribuiscono allincremento della portata per unità di superficie drenata le mutate pratiche idraulico-agrarie riducono i volumi dinvaso precedentemente disponibili contribuiscono anchesse le mutate pratiche idraulico-agrarie riducono i volumi dinvaso precedentemente disponibili contribuiscono anchesse Di conseguenza, si riscontrano situazioni di notevole criticità idraulica per laumento dei deflussi di piena, che rendono inadeguate le dimensioni dei collettori fognari o dei canali e fiumi In regione Province Parma e Bologna le più a rischio

3 Peggioramento qualità Conseguenze anche sulla qualità delle acque, sia superficiali che sotterranee Conseguenze anche sulla qualità delle acque, sia superficiali che sotterranee il superamento in molti casi di pioggia, della capacità di portata delle fognature esistenti, con i fenomeni di troppo pieno analizzati anche per Bologna, e scarico acque di dilavamento strade parcheggi etc. molto inquinate il superamento in molti casi di pioggia, della capacità di portata delle fognature esistenti, con i fenomeni di troppo pieno analizzati anche per Bologna, e scarico acque di dilavamento strade parcheggi etc. molto inquinate

4 Subsidenza: abbassamento del suolo Larea di pianura è soggetta ad un fenomeno di subsidenza naturale determinato sia da movimenti tettonici sia dalla costipazione dei sedimenti che hanno determinato la formazione dellattuale Pianura con punte massime di circa 2-3 mm/anno, dagli anni 50 si è aggiunto un fenomeno di subsidenza artificiale che presenta velocità di abbassamento molto più elevate Tra le cause antropiche, il prelievo di acqua dal sottosuolo è, attualmente, la causa predominante determinando punte di abbassamento di alcuni cm/anno, insieme alla minor ricarica delle falde dovuta allimpermeabilizzazione negli anni il fenomeno è andato diminuendo, per le politiche adottate, ma tuttora persiste Abbassamenti passati e quelli in atto hanno conseguenze rilevanti sulla rete scolante e sui fenomeni di esondazione, per le variazioni di pendenza delle condotte e dei canali di scolo

5

6

7

8 Alcune risposte applicazione del Piano di Tutela delle Acque regionale che, insieme al piano di bacino del Reno, affronta questi problemi con precisi obiettivi e strumenti, affidati per lattuazione ai Piani dinvestimenti dellATO e al Piano Provinciale, che tuttavia è in forte ritardo; applicazione del Piano di Tutela delle Acque regionale che, insieme al piano di bacino del Reno, affronta questi problemi con precisi obiettivi e strumenti, affidati per lattuazione ai Piani dinvestimenti dellATO e al Piano Provinciale, che tuttavia è in forte ritardo; Revisione con adeguati studi, PSC comuni area metropolitana bloccando le ulteriori espansioni urbanizzate in zone di conoide e nelle zone a rischio delle aree vicino ai corsi dacqua chiamiamolo Piano strutturale area metropolitana Revisione con adeguati studi, PSC comuni area metropolitana bloccando le ulteriori espansioni urbanizzate in zone di conoide e nelle zone a rischio delle aree vicino ai corsi dacqua chiamiamolo Piano strutturale area metropolitana riduzione dellestrazione di acqua dal sottosuolo, in particolare dalla conoide del Reno, continuando più organicamente risparmio idrico (che comprende anche il riuso e riciclo) e riduzione perdite riduzione dellestrazione di acqua dal sottosuolo, in particolare dalla conoide del Reno, continuando più organicamente risparmio idrico (che comprende anche il riuso e riciclo) e riduzione perdite Nuove modalità di realizzazione complessi urbani con tecniche a impatto zero sul ciclo dellacqua (es. Hannover)

9

10

11 la crisi mondiale dellacqua Le cause sono: laumento di popolazione mondiale, laumento di popolazione mondiale, il rapido inurbamento e, il rapido inurbamento e, in alcune regioni prevalentemente tropicali, il cambiamento climatico. Anche lItalia è colpita da questa crisi con alcune particolarità connesse anche alla crescente frattura tra centro nord e mezzogiorno.

12 LITALIA Il servizio idrico nel nostro paese soffre di una: Diminuzione nel tempo degli investimenti (anche per livello inadeguato tariffe); Diminuzione nel tempo degli investimenti (anche per livello inadeguato tariffe); Scarsa diffusione, soprattutto nel meridione, Scarsa diffusione, soprattutto nel meridione, peggioramento nel tempo della qualità del servizio e dellefficienza; peggioramento nel tempo della qualità del servizio e dellefficienza; Non sostenibilità ambientale; Non sostenibilità ambientale; Non equità sociale; Non equità sociale; Regolazione nazionale inadeguata Regolazione nazionale inadeguata

13 Il servizio idrico integrato La caduta degli investimenti contribuisce: ad accrescere lobsolescenza delle infrastrutture, ad accrescere lobsolescenza delle infrastrutture, ad aumentare le perdite di rete che passano (ISTAT) dal 15% del 1975 al 27% del 1987 e al 29% del 1999, per arrivare al 39 % del 2008 a peggiorare i livelli di servizio, tra cui la continuità di fornitura percepita dallutenza finale, insostenibilità ambientale risulta anche dai consumi troppo elevati:. EEA: gli indicatori di consumo e di sfruttamento idrico in Italia sono tra i più elevati

14 Gestione insostenibile dellacqua Conseguenze: fiumi senzacqua, falde in abbassamento e subsidenza; al 2000 consumi domestici nei maggiori paesi europei minori a 150 l/ab/g. con le uniche eccezioni di Svezia e Svizzera mentre in Italia sono superiori a 200: valori inferiori o simili solo alla Norvegia Conseguenze: fiumi senzacqua, falde in abbassamento e subsidenza; al 2000 consumi domestici nei maggiori paesi europei minori a 150 l/ab/g. con le uniche eccezioni di Svezia e Svizzera mentre in Italia sono superiori a 200: valori inferiori o simili solo alla Norvegia la depurazione e la raccolta delle acque reflue sono sotto gli standard europei, e siamo sotto infrazione per la non applicazione della direttiva sulle acque reflue. la depurazione e la raccolta delle acque reflue sono sotto gli standard europei, e siamo sotto infrazione per la non applicazione della direttiva sulle acque reflue. Il sistema contribuisce, insieme allagricoltura e allindustria, alla scarsa qualità della maggior parte dei fiumi nazionali e dei mari e in particolare del mare adriatico, e delle acque sotterranee, normalmente sovrasfruttate e inquinate

15 La situazione in Regione è migliore perché la Regione è riuscita a fare evolvere il proprio modello delle municipalizzate in un rapporto pubblico - privato ancora governato (con difficoltà) dal pubblico con nuovi strumenti di regolazione quali il metodo tariffario regionale che affronta i problemi di equità sociale e ambientali vincolando i gestori agli obiettivi del piano di tutela delle acque(PTA) regionale Qualche dato preso dal PTA approvato nel 2005: Perdite in rete 26% al 2000 Perdite in rete 26% al 2000 Consumi domestici 170 litri /ab/giorno al 2000 ( in riduzione per le politiche regionali a 158 l/a/g al 2008) Consumi domestici 170 litri /ab/giorno al 2000 ( in riduzione per le politiche regionali a 158 l/a/g al 2008) Riduzione della subsidenza Riduzione della subsidenza

16 Rafforzare la regolazione questo modello va difeso contro lomogeneizzazione nazionale resistendo alla privatizzazione e rafforzando la regolazione regionale e la partecipazione, favorendo un rilancio dinvestimenti nel settore, come chiede la cgil Infatti Hera: questo modello va difeso contro lomogeneizzazione nazionale resistendo alla privatizzazione e rafforzando la regolazione regionale e la partecipazione, favorendo un rilancio dinvestimenti nel settore, come chiede la cgil Infatti Hera: forte calo investimenti nel 2008 e 2009, nel Piano strategico (PS) prevede 350 Meuro in media contro i circa 400 triennio precedente, in particolare nellidrico passando dai 131,4 Meuro del 2007 ai 114,1 nel 2008 forte calo investimenti nel 2008 e 2009, nel Piano strategico (PS) prevede 350 Meuro in media contro i circa 400 triennio precedente, in particolare nellidrico passando dai 131,4 Meuro del 2007 ai 114,1 nel 2008 sempre PS prevede darrivare a 24% perdite, forte contraddizione con PTA che chiede di arrivare al 2016 al 18%, e anche con economicità gestione per alto costo dellenergia sempre PS prevede darrivare a 24% perdite, forte contraddizione con PTA che chiede di arrivare al 2016 al 18%, e anche con economicità gestione per alto costo dellenergia

17 Confronto tra Province Perdite, Dati 2000 PTA e obiettivi 2016 sempre PTA, dati 2007 Osservatorio servizio idrico Regionale

18 Non equità sociale La non equità sociale del sistema nazionale è connessa sia al non raggiungimento dellaccesso allacqua da una parte consistente della popolazione, sia al sistema tariffario che rende più costosa lacqua alle famiglie povere e numerose, senza penalizzare ragionevolmente i grandi consumatori. il metodo regionale affronta e in parte risolve i temi dellequità, della socialità e della sostenibilità, dopo una discussione con le rappresentanze sindacali, le associazioni dei consumatori, Confservizi etc..

19

20 Regolazione inadeguata a livello nazionale il metodo tariffario nazionale favorisce gli sprechi e non favorisce la ricerca delle perdite in rete (come sostenuto anche da Confservizi), metodo che si sarebbe dovuto rivedere da almeno dieci anni. il metodo tariffario nazionale favorisce gli sprechi e non favorisce la ricerca delle perdite in rete (come sostenuto anche da Confservizi), metodo che si sarebbe dovuto rivedere da almeno dieci anni. Infatti, le Regioni più attente hanno adottato metodi più realistici e avanzati sia sul fronte della sostenibilità che sul fronte del risparmio idrico e dellequità sociale, anche sperimentando tariffe sociali (ISEE) e pro-capite (Bologna etc.) vincendo ricorsi di competenza alla Corte Costituzionale, come lEmilia-Romagna.

21 La privatizzazione della gestione DL 135/2009 il governo non affronta i veri problemi e vuole privatizzare la gestione dellacqua pena il decadimento degli affidamenti in essere, e leffettuazione di nuove gare 30 giugno 2013; RER: HERA ed ENIA il governo non affronta i veri problemi e vuole privatizzare la gestione dellacqua pena il decadimento degli affidamenti in essere, e leffettuazione di nuove gare 30 giugno 2013; RER: HERA ed ENIA La Regione entro il 31 dicembre deve abolire ATO e scegliere con cosa sostituirli: è il momento giusto per ripensare forme di governo delle partecipate ed Hera in particolare, ipotesi possibili programma mandato 2004, Torino agenzia spl (strumento di supporto agli organi comunali nell'esercizio delle funzioni di indirizzo e controllo sui servizi pubblici locali a rilevanza economica), cercare accordo con i sindaci e non vendere azioni (stare sopra 51%), se non si riesce a cambiare decreto andare a gara aprire un dibattito pubblico aprire un dibattito pubblico


Scaricare ppt "Due temi sullacqua: dissesto idraulico servizio idrico Incontri dallAmelia 18/11/2010 eco-impronta Ing. Tiziano Draghetti coordinatore circolo ambiente."

Presentazioni simili


Annunci Google