La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Napoli FEDERICO II DIST – Dipartimento di Ingegneria Strutturale CANDIDATO Vincenzo Macillo Matr. 37/2855 RELATORI Ch.mo. Prof.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Napoli FEDERICO II DIST – Dipartimento di Ingegneria Strutturale CANDIDATO Vincenzo Macillo Matr. 37/2855 RELATORI Ch.mo. Prof."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Napoli FEDERICO II DIST – Dipartimento di Ingegneria Strutturale CANDIDATO Vincenzo Macillo Matr. 37/2855 RELATORI Ch.mo. Prof. Ing. Federico M. Mazzolani Ch.mo. Prof. Ing. Raffaele Landolfo CORRELATORI Dr. Ing. Luigi Fiorino Dr. Arch. Ornella Iuorio Strumenti operativi per la progettazione di edifici con struttura SCFS

2 MOTIVAZIONI Crescente utilizzo di strutture portanti realizzate con profili formati a freddo rivestiti da pannelli Ridotta familiarità con la tipologia costruttiva, soprattutto nel caso di strutture sismoresistenti Limitati strumenti di progettazione sotto carichi verticali Limitati strumenti di progettazione sismica

3 OBIETTIVI Proporre abachi per la progettazione a carichi verticali dei principali elementi strutturali (solaio, parete, aperture, fondazioni) Proporre nomogrammi per la progettazione sismica multiprestazionale Investigare sperimentalmente il comportamento delle viti di collegamento

4 PIANIFICAZIONE DELLA RICERCA Studio delle normative di riferimento per la progettazione Realizzazione degli abachi per la progettazione sotto carichi veriticali Realizzazione degli abachi per la progettazione sismica Sperimentazione sul comportamento delle viti autoperforanti

5 La ricerca focalizza lattenzione sul sistema ad aste, in quanto è il più diffuso e rappresentativo di tipologie strutturali maggiormente industrializzabili come il sistema a pannelli ed il sistema a moduli HOUSING – Sistemi costruttivi LINGHAM COURT, Londra - Housing design awards 2005

6 IL SISTEMA COSTRUTTIVO Gli elementi di base del sistema costruttivo: SOLAIO PARETE

7 PRINCIPALI ASPETTI PROGETTUALI All-Steel design: il generico profilo viene considerato isolato, la resistenza dipende dalle sole condizioni di vincolo, la lunghezza di libera inflessione è valutata trascurando la presenza del rivestimento. Sheating-braced design: la capacità portante del generico profilo è valutata considerando la presenza del rivestimento che esercita un effetto stabilizzante.

8 PRINCIPALI ASPETTI PROGETTUALI Le membrature in acciaio formato a freddo possono presentare tre diverse tipologie di instabilità: Instabilità locale Instabilità distorsionale Instabilità globale Elementi piani deformati Linee di raccordo indeformate Linee di raccordo deformate Elementi piani indeformati

9 ABACHI PROGETTUALI PER CARICHI VERTICALI

10 NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVE NAZIONALI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE - DECRETO 14 gennaio 2008 Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni. MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - CIRCOLARE 2 febbraio 2009, n. 617Istruzioni per l'applicazione delle «Nuove norme tecniche per le costruzioni» di cui al decreto ministeriale 14 gennaio NORMATIVE INTERNAZIONALI EN May 2005 Eurocode 3: Design of steel structures - Part 1-1: General rules and rules for buildings - May prEN Eurocode 3: Design of steel structures - Part 1-3: General rules - Supplementary rules for cold-formed members and sheating – July prEN Eurocode 3 - Design of steel structures - Part 1-5: Plated structural elements - September EN Eurocode 5: Design of timber structures - Part 1-1: General - Common rules and rules for buildings - November AISI - North American Specification for the design of Cold-Formed Steel structural members - November 9, 2001 draft edition. ALTRI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI NASFA (2000), Prescriptive Method For Residential Cold-Formed Steel Framing, Year 2000 Edition - NASFA (North American Steel Framing Alliance), Lexington KY, USA. Pastor, N., Etzenbach, C. (2008), WISH: WORPACK DESIGN FOR STEEL HOUSE The new European easy-to-use tool for cold-formed steel building design, in Proceedings of EUROSTEEL 2008, 3-5 September 2008, Graz, Austria.

11 SOLAIO Gli elementi principali dei solai sono: Travetti (joist) Guide di chiusura (track) Pannelli di rivestimento Profili di irrigidimento danima (web stiffeners) Ritegni torsionali: striscia in acciaio e profili di ritegno

12 SOLAIO Abaco progettuale per i pannelli di rivestimento Pannelli in OSB/3 Spessori del pannello: mm Schema di trave semplicemente appoggiata con carico uniformemente distribuito Interasse dei travetti: 600mm VERIFICHE secondo EN : SLU: Resistenza a flessione con Classe di durata del carico: media Classe di servizio: 1 – 2 SLE: Deformabilità istantanea: l/300, l/500 Deformabilità a lungo termine: l/150, l/300

13 SOLAIO Abaco progettuale per i travetti Sezione a C con irrigidimenti Schema di trave semplicemente appoggiata con carico uniformemente distribuito Altezza profilo: mm Spessore profilo: 1,0-3,0 mm Lunghezza: 1200 – 9600 mm Interasse ritegni torsionali: 2400mm max VERIFICHE secondo prEN : SLU: Instabilità locale Flessione Taglio Azioni trasversali concentrate Instabilità latero-torsionale SLE:Deformabilità L/200, L/250, L/300, L/400

14 PARETI Gli elementi principali delle pareti sono: Montanti (studs) Guide di chiusura (track) Pannelli di rivestimento Ritegni torsionali: striscia in acciaio e profili di ritegno

15 PARETI Abaco progettuale per i montanti Sezioni a C con irrigidimenti singole e accoppiate Altezza profilo: mm Spessore profilo: 1,0-3,0 mm Altezza parete : 2400, 2700, 3000, 4000 mm Schema di trave semplicemente appoggiata alle estremità caricata in testa dallo scarico del travetto, lungo lelemento dal peso proprio della parete e dallazione del vento in direzione ortogonale alla parete. Carico vento: 0,00-1,00 kN/m 2 Peso proprio: 0,30-1,20 kN/m 2

16 PARETI Approccio All-steel senza vincoli intermedi L 0 =H Pressoflessione Instabilità locale Instabilità accoppiata Secondo prEN Approccio All-steel con vincoli intermedi L 0 =H/2 Pressoflessione Instabilità locale Instabilità accoppiata Secondo prEN Approccio Sheating-braced Pressoflessione considerando il contributo del pannello Secondo AISI (2001)

17 APERTURE Gli elementi principali del sistema di apertura sono: Piattabanda Montanti di sostegno (jack & king) Collegamenti

18 APERTURE PIATTABANDA Sezioni accoppiate a C con irrigidimento Lunghezza: 1200 – 6000 mm Altezza profilo: mm Spessore profilo: 1,0-3,0 mm Schema di trave semplicemente su cui agiscono gli scarichi dei travetti del piano superiore e sollecitata in direzione ortogonale dallazione del vento sulla parete I montanti di supporto (Jack & King) hanno la stessa sezione dei montanti della parete Sui Jack agisce lo scarico della piattabanda e il peso proprio dellapertura Sui King agisce lo scarico del travetto del piano superiore e lazione del vento sullapertura VERIFICHE secondo la prEN : Flessione deviata Azione combinata di flessione e azioni concentrate Taglio

19 COMPORTAMENTO DELLE PARETI SOTTO LAZIONE SISMICA

20 RISPOSTA SISMICA Il comportamento di edifici con struttura SCFS è caratterizzato dalle pareti che si comportano come elementi resistenti a taglio. La risposta sismica della parete dipende dal comportamento degli elementi strutturali che la compongono: Pannelli di rivestimento Intelaiatura Connessioni rivestimento-intelaiatura Collegamento in fondazione hold-down La resistenza della parete è condizionata dal più debole dei meccanismi di rottura dei diversi componenti. In particolare la risposta della parete dipende essenzialmente dal comportamento delle connessioni tra pannelli e intelaiatura e dalla loro spaziatura

21 ANALISI DINAMICA INCREMENTALE Parametri variabili: Larghezza della parete L : 1200, 2400, 9600 mm Altezza della parete H : 2400, 2700, 3000 mm Spaziatura delle connessioni s : 50, 75, 100, 150 mm Materiali di rivestimento: GWB, OSB Peso sismico M : 10, 15, 20, 25, 30, 35, 40 kN/m rappresentazione del modello numerico adottato per schematizzare la parete come un sistema ad un grado di libertà. Il comportamento isteretico a carichi laterali è descritto da un elemento Richard & Abbot Scelta dellinput sismico: Accelerogrammi: 21, 7 per ciascuna categoria di suolo A, B, C Moltiplicatori PGA: 50 da 0,05 a 0, configurazioni

22 INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI STATI LIMITE si definiscono i seguenti stati limite: Stato limite di snervamento corrispondente al raggiungimento del valore della resistenza al limite elastico F y considerando la curva bilineare equivalente Stato limite corrispondente al raggiungimento del massimo valore della resistenza del sistema e relativo spostamento d peak Stato limite ultimo corrispondente al raggiungimento del valore massimo dello spostamento d ult e della resistenza pari all80% di F peak d y d peak d ult 0 F d F y F peak S a,y S a,peak S a,ult Duttilità Duttilità e sovraresistenza Sovraresistenza La capacità di risposta sismica del sistema può essere descritto attraverso i fattori di struttura:

23 A ciascun valore dello spostamento d y, d peak, d ult è stato associato un livello prestazionale a cui corrisponde una certa probabilità di eccedenza dellevento sismico. INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Spostamento (capacità) Livello prestazionale Probabilità di eccedenza Periodo di ritorno Zona 1 Zona 2 Zona 3 dydy Immediate Occupancy 50%/50 anni720,06g0,10g0,14g d peak Life Safety 10%/50 anni4750,15g0,25g0,35g d ult Collapse Prevention 2%/50 anni24750,23g0,38g0,53g Al diminuire della probabilità di eccedenza e quindi al crescere dellintensità del sisma si associano livelli prestazionali più gravosi in quanto è meno probabile che tale livello venga richiesto durante la vita utile della struttura. Sono stati associati per ciascun livello prestazionale dei fattori di struttura per lesecuzione di analisi sismiche elastiche

24 PROGETTAZIONE SISMICA LE TRE FASI DELLA PROGETTAZIONE 1.Definizione dei parametri geometrici della parete 2.Scelta della spaziatura delle connessioni 3.Valutazione degli altri parametri di progetto

25 Parete GWB+OSB H=2700mm L=4800mm Peso sismico w=30 kN/m Zona sismica 2 Categoria di suolo A PROGETTAZIONE SISMICA spaziatura (s i ) Spettro di Accelerazione (S a ) peso Sismico (w) Rigidezza (k i ) H Ci H Di Azione sismica (H Di ) Periodo (T i ) FINE Resistenza (H Ci ) H C /w=0,41 k=1,76 kN/m mm IO H C /w=0,25 CP H C /w=0,32 LS H C /w=0,31 SI NO T=0,26s

26 PROGETTAZIONE SISMICA Il nomogramma può essere utilizzato solo nel caso di edifici con pianta simmetrica e pareti identiche (sistema ad un grado di libertà), dove il peso sismico unitario è dato dal peso sismico totale diviso la lunghezza dell pareti. Ma si può estenedere al caso: Edifici monopiano con simmetria planimetrica e pareti diverse Il peso sismico totale viene ripartito tra le singole pareti in funzione della rigidezza: Si verifica la singola parete attraverso il nomogramma corrispondente SI NO

27 PROGETTAZIONE SISMICA Il nomogramma può essere utilizzato solo nel caso di edifici monopiano. Ma si può estenedere al caso: Edifici multipiano Si effettua la verifica della parete al livello più basso su cui agisce il massimo tagliante di piano, considerando un sistema ad un grado di libertà equivalente m3m3 m1m1 m2m2 m 1 +m 2 +m 3 k k k k Tale procedura è approssimata, per tale motivo è stato effettuato un confronto tra i risultati di analisi rigorose con quelli forniti dalla procedura proposta, facendo variare i diversi parametri in gioco, sono stati considerati: Tipo di parete; Edifici a 2 e a 3 piani; Massa pari a 5, 10, 20 t; Masse uguali per ciascun piano; Massa al livello più alto pari alla metà di quella ai piani inferiori; Lerrore commesso in termini di rapporto domanda-capacità è pari a:

28 PROVE SPERIMENTALI SU VITI AUTOPERFORANTI

29 Le viti autoperforanti: Rappresentano il sistema di fissaggio più diffuso per i collegamenti nelle strutture in acciaio formato a freddo Consentono, in ununica operazione, di realizzare il foro e di effettuare il collegamento Caratterizzano il controventamento delle pareti nellapproccio Sheating- braced Caratterizzano la risposta delle pareti sotto lazione sismica Inoltre, essendo generalmente considerate elementi non strutturali, si è riscontrato: Carenza di valori relativi alle prestazioni strutturali Assenza di procedure sperimentali codificate

30 PROVE SPERIMENTALI SU VITI AUTOPERFORANTI Macchina di prova universale (trazione/compressione) a funzionamento elettromeccanico Max carico: 200 kN Per ciascuna vite è stata realizzata una scheda contenente le specifiche tecniche utili alla progettazione Le prove sono state eseguite presso il laboratorio della TECFI S.p.A, che ha fornito le viti per la sperimentazione

31 PROVE SPERIMENTALI SU VITI AUTOPERFORANTI Prove a taglio Piastre in acciaio levigate e trattate termicamente (Durezza HRC) Il set-up di prova è realizzato in maniera tale da evitare che insorgano meccanismi diversi dalla rottura a taglio della vite La macchina trasferisce il carico al provino per compressione su due sezioni della vite Velocità di avanzamento: 5 mm/min * Carico caratteristico valutato con k=2,33 in accordo con la prEN

32 PROVE SPERIMENTALI SU VITI AUTOPERFORANTI Prove a trazione Piastra in acciaio levigate e trattate termicamente (Durezza HRC) Il set-up di prova è realizzato in maniera tale da evitare che insorgano meccanismi diversi dalla rottura a trazione della vite Velocità di avanzamento: 5 mm/min * Carico caratteristico valutato con k=2,33 in accordo con la prEN Piastre in acciaio S235 di spessore 20 mm

33 CONCLUSIONI FUTURI SVILUPPI Sviluppo di un software per la progettazione degli elementi sotto carichi verticali Sviluppo di nomogrammi per la progettazione multiprestazionale per lanalisi statica e dinamica non lineare Sviluppo di nomogrammi per il caso di edifici non simmetrici in pianta Proporre un protocollo per la sperimentazione su viti autoperforanti Strumenti utili alla progettazione sotto carichi verticali Possibilità di effettuare rapidamente la progettazione dei principali elementi della struttura sotto carichi verticali Strumenti utili alla progettazione sismica Progettazione sismica multiprestazionale attraverso lutilizzo di nomogrammi per lanalisi dinamica lineare Risultati sperimentazione Caratterizzazione sperimentale di viti autoperforanti per lo sviluppo di strumenti progettuali

34 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Università degli Studi di Napoli FEDERICO II DIST – Dipartimento di Ingegneria Strutturale CANDIDATO Vincenzo Macillo Matr. 37/2855 RELATORI Ch.mo. Prof."

Presentazioni simili


Annunci Google