La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ferrara 30 marzo 2010 Aspetti legali e di legalità Progetto di formazione sul bullismo e le sue varie forme di espressione Wanda Formigoni Candini docente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ferrara 30 marzo 2010 Aspetti legali e di legalità Progetto di formazione sul bullismo e le sue varie forme di espressione Wanda Formigoni Candini docente."— Transcript della presentazione:

1 Ferrara 30 marzo 2010 Aspetti legali e di legalità Progetto di formazione sul bullismo e le sue varie forme di espressione Wanda Formigoni Candini docente SSIS, Dipartimento di Scienze giuridiche, Università degli Studi di Ferrara

2 Agire in conformità a quanto previsto dalla legge I n s u l t i, o f f e s e, p r e s e i n g i r o / v o c i d i f f a m a t o r i e e f a l s e a c c u s e r a z z i s m o / p i c c o l i f u r t i / e s t o r s i o n i / m i n a c c e v i o l e n z a p r i v a t a / a g g r e s s i o n i e / o g i o c h i v i o l e n t i / p e r c o s s e … c o m p o r t a m e n t i, t u t t i, e s p r e s s i o n e d e l l a v o l o n t à d i g r u p p o aspetti legali Art.660 percosse, lesioni artt. 581, 582 e ss. art.635 danni alle cose, danneggiamento artt.59 4, 595 ingiuria, diffamazione art.612 minaccia prese in giro Molestia, disturbo alle persone legalità Obbligodi educare Obbligo di custodia Obbligodi sorveglianza

3 Art Il debitore che non esegue esattamente la pre- stazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile Art Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno In campo privatistico è ritenuta una speciale sanzione civile collegata ad un comportamento non corretto, perché viola un obbligo contrattuale o il principio nemimem laedere Il verificarsi nellambiente scolastico di forme di isolamento, di violenza verbale o fisica o psicologica, poste in essere allombra del gruppo, non costituisce una fattispecie autonoma di cui il codice civile disciplini il risarcimento dei danni che ne conseguono, tuttavia, si traduce conseguenze giuridiche di rilievo …per chi lo pone in essere o lo subisce …per chi lo pone in essere o lo subisce …per chi avrebbe potuto o dovuto impedirlo ma non lha fatto penale amministrativa contabile Disciplinare particolare obbligo al quale sono tenuti i soggetti a seguito dell'inosservanza di determinate regole giuridiche da cui sia derivato un ingiusto danno particolare obbligo al quale sono tenuti i soggetti a seguito dell'inosservanza di determinate regole giuridiche da cui sia derivato un ingiusto danno civile levento dannoso è il risultato di unazione od omissione prevista e voluta levento dannoso, per quanto non voluto, è il risultato di unazione o omissione in cui è riconoscibile negligenza o imprudenza o imperizia

4 latto del bullismo nella scuola rileva.. vittima..ma si traduce in forme di responsabilità anche per (C.Civ.) Art Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d'arte. Il padre e la madre, o il tutore, sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone soggette alla tutela, che abitano con essi. … I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un'arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. (C.Civ.) Art Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d'arte. Il padre e la madre, o il tutore, sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone soggette alla tutela, che abitano con essi. … I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un'arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. bullo

5 latto del bullismo nella scuola....si traduce in forme di responsabilità per Costituzione art.28 - I funzionari ed i dipendenti dello Stato e degli Enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili ed amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità si estende allo Stato ed agli altri enti pubblici Ministero della P.I. onere della prova: il danno si è verificato nel tempo in cui il minore era affidato alla scuola onere della prova: è stata esercitata con diligenza una sorveglianza idonea ad impedire il fatto L. 312/80, art. 61 La responsabilità patrimoniale del personale direttivo, docente, educativo e non docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica dello Stato e delle istituzioni educative statali per danni arrecati direttamente allamministrazione in connessione a comportamenti degli alunni è limitata ai soli casi di dolo o colpa grave nell esercizio della vigilanza. La limitazione di cui al comma precedente si applica anche alla responsabilità del predetto personale verso lamministrazione che risarcisca il terzo dei danni subiti per comportamenti degli alunni sottoposti alla vigilanza. Salvo rivalsa nei casi di dolo o colpa grave, lamministrazione si surroga al personale medesimo nelle responsabilità civili derivanti da azioni giudiziarie promosse da terzi. L. 312/80, art. 61 La responsabilità patrimoniale del personale direttivo, docente, educativo e non docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica dello Stato e delle istituzioni educative statali per danni arrecati direttamente allamministrazione in connessione a comportamenti degli alunni è limitata ai soli casi di dolo o colpa grave nell esercizio della vigilanza. La limitazione di cui al comma precedente si applica anche alla responsabilità del predetto personale verso lamministrazione che risarcisca il terzo dei danni subiti per comportamenti degli alunni sottoposti alla vigilanza. Salvo rivalsa nei casi di dolo o colpa grave, lamministrazione si surroga al personale medesimo nelle responsabilità civili derivanti da azioni giudiziarie promosse da terzi. L. 312/80, art. 61 ………… lamministrazione si surroga al personale medesimo nelle responsabilità civili derivanti da azioni giudiziarie promosse da terzi. L. 312/80, art. 61 ………… lamministrazione si surroga al personale medesimo nelle responsabilità civili derivanti da azioni giudiziarie promosse da terzi. Presunzione di culpa in educando Presunzione di culpa in vigilando Responsabilità diretta del pubblico dipendente responsabilità della P.A. per fatti illeciti dei dipendenti + = Rapporto organico

6 L. 312/80, art. 61 La responsabilità patrimoniale del personale direttivo, docente, educativo e non docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica dello Stato e delle istituzioni educative statali per danni arrecati direttamente allamministrazione in connessione a comportamenti degli alunni è limitata ai soli casi di dolo o colpa grave nell esercizio della vigilanza. La limitazione di cui al comma precedente si applica anche alla responsabilità del predetto personale verso lamministrazione che risarcisca il terzo dei danni subiti per comportamenti degli alunni sottoposti alla vigilanza. Salvo rivalsa nei casi di dolo o colpa grave, lamministrazione si surroga al personale medesimo nelle responsabilità civili derivanti da azioni giudiziarie promosse da terzi. L. 312/80, art. 61 La responsabilità patrimoniale del personale direttivo, docente, educativo e non docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica dello Stato e delle istituzioni educative statali per danni arrecati direttamente allamministrazione in connessione a comportamenti degli alunni è limitata ai soli casi di dolo o colpa grave nell esercizio della vigilanza. La limitazione di cui al comma precedente si applica anche alla responsabilità del predetto personale verso lamministrazione che risarcisca il terzo dei danni subiti per comportamenti degli alunni sottoposti alla vigilanza. Salvo rivalsa nei casi di dolo o colpa grave, lamministrazione si surroga al personale medesimo nelle responsabilità civili derivanti da azioni giudiziarie promosse da terzi. Art. 2048c.c...I precettori..sono responsabili del danno cagionato.. nel tempo in cui [i minori] sono sotto la loro vigilanza. Corte dei Conti..condannata al risarcimento dei danni a Amm. Scolastica Salvo rivalsa … Salvo rivalsa … responsabilità … per non rispondere di culpa in vigilando il docente deve dimostrare che ha esercitato una sorveglianza in cui sono state adottate le più elementari regole di diligenza perizia e prudenza, cioè ha fatto tutto ciò che sarebbe stato possibile fare per impedire il verificarsi dellevento (prova liberatoria) latto del bullismo nella scuola si traduce in forme di responsabilità disciplinate dalla La responsabilità patrimoniale del personale… è limitata ai soli casi di dolo o colpa grave nell esercizio della vigilanza La responsabilità patrimoniale del personale… è limitata ai soli casi di dolo o colpa grave nell esercizio della vigilanza..per danni arrecati direttamente allamministrazione in connessione a comportamenti degli alunni…..per danni arrecati direttamente allamministrazione in connessione a comportamenti degli alunni…..aggravata perché, per il danno causato dal minore, linsegnante ne è ex lege ritenuto responsabile: esiste nei suoi confronti (come nel giudizio civile per lAmministrazione scolastica) la presunzione dellesistenza di una culpa in vigilando …

7 latto del bullismo nella scuola si traduce in forme di responsabilità disciplinate dalla La diretta responsabilità della scuola (salvo rivalsa) non esclude che nei confronti dei docenti possano essere avviati procedimenti disciplinari che potranno concludersi con sanzioni a carico dei docenti stessi, indipendentemente -sia dell'esito dell'azione civile intentata dal danneggiato contro la scuola, -s-sia se la parte lesa abbia eventualmente rinunciato al risarcimento del danno Responsabilità patrimoniale dei docenti TEMPORALE periodo daffidamento dellalunno alla scuola: norme contrattuali che definiscono lorario in cui il docente esercita la propria attività e la vigilanza sui minori (v. ad es. art. 42, c.5, del CCNL del :" per assicurare laccoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe 5 minuti prima dellinizio delle lezioni e ad assistere alluscita degli alunni" TERRITORIALE edificio scolastico e dalle sue pertinenze, con alcune eccezioni riferite a particolari situazioni quali le visite ed i viaggi di istruzione Limiti alla responsabilità (v. D.Lgs n.150/09, disposizioni in materia di responsabilità, infrazioni e sanzioni disciplinare dei pubblici dipendenti, modifiche al D.Lgs. 297/1994 -Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione)

8 L. 312/80, art. 61 La responsabilità patrimoniale del personale direttivo, docente, educativo e non docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica dello Stato e delle istituzioni educative statali per danni arrecati direttamente allamministrazione in connessione a comportamenti degli alunni è limitata ai soli casi di dolo o colpa grave nell esercizio della vigilanza. La limitazione di cui al comma precedente si applica anche alla responsabilità del predetto personale verso lamministrazione che risarcisca il terzo dei danni subiti per comportamenti degli alunni sottoposti alla vigilanza. Salvo rivalsa nei casi di dolo o colpa grave, lamministrazione si surroga al personale medesimo nelle responsabilità civili derivanti da azioni giudiziarie promosse da terzi. L. 312/80, art. 61 La responsabilità patrimoniale del personale direttivo, docente, educativo e non docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica dello Stato e delle istituzioni educative statali per danni arrecati direttamente allamministrazione in connessione a comportamenti degli alunni è limitata ai soli casi di dolo o colpa grave nell esercizio della vigilanza. La limitazione di cui al comma precedente si applica anche alla responsabilità del predetto personale verso lamministrazione che risarcisca il terzo dei danni subiti per comportamenti degli alunni sottoposti alla vigilanza. Salvo rivalsa nei casi di dolo o colpa grave, lamministrazione si surroga al personale medesimo nelle responsabilità civili derivanti da azioni giudiziarie promosse da terzi. Corte dei Conti..condannato al risarcimento dei danni a Ministero della P.I. …Salvo rivalsa nei casi di dolo o colpa grave. latto del bullismo nella scuola si traduce in forme di responsabilità Responsabilità patrimoniale sorveglianza nei confronti degli alunni, nei periodi immediatamen- te antecedenti e successivi allorario delle attività didattiche e durante la ricreazione (CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE -QUADRIENNIO ) Obblighi di custodia art Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Art Responsabili tà dei genito ri, dei tutori, dei precettori e dei maestri d'arte…… art Ciascuno è responsabile del danno ca- gionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito art Ciascuno è responsabile del danno ca- gionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito Obbligo di porre in essere tutte le misure organizzati- ve per garantire la sicurezza nell ambiente scola stico e la disciplina tra gli alunni Culpa in organizzando la responsabilità del genitore e quella del precettore, per il fatto commesso dal minore capace durante il tempo in cui è ad esso affidato, sono concorrenti

9 latto del bullismo nella scuola si traduce in forme di responsabilità cercare di rendere consapevole chi opera nella scuola delle responsabilità civili (o penali) per far sì che si comporti in conformità a quanto previsto dalla legge Aspetti legali e legalità Art L. 312/80 art. 61 L. 312/80 art. 61 Obbligodi educare Obbligo di custodia Obbligodi sorveglianza Ma la Scuola, nei confronti dei suoi allievi, ha una responsabilità civile che davvero si limita solo agli obblighi di sorveglianza e di custodia? ….

10 (Cassazione, sez. III, sen. n /05)- …la responsabilità dell'istituto scolastico e dell'insegnante non ha natura extracontrattuale, bensì contrattuale, atteso, quanto all'istituto scolastico, che l'accoglimento della domanda di iscrizione, con la conseguente ammissione dell'allievo alla scuola, determina l'instaurazione di un vincolo negoziale, dal quale sorge a carico dell'istituto l'obbligazione di vigilare sulla sicurezza e l'incolumità dell'allievo nel tempo in cui questi fruisce della prestazione scolastica in tutte le sue espressioni, anche al fine di evitare che l'allievo procuri danno a se stesso; e che -quanto al precettore dipendente dell'istituto scolastico- tra insegnante ed allievo si instaura, per contatto sociale, un rapporto giuridico, nell'ambito del quale l'insegnante assume, nel quadro del complessivo obbligo di istruire ed educare, anche uno specifico obbligo di protezione e vigilanza… contrattuale …l'accoglimento della domanda di iscrizione …. Lobbligo di istruire ed educare, contiene quello più specifico di protezione e vigilanza determina l'instaurazione di un vincolo negoziale dal quale sorge a carico dell'istituto l'obbligazione di vigilare sulla sicurezza e l'incolumità dell'allievo … …quanto al precettore dipendente dell'istituto scolastico- tra insegnante ed allievo si instaura, per contratto sociale, un rapporto giuridico, nell'ambito del quale l'insegnante assume, nel quadro del complessivo obbligo di istruire ed educare, anche uno specifico obbligo di protezione e vigilanza… Contratto sociale D. Lgsl. 15 aprile 2005, n. 76 Definizione delle norme generali sul diritto-dovere all'istruzione e alla formazione … D. Lgsl. 15 aprile 2005, n. 76 Definizione delle norme generali sul diritto-dovere all'istruzione e alla formazione … ogni studente è titolare di un vero e proprio diritto soggettivo allistruzione e formazione art. 33 : … [2] la Repubblica detta le norme generali sull istruzione e istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. … art. 34: [1] La scuola è aperta a tutti. … [3] I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La scuola deve costituire un passaggio fondamentale per la costruzione del progetto di vita di ogni persona … …. Al dubbio sopra sollevato si deve rispondere che anche nellobbligo di istruire ed educare bambini, adolescenti che si iscrivano nella scuola pubblica, pare debba riconoscersi una natura (=responsabilità civile) non diversa dagli obblighi di protezione e vigilanza sui minori ……

11 Presunzione di culpa in educando ex art 2048 c.c. il genitore non dovrà rispondere per i danni provocati dal comportamento del figlio quando abbia impartito un'educazione normalmente idonea, in relazione al suo ambiente, alle sue attitudini ed alla sua personalità, ad avviarlo ad una corretta vita di relazione e, quindi, a prevenire un suo comportamento illecito, nonché, in particolare, a correggere quei difetti (come l'imprudenza e la leggerezza) che il fatto del minore ha rivelato (Cass.12501/2000) …. e come si configurerebbe detto obbligo di istruire ed educare? quale il suo contenuto? Discipline -Italiano:…. -Inglese: … -Lingua com.:.. -Storia: … -Geografia:… -Matematica: … -Scienze:… -Tecnologia:… -Musica:… -Arte ed immagine:… -Scienze motorie e sportive: …. Indicazioni ministeriali … ma la programmazione ministeriale prevede una disciplina, un insegnamento il cui fine sia avviare ad una corretta vita di relazione, formare, cioè, in senso morale e civico un adolescente così da poter contrastare quellassenza di valori, quellignoranza delle più elementari regole del convivere che - a detta di tutti - stanno alla base del verificarsi anche nella scuola di atti di bullismo? Lobbligo di istruire ed educare (ex D. Lgsl. 15 aprile 2005, n. 76 ) …ad avviarlo ad una corretta vita di relazione … (Indicazioni ministeriali 2007).. La scuola deve costituire un passaggio fondamentale per la costruzione del progetto di vita di ogni persona … La Scuola assolve ad dovere di fornire agli alunni iscritti nei Istituti di ogni ordine e grado attivando gli insegnamenti previsti dalla programmazione ministeriale ed assegnando a ciascun di essi il docente abilitato ad insegnarlo … Programmazione dellIstiuto ???? Se una tale disciplina esiste nella programmazione ministeriale e le singole scuole, i singoli insegnanti non la facessero rientrare come avviene per storia, geografia, matematica, scienze educazione fisica, ecc. nella program- mazione annuale, allora si dovrebbe parlare di inadempimento contrattuale …ed anche la vittima di atti di bullismo avrebbe diritto di esigere un risarcimento per inadempimento contrattuale, ovvero perché la scuola non ha provveduto a formare ed educare … il bullo!

12 … La scuola è luogo di crescita e di incontro delle persone. Persone sono gli insegnanti e persone sono gli allievi. Educare istruendo significa essenzialmente tre cose: - consegnare il patrimonio culturale che ci viene dal passato perché non vada disperso e possa essere messo a frutto; - preparare al futuro introducendo i giovani alla vita adulta, fornendo loro quelle competenze indispensabili per essere protagonisti allinterno del contesto economico e sociale in cui vivono; - accompagnare il percorso di formazione personale che uno studente compie sostenendo la sua ricerca di senso e il faticoso processo di costruzione della propria personalità ( Roma 31 luglio 2007, Il Ministro della Pubblica istruzione G. Fioroni) (marzo 09) Documento dindirizzo per la sperimentazione dellinsegnamento di Cittadinanza e Costituzione – Scuola secondaria di primo grado -Obiettivi di apprendimento Dichiarazione universale dei diritti delluomo; organizzazione politica ed economica della Ue; la Carta dei diritti dellUe e la Costituzione europea; organismi internazionali; distinzione tra autonomia (della persona umana, delle «formazioni sociali», degli enti locali e territoriali, delle istituzioni) e decentramento nei servizi che dipendono dallo Stato; connessione tra lunità e lindivisibilità della Repubblica, da una parte, e la valorizzazione dellautonomia e del decentramento dallaltra (art. 5 della Costituzione); il processo di revisione costituzionale e le leggi costituzionali secondo il Titolo V, sez. II del testo del 1948; la nuova disciplina degli Statuti delle Regioni; lordinamento della Repubblica; la Corte costituzionale; le «formazioni sociali» delle imprese, dei partiti, dei sindacati e degli enti no profit, con la loro regolamentazione costituzionale e legislativa; la sussidiarietà orizzontale e verticale; i diritti e i doveri del cittadino; i diritti e i doveri del lavoratore. L.30/10/08, n.169 unora a settimana, pari a 33 ore annuali, ricavate dall'attuale orario dellarea storico-geografica Valutazione autonoma Nella scuola secondaria di II° non è presente nessuna disciplina con un numero di ore e valutazione autonoma … p er guidare il fanciullo e ladolescente verso la vita sociale, giuridica, politica, per far gli conoscere i principi che reggono la collettività e le forme nelle quali essa si concreta obiettivi trasversali rispetto tutte le discipline e tutte le attività della scuola complementare all insegnamento della Storia… …ma disciplina autonoma alla quale erano riservate almeno due ore al mese... … non era prevista alcuna autonoma valutazione D. Lgsl. 19 febbraio 2004, n. 59 Educazione alla Convivenza Civile Educazione alla cittadinanza Educazione stradale Educazione alla salute Educazione ambientale Educazione alimentare Educazione allaffettività Introdotta nel 1958 dal D.P.R. 585 Educazione civica D.Min. della P.I., 31/7/07, n Educazione alla cittadinanza attiva Nel Documento dindirizzo per la sperimentazione dellinsegnamento di Cittadinanza e Costituzione, la nuova disciplina introdotta con la L , n.169, gli obiettivi di apprendimento previsti per la scuola secondaria di secondo grado riprendono in parte quelli previsti per lEd. civica, pur presentandosi meno articolati. Nella recente riforma dei licei, per evitare il rischio di delegare a questo solo insegnamento preoccupazioni e compiti di natura educativa che, invece, devono coinvolgere per forza di cose tutti i docenti (con il loro esempio) e tutte le discipline (con particolari curvature del loro insegnamento) per Cittadinanza e Costituzione, inserito nellarea storico-geografica, non sono previste ore aggiuntive, né alcuna valutazione ….. in caso di azioni giudiziarie intraprese dalla vittima di un atto di bullismo per ottenere un risarcimento dellingiusto danno subito, chi opera nella scuola dovrà, eventualmente, rispondere di culpa in vigilando o di culpa in organizzando … ma non di culpa in educando!

13 D. Lgsl. 15 aprile 2005, n Diritto-dovere all'istruzione e alla formazione Art. 2.Realizzazione del diritto- dovere all'istruzione e alla formazione … D. Lgsl. 15 aprile 2005, n Diritto-dovere all'istruzione e alla formazione Art. 2.Realizzazione del diritto- dovere all'istruzione e alla formazione … ogni studente è titolare di un vero e proprio diritto soggettivo allistruzione e formazione Iscrizione nella scuola pubblica …strategie per educare i giovani a convivere civilmente dentro e fuori nellambiente scolastico Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria, modificato dal D.P.R. n. 235 del 21 novembre 2007 I fatti di cronaca che hanno interessato la scuola, negli ultimi anni, dalla trasgressione delle comuni regole di convivenza sociale agli episodi più gravi di violenza e bullismo hanno determinato lopportunità di integrare e migliorare lo Statuto delle Studentesse … di fronte al diffondersi nelle comunità scolastiche di fenomeni, talvolta gravissimi, di violenza, di bullismo o comunque di offesa alla dignità ed al rispetto della persona umana, si è inteso introdurre un apparato normativo che consenta alla comunità educante di rispondere ai fatti sopra citati con maggiore severità sanzionatoria Premessa i regolamenti interni dei singoli istituti devono adeguarsi alle disposizioni introdotte dal d.p.r. 235 in relazione alle mancanze disciplinari, alle sanzioni, agli organi competenti a comminarle, al procedimento per comminarle Patto Educativo di Corresponsabilità Lobiettivo è quello di impegnare le famiglie, fin dal momento delliscrizione, a condividere con la scuola i nuclei fondanti dellazione educativa

14 Ferrara 30 marzo 2010 Aspetti legali e di legalità Progetto di formazione sul bullismo e le sue varie forme di espressione Wanda Formigoni Candini docente SSIS, Dipartimento di Scienze giuridiche, Università degli Studi di Ferrara


Scaricare ppt "Ferrara 30 marzo 2010 Aspetti legali e di legalità Progetto di formazione sul bullismo e le sue varie forme di espressione Wanda Formigoni Candini docente."

Presentazioni simili


Annunci Google