La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Campagna Francesco & Ceccato Tommaso III B ICL anno scol. 2007/08.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Campagna Francesco & Ceccato Tommaso III B ICL anno scol. 2007/08."— Transcript della presentazione:

1 Campagna Francesco & Ceccato Tommaso III B ICL anno scol. 2007/08

2 INQUINAMENTO FONTI ENERGETICHE PRODUZIONE RINNOVABILI NON RINNOVABILI

3 FONTI DI ENERGIA ENERGIA NON RINOVABILE petrolio RINNOVABILE gas carbone naturale acqua energia nucleare vento ecc… HOME

4 Petrolio Si manifesta in energia chimica, è un miscuglio di idrocarburi: IDROGENO 9-15% CARBONIO Liquido denso e oleoso con peso specifico inferiore a quello dellacqua ORIGINE: Il petrolio deriva da cumuli di sostanze organiche, plancton: Accumulo di masse di plancton e trasformazione in petrolio. Nascita di trappole di roccia. Riempimento dei giacimenti. ESTRAZIONE: Si usa la tecnica sismica di riflessione per trovare le trappole, poi quando viene raggiunta si estrae il petrolio con lalbero di natale. TRASPORTO: Ci sono due modi per trasportare il petrolio: Oleodotto, il petrolio viene spinto da varie pompe fino alla raffineria Petroliera, grande serbatoio galleggiante LAVORAZIONE: Il petrolio viene riscaldato e i vari materiali si condensano a varie temperature: 300° gasolio, 250° kerosene, 200° virgin nafta, 120° benzina. IMPIEGHI: il petrolio raffinato può essere usato come carburante ( gasolio, kerosene), combustibile (riscaldamento abitazioni), lubrificante e per altri scopi. HOME

5 Gas naturale ORIGINE: Il gas naturale ha unorigine analoga a quella del petrolio Incolore, inodore, insapore che pesa metà dellaria, è il più semplice degli idrocarburi ed è composto da metano (90%), altri idrocarburi (10%). ESTRAZIONE: Viene estratto da una tubazione che scende 6 – 8km sotto terra. TRASPORTO: Si trasporta tramite un gasdotto o metanodotto. IMPIEGHI: Usi industriali (forni). Usi domestici (cuocere cibi, riscaldamento abitazioni e acqua). HOME

6 IL carbone Roccia sedimentaria color nero bruno, costituito da una PARTE ORGANICA (CARBONE OSSIGENO IDROGENO ) e da una PARTE INORGANICA (ELEMENTI MINERALI ).. ORIGINE : Deriva da resti di organismi vegetali che hanno subito un processo di carbonizzazione, ovvero la perdita delle sostanze organiche da parte delle piante e la trasformazione in carbone. ESTRAZIONE : Avviene nelle miniere che possono essere: SOTTERRANEE o a CIELO APERTO. IMPIEGHI : In questi anni non è più molto utilizzato, ma rimane uno dei più usati nelle centrali termoelettriche e nelle industrie siderurgiche. TIPI DI CARBONE : TORBA: deriva da piante erbacee. LIGNITI: carboni giovani derivanti da alberi. CARBONI DURI: carboni veri e propri si dividono in antraciti e litantraci. COKE: carboni artificiali derivanti da litantraci.

7 Energia nucleare È lenergia che tiene unita la parte interna dellatomo. Fusione : Si utilizzano elementi leggeri derivanti dallidrogeno, i cui nuclei devono essere sottoposti a una grande pressione e a una temperatura di 100 milioni di gradi. Facendo unire i nuclei di deuterio e trizio si ottiene un nucleo di elio di peso leggermente inferiore alla somma degli altri due, la piccola parte di materia che scompare si trasforma in energia. Fissione : D ivisione di in nucleo pesante come quello delluranio 235 (i minerali duranio contengono solo l1% di uranio 235, il restante 99% è uranio 238, non fissile). Un neutrone viene sparato contro delluranio 235 e, tramite una reazione a catena produce energia. HOME

8 Esistono diversi tipi di inquinamento RADIOATTIVO DA COMBUSTIONE DELLATMOSFERA HOME

9 INQUINAMENTO DA COMBUSTIONE I principali combustibili sono: CARBONE: è il più inquinante GAS NATURALE:è il meno inquinante BENZINA E GASOLIO: inquina laria nelle città Monossido di carbonio (tossico per luomo) Biossido di carbonio (contribuisce a provocare leffetto serra) Ossidi di zolfo (responsabili delle piogge acide) Particolato (contiene metalli pesanti) GAS NATURALE Monossido di carbonio Biossido di carbonio Biossido di zolfo azoto Anidride carbonica HOME

10 Inquinamento dellatmosfera LATMOSFERA è IL GUSCIO DARIA CHE AVVOLGE IL NOSTRO PIANETA. I SUOI STRATI PRINCIPALI SONO TROPOSFERA (0-12km) E STRATOSFERA (20-50km). NELLATMOSFERA SONO PRESENTI PARECCHI GAS CHE SI POSSONO DIVIDERE IN GAS PRINCIPALI (ossigeno 21%, azoto 78% e gas nobili (0,9%) GAS IN TRACCIA (anidride carbonica) Le fonti del suo inquinamento sono: HOME

11

12

13 Per i processi di combustione si possono usare combustibili a minor potenziale inquinante Sistemi di depurazione nei processi industriali Gasolio di buona qualità, controllo e revisioni degli autoveicoli, nei centri storici diminuzione dei veicoli circolanti incentivando i trasporti pubblici HOME Uno stop decisivo allimmissione nellatmosfera delle sostanze dannose, ma anche iniziative individuali come: verificare lefficienza dei frigoriferi e dei climatizzatori periodicamente; sostituire lampadine a incandescenza con quelle a basso consumo e lavare gli abiti a basse temperature; organizzare sistemi di trasporto collettivo o rinunciare allautomobile a favore della bicicletta o della camminata; evitare luso di polistirolo espanso e di isolanti contenenti CFC. Con il protocollo di Kyoto nel 1997, le nazioni industrializzate si sono impegnate a ridurre le emissioni di gas di almeno il 5% entro il 2008/12

14 Inquinamento radioattivo Negli anni vennero costruite numerose centrali nucleari che utilizzavano la fissione delluranio. Dopo lincidente di Cernobyl molte centrali nucleari come quelle italiane vennero chiuse … Una centrale nucleare infatti, ogni anno produce tonnellate di materiale radioattivo che è molto nocivo perché emana RAGGI GAMMA. Dalle scorie si ricava il plutonio che viene usato come materiale fissile, mentre il resto viene gettato nei fondali oceanici o in miniere abbandonate. HOME

15 La produzione di energia Il ciclo produttivo dellenergia elettrica comprende tre fasi tra loro collegate PRODUZIONE :In una qualsiasi centrale lenergia elettrica viene prodotta dalla rotazione di una turbina che fa girare lalternatore, entra nei trasformatori che ne aumentano la tensione. TRASPORTO: la corrente si sposta sugli elettrodotti (cavi in alluminio dellalta tensione). La corrente viaggia a km\s. DISTRIBUZIONE : nelle periferie delle città cè una centrale di distribuzione con i trasformatori che abbassa la tensione della corrente, da qui partono i cavi che si diramano per le varie utenza (380v industrie, 220v altre utenze). HOME

16 Le centrali che producono energia elettrica sono: Centrale termoelettrica Centrale geotermica Centrale idroelettrica a serbatoio Centrale eolica Centrale fotovoltaica Centrale nucleare Centrale fluviale HOME

17 La centrale termoelettrica è un impianto in cui si usa un combustibile fossile per produrre vapore che fa girare una turbina. Lunità funzionale è detta sezione ed è formata da quattro elementi: DEPOSITO COMBUSTIBILI CALDAIA CON CIMINIERA EDIFICIO SALA MACCHINE HOME Centrale termoelettrica PIAZZALE TRASFORMATORI

18 Centrale termoelettrica Schema di una sezione: CISTERNA COMBUSTIBILE: grande cisterna contenete nafta o cumuli di carbone; CALDAIA: edificio metallico di 50 m con tubi di piccolo diametro snodati a serpentine; CIMINIERA: torre alta 200m colorata con anelli bianchi e rossi, al suo interno quattro canne, una per ogni caldaia; SALA MACCHINE: edificio chiuso in cui sono presenti due macchine: turbina e alternatore; TRASFORMATORE: nel piazzale davanti sono collocati i trasformatori collegati ai cavi dellalta tensione. HOME

19 Centrale termoelettrica schema di una sezione HOME

20 Centrale termoelettrica Funzionamento: Lolio combustibile viene pompato alla caldaia Qui i bruciatori producono fiammate che scaldano i tubi, e lacqua diventa vapore con una pressione notevole Il vapore surriscaldato entra nelle turbine e fa girare le pareti del rotore che trascina lalbero dellalternatore e genera energia elettrica. Questa esce dai morsetti e passa sui cavi dellalta tensione. HOME

21 La centrale geotermica funziona come quella termoelettrica. Lunica differenza è la fonte di energia Dai vaporodotti viene trasportato il vapore che mette in rotazione una turbina. Poi si produrrà elettricità nello stesso modo di una centrale termoelettrica Il vapore viene poi fatto condensare nella TORRE DI CONDENSAZIONE Essa deve sorgere in una particolare area detta area geotermica HOME

22 Centrale nucleare Il suo funzionamento è simile a quello di una centrale termoelettrica, con la differenza che lacqua viene fatta bollire in un contenitore a pressione. La centrale è composta da tre parti: EDIFICIO CON IL REATTORE: cilindro di cemento armato con il reattore che si trova al centro (cilindro di acciaio inox rivestito da 1,2m di cemento). Allinterno di esso si trova il nocciolo che contiene luranio e le barre di controllo. SALA MACCHINE: simile a quella di una centrale termica tradizionale con turbina e alternatore. EDIFICI AUSILIARI: piscine schermate piene dacqua per contenere i combustibili esauriti. Nel reattore viene pompata lacqua dal basso che filtra negli elementi combustibili, assorbe il calore emesso dalla fissione delluranio e si trasforma in vapore vapore. HOME

23 Le centrali idroelettriche sfruttano lenergia cinetica dellacqua per produrre energia elettrica CENTRALE FLUVIALE CENTRALE FLUVIALE : è situata lungo il corso di un fiume. Qui viene costruita una diga per ottenere un dislivello di circa 10 metri HOME CENTRALE A SERBATOIO CENTRALE A SERBATOIO : è situata in alta montagna e la sua potenza dipende dalla capacità del serbatoio e dal dislivello tra il serbatoio e la centrale. In questa centrale è presente una condotta forzata,cioè un tubo in forte pendenza che collega il serbatoio alla centrale CENTRALE A MAREA : è una centrale che sfrutta il dislivello della marea. Ne esiste solo una in Francia sul fiume rance dove esiste un dislivello di marea pari a 12 metri HOME

24 Centrale idroelettrica a serbatoio Lacqua defluisce nel CANALE DI DERIVAZIONE e arriva alla condotta forzata; Lacqua scende lentamente a una quota sempre più bassa e schiacciata dallacqua sovrastante acquista pressione Il getto dacqua colpisce le pale della turbina PELTON con forza che gira e trascina lalternatore che gira e genera corrente elettrica.Alla fine lacqua viene fatta defluire in un fiume. HOME

25 Centrale fluviale Lacqua del fiume entra in una condotta forzata a spirale che termina con ugelli. I getti dacqua spingono LA TURBINA KAPLAN che gira con lalternatore producendo energia Lacqua viene fatta defluire a valle dove riprende il suo corso normale- HOME

26 Un impianto eolico è costituito da un gruppo di aerogeneratori collegati tra loro attraverso un cavidotto interrato che trasformano lenergia cinetica del vento in energia elettrica. Allimpianto eolico è associata una cabina- stazione di consegna che, a sua volta, è connessa alla rete elettrica nazionale Vantaggi: utilizza una fonte inesauribile, non ci sono emissioni inquinanti per latmosfera, può produrre quote significative di energia Svantaggi: limpianto occupa grandi spazi con conseguente variazione del paesaggio, provoca emissioni acustiche ed interferenze elettromagnetiche Torre: sostegno verticale che spesso ha una sezione cilindrica con una scala interna Navicella: guscio affusolato che contiene il generatore di corrente Rotore: formato da pale fissate sul mozzo che ruotano al soffiare del vento trasformando lenergia cinetica in energia meccanica; il rotore gira e aziona un moltiplicatore di giri che è collegato al generatore elettrico, che ha la funzione di trasformare lenergia meccanica in energia elettrica Moltiplicatore di giri: meccanismo che trasforma la rotazione lenta delle pale in una rotazione veloce (15500 giri), in grado di azionare il generatore di corrente HOME

27 Il sistema fotovoltaico è un insieme di componenti meccanici, elettrici ed elettronici che concorrono a captare e trasformare lenergia solare in energia elettrica. Ciò avviene sfruttando leffetto fotovoltaico Effetto fotovoltaico: capacità che hanno alcuni materiali semiconduttori, come il silicio, di generare elettricità se esposti alla radiazione luminosa Vantaggi: utilizza una fonte inesauribile, gratuita e pulita Svantaggi: discontinuità della fonte e costo dei componenti ancora elevato Cella fotovoltaica: lastrina trasparente di materiale semiconduttore con inseriti dei sottili fili conduttori. Quando la luce colpisce la lastrina, nel materiale nasce una debole corrente elettrica che viene raccolta dai fili e portata allesterno per lutilizzazione Una cella di silicio di 10x10 ha la potenza di 1,5 W circa Modulo: è ottenuto dalla connessione elettrica delle diverse celle fotovoltaiche (36 o 72 celle); con 1m 2 si ottiene una potenza di circa 100 W, sufficiente per accendere una lampadina Pannello: è un gruppo di moduli montati su ununica struttura di sostegno Stringa: è linsieme di moduli collegati in modo da fornire la potenza richiesta HOME

28


Scaricare ppt "Campagna Francesco & Ceccato Tommaso III B ICL anno scol. 2007/08."

Presentazioni simili


Annunci Google