La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sindrome da immobilizzazione definizione Complesso di modificazioni cliniche per protratta inattività motoria Complesso di modificazioni cliniche per protratta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sindrome da immobilizzazione definizione Complesso di modificazioni cliniche per protratta inattività motoria Complesso di modificazioni cliniche per protratta."— Transcript della presentazione:

1 Sindrome da immobilizzazione definizione Complesso di modificazioni cliniche per protratta inattività motoria Complesso di modificazioni cliniche per protratta inattività motoria Interessa tutti gli organi Interessa tutti gli organi Indipendente dalla malattia che ha condizionato linattività a letto Indipendente dalla malattia che ha condizionato linattività a letto

2 Sindrome da immobilizzazione caratteristiche principali Patologie multiorgano Patologie multiorgano Indipendenza dalla malattia che provoca linattività a letto Indipendenza dalla malattia che provoca linattività a letto Più grave nellanziano Più grave nellanziano Più rilevante nel paziente chirurgico Più rilevante nel paziente chirurgico

3 Sindrome da immobilizzazione cause Patologie mediche (56%): Patologie mediche (56%): - cardiopatie, malattie neurologiche Patologie chirurgiche e traumatologiche (28%) Patologie chirurgiche e traumatologiche (28%) Malattie neuropsichiatriche (12%) Malattie neuropsichiatriche (12%) Fattori sociali (4%) Fattori sociali (4%)

4 Sindrome da immobilizzazione cause di interesse chirurgico Alterazioni determinate da malattie chirurgiche Alterazioni determinate da malattie chirurgiche Conseguenza dello stress per intervento Conseguenza dello stress per intervento

5 Sindrome da immobilizzazione concause o condizioni favorenti Malattie invalidanti croniche Malattie invalidanti croniche Affezioni acute Affezioni acute Atteggiamenti socio-comportamentali Atteggiamenti socio-comportamentali Trattamenti farmacologici Trattamenti farmacologici

6 Cause della maggiore frequenza della S.I. nellanziano Fisiologico decremento prestazione fisica Fisiologico decremento prestazione fisica Riduzione capacità funzionale degli apparati Riduzione capacità funzionale degli apparati Maggiore morbilità per patologie croniche Maggiore morbilità per patologie croniche Emarginazione Emarginazione Debolezza psicologica Debolezza psicologica Fattori economici Fattori economici

7 Sindrome da immobilizzazione ruolo del chirurgo geriatra Limmobilizzazione può essere dovuta a patologie di pertinenza chirurgica. Limmobilizzazione può essere dovuta a patologie di pertinenza chirurgica. Gli interventi chirurgici maggiori o le complicanze post-operatorie richiedono periodi di allettamento superiore al tempo di comparsa della S.I. Gli interventi chirurgici maggiori o le complicanze post-operatorie richiedono periodi di allettamento superiore al tempo di comparsa della S.I. Alcune manifestazioni cliniche della S.I. possono richiedere un trattamento chirurgico Alcune manifestazioni cliniche della S.I. possono richiedere un trattamento chirurgico

8 Apparati interessati dalla immobilizzazione Sistema nervoso centrale e periferico Sistema nervoso centrale e periferico Apparato cardio-vascolare Apparato cardio-vascolare Apparato tegumentario Apparato tegumentario Apparato urinario Apparato urinario Apparato respiratorio Apparato respiratorio Apparato digerente Apparato digerente Apparato locomotorio Apparato locomotorio Apparato metabolico Apparato metabolico

9 Modificazioni apparato respiratorio Diminuzione del volume corrente Diminuzione del volume corrente Atelettasia Atelettasia Desaturazione arteriosa di O 2 Desaturazione arteriosa di O 2 Diminuzione di PCO 2 Diminuzione di PCO 2 Aumento del PH Aumento del PH Aumento sviluppo batterico Broncopolmoniti Aumento sviluppo batterico Broncopolmoniti Stasi secrezioni bronchiali Stasi secrezioni bronchiali

10 Modificazioni apparato respiratorio Aspetti chirurgici Obesità Obesità Chirurgia addominale maggiore Chirurgia addominale maggiore Posizione supina Posizione supina Respirazione prevalentemente addominale Respirazione prevalentemente addominale Ampia laparotomia Ampia laparotomia

11 Modificazioni apparato circolatorio Riduzione portata ematica Riduzione portata ematica Riduzione marcata del ritorno venoso Riduzione marcata del ritorno venoso Accumulo di catecolamine Accumulo di catecolamine Ipotensione posturale Ipotensione posturale Tromboflebiti arti inferiori Tromboflebiti arti inferiori Embolia polmonare Embolia polmonare

12 Profilassi e terapia delle manifestazioni cliniche apparato circolatorio Eparina Eparina Trombolitici Trombolitici Mobilizzazione precoce in chirurgia Mobilizzazione precoce in chirurgia Compressione elastica Compressione elastica Stimolazione elettrica muscoli polpaccio Stimolazione elettrica muscoli polpaccio Eventuale terapia cardiologica Eventuale terapia cardiologica Trombectomia Trombectomia

13 Modificazioni apparato digerente Anoressia Anoressia a) Riduzione contenuto energetico b) Stato di apatia Stipsi Stipsi a) Assunzione ridotta di cibo b) Cambiamento orari ed abitudini c) Mancanza di privacy d) Allettamento

14 Altre cause di stipsi Occlusioni intestinali meccaniche Occlusioni intestinali meccaniche Disordini elettrolitici Disordini elettrolitici Farmaci Farmaci Sindrome di Ogilvie Sindrome di Ogilvie

15 Modificazioni apparato tegumentario Piaghe da decubito Cause Forza compressiva Forza compressiva Forze di stiramento Forze di stiramento Forze di attrito Forze di attrito Riduzione flusso ematico locale Riduzione flusso ematico locale Riduzione percezione del dolore Riduzione percezione del dolore Azione macerante di urine e feci Azione macerante di urine e feci

16 Modificazioni apparato urinario Ritenzione urinaria Ritenzione urinaria Residuo post-minzionale Residuo post-minzionale Infezione urinaria Infezione urinaria Formazione di calcoli per ipercalciuria Formazione di calcoli per ipercalciuria Incontinenza Incontinenza

17 Aspetti metabolici Malnutrizione Malnutrizione Eliminazione urinaria di Na, K, P, Ca Eliminazione urinaria di Na, K, P, Ca Aumento di lipemia, colesterolemia, rapporto beta/alfa, calcemia Aumento di lipemia, colesterolemia, rapporto beta/alfa, calcemia Ridotta tolleranza idrati di carbonio Ridotta tolleranza idrati di carbonio

18 Modificazioni sistema nervoso Stato confusionale Stato confusionale Ridotta voglia di vivere Ridotta voglia di vivere Aumentata sensibilità del S.N.C. alla tossicità dei farmaci Aumentata sensibilità del S.N.C. alla tossicità dei farmaci

19 Cause chirurgiche dello stato confusionale Entità intervento Entità intervento Farmaci anestetici Farmaci anestetici Controllo dolore post-operatorio Controllo dolore post-operatorio Stato nutrizionale del paziente Stato nutrizionale del paziente Tempo di allettamento Tempo di allettamento Ipotensione Ipotensione Occlusione intestinale Occlusione intestinale Squilibri elettrolitici Squilibri elettrolitici

20 Considerazioni conclusive Prevenzione Prevenzione Individuazioni sintomi iniziali Individuazioni sintomi iniziali Terapia medica o chirurgica Terapia medica o chirurgica Considerazioni conclusive nellanziano Riduzione dellallettamento obiettivo irrinunciabile in ogni paziente chirurgico Riduzione dellallettamento obiettivo irrinunciabile in ogni paziente chirurgico Trattamento in short-stay-surgery Trattamento in short-stay-surgery Metodiche chirurgiche meno complesse e demolitive Metodiche chirurgiche meno complesse e demolitive

21 Tumefazioni della parete addominale

22 1. Ematoma spontaneo o post-traumatico del muscolo retto 2. Tumori benigni a) Lipomi, Fibromi, Angiomi ecc. 3. Tumori maligni a) Sarcomi, Melanomi 4. Tumore desmoide 5. Tumori metastatici a) Per contiguità da neo visceri interni (Ca colon) b) Per via linfo-ematica (Ca mammella) 6. Ernie a) Inguinale, Crurale, Ombelicale, Epigastrica 7. Laparoceli 8. Diastasi dei retti 9. Ernie rare a) Di Spigelio, Lombare, Otturatoria b) Ernie ischiatiche o glutee c) Perineali

23 Ematoma spontaneo del muscolo retto E dovuto a lacerazione o rottura dei vasi epigastrici non secondaria a trauma. Le condizioni favorenti o responsabili sono lobesità, debilitazione, aterosclerosi, collagenopatie, uso di anticoagulanti, cortisonici, piastrinopenie, diverse patologie. La causa è una mancanza di elasticità dellarteria o delle vene o delle fibre muscolari che impedirebbe al vaso di adattarsi allimprovvisa e cospicua variazione del muscolo. Il dolore è il sintomo principale con contratture della parete. Spesso coesistono vomito, tachicardia, febbricola. Lecografia e la TAC sono le indagini per la diagnosi.

24 Ernia di Petit anatomia

25 Plastica per ernia di Petit

26 Ernia di Spigelio anatomia

27 Ernie perineali

28 Tumore desmoide Proliferazione di cellule fibroblastiche priva di capsula e quindi infiltrante i tessuti circostanti. Istologicamente non ha carattere di malignità o di flogosi. Ha unalta incidenza di recidiva, si associa spesso a poliposi ereditaria.

29 Tumore desmoide Classificazione A. Addominale (localizzate e diffuse) Della parete addominale Della parete addominale Retroperitoneale Retroperitoneale Mesenteriali Mesenteriali B. Extra addominali (localizzate e diffuse) Delle estremità Delle estremità Del collo-del dorso Del collo-del dorso C. Cheloidi D. Fibrosarcomi a basso grado di malignità e non metastatizzanti

30 Tumore desmoide Fattori favorenti linsorgenza Trauma chirurgico, accidentale, da parto Trauma chirurgico, accidentale, da parto Estrogeni Estrogeni Modificazioni genetiche Modificazioni geneticheSintomatologia Dolore ( per infiltrazione delle strutture invase). E un sintomo tardivo. Dolore ( per infiltrazione delle strutture invase). E un sintomo tardivo. Sintomi diversi dovuti a compressione dei vasi mesenterici: sanguinamento gastroenterico, rottura dellaorta, insufficienza respiratoria. Sintomi diversi dovuti a compressione dei vasi mesenterici: sanguinamento gastroenterico, rottura dellaorta, insufficienza respiratoria.

31 Tumore desmoide Protocollo Diagnostico Sospetto clinico Sospetto clinico Anamnesi (traumi, gravidanza, poliposi intestinale, familiarità ecc.) Anamnesi (traumi, gravidanza, poliposi intestinale, familiarità ecc.) Ecografia Ecografia TAC con mezzo di contrasto TAC con mezzo di contrasto RMN (per i rapporti con gli organi) RMN (per i rapporti con gli organi) Esame isto-patologico Esame isto-patologico Diagnostica nucleare (per il follow-up) Diagnostica nucleare (per il follow-up)Terapia A. Chirurgica B. Radioterapica C. Farmacologica FANS FANS Antiestrogeni Antiestrogeni D. Chemioterapica

32 Ernie interne

33 Ernie della borsa omentale Ernie della borsa omentale Ernie del forame di Winslow Ernie del forame di Winslow Ernie transmesocoliche Ernie transmesocoliche Ernie del ligamento gastro-colico Ernie del ligamento gastro-colico Ernie della fossa mesenterico-parietale Ernie della fossa mesenterico-parietale Ernie paraciecali Ernie paraciecali Ernie intersigmoidee Ernie intersigmoidee Ernie paraduodenali dx e sx Ernie paraduodenali dx e sx Ernie transmesenteriche Ernie transmesenteriche Ernie post-operatorie Ernie post-operatorie Ernie rare del diaframma Ernie rare del diaframma Ernia postero-laterale di Bochdalek Ernia postero-laterale di Bochdalek Ernia parasternale di Morgagni Ernia parasternale di Morgagni

34 Ernia postero-laterale di Bochdalek e parasternale di Morgagni Sono dovute a difetti di sviluppo del piano muscolo- aponeurotico o delle sierose pleuriche o peritoneali. La sintomatologia è respiratoria o da occlusione per incarceramento dei visceri addominali. Il trattamento chirurgico consiste in plastica del difetto diaframmatico. La diagnosi si avvale di xgrafia apparato respiratorio, radiologia del digerente. La relaxatio del diaframma è una mancanza di tonicità del diaframma per compromissione del nervo frenico.

35 Ernie interne

36 Ernie paraduodenali

37 Ernie paraciecali

38 Ernie rare della parete addominale Pur essendo rare le ernie della parete addominale, escludendo le inguinali e le crurali, le ernie interne debbono essere tenute presenti diagnosticate e trattate chirurgicamente per la complicanza occlusiva con cui quasi sempre si manifestano, anche se indizi della loro presenza possono essere sospettati in elezione se attentamente ricercati.

39 Ernie rare della parete addominale Appropriati esami radiologici standard, la ecotomografia e la TAC sono i mezzi diagnostici più opportuni. Quasi sempre è il ricorso alla laparotomia durgenza per occlusione intestinale a dare certezza di diagnosi. Il trattamento consiste, come per tutte le ernie, nella plastica dellanello erniario con sutura diretta o con protesi.


Scaricare ppt "Sindrome da immobilizzazione definizione Complesso di modificazioni cliniche per protratta inattività motoria Complesso di modificazioni cliniche per protratta."

Presentazioni simili


Annunci Google