La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA RAPPRESENTAZIONE DEL LEASING IN BILANCIO a cura di Claudio Ceradini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA RAPPRESENTAZIONE DEL LEASING IN BILANCIO a cura di Claudio Ceradini."— Transcript della presentazione:

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEL LEASING IN BILANCIO a cura di Claudio Ceradini

2 RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEL LEASING DUE METODI METODO PATRIMONIALE - PER I SOGGETTI CHE REDIGONO IL BILANCIO CIVILISTICO - METODO FINANZIARIO - PER I SOGGETTI CHE REDIGONO IL BILANCIO IAS -

3 FOCUS IAS Facoltà/obblighi TIPOLOGIE DI SOCIETÀBILANCIO CONSOLIDATO IAS BILANCIO DESERCIZIO IAS a) società quotateOBBLIGO DA 2005 FACOLTÀ DA 2005 OBBLIGO DA 2006 b) società con strumenti finanziari diffusi tra il pubblico OBBLIGO DA 2005 FACOLTÀ DA 2005 OBBLIGO DA 2006 c) banche italiane, capogruppo di gruppi bancari, SIM, SGR, finanziarie, istituti di moneta elettronica OBBLIGO DA 2005 FACOLTÀ DA 2005 OBBLIGO DA 2006 d) società assicurativeOBBLIGO DA 2005 OBBLIGO DA 2006 Se quotate e no bilancio consolidato e) società incluse nel bilancio consolidato di società sub a), b), c) e d) FACOLTÀ DA 2005 f) società che redigono il bilancio consolidato diverse dalle società sub a), b), c) e d) FACOLTÀ DA 2005 FACOLTÀ DA 2005, se opzione per il consolidato g/1) società diverse da precedenti incluse nel bilancio consolidato di società sub f) ……FACOLTÀ DA 2005 g/2) società diverse da precedenti non incluse in un bilancio consolidato …… FACOLTÀ dallesercizio individuato con apposito decreto h) società che possono redigere il bilancio abbreviato ……NO

4 METODO PATRIMONIALE BILANCIO LOCATARIO S.P. NESSUNA RILEVAZIONE C.E. CANONI LEASING (B.8) CONTI DORDINE IMPEGNI VERSO CONCEDENTE

5 METODO FINANZIARIO BILANCIO LOCATARIO ATTIVO S.P. VALORE BENE PASSIVO S.P. DEBITO VERSO CONCEDENTE C.E. - QUOTE AMM.TO - INT.PASSIVI

6 INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA I SOGGETTI CHE UTILIZZANO IL METODO PATRIMONIALE DEVONO, AI SENSI DELL ART CO. 1 N. 22 COD.CIV., PREDISPORRE UN PROSPETTO IN NOTA INTEGRATIVA VALORE DEL BENE LOCATO SECONDO IL METODO FINANZIARIO DEBITO IMPLICITO VERSO IL LOCATORE ONERE FINANZIARIO DI COMPETENZA DELLESERCIZIO QUOTE DI AMMORTAMENTO DI COMPETENZA DELLESERCIZIO RELATIVO EFFETTO FISCALE EFFETTI SU RISULTATO E P.N. DERIVANTI DA APPLICAZIONE METODO FINANZIARIO

7 DISCIPLINA FISCALE DEL LEASING PER I CONTRATTI STIPULATI ENTRO IL 31/12/2007, INDIPENDENTEMENTE DALLADOZIONE DEL METODO PATRIMONIALE O FINANZIARIO, I CANONI SONO DEDUCIBILI FISCALMENTE A CONDIZIONE CHE LA DURATA DEL CONTRATTO NON SIA INFERIORE AL 50% DEL PERIODO DI AMMORTAMENTO ORDINARIO PER I BENI IMMOBILI, SE IL RISULTATO E INFERIORE A 8 ANNI O SUPERIORE A 15 ANNI, LA DURATA DEVE ESSERE RISPETTIVAMENTE DI ALMENO 8 ANNI E 15 ANNI

8 DISCIPLINA FISCALE DEL LEASING A SEGUITO DELLE MODIFICHE DELLA FINANZIARIA 2008, I SOGGETTI CHE, ADOTTANDO IL METODO PATRIMONIALE, IMPUTANO A CONTO ECONOMICO I CANONI, LI POSSONO DEDURRE FISCALMENTE A CONDIZIONE CHE LA DURATA DEL CONTRATTO NON SIA INFERIORE AI 2/3 DEL PERIODO DI AMMORTAMENTO ORDINARIO; PER I BENI IMMOBILI, SE IL RISULTATO E INFERIORE A 11 ANNI O SUPERIORE A 18 ANNI, LA DURATA DEVE ESSERE RISPETTIVAMENTE DI ALMENO 11 ANNI E 18 ANNI

9 DISCIPLINA FISCALE DEL LEASING A SEGUITO DELLE MODIFICHE DELLA FINANZIARIA 2008, I SOGGETTI CHE, ADOTTANDO IL METODO FINANZIARIO, NON IMPUTANO A CONTO ECONOMICO I CANONI, SI LIMITANO A DEDURRE LA QUOTA DI AMMORTAMENTO DEI BENI E GLI ONERI FINANZIARI PENALIZZAZIONE PER I SOGGETTI IAS

10 LEASE BACK ART BIS CO. 4 IL CEDENTE/UTILIZZATORE DEVE RIPARTIRE LE EVENTUALI PLUSVALENZE DERIVANTI DALLA CESSIONE DEL BENE AL CONCEDENTE IN FUNZIONE DELLA DURATA DEL CONTRATTO DI LEASING

11 LEASE BACK INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA IL CEDENTE/UTILIZZATORE DEVE INDICARE LE MODALITA DI RISCONTO DELLA PLUSVALENZA E LEFFETTO SU RISULTATO E P.N.

12 CESSIONE DEL CONTRATTO DI LEASING POSIZIONE DEL CEDENTE IL CEDENTE REALIZZA UNA SOPRAVVENIENZA ATTIVA, CHE, DAL PUNTO DI VISTA FISCALE, E PARI AL VALORE NORMALE DEL BENE AL NETTO DEI CANONI RESIDUI E DEL PREZZO DI RISCATTO

13 CESSIONE DEL CONTRATTO DI LEASING POSIZIONE DEL CESSIONARIO IL CESSIONARIO DEVE RIPARTIRE LIMPORTO CORRISPOSTO IN DUE COMPONENTI 1.PARTE RELATIVA AL GODIMENTO DEL BENE NEL PERIODO DI DURATA RESIDUA DEL CONTRATTO – DA IMPUTARE AI DIVERSI ESERCIZI CON LA TECNICA DEL RISCONTO – 2.PARTE RELATIVA AL DIRITTO DI ACQUISIRE LA PROPRIETA DEL BENE ALLA SCADENZA DEL CONTRATTO – DA CONTABILIZZARE COME ACCONTO IN B.II.5 –

14 CESSIONE DEL CONTRATTO DI LEASING RISOLUZIONE 212/2007 LAMMONTARE CHE PER IL CEDENTE COSTITUISCE SOPRAVVENIENZA ATTIVA RAPPRESENTA PER IL CESSIONARIO LA PARTE RELATIVA AL DIRITTO DI RISCATTO DEL BENE - VERRA DEDOTTA ATTRAVERSO LAMMORTAMENTO DEL BENE - MENTRE LIMPORTO EVENTUALMENTE ECCEDENTE RAPPRESENTA LA PARTE RELATIVA AL DIRITTO DI GODIMENTO - DA DEDURRE SULLA BASE DELLA DURATA RESIDUA DEL CONTRATTO -


Scaricare ppt "LA RAPPRESENTAZIONE DEL LEASING IN BILANCIO a cura di Claudio Ceradini."

Presentazioni simili


Annunci Google