La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI – UNOCCASIONE DA NON PERDERE Prof. Ing. Giuliano Cammarata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI – UNOCCASIONE DA NON PERDERE Prof. Ing. Giuliano Cammarata."— Transcript della presentazione:

1 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI – UNOCCASIONE DA NON PERDERE Prof. Ing. Giuliano Cammarata

2 Il problema della riqualificazione energetica La percentuale dei nuovi edifici è variabile fra 0,04-0,06% del parco costruito. Ciò significa che la progettazione ex novo incide solo marginalmente sul parco costruito. La grande maggioranza degli edifici è già costruita e di questa oltre l80-90% non ha mai avuto interventi di riqualificazione energetica e sono stati costruiti prima delle leggi sul contenimento energetico. Risulta quindi molto importante potere intervenire sulledificato esistente con interventi mirati di riqualificazione energetica. In parte questa necessità si attua obbligatoriamente allorquando un edificio subisce una ristrutturazione son superficie utile > 1000 m² o una variazione di volume superiore al 20%, come indicato dal D.Lgs. 192/05. Tuttavia gli interventi di riqualificazione energetica si rendono opportuni nel caso in cui si desideri ridurre anche, e soprattutto, i consumi energetici degli attuali edifici. Si ricorderà, infatti, che un edificio costruito prima delle leggi sul contenimento energetico ha unefficienza energetica EP i compresa fra 150 e 250 kWh/(m².anno) e cioè di un ordine di grandezza superiore a quella di un edificio conforma allattuale normativa (D.Lgs. 192/05 e D.Lgs. 28/2011).

3 Il problema della riqualificazione energetica Ridurre lefficienza energetica EP i a valori variabili fra 50 e 100 kWh/(m².anno) può rappresentare un risparmio notevole di energia e, conseguentemente, dei costi di riscaldamento. Appare subito evidente, infatti, la differenza dei costi di esercizio esistente fra un edificio non progettato e costruito secondo lattuale normativa ed uno progettato e costruito secondo lattuale normativa. Supponendo un costo del gasolio di 1.7 /L e con riferimento ad un appartamento di 100 m² di superficie utile si ha la situazione della seguente tabella. Non occorre una laurea in economia per comprendere quanto sia grande la differenza di costo di gestione fra un edificio non coibentato ed uno ben coibentato. Se poi si considera che il prezzo del gasolio tende ad incrementare nel tempo si può concludere che un costo di gestione elevato potrà incidere negativamente sulle condizioni di comfort ambientale poiché lutenza tenderà a ridurre i tempi di accensione degli impianti di riscaldamento per ridurre i costi. Si vuole in questa sede presentare una casistica di possibili interventi di riqualificazione energetica per edifici esistenti. EP i /(m².anno)/anno

4 Incidenza dei disperdimenti energetici Lincidenza dei disperdimenti attraverso linvolucro appare subito importante per intraprendere qualunque azione di riqualificazione energetica. In Tabella si ha un riepilogo dei disperdimenti per un ristorante in zona B conforme al D.Lgs. 192/05. Lelementi 139 è una parete esterna, lelemento 212 rappresenta i serramenti, il 602 rappresenta i soffitti e il 713 i ponti termici. Come si può osservare il 43,7% dei disperdimenti si ha nelle pareti (in questo caso) e il 32,2% nei serramenti vetrati.

5 Incidenza dei disperdimenti energetici Vediamo un altro caso relativo ad un albergo a cinque piani in zona climatica B, costruito negli anni 70 senza alcun riferimento al risparmio energetico. Lalbergo è a muratura portante con 80 cm di spessore con mattoni pieni e finestre con vetro camera semplice. Ancora una volta gli elementi disperdenti di maggior peso sono le finestre (elemento 216) con 48,2% contro il 24,7% delle pareti. E allora facile ipotizzare due possibili ipotesi di intervento: Aggiungere ulteriore isolante alle pareti; Usare infissi con minore trasmittanza. Traendo spunto da queste osservazioni si discuteranno le strategie di intervento per la riqualificazione energetica.

6 Energia primaria fornita allEdificio Ledificio è un sistema complesso che comprende, oltre le murature, tutti gli impianti. Nel caso di impianti di riscaldamento si hanno quattro sezioni: PRODUZIONE ENERGIA DISTRIBUZIONE ENERGIA CESSIONE ENERGIA REGOLAZIONE IMPIANTO REGOLAZION REGOLAZION

7 Calcolo dellenergia primaria Lenergia primaria che dobbiamo fornire alledificio è data dallenergia da fornire agli impianti incrementata delle perdite di rendimento per: Produzione del calore (in caldaia); Distribuzione del calore mediante le reti di distribuzione; Cessione dellenergia agli ambienti mediante i terminali; Regolazione dellimpianto. Si definisce rendimento globale il prodotto dei quattro rendimenti: Pertanto lenergia primaria è data dal rapporto: Ove Q ST è lenergia stagionale netta da fornire agli impianti ed g il rendimento globale di impianto. In definitiva lenergia primaria tiene conto sia degli scambi termici attraverso il mantello che dellefficienza complessiva dellimpianto.

8 Strategie di Intervento Per edifici esistenti e già dotati di impianti di riscaldamento è possibile conoscere i costi di gestione reali mediante lesame delle bollette energetiche (luce, gas, gasolio,...) esistenti. Rapportando questi consumi alla superficie utile riscaldata (edifici residenziali) si ha un primo calcolo, anche se grossolano, dellIndice di Prestazione energetica EPi: Per edifici non residenziali ci si riferisce al volume. Da questo calcolo, tenendo conto di quanto prima detto sul calcolo dellenergia primaria, si ha una prima idea dellintervento che si intende effettuare. In genere le operazioni possibili sono così classificabili: - Interventi sullisolamento dellinvolucro; - Interventi di sostituzione degli infissi con altri di minore trasmittanza; - Interventi sullimpianto con la sostituzione del generatore; - Interventi di efficientamento energetico dei componenti; - Utilizzo di fonti energetiche rinnovabili (FER). Vediamo singolarmente questi possibili interventi.

9 Interventi sullinvolucro In un edificio da riqualificare le strutture murarie sono già esistenti e gli interventi possibili sono spesso limitati e vincolati. Se ledificio è storico raramente è possibile intervenire sulle murature. Per altro questo possono essere portanti e di spessore notevole (50-90 cm) con trasmittanza compreso fra 0.5 – 0.8 W/(m².K). Mediante termografia si possono individuare le zone più disperdenti sulle quali è opportuno agire maggiormente.

10 Interventi sulle pareti Se ledificio non ha pregi storici e le pareti sono a camera daria allora si può pensare di aggiungere isolante internamente allintercapedine, ad esempio schiumando urea mediante opportuni fori posti in alto rispetto la parete stessa.

11 Interventi sulle pareti Se l'edificio non ha isolamento termico si può pensare di inserire un cappotto termico su tutte le pareti esterne mediante l'applicazione di pannelli isolanti opportunamente protetti. Nel caso che questa non sia possibile, così come suggerito per le coperture, si può pensare di applicare un intonaco per esterno di tipo isolante.

12 Inserimento di pareti ventilate Lisolamento esterno può essere protetto utilizzando una parete ventilata che offre il vantaggio di un ottimo controllo dellumidità e riduce il surriscaldamento solare per effetto della ventilazione.

13 Inserimento di pareti ventilate Esempi di installazione di pareti ventilate

14 Interventi sulle pareti esterne In figura si ha un esempio di intervento sulle pareti allesterno mediante inserimento di isolante a cappotto.

15 Inserimento di schermi esterni – Brise soleil meccanizzate

16 Isolamento sulla faccia interna delle pareti Lisolante sulle facce interne delle pareti è una soluzione spesso dettata dalla necessità di non potere operare sulla faccia esterna. Questa soluzione è la meno efficiente dal punto di vista termofisico ma consente comunque una riduzione della trasmittanza delle pareti esterne.

17 Inserimento di schermi esterni

18 Inserimento di schermi esterni – Brise soleil meccanizzate

19 Schermi antisolari

20 Interventi sulle coperture Le coperture sono spesso interessate da possibili interventi con linserimento di isolante sotto le tegole o con coperture ventilate.

21 Interventi sulle coperture

22 Interventi sul pavimento Anche sui pavimenti è possibile inserire isolante termico

23 Interventi sugli Infissi Nei vecchi edifici gli infissi (solitamente a lastra unica) incidono in maniera sensibile sui disperdimenti totali. La loro sostituzione con doppi o tripli vetri camera, a seconda anche della zona climatica, possibilmente di tipo basso emissivo ( = ) può ridurre la trasmittanza da 5-7 W/(m²K) a W/(m²K) con un notevole effetto sui disperdimenti termici globali. Questa azione è spesso la più semplice e la più conveniente e comporta una riduzione sensibile dellindice di prestazione energetica. Inoltre gli infissi a vetro – camera, come pure lisolamento delle pareti, apportano anche il beneficio del miglioramento del potere fono isolante delle facciate e quindi un netto miglioramento del comfort acustico. Ad esempio le finestre indicate per lalbergo in precedenza hanno le seguenti caratteristiche.

24 Interventi sugli Infissi Si può sostituire il vetro camera con una tripla vetrata con emissività =0.05 e gas Kripton allora si ha Uv=0.5 W/(m²K) e linfisso presenta i dati della tabella, cioè si ha Ug=0.897 W/(m²K). Questa soluzione fa passare Ug da 3.04 a 0,897 W/(m²K) con evidenti risparmi nei disperdimenti. In genere la sostituzione dei vetri richiede anche il cambio degli infissi. Questoperazione, indipendentemente dai costi economici, è più facilmente perseguibile perché meno invasiva di qualunque azione sulle pareti delledificio. La scelta di vetri tripli con gas Kripton o Argon del tipo basso emissivi garantisce sia una bassa trasmittanza termica (< 2 W/(m²K)) che un buon fattore solare.

25 Sostituzione di infissi e vetrate

26 Interventi sui cassonetti Nel caso si debba isolare un cassonetto già in opera, è necessario verificare le dimensioni reali di ingombro del rullo avvolgibile ed i conseguenti spazi rimasti liberi per determinare il massimo spessore consentito per le dimensioni del pannello isolante.

27 Sostituzione del Generatore I generatori, qualora esistenti, degli edifici da riqualificare sono di solito di vecchio tipo e quindi con efficienze non elevate e con elevati consumi. Il cambio del generatore è probabilmente la prima azione congruente possibile. Se il generatore era a fiamma è possibile utilizzare nuovi generatori ad alta efficienza (ad esempio a condensazione) e sostituire lalimentazione a gasolio con quella a gas. La sostituzione del generatore deve tenere conto della temperatura di alimentazione dei corpi scaldanti e della differenza di temperatura di progetto. Si ricorda, infatti, che cambiare T di progetto e la temperatura di alimentazione (ad esempio da 80 °C a 70 °C) comporta la perdita di potenzialità dei corpi scaldanti. Se questo cambiamento è necessario, come indicato dallo stesso D.Lgs. 192/05, allora occorre effettuare una verifica globale sia delle potenzialità dei corpi scaldanti che del bilanciamento delle reti di alimentazione. Nel casi sia possibile e/o necessario utilizzare una pompa di calore è in genere necessario rivedere tutto limpianto.

28 Sostituzione del Generatore – Pompa di Calore Con la pompa di calore si hanno benefici nella riduzione di energia primaria e nella verifica del D.Lgs. 28/2011 ma occorre prevedere una alimentazione a °C con T=5 °C, solitamente molto diversa da quella originale. In questo caso occorre sostituire i corpi scaldanti con termoventilconvettori, da utilizzare anche per il raffrescamento estivo nel caso si utilizzi una pompa di calore reversibile, e riprogettare la rete di distribuzione. Le pompe di calore possono essere utilizzate anche per la produzione di acqua calda sanitaria. Lutilizzo delle pompe di calore aiuta molto nella riqualificazione energetica degli edifici

29 Efficientamento dei componenti E possibile intervenire su tutti i componenti di impianto utilizzando quelli più efficienti, ad esempio circolatori, corpi scaldanti, scambiatori di calore, … Si ricordi che nel calcolo dellindice di prestazione energetica EPi occorre tenere conto del rendimento globale di impianto g ) che è il prodotto dei quattro rendimenti: di produzione p, di distribuzione d, di cessione c e di regolazione r. Questultimo rendimento ( r ) può essere molto migliorato introducendo una regolazione conforme allattuale normativa. Ad esempio si può utilizzare una regolazione centralizzata con sonda master e sub master unitamente ad una regolazione di ambiente, ora obbligatorio, nei singoli corpi scaldanti (valvola termostatica o valvola a tre vie a seconda dei casi).

30 Utilizzo di Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) Le fonti energetiche rinnovabili (FER) sono una grande risorsa energetica che può contribuire grandemente alla verifica dellEPi delledificio da riqualificare. Con riferimento alle UNI TS 11300/4 e al D.Lgs. 28/2011 si possono utilizzare una o più tipologie di FER al fine sia di ridurre lEPi che di avere una Quota Rinnovabile (QR) conforma al D.Lgs. 28/2011. Tuttavia lutilizzo delle FER è spesso vincolato alla disponibilità di superfici di raccolta per i collettori solari (termici e/o fotovoltaici). In edifici esistenti in centri storici spesso si può fare ben poco. Quantomeno i collettori termici per la produzione di acqua calda sanitaria, che richiedono una superficie di raccolta modesta, dovrebbero potersi installare. Oggi è possibile utilizzare anche impianti mini eolici e i micro cogeneratori.

31 Utilizzo di Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) I pannelli fotovoltaici possono essere inseriti nella copertura esistente in modo del tutto integrato.

32 Utilizzo di Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) I collettori solari termici possono essere facilmente inseriti in copertura.

33 Utilizzo di Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) Si possono utilizzare impianti fotovoltaici, se si ha la superficie necessaria disponibile nelledificio o nelle aree di pertinenza.

34 Utilizzo di Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) Si possono utilizzare impianti fotovoltaici utilizzando le falde esistenti.

35 Utilizzo di Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) E possibile inserire piccoli impianti eolici (mini-eolico),

36 Utilizzo dei sistemi di recupero del calore Ove possibile, soprattutto in climi rigidi, si può installare un sistema di ventilazione meccanica con recupero di calore.

37 Riqualificazione energetica – Caso Esempio Una scuola costruita negli anni cinquanta è stata oggetto di uno studio di riqualificazione energetica. Si presenta un riepilogo dei costi delle ipotesi di intervento prese in esame.

38 La centrale esistente La centrale termica era composta da una caldaia per limpianto di riscaldamento a metano da 640 kW con vaso di espansione del tipo aperto. La regolazione elettronica presente era di tipo P-PI con sonda master esterna e valvola atre vie in centrale termica.

39 Caldaia per lacqua calda sanitaria Per la produzione di acqua calda sanitaria era prevista una caldaia a metano da 120 kW.

40 Incidenza dei disperdimenti Ledificio esistente, senza alcun intervento di ripristino, risulta in classe G (EP i =23.3 kWh/(m³.anno) per edilizia scolastica. Lincidenza dei disperdimenti termici delle strutture esistenti è riportato nella figura seguente.

41 Intervento sulle pareti Si è presa in considerazione linserimento di isolante esterno del tipo intonaco isolante costituito da leganti idraulici a cui sono aggiunti materiali isolanti (polistirolo, polistirene, perlite o vermiculite in granuli espansi). E stata presa anche in considerazione linserimento di una parete ventilata con isolamento a cappotto. Linserimento di isolante nella faccia interna della parete può essere effettuato con pannelli di lana di roccia e controparete in cartongesso. Alla fine si è optato per linserimento di urea nelle intercapedini delle pareti in quanto questi lavori sono meno invasivi per la scuola. In copertura si prevede linserimento di strati di materiale isolante posto, ove possibile, sullestradosso.

42 Intervento sulle finestre Si prevede di sostituire gli attuali infissi a vetro singolo con infissi con vetro camera basso potere emissivo. Inoltre si prevede linstallazione di guarnizioni in gomma negli infissi per incrementare la tenuta. Anche il cassonetto delle finestre è soggetto ad isolamento termico per evitare dannosi ponti termici.

43 Intervento sullimpianto Per effetto della riduzione del carico termico conseguente alle opere di riqualificazione sopra indicate si è optato per la sostituzione dei generatori termici a metano con una pompa di calore idronica da 150 kW con serbatoio da 500 L, con potenza elettrica assorbita di 45 kW trifase. Si prevede anche la sostituzione dei corpi scaldanti esistenti (radiatori in acciaio) con termoconvettori dotati di regolazione di ambiente con sonda termica e valvola a tre vie. Per la produzione di ACS (calcolata in 2250 L/giorno) si è predisposto un impianto solare termico integrato da una caldaia a gas da 15 kW. Infine, anche per losservanza del D.Lgs. 28/2011, si è inserito nella copertura della scuola un impianto fotovoltaico da 85 kW.

44 Risultati ottenuti Per effetto degli interventi sopra indicati si ha un EP i = 2.4 kWh/(m³.anno) e ledificio, anche per effetto dellutilizzo delle fonti energetiche rinnovabili e della pompa di calore, si porta in classe A.

45 Valutazioni economiche In figura seguente si ha un grafico circolare con lincidenza economica per ciascuno degli interventi ipotizzati. Il costo totale di tutti gli interventi è pari a ,00. Lanalisi dei flussi di cassa, compresa la vendita dellenergia elettrica prodotta con limpianto fotovoltaico, porta ad NPV= Lanalisi dei tempi di ritorno è riportato in figura seguente dalla quale si evince che un intervento globale, somma di tutti gli interventi proposti (che portano ledificio in Classe A e conforme a tutte le norme vigenti), ha un tempo di ritorno di 8,57 anni.

46 Procedure per lanalisi Costi - Benefici Le procedure da seguire per eseguire un'analisi costi benefici sono così riassumibili: - Definire il problema; aspetti, rimedi, metodologie; - Definire gli obiettivi; - Individuare gli strumenti per perseguire gli obiettivi; - Individuare un insieme limitato di alternative tra cui lo status quo; - Valutare le conseguenze di ogni alternativa per ogni periodo, sia in termini fisici (input e output) che con riferimento ai costi e ai benefici corrispondenti; - Attualizzare i costi e i benefici specificando il tasso di sconto usato e sommare costi e benefici; - Considerare gli aspetti distributivi; - Analizzare il ruolo dellincertezza; - Interpretare i risultati.

47 Benefici figurativi Unanalisi economica si basa sulla valutazione dei costi e benefici degli interventi ipotizzati. Tuttavia non tutti i benefici sono quantificabili e monetizzabili. Alcuni di essi sono figurativi e, probabilmente, costituiscono anche la parte più importante dei risultati ottenibili. Ad esempio sono figurativi: -Laumento del comfort interno per effetto dellisolamento alle pareti. Lincremento della temperatura superficiale interna aumenta la temperatura media radiante avvicinandola a quella di progetto (t a =t mr ); -Lisolamento termico delle pareti è spesso anche isolamento acustico e quindi si ottiene un maggior potere fonoisolante delle pareti esterne, ciò che migliora i requisiti acustici passivi degli edifici; -Lutilizzo di infisso a vetro camera riduce le trasmissione di calore fortemente, specialmente se confrontate con i vecchi vetri semplici, ma aumentano anche il potere fonoisolante delle superfici finestrate e quindi migliorano il comfort acustico; -Luso di schermi esterni (fissi o mobili) riduce il soleggiamento sulle superfici interne degli ambienti riducendo lazione di danneggiamento (invecchiamento e scolorimento) dei mobili, dei quadri e quantaltro colpito dalle radiazioni solari. Inoltre il fattore di luce diurna viene riportato a valori inferiori con vantaggio (minore rischi di abbagliamento diurno) del comfort visivo;

48 Benefici figurativi - Lutilizzo di generatori termici ad alta efficienza, unitamente agli interventi sullinvolucro, riducono i consumi di energia primaria a tutto vantaggio, non solo economico diretto sui costi di esercizio (per altro quantificabili) ma anche sulle emissioni di CO2 e sugli effetti economici (indiretti) di riduzione delle importazioni di prodotti petroliferi. Gli effetti di inquinamento atmosferico si riducono notevolmente. Si tratta di vantaggi importanti per la collettività che, tuttavia, non risultano oggi quantificabili. - Lutilizzo di fonti energetiche rinnovabili, comprese le stesse pompe di calore, riduce lenergia primaria fornita alledificio con indubbi vantaggi, oltre che economici, anche sullinquinamento e sulleconomia nazionale. Da quanto esposto consegue che il tempo di ritorno o il NPV di unanalisi economica non sono i soli riferimenti decisionali per gli interventi di riqualificazione energetica. GRAZIE


Scaricare ppt "RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI – UNOCCASIONE DA NON PERDERE Prof. Ing. Giuliano Cammarata."

Presentazioni simili


Annunci Google