La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

POF 2001 – 2003 approvato dal Collegio dei docenti del 30.05.2001 e dal Consiglio dIstituto del 13.09.2001.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "POF 2001 – 2003 approvato dal Collegio dei docenti del 30.05.2001 e dal Consiglio dIstituto del 13.09.2001."— Transcript della presentazione:

1 POF 2001 – 2003 approvato dal Collegio dei docenti del e dal Consiglio dIstituto del

2 Il Piano dellOfferta Formativa Corsi di studio Liceo Linguistico Liceo Socio-psico-pedagogico Liceo delle scienze sociali

3 Il Piano dellOfferta Formativa Corsi serali per il diploma -linguistico -Socio-psico-pedagogico -liceo scienze sociali -liceo classico -liceo scientifico

4 Il Piano dellOfferta Formativa Corsi di educazione permanente * ECDL Lingue straniere Nuova economia Teatro * organizzati dallIstituto e/o dalla Associazione Rosmini e/o da altri, in collaborazione con la scuola

5 Organi, strutture, servizi Personale docente della scuola -Dirigente scolastico (preside): assicura la gestione unitaria della scuola. -Collaboratori del preside: contribuiscono, soprattutto il Collaboratore Vicario, alla piena realizzazione del POF. -Funzioni obiettivo: il Collegio dei docenti affida ad alcuni dei suoi membri la cura specifica dei seguenti settori, ritenuti particolarmente significativi per il migliore andamento del POF:

6 Funzioni obiettivo attivate.AREA 1. Gestione del piano dellofferta formativa.AREA 3. Interventi e servizi per gli studenti (accoglienza).AREA 3. Iniziative a tutela dellobbligo scolastico.AREA 3. Orientamento universitario e al lavoro

7 Servizi e strutture Sede. LIstituto avrà presto ununica sede, che lAmministrazione Provinciale si è impegnata a costruire nellambito della Cittadella dello studente; attualmente si colloca nellantica sede centrale e presso due sedi distaccate. Presso la sede centrale si trovano le seguenti strutture: -LABORATORIO MULTIMEDIALE, con 20 postazioni Internet e indirizzo per gli studenti. Per laccesso vi è un regolamento -LABORATORIO DI LINGUE 1. Audio-attivo comparativo, con 28 postazioni -LABORATORIO DI LINGUE 2. Audio-attivo comparativo, con 20 postazioni -LABORATORIO SCIENTIFICO con strumentazione aggiornata e telescopio (la scuola organizza periodiche lezioni- studio notturne per losservazione del cielo)

8 Servizi e strutture -BIBLIOTECA MULTIMEDIALE dotata di cd-rom di scienze, arte, storia, letteratura, filosofia, matematica, psicologia ecc.; ampia dotazione di film in VHS -LABORATORIO TEATRALE ROSMINI, anche in lingua straniera; la scuola organizza ogni anno delle rappresentazioni teatrali, alla cui realizzazione gli alunni partecipano attivamente, concorrendo alla definizione dei copioni, delle scene, dei costumi. -PALESTRA interna allistituto -CENTRO STAMPA per luso dei fotocopiatori -Saletta informatica per i docenti. E uno spazio riservato ai docenti per lo studio e luso di computer ed Internet.

9 Altri servizi e iniziative -ECDL (European Computer Driving Licence). Dallo scorso anno la scuola è sede di corsi ed esami per il conseguimento dellECDL, il patentino informatico che aiuta a trovare lavoro. -Trinity College e D.E.LF. Per il quinto anno consecutivo la scuola è sede di esami del prestigioso istituto britannico Trinity College. Da questanno ospiterà anche gli esami per il DELF (Diploma di Studi in Lingua Francese) ed organizzerà corsi appositi per i propri alunni. -Rassegna provinciale del teatro della scuola. E organizzata, già da quattro anni, dal Laboratorio teatrale Rosmini.

10 Altri servizi e iniziative -Soggiorni-studio allestero. Per il secondo anno, la scuola organizza soggiorni-studio qualificati, a costi contenuti, nei paesi di cui si studia la lingua, da effettuarsi nel periodo che precede linizio di ciascun anno scolastico (1-15 settembre circa). Liniziativa vuol favorire la partecipazione di un numero più ampio di alunni ed integrare lattività degli scambi culturali dal punto di vista dellesperienza linguistica. -Stages estivi di lavoro allestero. Si prevede la partecipazione di alcuni nostri studenti ad esperienze di lavoro in Germania. Mentre un nostro docente curerà la permanenza a Grosseto di alcuni studenti di una delle scuole tedesche con cui effettuiamo gli scambi culturali, alcuni nostri studenti, in forma analoga, potranno recarsi per brevi stages di lavoro nella cittadina tedesca di Mϋnster. -Tutela della salute. La scuola ospita esperti che tengono lezioni sulla prevenzione delle malattie, leducazione sessuale, leducazione alimentare, ecc.

11 Organizzazione degli anni scolastici Scansione dellanno. L'anno scolastico è suddiviso in due periodi: un trimestre ed un semestre; alla metà del semestre verrà inviata alle famiglie una comunicazione intermedia riguardo allandamento didattico degli alunni e delle alunne. Il Trimestre è dedicato principalmente ad attività di recupero e consolidamento di conoscenze e capacità pregresse; nelle classi prime e terze verrà dato ampio spazio al lavoro sul metodo di studio. Il Semestre darà invece l'opportunità di approfondire i contenuti disciplinari e svolgere progetti specifici inter- e multidisciplinari. In tale suddivisione sarà possibile una diversa distribuzione dellorario delle discipline, decisa o collegialmente allinterno dei singoli Consigli di classe, o singolarmente da ciascun insegnante riguardo alla propria o alle proprie discipline.

12 Accoglienza. Ha luogo nel corso dellintero anno scolastico, ma si concentra in questi momenti significativi SETTEMBRE Si dà spazio, nei primi giorni di scuola, ad attività che mirano a far conoscere bene listituto, allo scopo di: spiegare come funziona la scuola, chi sono gli insegnanti e il personale amministrativo; illustrare lo Statuto degli studenti e gli organi collegiali, dare informazioni sul ruolo del docente coordinatore, dei rappresentanti di classe (alunni, genitori) e sui loro compiti illustrare per sommi capi il POF, dando anche informazioni sui docenti responsabili di servizi e/o progetti; mostrare quali sono le strutture e i materiali multimediali a disposizione degli studenti: come accedere a Internet, ai computer, alla biblioteca (libri, CD-ROM, videocassette), alle fotocopiatrici, etc.;

13 spiegare i criteri di assegnazione del punteggio desame, dei debiti e dei crediti formativi, etc.; spiegare le modalità organizzative del recupero (in particolare, limportanza che le famiglie dichiarino per iscritto alla scuola se intendono avvalersi o meno dei corsi di recupero); illustrare le iniziative finalizzate allesame di stato (per es. corsi di approfondimento, come richiederli; simulazioni di terza prova e di colloquio; tutor per la preparazione dellargomento desame) OTTOBRE-GENNAIO Attività di accoglienza e orientamento per le scuole medie e i futuri iscritti Segue ACCOGLIENZA

14 Rapporti scuola-famiglia. I docenti ricevono individualmente i genitori sin dallinizio dellanno scolastico. I ricevimenti cessano un mese prima della fine della scuola. I ricevimenti collettivi sono due ed hanno luogo alla metà di novembre e nella prima metà di marzo. Recupero. Ha luogo nel corso dellintero anno, nei modi ritenuti idonei dai docenti, sia nella forma del recupero in itinere al mattino, sia in quella dei corsi pomeridiani (IDEI), tenuti dagli stessi docenti della classe o da altri; questo secondo tipo si concentra in tre fasi principali:

15 RECUPERO Settembre (prima dellinizio delle lezioni) IDEI destinati al risanamento in tempi brevi del debito formativo contratto dagli alunni al momento della promozione, nel giugno precedente. GENNAIO IDEI destinati agli alunni con risultati non sufficienti nelle valutazioni del trimestre MARZO IDEI destinati agli alunni con risultati non sufficienti nelle valutazioni intermedie del semestre

16 Attenzione. Le famiglie saranno tempestivamente informate, per iscritto, della organizzazione dei corsi; hanno però lobbligo di comunicare alla scuola, per iscritto, se intendono avvalersi o meno dei corsi stessi. E inoltre previsto il servizio di docenza a richiesta: gli alunni, anche quelli senza insufficienze, potranno chiedere una lezione specifica, prenotandola presso la segreteria alunni. IL SERVIZIO E ATTIVO NEL SEMESTRE CORSI DI RECUPERO

17 Criteri per la formulazione dellorario Orario provvisorio 1. Assegnazione proporzionata delle ore alle varie discipline 2. Assegnazione giornaliera del singolo docente a classi di una sola sede ( o due al massimo)

18 Criteri per la formulazione dellorario Orario definitivo 1.Distribuzione omogenea dellimpegno scolastico degli studenti nei diversi giorni della settimana 2.Assegnazione giornaliera del singolo docente a classi di una sola sede ( o due al massimo) 3. Codocenze, compresenze ed esigenze professionali dei docenti e loro progetti (collocazione parallela di una quota dellorario delle materie coinvolte in progetti comuni o in attività programmate per classi parallele o classi aperte) 4.Esigenze generali espresse dalle famiglie 5.Bisogni complessivi di alunne ed alunni

19

20 Attenzione. Uscite e/o ingressi durante lorario delle lezioni sono consentiti solo in casi eccezionali e, per gli alunni minorenni, se essi sono accompagnati dai genitori. In ogni caso, non sono ammessi ingressi a scuola dopo le ore 9:30 del mattino, se non per gravi motivi.

21 Criteri per lassegnazione dei docenti alle classi 1. Continuità didattica 2. Anzianità di servizio 3. Collocazione delle classi nelle varie sedi 4. Bisogni professionali dei docenti e loro progetti (vengono assegnati alle stesse classi docenti che hanno presentato un comune progetto interdisciplinare, approvato dal Collegio e inserito nel POF)

22 Criteri per la formazione delle classi.Scelta della lingua straniera.Pari distribuzione dei meriti.Pari distribuzione dei pendolari.Pari distribuzione dei ripetenti (questi hanno il diritto di rimanere nella stessa classe, oppure di chiedere di essere assegnati ad unaltra) Possibilità, per gli alunni dei piccoli centri, di stare nella stessa classe.

23 Lavoro dei docenti e iniziative didattiche comuni Riunioni per materie e per indirizzo. Si svolgono in settembre, prima dellinizio delle lezioni, e gettano le basi per la successiva programmazione dei singoli docenti e dei consigli di classe. Programmazione individuale e dei consigli di classe. Definisce i temi ed i metodi di lavoro dei docenti, con particolare riguardo ai criteri di valutazione. Sono oggetto di programmazione: -il lavoro del singolo docente e dellintero consiglio di classe -i viaggi distruzione e le visite guidate -gli scambi culturali con lestero -la partecipazione degli alunni ad attività di orientamento, ad esperienze culturali extracurricolari come conferenze, lavori teatrali, mostre, tornei sportivi, ecc.

24 Lavoro dei docenti e iniziative didattiche comuni Metodologia. Ai metodi tradizionali dellinsegnamento, che rimangono prevalenti (lezione frontale, interrogazioni orali, compiti scritti) vengono affiancate alcune sostanziali novità: -Il frequente ricorso alla multimedialità (laboratori linguistici e informatici, CD-ROM) -Un maggiore spazio per nuove forme di scrittura (saggio breve, articolo di giornale, lettera o relazione ed altro) -Uso della prove scritte nelle materie orali (anche per una migliore preparazione dellesame di stato, vedi oltre) Preparazione degli alunni agli esami di stato

25 Lavoro dei docenti e iniziative didattiche comuni Viaggi distruzione. Sono strettamente connessi con la programmazione didattica e vengono deliberati dai consigli di classe nelle fasi iniziali dellanno scolastico. Il loro svolgimento è concentrato nella seconda metà di marzo. Scambi culturali con lestero. Lo scambio culturale viene organizzato per singola classe o per classi parallele a partire dalla 3^ classe; il numero dei partecipanti è stabilito in base alle disponibilità dei partner stranieri. Nel caso di classi parallele, nella programmazione delle classi 3^ e 4^, vengono contemplati argomenti di civiltà comuni, in modo da consentire unattività didattica durante lo scambio.

26 Lavoro dei docenti e iniziative didattiche comuni Obbligo scolastico e profili di uscita Alla fine del primo anno scolastico, e comunque al completamento dellobbligo, la scuola fornisce a tutti gli alunni: 1. una certificazione, utile sia al proseguimento degli studi che allinserimento nella formazione professionale, nella quale sarà attestato il profilo duscita (conoscenze e competenze complessivamente acquisite, valutate per livelli da minimo a ottimo); 2. un attestato relativo alle competenze linguistiche acquisite (standard europei). Sportello di consulenza sullobbligo Sarà a disposizione degli alunni per due ore settimanali (mattino e pomeriggio). 4

27 Insegnamento alternativo alla religione cattolica. La scuola cercherà di garantire questo insegnamento a chiunque ne faccia richiesta, compatibilmente con la disponibilità dei docenti e delle proprie risorse finanziarie.

28 .IDIMS (Interventi di didattica integrativa modulare di storia).PROGETTO LETTURA.LE BIOTECNOLOGIE IN INTERNET.LUTILIZZO DEGLI INDICATORI ECOLOGICI PER LO STUDIO DEGLI AGROECOSISTEMI.FASI DISTITUTO CORSA CAMPESTRE E ATLETICA LEGGERA. TORNEO INTERNO DI PALLAVOLO PROGETTI DEI DOCENTI integrati nellorario scolastico

29 .LETTORI MADRELINGUA LSS E SPP inglese e francese.COMENIUS Le minoranze in Europa, ieri e oggi.MICROSTAGES PRESSO SCUOLE MATERNE O DI BASE triennio SPP.CORRISPONDENZA O VIDEO CON SCUOLE FRANCOFONE.LA DIFFERENZA DI GENERE NELLA LINGUA E NELLE RELAZIONI INTERPERSONALI.ORA SETTIMANALE AGGIUNTIVA DI INGLESE e FRANCESE NEL LSS. PROGETTI DEI DOCENTI integrati nellorario scolastico

30 .ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO.TEATRO IN ITALIANO.TEATRO IN LINGUA e DANZA CORSI di DOCENZA PER TRINITY, PET e D.E.L.F..INFORMATICA PER I NONNI.CORSI PER la PREPARAZIONE degli esami dell ECDL.ROSMINI WEB. Completamento e rinnovamento della pagina Web dellIstituto Educazione al cinema attraverso il cinema (PROGETTI DEI DOCENTI) Attività integrative

31 La partecipazione degli alunni alle attività integrative non sostituisce in alcun modo le attività curricolari, non può e non deve nuocere al rendimento scolastico, non giustifica assenze o impreparazioni. Ogni alunno può partecipare alle attività extracurricolari per non più di un pomeriggio alla settimana. I docenti organizzatori di attività extracurricolari, o di progetti ordinari che prevedono attività di questo tipo, sono tenuti ad informare al più presto il consiglio di classe (il cui parere è vincolante), comunicando i nomi degli alunni coinvolti, i tempi e le modalità dellimpegno extracurricolare. Le attività e le rappresentazioni teatrali si concludono entro il mese di marzo.

32 Formazione La rilevazione dei bisogni formativi dellintero personale della scuola (docenti e ATA), lideazione e lorganizzazione di corsi di formazione ed aggiornamento (che possono anche essere diretti alle alunne, agli alunni ed alle famiglie), il coordinamento di attività tese allinnovazione didattica sono affidati ad una delle figure obiettivo, che li porterà avanti dopo aver sentito il Collegio.

33 Attività strutturali Collaboratori del preside Coordinatori di classe Orientamento Orario POF Organizzazione del recupero Formazione Tutela della salute Assistenza laboratorio multimediale Educazione ambientale

34 Attività strutturali Simulazioni e tutor per esami di stato Viaggi d'istruzione, scambi, soggiorni estero Certificazioni ECDL e lingua straniera (Trinity, DELF, ecc.) Cura dei laboratori


Scaricare ppt "POF 2001 – 2003 approvato dal Collegio dei docenti del 30.05.2001 e dal Consiglio dIstituto del 13.09.2001."

Presentazioni simili


Annunci Google