La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Dott.ssa Emiliana Gelisio Medico Dirigente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Dott.ssa Emiliana Gelisio Medico Dirigente."— Transcript della presentazione:

1 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Dott.ssa Emiliana Gelisio Medico Dirigente UOC Vigilanza, Accreditamento e Controllo 29 Marzo 2011

2 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Introduzione Lulcera da pressione rappresenta uno degli eventi avversi più frequenti nei soggetti affetti da sindrome da immobilizzazione, costretti al mantenimento di postura obbligata. Linsorgenza è conseguenza di morbilità, contaminazione batterica e deficit dellimmunità. La prevenzione è lintervento più significativo nellapproccio clinico allulcera da pressione (UDD). 29 Marzo 2011

3 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Obiettivi Analisi dati estratti da SOSIA inerenti tutte le RSA della Provincia di Como. Interpretazione dei parametri ed indicazioni operative. Andamento e analisi statistica comparativa sul 3° trimestre degli anni 2008/2009/ Marzo 2011

4 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Finalità Strategie comuni e percorsi condivisi finalizzati ad accoglienza e/o riaccoglienza ospiti con cute integra, mediante identificazione pazienti a rischio, divulgazione scale di valutazione (rischio, anatomiche, funzionali), utilizzo presidi e/o strumenti e/o sistemi di supporto, valorizzazione sistema operativo e operatori, eliminazione complicanze, abbattimento costi medicazioni, aumento qualità vita ospite. 29 Marzo 2011

5 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Facendo una sintesi dei risultati dei più importanti lavori, uno studio italiano del 1996 (Di Giulio 1996) ha stimato dal 4 al 9% lincidenza delle lesioni da decubito nei pazienti ospedalizzati, con punte del % in quelli più anziani o nei reparti di rianimazione (25%). 29 Marzo 2011

6 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Gli studi che si sono occupati della localizzazione delle lesioni hanno dato risultati concordi: il sacro, i glutei e i talloni sono le zone a più elevato rischio. Quasi la metà delle lesioni che insorgono durante il ricovero appaiono entro i primi 7 giorni di degenza, dato che suggerisce la necessità di instaurare una strategia di prevenzione fin dalle prime ore del ricovero. 29 Marzo 2011

7 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Per quanto riguarda i dati epidemiologici relativi alla situazione italiana, una ricerca multicentrica dellAISLeC (Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee), studiando una popolazione ospedaliera di soggetti, ha calcolato che nel 1994 la prevalenza delle lesioni da decubito era pari al 13,2%, limitatamente a reparti di medicina e chirurgia generale, terapie intensive, traumatologie e riabilitazioni. 29 Marzo 2011

8 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Nello stesso studio la percentuale di lesioni rispetto alla popolazione a rischio varia dal 18 al 47% a seconda dei reparti, con un tasso più elevato nelle medicine e nelle traumatologie. Mentre nel 1984 solo il 30,4% dei pazienti veniva trattato con un presidio antidecubito, a distanza di 10 anni la ricerca AISLeC ha evidenziato un uso di tali presidi nel 53,6% dei soggetti a rischio e nel 73,3% di quelli con una lesione (AISLeC 1995; AISLeC 1996). 29 Marzo 2011

9 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Tuttavia, tra le 150 strutture sanitarie (di cui 30 in ambito domiciliare) interpellate nel 1996 per valutare la diffusione di specifici protocolli operativi, lAISLeC ha rilevato che solo il 41,3% impiegava procedure standardizzate di trattamento e che ausili a fini preventivi erano presenti solo nel 50% delle unità operative, considerando esclusivamente quelli più semplici. Per quanto riguarda invece i presidi, cioè prodotti e medicazioni per il trattamento delle lesioni cutanee, è risultato un abuso di quelli obsoleti o di quelli addirittura controproducenti se usati routinariamente (AISLeC 1998). 29 Marzo 2011

10 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Scale di rischio Norton Braden anatomiche NPUAP funzionali Nano Ricci 29 Marzo 2011

11 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne SCALA A PUNTEGGIO DI NORTON INDICATORIVARIABILI CONDIZIONI GENERALI BUONEDISCRETESCADENTIGRAVI STATO MENTALELUCIDOAPATICOCOMA APALLICOCOMA MOBILITA'AUTONOMAPOCO LIMITATAMOLTO LIMITATA IMMOBILITA' INCONTINENZA FECALE ASSENTEOCCASIONALECONTROLLATA DA FARMACI CONTINUA PUNTEGGIO INDICATORE 4321 PUNTEGGIO FINALE RISCHIO ASSENTE: da 16 a 15 RISCHIO LIEVE: da 14 a 12 RISCHIO ELEVATO: uguale o inferiore a Marzo 2011

12 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne ParametroValutazione verbalePt. Percezione Sensoria Adeguata (Risposta a stimoli verbali, nessun impedimento a rendere noto verbalmente uno stato di dolore o di scomodità) 4 Leggermente limitata (Risposta a stimoli verbali, ma non sempre riesce a rendere noto un eventuale stato di dolore o scomodità) 3 Molto Limitata (Risposta solo a stimoli dolorosi, incapacità di comunicare dolore o scomodità tranne con mugolii e lamenti o agitazione) 2 Completamente limitata (Nessuna risposta, neppure a stimoli dolorosi)1 Umidità Cutanea Pelle Asciutta (non viene rilevato quasi mai sudore, urina o altro)4 Pelle occasionalmente bagnata3 Pelle molto spesso bagnata2 Pelle costantemente bagnata1 Attività Fisica Cammina frequentemente (Esce dalla stanza un paio di volte al giorno e gira per la stanza almeno ogni 2 ore nelle ore di veglia) 4 Cammina occasionalmente (Percorre distanze molto brevi, con/senza assistenza. Passa la maggior parte del tempo seduto o a letto) 3 Costretto su sedia (Non è in grado di sostenere il proprio peso e deve essere aiutato a sedersi su sedia o sedia a rotelle)2 Costretto a letto (Non può muoversi dal letto)1 Mobilità Illimitata (Compie spostamenti frequenti ed ampi senza alcuna assistenza)4 29 Marzo 2011

13 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne SCALE ANATOMICHE Le classificazioni anatomiche si basano sulla morfologia e la profondità della piaga, descrivendone il progressivo aggravamento. Tra queste, una delle più utilizzate la NPUAP (proposta dal National Pressure Ulcer Advisory Panel nel 1989),che classifica le ulcere da pressione in quattro stadi. 29 Marzo 2011

14 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne SCALE FUNZIONALI Il terzo gruppo comprende le classificazioni di tipo funzionale volte a considerare gli aspetti evolutivi generali e locali. Secondo Nano la piaga è lespressione cutanea delle condizioni generali del paziente. In base a questa classificazione le piaghe sono divise in tre gruppi. 29 Marzo 2011

15 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne SCALE FUNZIONALI I gruppo: comprende le piaghe acute che compaiono in pazienti in condizioni generali molto gravi. II gruppo: comprende le piaghe propriamente dette. III gruppo: comprende le piaghe croniche con scarsa o nulla tendenza alla guarigione. 29 Marzo 2011

16 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne SCALE FUNZIONALI Altra classificazione funzionale è la Ricci-Cassino. Essa si basa su due criteri fondamentali di analisi della lesione cutanea, il tessuto e lessudato. Sono tre i possibili tipi di tessuto del letto della piaga: necrotico; infetto; deterso. Esistono poi tre tipi di essudato: scarso/assente (ferita asciutta); moderato (ferita umida); abbondante (ferita iperessudante). 29 Marzo 2011

17 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Dati RSA provincia di Como 29 Marzo 2011

18 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

19 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

20 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

21 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

22 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

23 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

24 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

25 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

26 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

27 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

28 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne 29 Marzo 2011

29 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo 29 Marzo 2011 Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne

30 UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Conclusioni Certificare le UDD allingresso dellospite Monitoraggio delle UDD con un follow up di 12 mesi (RSA che accettano) Protocollo di intesa tra UOC Accreditamento, Vigilanza e controllo – PAC – Aziende Ospedaliere della provincia 29 Marzo 2011


Scaricare ppt "UOC Accreditamento Vigilanza Controllo Dati SOSIA e indicazioni per una corretta elaborazione di procedure interne Dott.ssa Emiliana Gelisio Medico Dirigente."

Presentazioni simili


Annunci Google