La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Percorso svolto : Confronto e approfondimento dei temi da sviluppare. Riportare al centro del nostro lavoro la qualità dellattività didattica. Aggiornarsi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Percorso svolto : Confronto e approfondimento dei temi da sviluppare. Riportare al centro del nostro lavoro la qualità dellattività didattica. Aggiornarsi."— Transcript della presentazione:

1

2 Percorso svolto : Confronto e approfondimento dei temi da sviluppare. Riportare al centro del nostro lavoro la qualità dellattività didattica. Aggiornarsi attraverso la ricerca sul fare scuola Avere punti di riferimento in comune: variabili che riteniamo determinanti (curricolo, relazione, contesto) attorno alle quali costruire progetti di innovazione condivisi parametri utili per valutare la qualità del fare scuola (ascolto, cooperazione tra pari, qualità dellindividualizzazione).

3 Le tre variabili di apprendimento Al centro della ricerca e azione didattica Qualità del curricolo Relazioni tra persone Contesto di apprendimento

4 Proposta di lavoro Progettare elementi di curricolo verticale su temi selezionati per la loro significatività nella formazione del cittadino. I temi scelti : 1. Misura e misurazione 2. Cittadinanza e Costituzione

5 Progetto curricolo verticale anno scolastico 2011/2012 Tema: Cittadinanza e Costituzione Rappresenta il filo conduttore delle attività che in verticale si rapportano con il ruolo della scuola verso la costruzione della cittadinanza. Contiene lo studio delle norme fondamentali per la cittadinanza democratica (Costituzione italiana, Dichiarazione universale dei diritti umani, Convenzione ONU sui diritti delle bambine e dei bambini).

6 Il tema comporta alcuni rischi: della forzatura educazionale e moralista della contrapposizione tra percorso curricolare e interventi educazionali Proveremo a superarli facendo interagire all'origine le conoscenze con il più alto grado di coscienza/consapevolezza. Gli elementi sintattici di un sapere sono formativi tanto più sono coerenti con un mondo di significati Pensiamo alla scuola come: Luogo per formare il senso di responsabilità del singolo verso la collettività Luogo per educare il cittadino in quanto titolare di diritti civili e politici Luogo che assume la convivenza democratica come prassi Luogo di educazione attraverso listruzione come formazione culturale Riflessioni

7 In sintesi: La scuola è un laboratorio di democrazia, cioè un luogo in cui si praticano regole, in cui si respira democrazia, il luogo dei diritti e dei doveri, della certezza e della significatività delle regole.

8 Ragionamenti sulla progressività verticale Lattività didattica si può collegare senza forzature con lo sviluppo delle competenze previsto dalle indicazioni nazionali

9 Scuola dellinfanzia: Molto importante il contenuto delle indicazioni nazionali 2007 in riferimento al primo campo di esperienza (il sé e laltro). Il lavoro sulla cittadinanza è un elemento di trasversalità a tutte le attività didattiche in quanto tutte sono determinanti per lesplorazione dellidentità che si sta costruendo in rapporto alle relazioni con gli adulti e gli altri bambini e in particolare allevoluzione che si attua in riferimento al concetto di regola. [Come rendere significative tali esperienze? È centrale lassunzione di responsabilità verso di sé e verso gli altri?]

10 Scuola primaria: Le indicazioni riconoscono nel porre le basi per lesercizio della cittadinanza attiva un compito peculiare del ciclo scolastico. Anche qui conta la qualità dellambiente educativo e delle relazioni umane. Si deve tenere presente che in questa fascia di età si sviluppano comportamenti legati a idee nuove sulle nozioni di errore, di bugia, di responsabilità, di giustizia. Lo sviluppo del concetto di regola praticato in ambito collettivo/sociale si accompagna allincontro con le grandi norme che il modo adulto ha costruito per poter convivere. Si possono costruire attività volte a scoprire la mentalità del giurista affrontando i testi delle convenzioni partendo da temi vicini allesperienza quotidiana dei bambini (i diritti dei bambini, la famiglia, la scuola, la guerra …)

11 Scuola secondaria: Scuola secondaria di primo grado: Il lavoro di studio avviato nella primaria può assumere un carattere di maggiore sistematicità e storicità (ogni civiltà si basa su codici con diversi livelli di condivisione). Ritorna però forte il problema di costruire, con il protagonismo dei ragazzi, un ambiente scolastico segnato dalla convenienza della democrazia (dallesperienza di modificare le norme interne alla partecipazione a consigli investiti di compiti di governo su alcuni aspetti della vita scolastica). Scuola secondaria di secondo grado: Rappresenta il tempo in cui la scuola si pone come obiettivo lacquisizione del concetto adulto di Diritto e di Stato di diritto.

12 I nostri step focalizzare lattenzione a livello trasversale sul concetto di regola. raccogliere le esperienze già in atto nei vari ordini di scuola sperimentare in continuità verticale un percorso dal titolo: Le regole nelle fiabe. In particolare si è scelto di lavorare insieme sulla fiaba di Pinocchio (infanzia- primaria- secondaria) elaborando una traccia per ordine di scuola e trasversale.

13 Le regole in Pinocchio Scuola dellInfanzia (tabella)tabella Scuola Primaria (tabella)tabella Secondaria di I grado (tabella)tabella

14 Scuola dellInfanzia «Morbelli» Pinocchio per… Sentire, Conoscere, Fare, Comunicare (ispirato al progetto "Pinocchio tra fantasia e realtà" dellI.C. Berlinguer di Ragusa e opportunamente modificato sulla base delle nostre esperienze). La storia di Pinocchio farà da riferimento trasversalmente ai vari campi di esperienza.

15 Attività: Lettura della storia di Pinocchio; visione del film danimazione; individuazione e riconoscimento delle principali sequenze e dei personaggi; drammatizzazione; attività grafico-pittoriche; giochi motori in palestra; conversazioni e animazioni con luso di burattini; associazioni musicali al contesto narrativo; costruzione di un libro delle regole dello star bene; confronti guidati tra giochi con e senza regole; conversazioni su: le regole nella storia di Pinocchio e le conseguenze nel non seguirle da parte del protagonista, le regole nelle nostre situazioni quotidiane in famiglia e a scuola, necessità e utilità delle regole, ecc Laboratorio di scrittura creativa: invenzione del seguito di Cappuccetto Rosso e intrecci con la fiaba di Pinocchio (con assegnazione/scambi di ruoli e riflessioni sulle azioni e le responsabilità dei protagonisti ) Attività svolte dai bambini dellinfanziaAttività svolte dai bambini dellinfanzia

16 Scuola Primaria «Morbelli» Obiettivi: stimolare la capacità di accettare e manifestare abilità sociali nella piccola comunità scolastica; attraverso le avventure e disavventure di Pinocchio giungere alla consapevolezza della necessità di regole per una civile convivenza. Attività: Lettura della storia di Pinocchio; presentazione della storia e dei personaggi in Power Point;Power Point riconoscimento dei vari personaggi individuazione delle storie in sequenze; svolgimento di attività grafico pittoriche come riproduzione dei personaggi della storia (Grillo parlante, Fata turchina, Mangiafuoco, Lucignolo, Pinocchio) con lausilio di diversi materiali;Grillo parlanteFata turchina drammatizzazione di alcuni personaggi e costruzione di alcune parti di essi (maschera del Grillo, cappello e bacchetta della Fata, naso e cappello di Pinocchio); conversazione sulle regole in alcuni brani della storia ; realizzazione delle maschere di Pinocchio e sfilata di Carnevale con la partecipazione di tutte le classimaschere Attività svolte dalla Primaria A. Morbelli

17 Questo percorso ha la finalità di far riflettere gli allievi su comportamenti, valori e regole, alla ricerca di significati comuni e condivisi. La speranza è che i valori e gli insegnamenti, ricercati e scoperti nel testo di Pinocchio, conducano gli allievi a vivere la loro cittadinanza in maniera più consapevole e costruttiva. Attività svolte dagli alunni della I F Secondaria «P.Straneo»

18 Sportello genitori Pinocchio sulla luna viaggio immaginario tra sogno, finzione e realtà Presso la Scuola Morbelli (in continuità Infanzia-Primaria e in collaborazione con le Scuole Tecniche S. Carlo), durante gli incontri denominati Un tè insieme, sono state condotte riflessioni e attività di laboratorio dal titolo Pinocchio sulla luna, viaggio immaginario tra sogno (tema del precedente anno scolastico), finzione e realtà con il personaggio della fiaba più tradotta al mondo. Nellambito del Progetto di curricolo verticale dellIstituto su Cittadinanza e Costituzione, è stato in particolare affrontato il tema delle regole di convivenza, a partire dallimmagine del viaggio insieme e dalla considerazione delle nostre diverse provenienze, caratteristiche e abitudini.

19 Pinocchio sulla luna viaggio immaginario tra sogno, finzione e realtà Attività: Narrazioni di sé attraverso oggetti compilazione di un documento di viaggio, rappresentazioni grafiche, approccio alla scrittura creativa, lavori al telaio nellambito dei Progetti promossi da ICS-Onluss, costruzione di un grande Astrolibro pop-up Qui Pinocchio ha rappresentato il simbolo delliter comune e la fiaba è stata rielaborata secondo diversi gradi di complessità. Il tutto si è concluso con un momento di verifica sul ritorno dal viaggio e su ciò che ciascuno ha portato a casa dallesperienza, seguito da una merenda con specialità tradizionali dei vari Paesi. Lavori svolti dai genitoriLavori svolti dai genitori Carta didentitàCarta didentità

20 ALTRI PERCORSI Nellambito di ciascun plesso appartenente allI.C. Straneo si sono sviluppati in continuità anche altri percorsi, sempre in riferimento al tema cittadinanza e costituzione e alla regola nelle fiabe (o storie). Cappuccetto Rosso e le regole (V A Morbelli & sez 5 anni Infanzia Morbelli, Franzini, Campi) Lextraterrestre «Naturac» ( «Caduti per la libertà» - classi Prime e gruppo di 5 anni Infanzia)

21 Lextraterrestre «Naturac» Primaria e Infanzia «Caduti per la libertà» (Sez.5 anni infanzia - I A- I B primaria) Il progetto continuità gruppo di 5 anni e classi prime Caduti, questanno ha previsto la continuazione dellesperienza dellanno precedente, che ha visto quale protagonista lextraterrestre Naturac. La tematica approfondita è La cittadinanza in quanto «…la scuola è un laboratorio di democrazia, un luogo in cui si praticano regole di democrazia, il luogo dei diritti e dei doveri, delle certezze e della significatività delle regole.» Attività svolte dagli alunni di I A- I B – Attività svolte dagli alunni di I A- I B – sez 5 anni


Scaricare ppt "Percorso svolto : Confronto e approfondimento dei temi da sviluppare. Riportare al centro del nostro lavoro la qualità dellattività didattica. Aggiornarsi."

Presentazioni simili


Annunci Google