La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 36° Stormo Ufficio Meteorologico Aeroportuale. 2 FREQUENZE % STAGIONALI DI PRESENZA DI TS SU GIOIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 36° Stormo Ufficio Meteorologico Aeroportuale. 2 FREQUENZE % STAGIONALI DI PRESENZA DI TS SU GIOIA."— Transcript della presentazione:

1 1 36° Stormo Ufficio Meteorologico Aeroportuale

2 2 FREQUENZE % STAGIONALI DI PRESENZA DI TS SU GIOIA

3 3 I temporali sono le manifestazioni più pericolose per il volo turbolenzaturbolenza formazioni di ghiaccioformazioni di ghiaccio grandinegrandine scarsa visibilitàscarsa visibilità fulminifulmini rapida variazione di pressionerapida variazione di pressione

4 4temporali frontali instabilità di massa accompagnano specialmente i fronti freddi e i fronti occlusi convettivi orografici

5 5

6 6 Il cumulonembo (CB) è la sede dei temporali. Il CB è una nube a grande sviluppo verticale. 600 ft ft km

7 7 base scura e ben marcata corpo consistente in una colonna di colore bianco grigiastro con contorni ben definiti sommità (incudine) di forma piatta e struttura cristallina

8 8 Ogni TS può essere formato da uno o più CB (cellule temporalesche) Ogni TS può essere formato da uno o più CB (cellule temporalesche) Le cellule temporalesche hanno forma circolare od ellittica Le cellule temporalesche hanno forma circolare od ellittica

9 9 Lattività di ogni cellula temporalesca è divisa in tre fasi: fase iniziale o di cumulo fase di massimo sviluppo o di pioggia fase di dissolvimento

10 10 Correnti: tutte ascendenti tutte ascendenti aumentano dintensità con laltezza aumentano dintensità con laltezza si spingono oltre la sommità del cumulo si spingono oltre la sommità del cumulo Fase iniziale o di cumulo

11 11 Correnti: discendenti nella parte della cellula ove hanno luogo le precipitazioni; discendenti nella parte della cellula ove hanno luogo le precipitazioni; ascendenti nella rimanente parte e nella parte superiore del cumulo. ascendenti nella rimanente parte e nella parte superiore del cumulo. MAX VELOCITA: in media ca. 15 m/s (FL 200 – 260) ! A VOLTE, ANCHE 30 m/s ! Fase di massimo sviluppo o di pioggia

12 12 Correnti: discendenti in gran parte della cellula discendenti in gran parte della cellula divergenti al suolo divergenti al suolo diminuiscono progressivamente dintensità con lattenuarsi delle precipitazioni. diminuiscono progressivamente dintensità con lattenuarsi delle precipitazioni. Fase di dissolvimento

13 13

14 14 TURBOLENZA DOVE ? generalmente nellinterno delle cellule generalmente nellinterno delle cellule Negli interspazi, fra cellula e cellula, si presentano molto deboli (1-2 m/s) o mancano del tutto. forti variazioni di quota (centinaia e talvolta migliaia di feet) forti variazioni di quota (centinaia e talvolta migliaia di feet) Diminuzione repentina della velocità (1) Diminuzione repentina della velocità (1) PERCHE E PERICOLOSA ? è prodotta dalle intense correnti verticali è prodotta dalle intense correnti verticali COME NASCE ? (1) cfr. Inconveniente di volo RS61-004/0939/G53-1 del )

15 15 MAX TURBOLENZA FL

16 16 MIN TURBOLENZA FL VELOCITA DELLE CORRENTI VERTICALI: in generale, meno di 4,5 m/s

17 17 IN LINEA DI MASSIMA, A TUTTE LE QUOTA LE CORRENTI ASCENDENTI SONO PIU INTENSE DI QUELLE DISCENDENTI

18 18 NON OPPORSI AD ESSE (a meno che non si sia costretti a farlo per evitare gli ostacoli orografici) NON OPPORSI AD ESSE (a meno che non si sia costretti a farlo per evitare gli ostacoli orografici) mantenere laereo in assetto leggermente cabrato, usando con molta precauzione i comandi (per evitare di sottoporre a sollecitazioni maggiori il velivolo) mantenere laereo in assetto leggermente cabrato, usando con molta precauzione i comandi (per evitare di sottoporre a sollecitazioni maggiori il velivolo) Il velivolo in balia della turbolenza è soggetto ad intense sollecitazioni

19 19 CONTROLLO DELLA VELOCITA BASSAVEL. ALTAVEL. Le correnti ascendenti causano un momentaneo aumento dellincidenza dellala STALLO Il carico alare può raggiungere valori così alti da superare la resistenza strutturale CEDIMENTO STRUTTURALE

20 20 FORMAZIONE DI GHIACCIO il CB costituisce lambiente fisicamente più idoneo alla formazione di ghiaccio FL Formazioni più abbondanti di ghiaccio

21 21GRANDINE Può provocare gravi danni sia alla cellula dellaereo (1) che ai motori. Difficile prevedere se e dove vi sia grandine in un TS. In genere la si incontra sotto la base del CB nelle zone di precipitazione (evita di attraversarle, se puoi). (1) Cfr. Inconveniente di volo RS15/SV/107460/G53-1/2 del ; RS9- 30/1192/G53-1/3 del

22 22FULMINI Temporaneo abbagliamento della vista (1) Temporaneo abbagliamento della vista (1) Può danneggiare leggermente i piani di coda e le estremità delle ali producendo piccoli fori. Può danneggiare leggermente i piani di coda e le estremità delle ali producendo piccoli fori. Danni più consistenti a: Danni più consistenti a: Antenne radio, tubi per le prese daria del Pitot, ecc.Antenne radio, tubi per le prese daria del Pitot, ecc. Avarie (spegnimento radar (2), bloccaggio dell'HSI (2), apparati di navigazione (2), reset del main computer di bordo (3), ecc.) Avarie (spegnimento radar (2), bloccaggio dell'HSI (2), apparati di navigazione (2), reset del main computer di bordo (3), ecc.) (1) Cfr. Inconvenienti volo RS37-131/0030/G53-1/1 del (2) Cfr. Inconvenienti volo RS14/SV/10165/G53-1 del ; RS9-30/012/G53-1/3 del (IMPATTO CON FULMINE); (3) RS36-12/217/G32-1 del )

23 23 Le rapide variazioni della pressione provocano conseguenti variazioni di altezza nellaltimetro Quando esci da un temporale, apporta le debite correzioni altimetriche in base ai dati più recenti di pressione.

24 24 SE POSSIBILE, EVITA DI ENTRARE NEI TEMPORALI SE POSSIBILE, EVITA DI ENTRARE NEI TEMPORALI attraversali negli interspazi esistenti fra i vari cumuli (il radar può rilevarli) attraversali negli interspazi esistenti fra i vari cumuli (il radar può rilevarli) vola attraverso la parte più bassa (tra 5000 e 6000 ft) se consentito dallorografia della regione vola attraverso la parte più bassa (tra 5000 e 6000 ft) se consentito dallorografia della regione non volare oltre le cime dei CB (le correnti ascendenti aumentano dintensità con la quota fino a ca ft al di sopra del top dei CB) non volare oltre le cime dei CB (le correnti ascendenti aumentano dintensità con la quota fino a ca ft al di sopra del top dei CB) SE PROPRIO NON PUOI

25 25 Se entri in un temporale dinstabilità, non tornare indietro (questi temporali hanno piccole dimensioni: 15 – 30 km) (1) Se entri in un temporale dinstabilità, non tornare indietro (questi temporali hanno piccole dimensioni: 15 – 30 km) (1) Invece i temporali frontali possono essere molto estesi (anche centinaia di km): attraversa i fronti perpendicolarmente per evitare questo rischio! Invece i temporali frontali possono essere molto estesi (anche centinaia di km): attraversa i fronti perpendicolarmente per evitare questo rischio! Se voli sotto un temporale, evita le aree di precipitazione (zone di max turbolenza, max prob di incontrare grandine, ceiling molto bassi, visibilità scarsa) Se voli sotto un temporale, evita le aree di precipitazione (zone di max turbolenza, max prob di incontrare grandine, ceiling molto bassi, visibilità scarsa) (1) cfr. Inconveniente volo RS61-004/0913/G53-1 del )

26 26 TUTTO CIO CHE E PREVEDIBILE E PREVENIBILE !!!

27 27 FAI UN'ACCURATA ANALISI DELLE CONDIMETEO IN FASE DI PIANIFICAZIONE (zone temporalesche attive o in formazione) FAI UN'ACCURATA ANALISI DELLE CONDIMETEO IN FASE DI PIANIFICAZIONE (zone temporalesche attive o in formazione) IN VOLO, UTILIZZA IL RADAR METEO PER VERIFICARE LA POSIZIONE DI CB: RIPIANIFICA LA MISSIONE IN UNA ZONA DI LAVORO DIFFERENTE (1) IN VOLO, UTILIZZA IL RADAR METEO PER VERIFICARE LA POSIZIONE DI CB: RIPIANIFICA LA MISSIONE IN UNA ZONA DI LAVORO DIFFERENTE (1) IN CASO DI AVARIA O ASSENZA RADAR METEO, CHIEDI ALLE STAZIONI RADAR DI TERRA PER EVENTUALE CLUTTER SULLO SCHERMO RADAR (POSSIBILE NUBE TEMPORALESCA) (2) IN CASO DI AVARIA O ASSENZA RADAR METEO, CHIEDI ALLE STAZIONI RADAR DI TERRA PER EVENTUALE CLUTTER SULLO SCHERMO RADAR (POSSIBILE NUBE TEMPORALESCA) (2) (1) cfr. RS9-30/1395/G53-1/3 del (2) cfr. Inconveniente volo RS61-004/0913/G53-1 del )

28 28Ricorda: La Meteo può aiutarti! METAR, SPECI, TAF METAR, SPECI, TAF SIGMET SIGMET SW EUROPEA SW EUROPEA SW LOW LEVEL ITALIA SW LOW LEVEL ITALIA IMMAGINI DA SATELLITE IMMAGINI DA SATELLITE NEFOANALISI NEFOANALISI SCARICHE ELETTRICHE SCARICHE ELETTRICHE NEFODINA NEFODINA RADIOSONDAGGI ATTUALI E PREVISTI RADIOSONDAGGI ATTUALI E PREVISTI E MOLTO ALTRO ANCORA !!!


Scaricare ppt "1 36° Stormo Ufficio Meteorologico Aeroportuale. 2 FREQUENZE % STAGIONALI DI PRESENZA DI TS SU GIOIA."

Presentazioni simili


Annunci Google