La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONDUZIONE e MANOVRE con il …………………………………. Flotta del Lario J24 Marco Stefanoni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONDUZIONE e MANOVRE con il …………………………………. Flotta del Lario J24 Marco Stefanoni."— Transcript della presentazione:

1 CONDUZIONE e MANOVRE con il …………………………………. Flotta del Lario J24 Marco Stefanoni

2 Argomenti Lequipaggio: ruoli e manovre Posizione dellequipaggio Virata Issata dello spinnaker Strambata Ammainata dello spinnaker

3 Composizione dellequipaggio 5 persone per 400 kg (media di 80 kg ciascuno) n°1: prodiere pesante 86 kg, elevata forza n°2: resp. dellassetto pesante 86 kg, elevata forza n°3: tattico pesante 86 kg, elevata forza n°4: tailer scattante, peso medio 70 kg, molta forza n°5: timoniere peso medio 70 kg

4 Lequipaggio cosa regola 5 timoniere: scotta randa, carrello randa, paterazzo 4 tailer: scotte fiocco scotta e braccio spi (con poco vento) 3 tattico: braccio spi (vento medio/forte), eventualmente lasca scotta fiocco in virata (vento forte) 2 resp. assetto: vang, cunningam (randa/fiocco), tesabase, carica alto e basso, barber, drizza genoa/spi in issata e drizza spi in ammainata 1 prodiere: drizza spi in ammainata, tangone

5 Posizione dellequipaggio di bolina con vento leggero (0-10 nodi) Il n°5 è sempre sopravento allaumentare del vento si spostano: Lasciare libera la visuale al timoniereLasciare libera la visuale al timoniere 2 e 3 fanno tattica guardando il campo di regata e gli avversari2 e 3 fanno tattica guardando il campo di regata e gli avversari Aiutare la virata con rollio (sbandare e raddrizzare)Aiutare la virata con rollio (sbandare e raddrizzare) vento 0-4 vento 4-7 vento 0-4 vento 4-7 vento 7-10 vento 7-10

6 Posizione dellequipaggio di bolina con vento fresco (10-18 nodi) Il n° 1 regola : randa, carrello e paterazzo Il n° 2 e 3 fanno tattica Il n° 4 è il primo a spostarsi in virata sopra i 15 nodi non serve più fare rollare la barca

7 Posizione dellequipaggio di bolina con vento forte (sopra18 nodi) Vang cazzato, carrello sottovento, paterazzo al massimo, il n° 1 regola la scotta randa per controllare lo sbandamento

8 Posizione dellequipaggio di poppa vento medio leggero comunica all1: 4 comunica all1:pressione o poca pressione 2 rivolto anche a poppa per controllare gli avversari e chiamare le raffiche 1 cura la tattica (zona destra o sinistra ?) quando il vento ruota buono è meglio strambare

9 Posizione dellequipaggio di poppa vento forte Il n° 3 aiuta il n° 4 con il braccio Il n° 2 è pronto a lascare il vang in caso di straorza

10 LA VIRA – il timoniere Possiamo separare la virata in 2 fasi: 1.Spostamento veloce allorza di 25°-30° (per ridurre il tempo di decelerazione andando vero langolo morto) 1.Rallentamento alluscita dalla virata (per dare il tempo al tailer di cazzare il genoa, specialmente con vento sopra i 12 nodi e riposizionarsi correttamente di bolina stretaa sulle nuove mura) allenatevi con lausilio del log a mantenendo la massima velocità durante la manovra

11 LA VIRA – il tailer E il primo a scendere in pozzettoE il primo a scendere in pozzetto Afferra la scotta sopravento (già posizionata con 1 giro sullwinch nella precedente virata) recuperando limbandoAfferra la scotta sopravento (già posizionata con 1 giro sullwinch nella precedente virata) recuperando limbando Molla la vecchia scotta, creando una situazione di a collo a seconda del ventoMolla la vecchia scotta, creando una situazione di a collo a seconda del vento Cazza con bracciate lunghe la nuova scotta lasciando lasco cm per far riprendere velocità alla barcaCazza con bracciate lunghe la nuova scotta lasciando lasco cm per far riprendere velocità alla barca Da volta al 2°/3° giro sullwinchDa volta al 2°/3° giro sullwinch Cazza a segno quando la barca ha raggiunto la massima velocità (target)Cazza a segno quando la barca ha raggiunto la massima velocità (target) I tailers esperti, incrociano le scotte per poterle regolare da sopravento I tailers esperti, incrociano le scotte per poterle regolare da sopravento

12 LA VIRA – il resto dellequipaggio Il prodiere è lultimo a lasciare la battagliola.Il prodiere è lultimo a lasciare la battagliola. Si dispone lateralmente allalbero, aiuta il passaggio del genoa e recupera eventualmente la base dentro la battagliola. Facilita il rollio con vento debole Il n°2 e il n°3 passano sullaltro lato sotto al bomaIl n°2 e il n°3 passano sullaltro lato sotto al boma Faciliteranno il rollio se necessario, altrimenti passeranno velocemente Faciliteranno il rollio (con una azione di pressione sulla battagliola dal lato del futuro sottovento) se necessario, altrimenti passeranno velocemente

13 LISSATA DELLO SPINNAKER Esistono diverse manovre di issata a seconda delle mure con cui si arriva in boa e delle mure che si vogliono tenere una volta girata la boa: BEAR AWAY (poggio e isso. Arrivo e continuo mure a dritta )BEAR AWAY (poggio e isso. Arrivo e continuo mure a dritta ) TACK AND HOIST (viro poggio e isso. Arrivo mure a sinistra e continuo mure a dritta )TACK AND HOIST (viro poggio e isso. Arrivo mure a sinistra e continuo mure a dritta )

14 LISSATA DELLO SPINNAKER GYBE SET mure a dritta (poggio, isso e strambo. Arrivo mure a dritta e continuo mure a sinistraGYBE SET mure a dritta (poggio, isso e strambo. Arrivo mure a dritta e continuo mure a sinistra GYBE SET mure a sinistra (viro, poggio, strambo e isso. Arrivo mure a sinistra e continuo mure a sinistra)GYBE SET mure a sinistra (viro, poggio, strambo e isso. Arrivo mure a sinistra e continuo mure a sinistra)

15 BEAR AWAY alzata normale Prima di arrivare in boa il prodiere sgancia la varea del tangone dalla sartia restando seduto in falchetta (il braccio è già stato fatto passare nella varea e lamantiglio e il caricabasso sono già fissati)Prima di arrivare in boa il prodiere sgancia la varea del tangone dalla sartia restando seduto in falchetta (il braccio è già stato fatto passare nella varea e lamantiglio e il caricabasso sono già fissati) A 3 lunghezze dalla boa, e allordine del timoniere, il n°1 lascia la posizione e fissa la varea allalbero, mentre il n°2 regola lamantiglio e il caricabasso posizionando il tangone allaltezza desiderata.A 3 lunghezze dalla boa, e allordine del timoniere, il n°1 lascia la posizione e fissa la varea allalbero, mentre il n°2 regola lamantiglio e il caricabasso posizionando il tangone allaltezza desiderata. Il n°3 si porta dentro al tambuccio e aiuta la vela ad uscire mentre il n°4 recupera il braccio fino a portare il punto di mura a circa 2 metri dal tangone.Il n°3 si porta dentro al tambuccio e aiuta la vela ad uscire mentre il n°4 recupera il braccio fino a portare il punto di mura a circa 2 metri dal tangone. Il n°4 si porta in pozzetto e si prepara a lascare solo in parte il genoaIl n°4 si porta in pozzetto e si prepara a lascare solo in parte il genoa Quando la prua della barca è allaltezza della boa, il n°2 drizza lo spi, mentre il prodiere aiuta a fare arrivare a segno il braccio cazzato dal n°4.Quando la prua della barca è allaltezza della boa, il n°2 drizza lo spi, mentre il prodiere aiuta a fare arrivare a segno il braccio cazzato dal n°4. Lo spi si drizza completamente, mentre il n°4 continua a cazzare il braccio, fino alla giusta angolazione del tangone ed il n°3 inizia a regolare la scotta mettendo a segno lo spi. Alla fine la passerà al 4Lo spi si drizza completamente, mentre il n°4 continua a cazzare il braccio, fino alla giusta angolazione del tangone ed il n°3 inizia a regolare la scotta mettendo a segno lo spi. Alla fine la passerà al 4 Il n°2 libera la drizza del genoa, che viene ammainato dal n° 1.Il n°2 libera la drizza del genoa, che viene ammainato dal n° 1. Il n°4 regola la scotta e con vento medio/leggero anche il braccio.Il n°4 regola la scotta e con vento medio/leggero anche il braccio. Il barber di sottovento è già mollato e quello di sopravento cazzato prima dellissata

16 BEAR AWAY

17 TACK & HOIST virata e issata Arrivando in boa con mure a sinistra bisogna prima virare e subito issare. Sarà necessario preparare il tangone prima della virata Arrivando in boa con mure a sinistra bisogna prima virare e subito issare. Sarà necessario preparare il tangone prima della virata Il n° 1 prepara il tangone incocciando la varea allalbero ma lasciando lestremità abbassata in coperta (scotta sopra il tangone e braccio già passato). Aiuterà il genoa a passare sopra durante la virataIl n° 1 prepara il tangone incocciando la varea allalbero ma lasciando lestremità abbassata in coperta (scotta sopra il tangone e braccio già passato). Aiuterà il genoa a passare sopra durante la virata Appena passato il genoa il n° 2 alza il tangone a segno.Appena passato il genoa il n° 2 alza il tangone a segno. Con estrema velocità si procede a compiere la normale issata spi con mure a dritta eseguendo il bear awayCon estrema velocità si procede a compiere la normale issata spi con mure a dritta eseguendo il bear away Il n°1 si sposta a prua per cazzare il braccio, il n°2 si porta allalbero per drizzare lo spi, il n°3 dietro al tambuccio ed il n°4 al braccioIl n°1 si sposta a prua per cazzare il braccio, il n°2 si porta allalbero per drizzare lo spi, il n°3 dietro al tambuccio ed il n°4 al braccio come si può notare nel tack & hoist la virata e lissata vengono svolte senza soluzione di continuità.

18 TACK & HOIST

19 JIBE SET giro la boa, strambo e isso Se occorre avere mure a sinistra sul lato di poppa ho 2 soluzioni: Se occorre avere mure a sinistra sul lato di poppa ho 2 soluzioni: 1.Alzare normalmente lo spi (bear away) e subito dopo strambare 2.Eseguire il gibe set E utile avere lo spi a dritta. Se lo spi è armato a sinistra (come normalmente avviene) si fanno passare scotte e drizza sullaltro lato durante la bolina.E utile avere lo spi a dritta. Se lo spi è armato a sinistra (come normalmente avviene) si fanno passare scotte e drizza sullaltro lato durante la bolina. Lissata avviene durante la strambata al giro di boa (senza tangone)Lissata avviene durante la strambata al giro di boa (senza tangone) Per velocizzare luscita dello spi, il n° 1 può raccoglierlo un attimo prima della manovra portandolo nel triangolo di prua Dopo si procede a sistemare il tangone, a mettere a punto lo spi ed ad ammainare il genoa.Dopo si procede a sistemare il tangone, a mettere a punto lo spi ed ad ammainare il genoa.

20 JIBE SET

21 DOPO LISSATA Terminata lissata dello spi il n° 2 libera la drizza del genoa o del fiocco mentre il n° 1 si preoccupa di raccoglierlo dentro la battagliola e di spingerlo verso prua per facilitare il passaggio delle scotte sopra il boma durante le strambateTerminata lissata dello spi il n° 2 libera la drizza del genoa o del fiocco mentre il n° 1 si preoccupa di raccoglierlo dentro la battagliola e di spingerlo verso prua per facilitare il passaggio delle scotte sopra il boma durante le strambate Il n° 2 metterà a segno: base, cunningam e vangIl n° 2 metterà a segno: base, cunningam e vang Il n° 1 lasca paterazzo e regola il carrelloIl n° 1 lasca paterazzo e regola il carrello

22 LA STRAMBATA Il n° 2, poco prima di iniziare la manovra, quando il timoniere stà poggiando, cazza il barber sottovento (mentre il n°4 lasca la scotta quanto basta) e lasca il caricabasso. Poi si occupa di regolare lassetto della barca spostandosi da una parte allaltra velocementeIl n° 2, poco prima di iniziare la manovra, quando il timoniere stà poggiando, cazza il barber sottovento (mentre il n°4 lasca la scotta quanto basta) e lasca il caricabasso. Poi si occupa di regolare lassetto della barca spostandosi da una parte allaltra velocemente Il n° 1 sopravento allalbero (spalle a poppa) fa passare il tangone facendo passare la scotta genoa sopra lo stesso.Il n° 1 sopravento allalbero (spalle a poppa) fa passare il tangone facendo passare la scotta genoa sopra lo stesso. Il timoniere fa passare la randa con colpo deciso, mentre passa il tangoneIl timoniere fa passare la randa con colpo deciso, mentre passa il tangone Il n°4 e il n°3 con vento forte porteranno uno la scotta (nuova) e laltro il braccio (nuovo), se viceversa il vento non crea troppa trazione, la strambata viene eseguita solo dal n° 4.Il n°4 e il n°3 con vento forte porteranno uno la scotta (nuova) e laltro il braccio (nuovo), se viceversa il vento non crea troppa trazione, la strambata viene eseguita solo dal n° 4. Il n° 2 lasca il barber della scottaIl n° 2 lasca il barber della scotta In caso di vento forte è utile anticipare il passaggio della randa, rispetto al boma, per creare un cera copertura dello spi e facilitare il compito del prodiere

23 AMMAINATA DELLO SPI Lo spi viene ammainato sulla sinistra. Se si arriva in boa con mure a sinistra (come normalmente avviene) si ammainerà da sopravento, togliendo il tangone prima dellammainata.Lo spi viene ammainato sulla sinistra. Se si arriva in boa con mure a sinistra (come normalmente avviene) si ammainerà da sopravento, togliendo il tangone prima dellammainata. E utile arrivare sulla boa di poppa piena (anche in leggera strapoggia), per poter portare lo spi senza tangone durante le ultime lunghezze, e ritardare al massimo lamminata.E utile arrivare sulla boa di poppa piena (anche in leggera strapoggia), per poter portare lo spi senza tangone durante le ultime lunghezze, e ritardare al massimo lamminata. Nel momento in cui il prodiere toglie il tangone, il tailer dovrà cazzare il braccio, per compensare lavanzamento del punto di mura. Il n° 2 aiuterà questa andatura senza tangone, sporgendosi con il suo braccio sinistro come tangone umano fino allordine di ammainare.Nel momento in cui il prodiere toglie il tangone, il tailer dovrà cazzare il braccio, per compensare lavanzamento del punto di mura. Il n° 2 aiuterà questa andatura senza tangone, sporgendosi con il suo braccio sinistro come tangone umano fino allordine di ammainare.

24 LA MANOVRA di ammainata prima della manovra:prima della manovra: –il n° 2 regola : tesabase e cunningam, –il timoniere regola: carrello e paterazzo –Il n° 3 recupera la scotta genoa e la fissa allo strozzascotte Il n° 2 issa il genoa allordine, regolando la tensione della drizza in base al ventoIl n° 2 issa il genoa allordine, regolando la tensione della drizza in base al vento Il n° 1 sgancia il tangone dal braccio, molla lamantiglio, sgancia il tangone dallalbero, sistemandolo sulle sartie e si prepara a mollare la drizza spi.Il n° 1 sgancia il tangone dal braccio, molla lamantiglio, sgancia il tangone dallalbero, sistemandolo sulle sartie e si prepara a mollare la drizza spi. Il n°2 fa da tangone umano e allordine di ammainare, ruota di circa 120° verso poppa trascinandosi la vela che il n°3 provvederà ad infilare nel sacco.Il n°2 fa da tangone umano e allordine di ammainare, ruota di circa 120° verso poppa trascinandosi la vela che il n°3 provvederà ad infilare nel sacco. Il n°4, dopo aver filato la scotta, e girata la boa, provvederà a cazzare velocemente la scotta genoa per la bolina (facendo attenzione a non stallare la vela)Il n°4, dopo aver filato la scotta, e girata la boa, provvederà a cazzare velocemente la scotta genoa per la bolina (facendo attenzione a non stallare la vela)

25 Fine …………………………………. Flotta del Lario J24 Marco Stefanoni


Scaricare ppt "CONDUZIONE e MANOVRE con il …………………………………. Flotta del Lario J24 Marco Stefanoni."

Presentazioni simili


Annunci Google