La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Concorso Cucina senza rifiuti: consapevole, sana ed economica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Concorso Cucina senza rifiuti: consapevole, sana ed economica."— Transcript della presentazione:

1 Concorso Cucina senza rifiuti: consapevole, sana ed economica.

2 I.C. N.3 Lombardo Radice – Patti(ME) Classi: III A della scuola secondaria di I grado V. Bellini e III A della scuola secondaria di I grado di Montagnareale. Insegnanti: Maria Ficarra – Montagnareale Maria Natoli - Patti

3 Verdure selvatiche ed erbe officinali Le tematiche che noi docenti abbiamo scelto sono Verdure selvatiche ed erbe officinali sia perché nel nostro territorio crescono spontaneamente nei prati e sui dorsali collinari, sia perché, in un passato non troppo lontano rappresentavano una fondamentale risorsa alimentare per la popolazione locale. Infatti, era quasi abitudine quotidiana andare per i campi e per le timpe in cerca di verdure selvatiche che servivano ai nostri nonni per alimentarsi ma anche, per curare delle malattie.

4 Finalità Questo lavoro, pertanto, ha avuto diverse finalità: - Far Riscoprire agli alunni il valore della natura - Conoscere le proprie radici e, pertanto, la riscoperta della relativa identità socio- culturale, al fine di operare il recupero del passato, visto in un rapporto dialettico con il presente e con levoluzione della società odierna. - Valorizzare il passato, in quanto esso fa parte della nostra storia e della nostra cultura. Infine educare gli alunni a saper convivere con la generazione passata, vista sia come risorsa etico- culturale, sia come depositaria di saggezza e di buonsenso.

5 Come i nonni si curavano…. Intervista ai nonni

6 Raffreddore In una pentola piena dacqua si metteva dentro salvia e niputedda e si faceva bollire per circa unora. Si appoggiava la pentola sopra una sedia, si copriva la testa con una coperta, si spostava il coperchio lateralmente e con quel calore che usciva lo si inalava. si curava con salvia e niputedda(nepitella).

7 Per la cattiva digestione Si bolliva finocchio selvatico, alloro e scorza di limone. Si filtrava il tutto e si beveva tiepido.

8 Per le ferite Si raccoglieva la niputedda(nepitella), si pestava in un mortaio e si metteva sulla ferita fasciandola con la garza.

9 Per mantenere i denti bianchi Si prendevano delle foglie di salvia e si strofinavano sui denti.

10 Per calcoli renali Si facevano bollire per circa unora, radici di ramigna(gramigna), radici di rovi, radici di scalimmici(scardaccioni) e fiori di ficodindia. Il decotto si lasciava per una notte. La mattina si filtrava. Si beveva due- tre bicchieri di quellacqua al giorno.

11 Per la forfora e la caduta dei capelli Ortica Si faceva bollire lortica per circa unora: Si lasciava per una notte, con il decotto si massaggiavano i capelli.

12 Per bronchite e lasma Si mangiavano i rapuddi o cavuliceddi

13 Per i foruncoli Per accelerare la maturazione dei foruncoli si metteva malva pestata nel mortaio.

14 Per disintossicare il fegato Si mangiava la bietola marina o gira, il tarassaco, i crisciuni.

15

16 Scottatura Si prendeva un pezzetto di pianta di aloe e si passava sopra la scottatura.


Scaricare ppt "Concorso Cucina senza rifiuti: consapevole, sana ed economica."

Presentazioni simili


Annunci Google