La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Montale fa degli Ossi di seppia, il titolo della prima raccolta (1925) il simbolo della propria poesia. Una vita morta e reietta dalle onde sulle spiagge.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Montale fa degli Ossi di seppia, il titolo della prima raccolta (1925) il simbolo della propria poesia. Una vita morta e reietta dalle onde sulle spiagge."— Transcript della presentazione:

1 Montale fa degli Ossi di seppia, il titolo della prima raccolta (1925) il simbolo della propria poesia. Una vita morta e reietta dalle onde sulle spiagge. Ciò vuol dire aspirare ad unoggettività inorganica, che conservi solo il ricordo della sua vitalità esistenziale, definitivamente trascorsa e consumata. Una pumicea aridità, traccia di vite sconosciute e lontane che si traduce in un verso e in un lessico quotidiano, pietroso, secco. Correlativo oggettivo di una aridità esistenziale, specchio di unumanità naufragata nelle tenaglie del nazifascismo Eugenio montale (Genova 1986, Milano 1981) Ossi di seppia

2 Largomento della poesia di montale: luniversalità della condizione umana intesa come disarmonia rispetto ai valori del fascismo Largomento della mia poesia è la condizione umana in sé considerata, non questo o quellavvenimento storico. Ciò non significa estraniarsi da quanto avviene nel mondo … Avendo sentito … una totale disarmonia con la realtà che mi circondava, la materia della mia ispirazione non poteva essere che quella disarmonia. Lantifascista Montale traspone il suo male di vivere, dovuto alla coscienza di una crisi storica che dilacera il tessuto etico sociale dellEuropa in cui il nazifascismo lavevano precipitata, su un piano esistenziale, come disgregazione universale, che non vede alcuna via duscita se non nella coscienza o nel sentimento. Una disperazione e un pessimismo che non permette altro rimedio che unaffermazione stoica di dignità umana, nello sforzo di sopravvivere a tanto naufragio

3 Non chiederci la parola che squadri da ogni lato lanimo nostro informe, e a lettere di fuoco lo dichiari e risplenda come un croco perduto in mezzo a un polveroso prato. Ah luomo che se ne va sicuro, agli altri e a se stesso amico, e lombra sua non cura che la canicola stampa sopra uno scalcinato muro! Non domandarci la formula che mondi possa aprirti, sì qualche storta sillaba e secca come un ramo. Codesto solo oggi possiamo dirti, ciò che non siamo, ciò che non vogliamo Non chiederci la parola Ossi di seppia

4 Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro dorto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo o sulla veccia spiar le file di rosse formiche chora si rompono ed ora sintrecciano al sommo di minuscole biche. Osservar tra i frondi il palpitare lontano di scaglie di mare mentre si levano tremuli scricchi di cicale dai calvi picchi. E andando nel sole che abbaglia sentire con triste meraviglia comè tutta la vita e il suo travaglio in questo seguitare una muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia. Meriggiare pallido e assorto Ossi di seppia

5 Le occasioni Cuore delle Occasioni è lenigma indecifrabile della vita. Al poeta che si sente come un albero bruciato dallo scirocco (1926) non resta che la memoria che, sollecitata da un evento o da unoggetto dipana matasse di ricordi perduti e recuperi un gesto, un momento sicchè dal morto/viluppo di memorie balzi fuoriun fantasma che…salva, e luomo scopra nella rete che ci stringe una maglia rotta e fugge e scappa (In Limine, in Ossi di seppia). Sono queste quelle rare occasioni che rendono ancora possibile la vita. La quotidiana modestia degli oggetti di questa lirica delle occasioni costituisce il correlativo oggettivo (concetto elaborto in quegli anni da Eliot) che ha il compito di tradurre iconicamente le emozioni, il male di vivere del poeta.

6 La poesia di Montale: evasione dalla realtà o testimonianza e denuncia del nazifascismo ? Qualcuno vi ha visto uno scampo aristocratico, un evasione dalla realtà, in quegli anni bui in cui dittature e guerre soffocano la vita (Petronio) Altri (Salinari-Ricci) ne sottolineano il valore di poesia- testimonianza, in quanto denuncia diretta di una esperienza di vita, che in quelle circostanze storiche non poteva non tradursi nel correlativo oggettivo di una umanità infelice e disperata, viste le circostanze storiche; non una fuga, dunque, ma una denucia che pone un abisso critico alla retorica, allottimismo al velleitarismo della propaganda fascista. Come sembra testimoniare la Casa dei doganieri dove la concezione disperata che ne emerge testimonia la reazione morale di chi vuole porgersi a ciglio asciutto, senza speranze o consolazioni di fronte alla terribile realtà dellItalia fascista.

7 La casa dei doganieri Tu non ricordi la casa dei doganieri sul rialzo a strapiombo della scogliera: desolata tattende dalla sera in cui ventrò lo sciame dei tuoi pensieri e vi sostò irrequieto. Libeccio sferza da anni le vecchie mura e il suono del tuo riso non è più lieto. la bussola va impazzita alla ventura e il calcolo dei dati più non torna: Tu non ricordi; altro tempo frastorna la tua memoria; un filo saddipana. Ne tengo ancora un capo; ma sallontana la casa e in cima al tetto la banderuola affumicata gira senza pietà. be tengo un capo ma tu resti sola né qui respiri nelloscurità. Oh lorizzonte in fuga, dove saccende rara la luce della petroliera! Il varco è qui? (ripullula il frangente ancora sulla balza che scoscende…) Tu non ricordi la cassa di questa mia sera. Ed io non so chi va e chi resta. Da Le occasioni, Torino Einaudi, 1939

8 Lermetismo La lezione di Ungaretti e Montale si trova alla base dellopera di un gruppo di poeti e di critici che costituirono fra il 30 e il 40 una vera e propria scuola e che vennero chiamati ermetici Anchessi come i primi due hanno come modello il decadentismo francese e si servono dellanalogia come forma principale di espressione tanto da generare nel verso un etsraneamento del piano del significato rispetto a quello del significante. Tanto che il primo risulta di difficile e comprensione, data la natura criptica del secondo che non consente una facile decifrazione. Anchessi puntano ad una essenzialità lirica che riproduca la triste condizione esistenziale delluomo privo di libertà di fronte al fascismo

9 Salvatore Quasimodo(Modica 1901, Napoli 1968) Della scuola dei poeti ermetici vanno ricordati A. Gatto, L. Sinisgalli, S. Solmi, M. Luzi, V. Sereni, S. Penna, G. Caproni. Su questi spicca la figurwa di S. Quasimodo, nobel per la letteratura nel Al centro del primo tempo della poesia di Quasimodo, quello più propriamente ermetico della raccolta Ed è subito sera, ci sono la Sicilia e la sua infanzia che si traducono in un unico sogno.

10 Vento a Tindari Tindari, mite ti so fra larghi colli pensile sullacque dellisole dolci del dio, oggi massali e ti chini in cuore. Salgo vertici aerei precipizi, assorto al vento dei ini, e la brigata che lieve maccompagna sallontana nellaria, onda di suoni e amore, e tu mi prendi da cui male mi trassi e paure dombre e di silenzi, rifugi di dolcezze un tempo assidue e morte danima. te ignota è la terra ove ogni giorno affondo e segrete sillabe nutro: altra luce ti sfoglia sopra i vetri nella veste notturna, e gioia non mia riposa sul tuo grembo. Aspro è lesilio, e la ricerca che chiudevo in te darmonia oggi si muta in ansia precoce di morire; e ogni amore è schermo alla tristezza, tacito passo nel buio dove mi hai posto amaro pane a rompere. Tindari serena torna; soave amico mi desta che mi sporga nel cielo da una rupe e io fingo timore a chi non sa Che vento profondo mha cercato

11 La poesia della maturità: la voce della Resistenza al nazifascismo Quasimodo raggiunge la piena maturità nellimmediato dopoguerra quando in lui possiamo trovare come dimensione costante lattenzione rivolta allumanità colpita dalla guerra e dalla violenza, ununumanità che paga un prezzo di sangue alla lotta per liberarsi dal terrore a dallodio e per riconquistare con la libertà perduta da 20 anni la dignità e la speranza

12 Alle fronde dei salici E come potevamo noi cantare con il piede straniero sopra il cuore fra i morti abbandonati nelle piazze sullerba dura di ghiaccio, al lamento dagnello dei fanciulli, allurlo nero della madre che andava incontro al figlio crocifisso sul palo del telegrafo? alle fronde dei salici, per voto, anche le nostre cetre erano appese, oscillavano lievi al triste vento. Partigiani impiccati per rappresaglia


Scaricare ppt "Montale fa degli Ossi di seppia, il titolo della prima raccolta (1925) il simbolo della propria poesia. Una vita morta e reietta dalle onde sulle spiagge."

Presentazioni simili


Annunci Google