La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ATTIVITA DI FORMAZIONE 2007 IN MATERIA DI SICUREZZA E PREVENZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ATTIVITA DI FORMAZIONE 2007 IN MATERIA DI SICUREZZA E PREVENZIONE."— Transcript della presentazione:

1 ATTIVITA DI FORMAZIONE 2007 IN MATERIA DI SICUREZZA E PREVENZIONE

2 Modulo 1 : IL RISCHIO MONOSSIDO DI CARBONIO 17 gennaio 2006 Modulo 2 : IL SOCCORSO NELLE AZIENDE A RISCHIO 24 gennaio 2006 Modulo 3 : LA MOVIMENTAZIONE DELLE MERCI PERICOLOSE 31 gennaio 2006

3 Modulo 2 IL SOCCORSO NELLE AZIENDE A RISCHIO

4 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO La raffineria di Sannazzaro insieme al Deposito Praoil, agli Stabilimenti GPL e Air Liquide sono da considerarsi stabilimenti a RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE ai sensi del Decreto Legge 334 del 1999 (o legge SEVESO 2) in quanto in esso sono detenuti una certa quantità di sostanze pericolose così come specificato nellallegato 1 della legge sopra citata.

5 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO Vediamo quali sono i prodotti chimici più comuni e per i quali le aziende del nostro territorio rientrano in quanto prescritto dal D.L. 334: Composti del Nichel in forma polverulenta 1 ton.Raffineria Idrogeno5 ton.Raffineria Metanolo500 ton.Raffineria Ossigeno200 ton.Raffineria, Air Liquide Prodotti Petroliferi2500 ton.Raffineria, Praoil, Stab. GPL

6 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO Uno stabilimento può essere comunque classificato a RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE anche se non possiede i prodotti chimici indicati prima ma, nella sua attività usa determinati prodotti classificati secondo leclassi di pericolo. Che cosè la classe di pericolo? Con classe di pericolo si intende la proprietà intrinseca di una sostanza di provocare danni per la salute umana, per le strutture o per lambiente.

7 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO Sostanze MOLTO TOSSICHE 5 tonn. Sostanze TOSSICHE 50 ton Sostanze COMBURENTI 50 ton Sostanze ESPLOSIVE Da 10 a 50 ton. Sostanze INFIAMMABILI 5000 ton. Sostanze FACILM. INFIAMMABILI 50 ton. Sostanze ESTREM. INFIAMMABILI 10 ton. Sostanze PERICOLOSE Per lAMBIENTE Da 100 a 200 ton Sostanze che reagiscono violentemente a contatto con lacqua 100 ton. Sostanze che a contatto con lacqua liberano gas tossici 50 ton.

8 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO Vediamo ora la definizione esatta di RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE D: Cosa significa RISCHIO? R: è la probabilità che un determinato evento si verifichi in un dato periodo di tempo D: Cosa significa INCIDENTE RILEVANTE? R:E un evento quale unemissione, un incendio o unesplosione di grande entità che si verificano durante lattività di uno stabilimento e che dia luogo ad un grave pericolo immediato o meno per la salute umana o per lambiente, allinterno o allesterno dello stabilimento.

9 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO Cosa ha lobbligo di fare una azienda a RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE? In funzione dei quantitativi di sostanza pericolosa utilizzata deve: se i quantitativi di sostanze pericolose sono inferiori ai valori minimi dettati dalla legge 334, lazienda deve NOTIFICARE a: COMUNE, MINISTERO DELLAMBIENTE, PROVINCIA, REGIONE e VVFF il possesso di tutte quelle sostanze pericolose utilizzate. se i quantitativi di sostanze pericolose utilizzati da una azienda sono compresi entro valori minimi e massimi stabiliti dalla legge 334, lazienda deve NOTIFICARE a COMUNE, MINISTERO DELLAMBIENTE, PROVINCIA, REGIONE e VVFF il possesso di tutte quelle sostanze pericolose utilizzate, e predisporre un SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA.

10 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO se i quantitativi di sostanze pericolose utilizzati da una azienda sono superiori ai valori massimi stabiliti dalla legge 334, lazienda deve: NOTIFICARE a COMUNE, MINISTERO DELLAMBIENTE, PROVINCIA, REGIONE e VVFF il possesso di tutte quelle sostanze pericolose utilizzate, predisporre un SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA produrre un RAPPORTO DI SICUREZZA di tutti gli impianti dove, attraverso una analisi di rischio vengano individuati tutti i potenziati scenari incidentali con indicati gli interventi al fine di ridurne il rischio di accadimento predisporre un piano di Emergenza Interno

11 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO Il PREFETTO sulla base delle informazioni ricevute ha il compito di emettere il PIANO DI EMERGENZA ESTERNO dove vengono coinvolte tutte le strutture predisposte a fronteggiare un emergenza (polizia, carabinieri, VVFF, 118, ARPA, ecc) Il nostro ruolo di SOCCORRITORI può essere esercitato quindi in due contesti: Su chiamata diretta da parte del 118 tramite attivazione dalla raffineria a seguito di un infortunio o malore Su chiamata diretta da parte del 118 tramite attivazione da parte della PREFETTURA (attivazione P.E.E.)

12 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO Per il momento prendiamo in considerazione solo il primo caso, cioè quello di chiamata per infortunio o malore allinterno della Raffineria in cui non siano in corso situazioni di pericolo. A tale proposito la Raffineria ha predisposto e ufficializzato una PROCEDURA per la GESTIONE DELLE EMERGENZE SANITARIE Tale procedura comprende: la descrizione delle modalità di attivazione lorganizzazione del sistema di emergenza sanitaria lorganizzazione degli interventi di soccorso

13 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO Questo personale sanitario esterno (118) può essere: Personale paramedico con Ambulanza; Personale medico con Automedica; Guardia Medica. Una parte di questo PIANO DI EMERGENZA SANITARIO riguarda il personale sanitario proveniente dallesterno.

14 La Centrale operativa 118, una volta ricevuta la chiamata di soccorso sanitario, ha il compito di disporre, dirigere, e coordinare gli interventi diretti ad affrontare le situazioni di emergenza sanitaria sul luogo dellevento e durante il trasporto fino all'eventuale fase di ospedalizzazione. Il personale sanitario esterno che giunge in raffineria, verrà successivamente accompagnato (se il paziente non si trova in infermeria) sul luogo dellevento e comunque in zona sicura da una persona incaricata IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO

15 Essendo la Raffineria uno stabilimento a RISCHIO DI INCIDENTE, allequipaggio inviato dal 118 gli verrà fornito dal personale della PORTINERIA una borsa contenente alcuni DISPOSITIVI DI PROTEZIONE da utilizzare per la FUGA in caso di evento incidentale e NON ASSOLUTAMENTE NECESSARI per operare durante lintervento (tale materiale andrà restituito alluscita) Questa precauzione viene adottata solo nel caso in cui si vada ad operare il soccorso sugli impianti di processo (cioè nelle zone a rischio) in quanto linfermeria è considerata zona sicura. I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE forniti sono: MASCHERE tipo ESCAPE per H2S e CO RIVELATORI PORTATILI PER H2S E CO

16 IL SOCCORSO NELLA AZIENDE A RISCHIO ALCUNI CONSIGLI UTILI PER GARANTIRE UN EFFICACE E SICURO INTERVENTO DI SOCCORSO IN RAFFINERIA: Ascoltare attentamente le eventuali istruzioni che verranno comunicate dal personale della Portineria Fare attenzione a non parcheggiare lambulanza sopra alle grate dei pozzetti di fogna. Durante il percorso, sia in ingresso che in uscita, seguire la persona che ci accompagna Durante le operazioni di soccorso evitare assolutamente di disperdersi o di allontanarsi dal luogo dellevento rimanendo il più possibile uniti. Prima di usare la nostra radio o il cellulare avvisare il personale di Raffineria che ci accompagna.


Scaricare ppt "ATTIVITA DI FORMAZIONE 2007 IN MATERIA DI SICUREZZA E PREVENZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google