La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie Andrea DeCensi SC Oncologia Medica, Ospedali Galliera, Genova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie Andrea DeCensi SC Oncologia Medica, Ospedali Galliera, Genova."— Transcript della presentazione:

1 Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie Andrea DeCensi SC Oncologia Medica, Ospedali Galliera, Genova

2 2 Il sovrappeso e lobesità appaiono correlati ad una aumentata incidenza di: diabete cardiopatie tumori Fernando Botero, 2001 Donna seduta Lobesità è la seconda causa prevenibile di mortalità nei paesi occidentali

3 Lesson from cardiology! The benefit of preventive care on CVD death From Jemal, A. et al. CA Cancer J Clin 2010;60:

4 I criteri diagnostici adottati dai diversi gruppi di esperti, in generale includono, tra i fattori di rischio: unelevata glicemia, unelevata glicemia, una dislipidemia aterogena (caratterizzata da elevati livelli di trigliceridi e bassi livelli di HDL colesterolo), una dislipidemia aterogena (caratterizzata da elevati livelli di trigliceridi e bassi livelli di HDL colesterolo), livelli normali-alti di pressione arteriosa sistolica e diastolica livelli normali-alti di pressione arteriosa sistolica e diastolica obesità addominale. obesità addominale. La Sindrome Metabolica Epidemia del millennio

5 5 Obesità Androide (a mela, addominale, viscerale) - maschile parte superiore del corpo (viso, collo, spalle, parte delladdome sopra lombelico) sviluppo pronunciato della muscolatura complicanze: diabete, iperlipoproteinemia, ipercolesterolemia, iperuricemia, ipertensione e aterosclerosi cancro Ginoide (a pera, sottocutanea) - femminile: parte inferiore del corpo (anche, natiche, cosce, parte delladdome sotto lombelico) muscolatura molto meno sviluppata complicanze: opinioni discordi

6 6 Tabella peso per altezza

7 7 BMI (Body Mass Index) IMC 40 Sovrappeso di 3° grado Grave obeso Sovrappeso di 2° grado Obeso Sovrappeso di 1° grado Sovrappeso 20-25NormopesoNormale < 20 SottopesoMagro

8 Obesita maschile italia

9 Obesita femminile Italia

10 Prevalence of Metabolic Syndrome (ATP III Criteria) in NHANES III and Italian Population Overall 22% for age 20 years and older % Ford ES, et al. JAMA. 2002;287(3): The Italian Cardiovascular Epidemiological Observatory It Heart J 2004 (suppl 3): 49S- 92S. NHANES IIIItaly

11 11 Circonferenza Vita (CV) Si correla strettamente alla distribuzione viscerale del tessuto adiposo e al rischio di comorbilità Rischio di complicanze metaboliche associate allobesità AumentatoNotevolmente aumentato Uomini> 94 cm> 102 cm Donne> 80 cm> 88 cm

12

13

14 14 Un rischio per la salute – tumori Numerosi studi epidemiologici e trials clinici hanno indicato che esiste unassociazione positiva nei due sessi tra obesità ed elevata incidenza o mortalità per tumore

15 15 Un rischio per la salute – tumori Solida evidenza di associazione tra eccesso di adiposità e rischio di tumore Limitata evidenza di associazione tra eccesso di adiposità e rischio di tumore (studi non consistenti) Tumore colon-rettaleTumore alle ovaie Tumore al seno (postmenopausa)Tumore alla prostata Tumore allendometrioTumore al pancreas Tumore al reneTumore alla vescica Adenocarcinoma esofageoMelanoma Tumore alla cervice uterina Associazione tra incremento di BMI e incremento della incidenza di tumori

16 Cancer Obesity Hyperglycemia Hyperinsulinemia Obesity, Diabetes/Insulin Resistance and Cancer: Potential Mechanisms Diabetes / Diabetes Drugs Inflammation Diet Physical Activity Diet Physical Activity Adipokines

17 Background Insulin and cancer Strong anabolic effect of insulin enhancement of DNA synthesis and cell proliferation IRs are almost ubiquitously present in human BC and have prognostic relevance IRs activate a cascade of proliferative and antiapoptotic events Cross-activation of the insulin-like growth factor (IGF) receptor family Michael Pollak: Nature Reviews Cancer 8,

18 CancerFirst Author PYn studiesRR (95%CI) All cancersNoto ( ) BreastLarsson ( ) BreastLiao ( ) BladderLarsson ( ) Biliary tractRen ( ) CholangiocarcinomaJing ( ) ColorectumDeng ( ) EndometriumFriberg ( ) EsophagusHuang ( ) GastricTian ( ) HCCWang ( ) KidneyLarsson ( ) LiverGao ( ) Non-Hodgkins lymphomaMitri ( ) PancreasBen ( ) ProstateKasper ( ) Gandini S, DeCensi A et al JCO 2012 in press Diabetes and cancer: a meta-analysis

19 C-peptide / Insulin and Risk of Breast Cancer Pisani P Arch Physiol Biochem 2008; 114:63-70

20 Death p=0.001 Distant Recurrence p=0.007 Insulin Quartiles (pmol/L) HR Goodwin PJ et al. J Clin Oncol 2002 Insulin and Breast Cancer Prognosis

21 Stile di vita

22 La dieta lombarda

23 La mia dieta Colazione: latte magro e 2 formelle di frumento integrale Pranzo: insalata con tonno sgocciolato e aceto balsamico; 1 frutto Cena: dieta libera, se possibile dissociata, con 2-3 bicchieri di vino

24 Attività Fisica Lattività fisica raccomandata allinizio del programma deve essere modesta, basata sulla propensione e sulle capacità del paziente, per poi essere aumentata gradualmente in durata e frequenza fino a minuti al giorno di moderata attività aerobica per 3-5 giorni alla settimana (obiettivo: 150 min/settimana). Lattività fisica raccomandata allinizio del programma deve essere modesta, basata sulla propensione e sulle capacità del paziente, per poi essere aumentata gradualmente in durata e frequenza fino a minuti al giorno di moderata attività aerobica per 3-5 giorni alla settimana (obiettivo: 150 min/settimana). Maggiori livelli di attività fisica, pari ad almeno unora al giorno di attività moderata (camminata) o 30 minuti al giorno di attività più vigorosa (jogging) possono essere necessari per ottenere unefficace perdita di peso a lungo termine. Maggiori livelli di attività fisica, pari ad almeno unora al giorno di attività moderata (camminata) o 30 minuti al giorno di attività più vigorosa (jogging) possono essere necessari per ottenere unefficace perdita di peso a lungo termine. ADM–SID Linee-guida e raccomandazioni Diabetes and nutrition Study Group EASD

25 Diabetes Drugs Drugs that raise insulin levels –Insulin secretagogues – sulfonylureas –Human insulin –Insulin analogues (e.g. glargine, detemir) Drugs that lower insulin levels –Metformin –Thiazolidinediones (e.e. rosiglitazone)

26 Metformina Galega officinalis (pelo di puzzola)

27 Diabetes Prevention Program (DPP)Schema Age 25 BMI 24 Impaired Glucose Tolerance ( mg/dl) Elevated Fasting Plasma Glucose (95-125mg/dl) Standard lifestyle recommendations Randomized Intensive Lifestyle Metformin Placebo (n = 1079) (n = 1073) (n = 1082) To prevent or delay the development of type 2 diabetes

28 New onset of diabetes under metformin by baseline BMI and glucose level VariableN (%)IncidenceReduction in Incidence PlaceboMetforminLifestyleMetformin vs. placebo Cases/100 person yr% (95% CI) BMI 22 to < (32.3) (-36 to 30) 30 to <35995 (30.8) (-19 to 41)* (36.9) (36 to 65)* Plasma Glucose (in the fasting state) mg/dL2174 (67.2) (-12 to 36)* mg/dL1060 (32.8) (33 to 60)* Diabetes Prevention Program, NEJM 346; 2002 *p<.05 for heterogeneity

29 Home, 2010 (ADOPT) Home, 2010 (RECORD) Lee, 2011 Morden, 2011 Ruiter, Forest plot for Metformin and cancer incidence Summary RR: 0.66 ( ) I 2 =93 Monami, 2008 Currie, 2009 Libby, 2009 Hense, 2011 Geraldine, 2012 Yang, 2010 SRR adjusted for BMI: 0.74 ( ) SRR unadjusted: 0.67 ( )

30 Forest plot for Metformin and cancer mortality Landman, 2009 Libby, 2009 Bo, 2011 UKPDS, 1998 Bowker, 2006 Melbin, 2011 Currie, Summary RR: 0.56 (0.40, 0.78) I 2 =21 SRR adjusted for BMI: 0.58 ( ) SRR unadjusted: 0.51 ( )

31 Breast cancer estimates n. of studies SRR (95%CI)I2%I2% P-values between groups Unadjusted51.00 (0.83, 1.22) Adjusted for BMI50.79 (0.62, 1.01)39 metformin and breast cancer risk: BMI Gandini S, Puntoni M et al, 2012

32 Metformin 850 mg qd, dd 1-3 bid, dd 4-28 N =200 stage I/II/IIIa not suitable for neo-adjuvant therapy Placebo R Double core biopsy Stratification by ER Primary endpoints: Ki-67 WOP Trial of Metformin

33 Effect of metformin versus placebo on Ki-67 change by HOMA index and BMI Bonanni et al. JCO May 7, 2012 epub HOMA=fasting glucose (mmol/L)x insulin (mU/L)/22.5

34 NCIC CTG MA.32 STUDY SCHEMA Metformin 850 mg po bid X 5 years (includes 4-week ramp-up of 850mg po daily) Identical Placebo One caplet po bid X 5 years (includes 4 week ramp-up of one caplet po daily) RANDOMIZERANDOMIZE T1–3*, N0-3,M0 invasive breast cancer diagnosed within 1 year Any radiotherapy, chemotherapy**, endocrine therapy, trastuzumab, biologics, bisphosphonates * If pT1C, 1 adverse prognostic factor ** CXT must be completed Primary Outcome:Invasive cancer free survival Secondary Outcome:Overall survival, Distant Disease-Free Survival, Breast Cancer Free Interval, Adverse Events, Hospitalization (CV, diabetes), QOL (888 subjects) Embedded Correlative:Weight, Fasting Insulin (baseline, 6 months, 5 years), Tumor Tissue Sample Size:3,582 (431 events) – 5 year IDFS 0.85 in placebo arm, HR =0.76, α=0.05 β= interim analyses (benefit, futility) at 144 and 288 events Planned subset analyses (α=0.10, 2 sided; β=0.80) in ER/PgR neg (HR 0.65) and Triple Neg (HR 0.55) FUNDED BY: NCI (US), CCS, BCRF, Apotex Canada, CBCF, Komen

35

36

37 Parliamo solo di light drinking (fino a 20 g/die) per lalta frequenza del fenomeno e le conseguenze sulla salute A dosi>30 g/die lalcool è sicuramente cancerogeno Lalcool in quantità lievi o moderate (10-20 g/die=1-2 bicchieri) riduce il rischio cardiovascolare del 25-30% Il beneficio cardiovascolare potrebbe essere in parte dovuto agli antiossidanti (studio vino rosso versus gin) Gli eventuali effetti protettivi della componente antiossidante del vino (rosso) e della birra sul cancro sono tuttora poco noti Alcool e cancro. Una relazione da dosare

38 Rischio di mortalità CVD in chi beve alcool rispetto a chi non beve (N= ) Ronksey et al BMJ 2011

39 Lacetaldeide, il primo metabolita prodotto nel fegato dallossidazione delletanolo, è responsabile delleffetto cancerogeno sul tratto aereo-digestivo e la mammella a causa delleffetto mutageno sul DNA Meccanismo cancerogentico dellalcool 39 Seitz HK, Stickel F. Molecular mechanisms of alcohol mediated carcinogenesis. Nature Reviews, 2007

40 Lo studio delle infermiere americane (NHS) infermiere arruolate (età > 55 aa) Durata dellosservazione: dal 1980 al 2008, 7690 casi di carcinoma della mammella

41 Quante donne si ammalano in più alla mammella per effetto dellalcool?

42 Incremento del rischio relativo per ogni 10 g dalcool in più (trend) in base alletà RR=1.08 (+8%) RR=1.16 (+16%) 18 – 40 anni> 40 anni Chen W.Y. Et al, JAMA, November 2, 2011 – Vol 306, No.17 Per ogni bicchiere di vino in più

43 Rischio relativo e incidenza di cancro mammario in relazione al numero massimo di alcolici consumati in 1 giorno (binge drinking) Chen W.Y. Et al, JAMA, November 2, 2011 – Vol 306, No

44 The Million Women Study donne arruolate (età > 55 aa) 25% non bevitrici Media nelle bevitrici=10 g alcool al dì casi di carcinoma invasivo registrati in 7 anni di osservazione RISULTATI Il consumo di alcool AUMENTA rischio di sviluppare carcinomi del cavo orale, laringe, esofago, mammella, retto, fegato Il consumo di alcool DIMINUISCE il rischio di sviluppare carcinoma della tiroide, rene e linfomi non Hodgkin

45 Rischio di cancro per ogni 10 g in più di alcool al giorno Allen J Natl Cancer Inst 2009;101: 296 – 305

46 Rischio di cancro alla mammella per quantità e tipo di alcolico Allen J Natl Cancer Inst 2009;101: 296 – 305

47 Rischio di cancro delle vie aeree ed esofago per quantità di alcool e fumo Allen J Natl Cancer Inst 2009;101: 296 – 305

48 Conclusioni 1-2 biccheri al dì aumentano rischio di cancro mammario, del cavo orale, faringe ed esofago ma riducono il rischio di cancro del rene, della tiroide e di linfoma NH Il rischio per i tumori delle vie aeree ed esofago si annulla in chi non fuma Il rischio maggiore è per il cancro mammario, che va però confrontato con la forte protezione cardiovascolare Donne con storia o rischio aumentato di cancro mammario dovrebbero bere con cautela (< 1 bicchiere al giorno) Le bevitrici abituali dovrebbero effettuare controlli periodici della mammella

49 Andrea, stasera niente degustazione!

50 Non cè nulla come dirigere ununità di oncologia medica per apprezzare la bellezza e limportanza della prevenzione!

51 Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie Andrea DeCensi SC Oncologia Medica, Ospedali Galliera, Genova."

Presentazioni simili


Annunci Google