La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

io facessi penitenza io facessi penitenza, poco tempo dopo la conversione di lui, liberamente, insieme con le mie sorelle, gli promisi obbedienza (Regula,1)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "io facessi penitenza io facessi penitenza, poco tempo dopo la conversione di lui, liberamente, insieme con le mie sorelle, gli promisi obbedienza (Regula,1)"— Transcript della presentazione:

1

2 io facessi penitenza io facessi penitenza, poco tempo dopo la conversione di lui, liberamente, insieme con le mie sorelle, gli promisi obbedienza (Regula,1) Dopo che laltissimo Padre celeste si degnò illuminare lanima mia mediante la sua grazia seguendo perché, seguendo lesempio e gli insegnamenti del beatissimo padre nostro Francesco, Chiara vuole seguire Francesco che gli ha aperto la strada verso Cristo!

3 Quale strada? Io, frate Francesco piccolo, seguire la vita e la povertà voglio seguire la vita e la povertà Gesù Cristo dellaltissimo Signore nostro Gesù Cristo santissima Madre e della sua santissima Madre, e perseverare in essa fino alla fine (Ultime volontà a S. Chiara) Ciò viene ribadito da Chiara nella Regola: proprio per imitare la povertà e l'umiltà del suo diletto Figlio e della sua gloriosa Madre vergine che l'altissimo Padre, per mezzo della parola e dell'esempio del beato padre nostro Francesco, generò nella sua santa Chiesa, proprio per imitare la povertà e l'umiltà del suo diletto Figlio e della sua gloriosa Madre vergine (FF 2841) E nel suo Testamento, Chiara affida alla Chiesa il suo Ordine: Io frate Francesco piccolino, voglio seguire la vita e la povertà dell'Altissimo Signore nostro Gesù Cristo e della sua santissima Madre, e perseverare in essa sino alla fineprego voi, mie signore e vi consiglio che viviate sempre in questa santissima vita e povertà affinché non ci allontanassimo mai dalla santissima povertà che abbracciammo, e neppure quelle che sarebbero venute dopo di noi, poco prima della sua morte di nuovo scrisse per noi la sua ultima volontà con queste parole: «Io frate Francesco piccolino, voglio seguire la vita e la povertà dell'Altissimo Signore nostro Gesù Cristo e della sua santissima Madre, e perseverare in essa sino alla fine. E prego voi, mie signore e vi consiglio che viviate sempre in questa santissima vita e povertà. E guardatevi molto bene dall'allontanarvi mai da essa in nessuna maniera per l'insegnamento o il consiglio di alcuno» (FF 2790).

4 mi rivelò la forma del santo vangelo Lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere secondo la forma del santo vangelo Nel suo Testamento Francesco aveva ricordato che seguire Alla luce della prima lettera di Pietro Cristo patì per voi, lasciandovi un esempio, perché ne seguiate le orme (1Pt 2, 21) Ma Francesco rivela che quelle orme sono state calcate da Maria

5 Seguano dunque gli uomini i nuovi seguaci del Verbo Incarnato: imitino le donne Chiara, impronta della Madre di Dio, nuova guida delle donne (FF 3153). Questa conformità tra Chiara e la Madre di Gesù è testimoniata nel Processo di canonizzazione nella Testimonianza 11: Da poi la Vergine delle vergini, la quale era maggiore, inchinava la faccia sua sopra la faccia della preditta vergine santa Chiara, ovvero sopra el petto suo, però che essa testimonia non podde bene discernere luno da laltro... (FF ) I due volti sono così simili da confondersi. Nella Lettera introduttiva alla leggenda di Chiara si esorta:

6

7

8 Chiara ricorda che Francesco scrisse per noi la forma di vita in questo modo: «Poiché per divina ispirazione vi siete fatte figlie e ancelle dellaltissimo sommo Re, il Padre celeste, e vi siete sposate allo Spirito Santo, scegliendo di vivere secondo la perfezione del santo Vangelo, voglio e prometto, da parte mia e dei miei frati, di avere sempre di voi, come di loro, attenta cura e sollecitudine speciale (Regula VI) Santa Maria Vergine, non vi è alcuna simile a te, nata nel mondo, tra le donne, figlia e ancella dellaltissimo sommo Re, il Padre celeste, madre del santissimo Signore nostro Gesù Cristo, sposa dello Spirito Santo, prega per noi, con S. Michele arcangelo e con tutte le potenze dei cieli e con tutti i santi, presso il tuo santissimo diletto Figlio, Signore e maestro. Officium passionis Domini, Antifona, 2.

9 Francesco ci ricorda anche che Maria è stata eletta eletta dal santissimo Padre celeste e da Lui, col santissimo Figlio diletto consacrata. e con lo Spirito Santo Paraclito, consacrata. Maria è stata scelta e consacrata con Cristo con lo Spirito per diventare figliaancellamadresposasignoraregina

10 Questi titoli Chiara li attribuisce ad Agnese di Praga: figlia Alla figlia del Re dei re, ancella allancella del Signore dei signori, sposa alla sposa degnissima di Gesù Cristo, e perciò regina alla regina nobilissima signora signora Agnese, saluti… E ancora: reginasposa madrefigliasposa A colei che è la metà dellanima sua e santuario di un singolare e cordialissimo amore, allillustre regina, sposa dellAgnello e Re eterno, a Donna Agnese, … Chiara, serva indegna di Cristo ed ancella inutile delle serve del Signore dimoranti nel monastero di San Damiano in Assisi, invia il suo saluto... O madre e figlia, sposa del Re di tutti i secoli relazione Tutti questi titoli indicano una relazione che si instaura con Cristo È quella che ha instaurato Maria

11 In quel momento Maria è la donna che interagisce con Dio: 1. Dio, attraverso langelo, ha chiesto a lei un consapevole consenso. 2. Dopo il consenso, Maria poteva diventare madre nella «pura fede», cioè biologicamente e spiritualmente, senza prendervi parte con tutta la sua psicologia o personalità, senza fare una particolare «esperienza». nellannunciazione inizia un nuovo modo di relazionarsi con Dio Ma Luca ci attesta che Maria vi ha partecipato con umile assenso con fede con totale dedizione (1, ). il cuore La risposta allangelo, «avvenga secondo la tua parola» (1, 38) nel greco il verbo è coniugato allottativo, esprime un augurio ed un intenso desiderio rivelatore: il cuore della Vergine è tutto aperto ad accogliere il «Figlio di Dio», con grande e gioioso amore. NellIncarnazione Maria ebbe una sublime «esperienza», causata dal sopraggiungere dello Spirito Santo.

12 Lo Spirito agisce in Maria grazie al suo assenso per la sua generosa e pronta disponibilità in vista e proporzione della sua missione di Madre di Dio provoca una «pienezza» interiore capace rende capace di generare Dio

13 santifica «santifica» ancor più Colei, che già dal primo istante aveva resa «tutta santa» NellIncarnazione, Il corpo e lanima della Vergine vengono investiti dalla grazia e resi «idonei» per leccezionale compito: «Perciò quello che nascerà da te sarà chiamato Santo». unendo Maria a sé per comunicare la vita al «Santo» verso lo sposo che la rende madre verso il figlio che genera Santo Lo Spirito Santo

14 verso lo Sposo che la rende madre verso il Figlio che con lo sposo genera

15 Esprimendo il suo si allangelo Maria si dona allo Spirito Santo, consacrandosi allAmore consacrandosi allAmore. In quellintimità forte la Vergine Madre ha goduto una «esperienza» unica. Amore Corrispondendo pienamente allAmore, Maria si congiungeva con il suo Principio, con il suo Fine, con la sua Felicità. Tutto il suo essere raggiungeva la sua pienezza e la sua unità, perdendosi nella Fonte stessa della pienezza e dellunità. Lei non ha amato un «uomo», restando prigioniera entro le barriere del «finito». Lei ama Dio!

16 Non solo eleva la sua potenza generatrice per concepire verginalmente un uomo, ma nello stesso istante Figlio di Dio Padre le comunica un amore materno degno del Figlio di Dio Padre. È attraverso il cuore verginale di Maria, che il Padre circonda di carità «materna» il Figlio. Lo Spirito santo rende madre la Vergine in maniera perfetta.

17 Maria è totalmente Conformata a Dio per poter generare il Figlio di Dio Spinta dallAmore ispirata dallo Spirito Spinta dallAmore ispirata dallo Spirito attinge direttamente nel loro stesso Principio fontale la dedizione e la tenerezza che riverserà sul Bimbo palpitante nel suo seno.

18 Quando il Verbo scende nel grembo verginale di Maria, lassume altresì come «compagna» indivisibile di tutta la sua esistenza. «tende» alla glorificazione del Padre e alla salvezza degli uomini La missione della Vergine vuole che la stessa persona svolga contemporaneamente la funzione di SociaMadre sul piano della natura nellordine soprannaturale

19 Lassociazione della Madre alla missione del Figlio comporta tra loro due: - una fusione degli animi, -unidentità dintenti, - una «comune esperienza», che inizia dal momento stesso dellIncarnazione. Ma in questa associazione è solo Maria a beneficiare.

20 prende un orientamento interiore che la trasforma: lei «tende» a identificarsi con Cristo, a collaborare con lui in maniera sempre più cosciente e generosa. in quanto «madre» Riceve un amore consacrante, che la rende atta a rappresentare il Padre presso il Figlio fatto uomo. come «socia»

21 Lessere Madre: è una relazione vivente posta in essere dal Creatore Nella Bibbia, la parola madre designa lorigine. Secondo Gn 3,20 Eva è la «madre di tutti i viventi». Ciò pone in risalto il sentimento della vita, tipico della devozione veterotestamentaria, espresso in molte parole e preghiere: Su di te mi appoggiai fin dal grembo materno, dal seno di mia madre tu sei il mio sostegno (Sal 70,6). Tu mi hai tessuto nel seno di mia madre (Sal 138,13).

22 Ma anche Dio si manifesta con un volto materno come un bimbo svezzato in braccio a sua madre (Sal 130). Il credente prova lesperienza dellamore materno di Dio: Come una madre consola un figlio, così io vi consolerò (Is 66,13). Luomo che si trova presso Dio è sereno

23 Si dimentica forse una donna del suo bambino? … e se anche lei si dimenticasse del suo, io invece non ti dimenticherò mai (Is 49,15). Il modello divino è però sempre più grande della copia terrena: La tenerezza dellamore materno non vuol dire che si debba considerare Dio in un senso troppo umano e familiare, ma è uno strumento per conoscerlo, quale Dio maternamente amorevole e allo stesso tempo Signore. Ma noi dobbiamo essere perfetti come è perfetto il Padre nostro nei cieli, e lo dobbiamo essere con i nostri fratelli e sorelle.

24 Così il modello materno si ritrova nei grandi Apostoli come San Paolo. Quando scrive ai Galati dice (Gal 4,19): figlioli miei, che io di nuovo partorisco nel dolore finché non sia formato Cristo in voi! Ai Tessalonicesi: siamo stati amorevoli in mezzo a voi come una madre nutre e ha cura delle proprie creature (1Ts 2,7). Anche la Gerusalemme celeste viene vista e chiamata «la nostra madre».

25 tutti coloro che faranno tali cose e persevereranno fino alla fine riposerà su di essi lo Spirito del Signore (Is 11,2), ed Egli ne farà la sua dimora, e saranno figli del Padre celeste di cui fanno le opere, e sono sposi, fratelli e madri del Signore nostro Gesù Cristo (Cfr Gv 14,23; Mt 5,45). Siamo sposi, quando per lo Spirito Santo lanima fedele si unisce a Gesù Cristo. Siamo fratelli suoi, quando facciamo la volontà del Padre suo che è in cielo (Mt 12,50). Siamo madri sue, quando lo portiamo nel cuore e nel nostro corpo con lamore e con la pura e sincera coscienza, e lo generiamo attraverso sante opere che devono risplendere agli altri in esempio Epistola ad fideles (Recensio posterior), Così Francesco invita


Scaricare ppt "io facessi penitenza io facessi penitenza, poco tempo dopo la conversione di lui, liberamente, insieme con le mie sorelle, gli promisi obbedienza (Regula,1)"

Presentazioni simili


Annunci Google