La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Appunti a cura di A. Salatin DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE Cicli XXVI – XXVII – XXVIII (Venezia, 29.5.2013) 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Appunti a cura di A. Salatin DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE Cicli XXVI – XXVII – XXVIII (Venezia, 29.5.2013) 1."— Transcript della presentazione:

1 Appunti a cura di A. Salatin DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE Cicli XXVI – XXVII – XXVIII (Venezia, ) 1

2 Modelli e dispositivi di valutazione degli insegnanti a livello internazionale Modelli e dispositivi di valutazione degli insegnanti a livello nazionale 2

3 3 1. Modelli e dispositivi di valutazione a livello internazionale

4 Gli insegnanti sono una famiglia professionale, non un unico profilo La valutazione degli insegnanti è fortemente condizionata dal contesto socio-istituzionale (es. grado di autonomia delle scuole, condizioni contrattuali e di lavoro, status, orari di lavoro, …) Il modello di qualità dellinsegnante (il «bravo insegnante», l «insegnante efficace») è piuttosto variabile 4

5 Linsegnante e la sua qualità come central driver per la valutazione del successo degli studenti (McKinsey, 2007, OCSE, 2008, 2011) I fattori più influenti sulla qualità degli insegnanti e sulla loro accountability : - la selezione in ingresso - i livelli retributivi e i sistemi premianti (pay performance approach o merit pay), - la formazione in servizio, - lesistenza di una professional learning community,… 5

6 In circa metà dei paesi OCSE non esiste un sistema consolidato di valutazione degli insegnanti Dove esiste esso è riconducibile a due modelli principali: - la misurazione della performance fatta su indicatori quantitativi - la valutazione in base a standard professionali La valutazione è condotta da ispettori esterni, oppure dal dirigente e/o dal gruppo dei pari 6

7 Uno studio comparato promosso dallIprase di Trento nel 2010 ha inteso analizzare alcune tendenze emergenti sullo scenario internazionale in 4 paesi (Inghilterra, Francia, Spagna, Canton Ticino), in merito alla figura dellinsegnante, concentrandosi sui diversi modelli di: formazione iniziale, reclutamento, formazione in servizio, valutazione della performance 7

8 8 Tratto da Dordit,2010

9 Riferimento a standard professionali e a livelli di professionalità (4) Pay performance (threshold assessment) Valutazione interna: da parte del dirigente scolastico, ma collegata alla valutazione delle scuole (fatta dall OFSTED) 9

10 10 Diagramma

11 Riferimento a standards professionali Collegamento allo sviluppo di carriera Doppio livello di valutazione: interna (dirigente scolastico), esterna (ispettori) 11

12 12

13 Valutazione su base volontaria Senza effetti reali sulla carriera Valutazione esterna tramite ispettori 13

14 14

15 Un altro studio comparato promosso dallIprase di Trento nel 2012 ha approfondito 6 casi di paesi dellOCSE (Australia, Inghilterra, Finlandia, Germania, Sud Corea e USA) in merito alla valutazione dellinsegnante, concentrandosi su: - Contesti socio-istituzionali - Politiche scolastiche - Condizioni di lavoro - Forme di formazione iniziale, in ingresso e in servizio - Valutazione dei nuovi insegnanti - Valutazione degli insegnanti in servizio - Standards di valutazione 15

16 Modelli e indicatori di valutazione degli insegnanti indicatori paese Internal process/ school based Formula for evaluation/ muli-rating system Standards approach School evaluation Teacher eligible for promotion, salary increase or bonus Teacher eligible for dismissal Training of evaluation Australia x x England xxxxx Finland x Germany x South Koreax X USA x xx 16

17 docenti, con status di funzionari pubblici, articolati in 40 profili professionali, con grandi differenze a livello di ciascun Land (max 750 ore annue di docenza) Alti livelli salariali, con 12 scatti retributivi basati soprattutto sullanzianità, non licenziabilità di fatto Limitata autonomia didattica Forte selezione in ingresso con obbligo di praticantato in classe Il ruolo dellispettore scolastico nella valutazione (generalmente biennale) basato sullosservazione in classe e su colloqui (uso anche del performance report del capo di istituto) 17

18 alta reputazione sociale della professione docente che attrae talenti, buone condizioni di lavoro, alta autonomia didattica (orario di lavoro di 39 ore la settimana, di cui max 590 ore annue di docenza) Forte selezione in ingresso e assenza di un sistema strutturato di valutazione in servizio Valutazione in itinere bimestrale basata su colloqui con il dirigente scolastico, tra pari e con i genitori in funzioni di specifici miglioramenti delle performance degli studenti 18

19 Una valutazione su basi quantitative legate alla performance o al merito non appare in grado di cogliere la complessità della relazione educativa e didattica della scuola Il collegamento con i sistemi retributivi e di carriera non sempre garantisce lo sviluppo continuo delle competenze, che invece sembra più favorito dalla presenza di standards o da un sistema di formazione permanente 19

20 Anche se la qualità degli insegnanti è decisiva per il successo educativo degli studenti, il collegamento della valutazione degli insegnanti con le singole performance scolastiche degli studenti non appare sempre fondata. Sul piano tecnico è auspicabile impostare un dispositivo multirating che integri la dimensione di accountability e quella di miglioramento. Esso può essere in grado di valutare gli insegnanti efficaci da quelli non efficaci e intervenire per sostenerne lo sviluppo professionale continuo. Gli standard possono essere di aiuto, ma limportante è evitare una deriva burocratica (box-ticking) 20

21 Sul piano metodologico: è opportuno combinare valutazione interna ed esterna: quello che conta è la trasparenza dei processi e lautorevolezza dei valutatori. Bisogna garantire nei processi di valutazione limplicazione dei docenti e delle loro associazioni. Losservazione in classe resta essenziale e così la periodicità della valutazione. Il focus deve essere riportato sul processo di apprendimento degli studenti. 21

22 22

23 23

24 24

25 25

26 26

27 27 2. La valutazione della professionalità docente in Italia: dispositivi ed esperienze

28 I dispositivi del MIUR Il caso della Provincia Autonoma di Trento 28

29 La valutazione «per merito distinto» con riconoscimento accelerato degli scatti di anzianità (L.165/1958) La valutazione tramite concorso selettivo per i docenti con più di 10 anni di servizio e riconoscimento economico individuale (Ministro Berlinguer, 2000) La valutazione delle performances individuali dei docenti tramite collegamento a quelle degli studenti e delle scuole (ARAN, 2003) La sperimentazione del MIUR «Valorizza» (2010/2011) tramite riconoscimento e premio del merito individuale (lapproccio reputazionale e il ruolo dei nuclei interni di valutazione) 29

30 Il riferimento concettuale sotteso a tale framework è il modello CIPP (Contesto, Input, Processi, Prodotti-Risultati), proposto da Stufflebeam con la produzione di un set di indicatori di riferimento compresi in ciascuna della quattro dimensioni sviluppate dal modello. Relativamente alla valutazione delle scuole e degli apprendimenti, particolare importanza assume la rilevazione del valore aggiunto fornito dalla scuola, in termini di accrescimento degli apprendimenti degli studenti 30

31 accountability esitiprocessi improvement focus finalitàfinalità Dimensioni di valutazione delle scuole 31 Modello «qualità» Modello «input-ouput» Il progetto VALES

32 32 Il modello interpretativo proposto fa riferimento a una diffusa letteratura sullanalisi organizzativa del servizio fornito dal singolo istituto scolastico ed è sintetizzabile in quattro classi di fattori: la prima si riferisce agli esiti formativi ed educativi; la seconda si riferisce alle pratiche educative e didattiche poste in essere nelle singole scuole; la terza si riferisce allambiente organizzativo allinterno del quale quelle pratiche e quei processi si sviluppano; la quarta richiama il contesto socio-ambientale e le risorse in cui si inscrive il funzionamento dellIstituto, visto nella duplice prospettiva di vincoli e opportunità per lazione organizzativa e formativa della scuola.

33 33 Il progetto VALES di INVALSI (2012) che intende costruire un percorso di autovalutazione e valutazione esterna delle istituzioni scolastiche che, oltre a contribuire alla definizione di immediati interventi di miglioramento nelle scuole direttamente interessate, abbia natura prototipale rispetto allinnesco, nellintero sistema scolastico, di un ciclo continuo di miglioramento della performance nelle singole scuole. Da tale punto di vista, nel progetto si intendono definire strumenti e protocolli a supporto delle azioni di autovalutazione, nonché protocolli operativi e meccanismi di selezione e formazione dei team valutativi esterni, definendo altresì le modalità di interazione tra percorsi e strumenti dellautovalutazione e momenti della valutazione esterna.

34 34

35 La base normativa di riferimento: il Regolamento SNV (2013) Art. 6: procedimento di valutazione a.Autovalutazione delle istituzioni scolastiche (R.A.) b.Valutazione esterna c.Azioni di miglioramento d.Rendicontazione sociale Art. 6: procedimento di valutazione a.Autovalutazione delle istituzioni scolastiche (R.A.) b.Valutazione esterna c.Azioni di miglioramento d.Rendicontazione sociale Non prevede la valutazione degli insegnanti, ma solo quella dei dirigenti scolastici

36 Una buona scuola è una scuola che riesce a porre in essere un modus operandi e quindi dei processi organizzativi che, a partire dal contesto in cui opera, consentano di perseguire determinati esiti. 36

37 Una buona scuola deve pertanto: consentire lo sviluppo di competenze di qualità, promuovere efficacemente i valori e le norme collettive congruenti con una società libera e democratica preparare adeguatamente al mondo professionale e del lavoro. 37

38 38 ESITI FORMATIVI E EDUCATIVI ESITI FORMATIVI E EDUCATIVI Il modello di valutazione delle scuole proposto dallINVALSI

39 Lautovalutazione è intesa come: - una riflessione sullIstituto ed una sua rappresentazione sostenuta da evidenze e dai dati disponibili, - un processo da promuovere e costruire allinterno della comunità professionale che non può essere chiuso solo allinterno di indicatori e dati comparati a livello nazionale. Tale rappresentazione costituisce la base necessaria e ineludibile per individuare le priorità di sviluppo e miglioramento. 39

40 Per fare ciò è necessario: avere la consapevolezza che nella scuola vi sono cose che contano e che non riusciamo a contare, ma allo stesso tempo oggi abbiamo a disposizione molti dati che ci aiutano a migliorare e che non sempre valorizziamo avere dati a disposizione e comparare i risultati ma occorre tener conto del contesto in cui una scuola opera 40

41 analizzare i processi in atto e continuare a migliorarli: valorizzare i punti di forza, affrontare le criticità della singola scuola (sfruttando linformazione soft disponibile localmente) e non applicare un modello predefinito centralmente non perdere di mira la finalità: migliorare gli esiti formativi ed educativi degli studenti 41

42 Procedura di riferimento 2.elaborazione di un rapporto di autovalutazione e formulazione di un piano di miglioramento 1.analisi e verifica del proprio servizio sulla base di: -dati resi disponibili dal sistema informativo del Miur -rilevazioni sugli apprendimenti e elaborazioni sul valore aggiunto dell'Invalsi -ulteriori elementi significativi integrati dalla scuola 42

43 ESITIINDICATORIFONTI dei DATI Tipologia SCUOLA Successo scolastico 1. Esiti degli scrutini (studenti ammessi alla classe successiva, per anno di corso) Scuola in chiaro Scuole secondarie I e II grado 2. Studenti diplomati per votazione conseguita allesame Scuola in chiaro Scuole secondarie I e II grado 3. Studenti che hanno abbandonato gli studi in corso danno Scuola in chiaroTutte 4. Studenti trasferiti (in entrata e uscita) in corso danno Scuola in chiaroII ciclo Competenze e equità 5. Esiti delle prove INVALSI e confronto con i dati regionali e nazionali InvalsiTutte 6. Differenze nel punteggio rispetto a scuole con contesto socio economico e culturale simile InvalsiTutte 7. Varianza interna alle classi e fra le classi InvalsiTutte 8. Alunni collocati nei livelli più bassi (1 e 2) sia in italiano sia in matematica InvalsiTutte Risultati a distanza 9. Risultati negli ordini di scuola a seguito Scuola in chiaroTutte 10. Esperienze lavorative e stage Scuola in chiaro II ciclo 11. Prosecuzione degli studi (diplomati che si sono immatricolati alluniversità) Scuola in chiaroII ciclo 12. Successo negli studi (crediti conseguiti dai diplomati nel I e II anno di università) Scuola in chiaroII ciclo Gli ESITI nei DATI messi a disposizione delle scuole 43

44 44

45 1. Fascicolo Scuola in chiaro 2. Dati prove Invalsi 3. Questionario scuola 4. Altri strumenti di indagine predisposti da Invalsi per le scuole 5. Dati e informazioni disponibili nella scuola, inclusi quelli derivanti da strumenti di autovalutazione adoperati in passato o comunque autonomamente definiti dalla scuola. Con quali strumenti e da quali fonti? 45

46 Da dove provengono i dati che alimentano il «fascicolo»? ANAGRAFE STUDENTI ANAGRAFE PROFESSIONALITA DOCENTI ANAGRAFICA SCUOLERILEVAZIONE MENSILE ASSENZE MOBILITA docenti BILANCI SCUOLE ANAGRAFE STUDENTI E LAUREATI 46

47 La gestione della autovalutazione interna è affidata al Dirigente scolastico in collaborazione con il coordinatore dei processi di valutazione e il Nucleo di autovalutazione interno, con attenzione al coinvolgimento della comunità professionale e sociale. La composizione del Nucleo può essere differenziata a seconda delle situazioni e delle modalità di analisi che si intendono intraprendere La gestione della autovalutazione interna è affidata al Dirigente scolastico in collaborazione con il coordinatore dei processi di valutazione e il Nucleo di autovalutazione interno, con attenzione al coinvolgimento della comunità professionale e sociale. La composizione del Nucleo può essere differenziata a seconda delle situazioni e delle modalità di analisi che si intendono intraprendere Chi gestisce il processo di autovalutazione interno alla scuola? 47

48 48

49 49 Il progetto trentino si ispira al programma di lavoro dellOCSE (2009) denominato Review on Evaluation and Assessment Frameworks for Improving School Outcomes. Esso interessa il mondo della scuola primaria e secondaria e si colloca sul piano della valutazione dei sistemi educativi intesi come unità integrate al cui interno figurano elementi interrelati, riconducibili a piani distinti, quali: laccertamento degli esiti di apprendimento degli studenti (student assessment), la valutazione della performance degli insegnanti (teacher appraisal), la valutazione delle istituzioni scolastiche (school evaluation) ed infine a valutazione complessiva del sistema educativo (system evaluation).

50 50

51 1. Definizione, validazione e successiva messa a regime di un dispositivo organico e integrato di indicatori per il monitoraggio del sistema educativo 2. Sviluppo operativo e messa a regime di un modello di valutazione integrata – interna e esterna – delle istituzioni scolastiche e predisposizione dei servizi di supporto e di accompagnamento alle pratiche valutative 3. Sviluppo di strumenti per la valutazione dei risultati di apprendimento 4. Sperimentazione e validazione di un dispositivo di valutazione della prestazione professionale del personale docente delle istituzioni Scolastiche e formative nella prospettiva della valorizzazione e sviluppo professionale 51

52 Lobiettivo finale del progetto è la definizione di un dispositivo per il riconoscimento e la valorizzazione delle risorse e delle competenze professionali, finalizzato al miglioramento continuo della qualità del sistema di istruzione e formazione trentina (secondo quanto previsto dallart. 87 della LP 5/2006). 52 La valutazione della professionalità docente: valutare linsegnamento o gli insegnanti?

53 Le 4 dimensioni del modello di valutazione proposto: S VILUPPO S VILUPPO professionale: formazione, funzioni … DIDATTICA Prestazione DIDATTICA e progettuale R ISULTATI : R ISULTATI : miglioramento livelli apprendimento classi S ODDISFAZIONE S ODDISFAZIONE : famiglie e studenti 2^ ciclo Dimensioni individuali Dimensioni di gruppo 53

54 54 Si propone che il processo valutativo consideri quattro dimensioni, di cui due individuali e due di gruppo. Le due dimensioni individuali sono: a) limpegno e la qualificazione del docente; b) la capacità didattico-progettuale e il livello di aspirazioni del docente. Le due dimensioni di gruppo sono: c) i risultati in termini di miglioramento dei livelli di apprendimento e di altre prestazioni delle classi seguite dal gruppo degli insegnanti; d) il gradimento da parte delle famiglie e, limitatamente al secondo ciclo distruzione, degli studenti.

55 55 Dimensione da valutare Attività prevista a) impegno e qualificazione del docente (Sviluppo professionale) definizione di una traccia di scheda/portfolio, servendosi anche del materiale prodotto dal gruppo di lavoro dei dirigenti, dalle ricerche e sperimentazioni pregresse o in atto; ricostruzione del portfolio di un campione di insegnanti e utilizzo dati su formazione insegnanti già a disposizione: quali dati sono discriminanti? Costruzione e-portfolio e utilizzo della procedura in alcune scuole b) capacità didattico- progettuale e livello di aspirazioni del docente analisi e individuazione delle modalità praticate di osservazione e valutazione delle pratiche didattiche dei docenti proposte/ auspicate/ accettabili ricostruzione di tipologie di progettazione, attuazione, documentazione e valutazione di progetti didattici e delle modalità di valutazione interna ed esterna proposte auspicate/accettabili in un campione di insegnanti/consigli di classe utilizzo della procedura nelle scuole dove è già in corso una progettazione mirata

56 56 c) risultati in termini di miglioramento dei livelli di apprendimento e di altre prestazioni delle classi seguite dal gruppo degli insegnanti procedure tecniche e burocratiche per la partecipazione generalizzata alle prove invalsi ed alle altre prove ed associazione dei risultati e delle risposte ai questionari studente allanagrafe studenti, integrata con quella dei docenti e delle scuole ricerca finalizzata a costruire la procedura per lutilizzo dei dati Invalsi per la misurazione ponderata dei risultati in termini di miglioramento dei livelli di apprendimento delle classi, ai fini della valutazione di questa dimensione delle prestazioni degli insegnanti sperimentazione del calcolo del valore aggiunto per classe partendo dal lavoro del gruppo di dirigenti che sta calcolando il valore aggiunto della scuola utilizzo della procedura in alcune scuole (su dati 2011 e possibilmente 2012) d) gradimento da parte delle famiglie e, limitatamente al secondo ciclo distruzione, degli studenti (Customer satisfaction) utilizzo dei dati di customer satisfaction in autovalutazioni distituto degli ultimi due anni per la prova della procedura di riscalatura per classe proposta adattamento dei questionari con lindividuazione degli indicatori obbligatori per ogni scuola e predisposizione del software per associare i risultati allanagrafe studenti/ docenti/ classe/ scuola software per la risposta dei questionari on line utilizzando la sperimentazione già fatta utilizzo procedura in alcune scuole campione

57 Scheda anagrafica docente 1. Scheda sviluppo professionale 2. Scheda progetto didattico 3. Elaborazione dei risultati di apprendimento degli alunni 4. Questionario di Customer Satisfaction delle famiglie e degli studenti Scheda di valutazione complessiva 57

58 Chi valuta? Per laspetto della formazione professionale del docente si intende procedere alla costruzione di un sistema di crediti e di un sistema di certificazione in grado di trasformare qualsiasi apprendimento in credito capitalizzabile? Per quanto riguarda la capacità didattica progettuale del docente, sono possibili diverse soluzioni che vanno dallauto alla etero valutazione, alla loro integrazione, che hanno impatti e comportano impegni e costi differenti. 58

59 Quale sostenibilità a regime del dispositivo di valutazione? Il processo di valutazione che verrà definito, dovrà pensare fin dallinizio a procedure sostenibili nel tempo, in termini di impegno finanziario ma anche di tempo lavoro. È quindi necessario pensare ad informatizzare le procedure il più possibile. Si rende poi necessaria la costituzione di un supporto permanente per elaborare a livello centrale il maggior numero di dati possibile, onde evitare di gravare troppo sul lavoro delle scuole e dei docenti. Dove trovare le risorse per tutto ciò? 59

60 Quale effetti in raccordo con la valutazione di sistema? Le conseguenze della valutazione degli insegnanti cambiano se la stessa è svolta in una logica premiante (tipo premio produttività), in una logica di accesso a funzioni di sistema o se in una logica di valorizzazione e di progressione di carriera. Considerato che si è scelta la strada del miglioramento e che si passerà gradualmente alla valutazione esterna, la proposta sperimentale si propone di arrivare a definire un dispositivo versatile, utilizzabile con degli aggiustamenti, in logiche anche differenti tra loro. Chi ne avrà la regia? 60

61 Secondo la ricerca di Egon Guba (1969), il vero problema al centro del contendere sulla questione della valutazione degli insegnanti sta nella valutazione da dare al rapporto fra insegnamento e apprendimento, e quindi a come rompere la tenaglia posta dallamministrazione scolastica, sensibile soprattutto alle attese dei genitori, nei confronti delle performance degli insegnanti. 61

62 Come sostiene Damiano (2009), la valutazione tende ad essere compiuta sopra gli insegnanti, anche se la prova della loro competenza riguarda lapprendimento degli studenti. Secondo Damiano gli insuccessi valutativi si connettono specialmente alluso delle prove standardizzate da somministrare nelle scuole e sulla loro funzione: giudicare gli insegnanti, anche solo per il legittimo intento di licenziare gli incapaci, oppure migliorare linsegnamento, promuovendo, attraverso la valutazione, il loro sviluppo professionale? 62

63 Il tema della valutazione degli insegnanti apre un caleidoscopio di prospettive che riconfermano al centro la questione cruciale della legittimazione sociale e organizzativa dei vari approcci proposti: ad essere sollecitate infatti non sembrano essere tanto le tecnicalità e le metodologie valutative, quanto piuttosto il senso e luso che esse assumono per i vari stakeholder, ma soprattutto per i due protagonisti centrali del dialogo educativo, gli insegnanti e gli studenti. 63


Scaricare ppt "Appunti a cura di A. Salatin DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE Cicli XXVI – XXVII – XXVIII (Venezia, 29.5.2013) 1."

Presentazioni simili


Annunci Google