La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Kenya «Ho guardato i leoni negli occhi e ho dormito sotto la Croce del Sud, ho visto le grandi praterie in fiamme e le ho viste coperte di Ngongo sottile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Kenya «Ho guardato i leoni negli occhi e ho dormito sotto la Croce del Sud, ho visto le grandi praterie in fiamme e le ho viste coperte di Ngongo sottile."— Transcript della presentazione:

1 Kenya «Ho guardato i leoni negli occhi e ho dormito sotto la Croce del Sud, ho visto le grandi praterie in fiamme e le ho viste coperte di Ngongo sottile erba verde dopo la pioggia, ho volato sopra le Hill»

2 Mappa del Kenya

3 Una regione etnicamente composta Il ruolo strategico occupato da questo paese nel commercio di spezie ed oro ha fatto si che fin dal XV secolo fosse conteso tra europei, portoghesi, e musulmani provenienti dalla Penisola arabica, almeno fino a quando la presenza inglese, dal XIX secolo, si impose su tutti. La popolazione oggi è composta da una moltitudine di differenti tribù caratterizzate per valori, e tradizioni diverse. Purtroppo la presenza europea ha causato il declino culturale di molte tra queste collettività, relegando in ambiti periferici le comunità ancora legate ad antichi costumi come ad esempio i Masai, che arrivarono in Kenya verso il Oltre allinglese, lingua maggiormente diffusa è lo swahili, nato dallincontro tra le popolazioni bantu con gli arabi. Da questultimi presero la religione, praticata soprattutto nella zona costiera.

4 CLIMA CLIMA Il Kenya è il primo paese africano della fascia equatoriale che ha saputo sfruttare turisticamente le sue bellezze naturali e farne una fonte di ricchezza che ha contribuito a trasformare questo paese in uno dei più progrediti del continente. Il clima è generalmente temperato durante tutto l'anno.. Esso è molto caldo e umido nelle regioni costiere, diventa più mite nel cuore del Paese, in rapporto allaltitudine. Sugli altopiani, nelle ore notturne, la temperatura si abbassa notevolmente.

5 Fiumi, Laghi e monti Kenyani I fiumi sono il Tana e il Galana che si gettano nelloceano indiano. Ci sono degli altopiani aridi e stepposi; quello centrale è diviso dalla frattura della Rift Valley. Accanto alla quale si innalzano il monte Kenya (5199 m) e il Kilimangiaro(5358 m). Il lago più vasto è il Turkana, che ha acque salmastre dove affiorano numerose isole.

6 Fauna e Flora L'ambiente dominante è quello della savana. Sulle pendici delle montagne e lungo il corso dei fiumi si trovano tracce dell'originaria foresta pluviale; mentre a nord, nelle zone meno piovose, la savana sfuma nel deserto. La savana è l'habitat di grandi mandrie di erbivori e dei loro predatori. Nelle acque dei laghi e dei fiumi vivono ippopotami e coccodrilli.

7 La popolazione ( dal 1961 al 2003) La popolazione del Kenya nel giro di vent'anni è raddoppiata, ed è costituita per lo più da giovani. La popolazione è concentrata soprattutto nella zona centrale. Essa si addensa soprattutto nelle città di Nairobi, la capitale, e di Mombasa, città araba sulla costa.

8 Tradizioni Un costume tipico dei Kenyani è l'allungamento del lobo dell'orecchio. Mettendo dei cerchietti dentro il lobo finché non raggiungono grandezze dei cerchi grandissimi. I cerchi possono cambiare aspetto rispetto alla classe sociale: il capo tribù ha i cerchi dorati, il figlio adornato di perline (tipiche nel Kenya), e tutti gli altri hanno questi dischetti di bronzo rivestiti in pelle.

9 Musica & Co. - In genere, la musica kenyana è caratterizzata dalluso di percussioni e da un coro o un solista nel caso di competizioni tradizionali. Come in gran parte dellAfrica, la musica è concepita come attività fisica e strettamente correlata alla danza. La musica tradizionale in Kenya è quasi sempre intesa come accompagnamento di eventi o attività sociali. Spesso, diversi generi di musica e di danza sono riservati a determinate fasce d'età. ll dhow è una imbarcazione molto diffusa in Kenya, che discende direttamente dalle barche arabe. Da migliaia di anni queste barche arabe solcano i mari: vengono chiamate con il termine inglese "dhow (imbarcazione). In queste barche africane la vela è perfettamente triangolare e non hanno cabine.

10 Wangari Maathai Un albero spinge le radici nel profondo del terreno e tuttavia svetta alto nel cielo. Ci dice che per poter ambire a qualcosa dobbiamo essere ben piantati per terra e che, indipendentemente da quanto in alto arriviamo, è sempre dalle radici che attingiamo il nostro sostentamento.

11 Ultime dal Kenya Lo sapevate che.. - Il Principe William ha fatto la sua proposta di matrimonio a Kate Middleton proprio in Kenya?! - Per la moda autunno-inverno gli stilisti hanno proposto stampe che si ispirano agli animali di questa regione?! Non avete ancora capi di questo genere? Che state aspettando, correte a comprarne un paio affinché la magia di questa fantastica terra sia sempre con voi.

12 Le nostre Creazioni (parte prima) Emanuela Impellizzeri Antonella Cantone

13 Le nostre Creazioni (parte seconda) Emanuela ImpellizzeriAntonella Cantone

14 - Dietro le quinte -

15 Created by: Emanuela Impellizzeri Antonella Cantone


Scaricare ppt "Kenya «Ho guardato i leoni negli occhi e ho dormito sotto la Croce del Sud, ho visto le grandi praterie in fiamme e le ho viste coperte di Ngongo sottile."

Presentazioni simili


Annunci Google