La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lallergia: meccanismi, sintomi e terapia Dr.ssa Alessandra Fusi Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lallergia: meccanismi, sintomi e terapia Dr.ssa Alessandra Fusi Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica."— Transcript della presentazione:

1 Lallergia: meccanismi, sintomi e terapia Dr.ssa Alessandra Fusi Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica

2 Epidemia allergica: nel 2015 circa metà della popolazione europea sarà allergica Sarah Boseley, health editor Tuesday Februery 10, 2004 The Guardian Half of all Europeans may be suffering from some sort of allergy by 2015 if the escalating epidemic, which is responsible for millions of children missing school and being hospitalised and for adults staying off work remains unchanged, scientists believe

3

4 RINITE ALLERGICA ASMA CONGIUNTIVITE RINOSINUSITE DISTURBI DEL SONNO Ipertrofia adenoidea OTITE Principali Comorbilita

5 Definizione di rinite allergica Patologia della mucosa nasale indotta da un infiammazione IgE-mediata conseguente allesposizione allergenica. E caratterizzata clinicamente da rinorrea, starnuti, prurito e ostruzione, reversibili spontaneamente o in seguito a terapia.

6 * Congiuntivite allergica * Infiammazione congiuntivale acuta causata dallesposizione allallergene * 42% dei pazienti con rinite allergica hanno contemporaneamente sintomi congiuntivali * Colpisce sopratutto i bambini e i giovani adulti Sintomi Prurito Secrezioni Eritema Edema della mucosa (papille) Edema palpebrale

7 * Esiste una forte associazione tra rinite allergica e sinusite (>50%) in bambini e adulti * Lotite media è una complicanza comune

8 asma La rinite allergica si può associare ad iperreattività bronchiale aspecifica Leynaert B et al, JACI 1999 Peroni D et al, Clin Exp Allergy 2003 Guerra S t al, JACI 2002 Ciprandi G, Int Arch Allergy Immunol 2004 La rinite e lasma sono aspetti clinici differenti di un unico disordine immuno-mediato dellapparato respiratorio. La rinite rappresenta un fattore certo di rischio per asma, anche indipendentemente dallatopia. La forma allergica è quella associata al rischio maggiore. La sensibilizzazione ad allergeni perenni comporta un rischio maggiore di asma rispetto a quella ad allergeni stagionali.

9 Sintomi dellasma allergico Tosse secca Respiro sibilante Oppressione toracica Fame daria Dispnea correlata allo sforzo Difficoltà di riposo notturno

10 epidemiologia Valovirta et al. Curr Op Allergy Clin Immunol 2008

11 Pollinosi invernali e pre-primaverili (Dicembre-Marzo):Betullacee (enorme distribuzione in giardini pubblici e privati), Corilacee (nocciolo), Cupressacee primaverile (Aprile-Giugno): Graminacee (principali responsabili di riniti allergiche) e Plantaginacee primaverile-estiva:Parietaria estive-autunnali (Luglio- Settembre):Composite

12 Muffe alternaria : specie patogena per le piante di pomodoro, presente nellatmosfera nel periodo estivo-autunnale. Esercita azione allergologica a 100 spore/m 2 cladosporium : muffa che colonizza lerba; valori elevati di spore in Primavera-Estate aspergillus : fungo che causa aspergillosi, contaminando le lesioni e provocando infezioni polmonari; scatena reazioni respiratorie allergiche in autunno Crescono su pareti e pavimenti degli edifici, soprattutto se umidi. Allesterno crescono nel materiale in decomposizione (foglie e frutta nel terreno).

13 Acari Sono gli allergeni ambientali più comuni. Commensali delluomo, si nutrono di forfora umana, animale, di miceti, di granuli di polline e di residui alimentari. Si riscontrano in tutti gli ambienti della casa (materassi, divani, tappeti). Temperature miti (15-30°C) e ambiente umido (60-80% umidità relativa). DERMATOPHAGOIDES PTERONYSSINUS DERMATOPHAGOIDES FARINAE

14 Capacità allergenica di CANE e GATTO dovuta principalmente a derivati epidermici degli animali quali: peli, particelle fecali, urina, sudore, saliva e siero. Lallergeni animali si disperde velocemente nellaria e si accumulano nei rivestimenti tessili di arredamento (divani, tende, tappeti). Altri animali responsabili di allergia: - CAVALLO - CONIGLIO - CAVIA, TOPO - PENNUTI (CANARINO, PAPPAGALLI)

15 Diagnosi

16 Raccolta della storia clinica del paziente: -sintomi -presenza di animali in casa -familiarità per allergia -fumo -presenza di sintomi correlati allalimentazione -presenza di sintomi cutanei -eventuali reazioni avverse a farmaci -altre malattie concomitanti

17 Test cutanei si punge una goccia di estratto posata sulla superficie interna dell'avambraccio possono essere influenzati da farmaci assunti (antistaminici) Per lallergia alimentare possono essere completati con test con alimenti freschi

18 RAST Ricerca delle IgE specifiche sul sangue Si consigliano quando non è possibile effettuare i test cutanei (orticaria, antistaminico in corso, dermatite atopica) È possibile la ricerca di allergeni ricombinanti (molecole caratteristiche di particolari fonti allergeniche)

19 TEST ISAAC * Un panello di molecole allergeniche ricombinanti o purificate vengono incubate con il siero del paziente in esame permettendo lidentificazione a livello molecolare del profilo anticorpale IgE del paziente stesso

20 Terapia

21 Step 1 Step 2 Step 3 Allontanamento dallallergene e bonifica ambientale Terapia farmacologica Immunoterapia Trattamento delle malattie allergiche

22 Allontanamento degli allergeni Acari della polvere: Provvedere ad unadeguata ventilazione Utilizzare coprimaterassi e copricuscini antiacaro su tutti i letti presenti nella stanza Utilizzare aspirapolveri a vuoto con filtri HEPA Evitare tappeti e tendaggi pesanti Animali Allontanare gli animali domestici dalla camera da letto e, possibilmente dallabitazione Pulire regolarmente tappeti, divani e materassi Pollini Molto difficili da evitare Rimanere in casa con le finestre chiuse nel periodo di massima pollinazione Utilizzare occhiali da sole Utilzzare aria condizionata se possiile Far installare filtri antipolline sullautombile

23 I lavaggi nasali sono molto utili per eliminare lallergene e per decongestionare la mucosa del naso I decongestionanti topici possono essere usati (sopra i 12 anni), solo per brevi periodi, I cromoni possono essere usati per il trattamento della rinite e della congiuntivite allergica, ma la loro efficacia è modesta.

24 Steroidi nasali Farmaci di prima scelta per il trattamento della rinite allergica da utilizzare per almeno 7-10 giorni consecutivi Hanno scarso assorbimento sistemico Effetti collaterali: secchezza della mucosa nasale, epistassi, possibile alterazioni olfattive

25 Antistaminici Farmaci importanti nel trattamento della rinite e congiuntivite allergica Sono efficaci nel ridurre: starnuti, rinorrea, ostruzione nasale, prurito, sintomi oculari Effetti collaterali: sonnolenza, apatia, perdita di concentrazione, rallentamento dei riflessi, in particolare alla guida. Il consumo di alcol e sedativi intensificano tali effetti

26 Steroidi inalatori * Al momento attuale sono i più efficaci antinfiammatori nel trattamento dellasma in quanto (evidenza a): * migliorano la funzione polmonare * riducono lipereattività delle vie aeree * riducono i sintomi * riducono la frequenza e la severità delle riacutizzazioni * migliorano la qualità di vita

27 Broncodilatatori * Da utilizzare sempre in associazione ai glucocorticosteroidi inalatori poichè da soli non sono in grado di ridurre la componente infiammatoria * Da introdurre quando le dosi standard di glucocorticosteroidi inalatori non sono più in grado di controllare lasma

28 Possono essere utilizzati nel trattamento della rinite quando coesistono i sintomi di asma bronchiale (evidenza A). Nota AIFA Nella rinite gli antileucotrienici hanno efficacia inferiore agli steroidi topici (evidenza A). Come farmaci aggiuntivi possono incrementare il beneficio ottenuto con la terapia standard (antistaminici e/o steroidi topici) (Evidenza B). Il profilo di sicurezza è ottimale. Il rapporto costo/beneficio deve essere considerato caso per caso. Gli antileucotrienici sono sicuri in gravidanza (categoria di rischio B)

29 Omalizumab * Anticorpo monoclonale anti IgE * è indicato per migliorare il controllo dellasma allergico grave persistente con test cutaneo o reattività in vitro positivi ad un aeroallergene perenne * Viene somministratoper via sottocutanea ogni 2-4 settimane a seconda del peso del paziente e del dosaggio delle sue IgE totali

30 Immunoterapia specifica Limmunoterapia allergene specifica (ITS) può essere somministrata per via sottocutanea (SCIT) o sublinguale (SLIT). LITS sottocutanea è efficace nella rinite e nellasma delladulto e del bambino, ma comporta un certo rischio di effetti collaterali (talvolta gravi). La SLIT è efficace nella rinite e nellasma delladulto e del bambino. Il profilo di sicurezza è molto buono. LITS è lunica terapia in grado di modificare la storia naturale della malattia. Essa può ridurre il rischio di insorgenza successiva di asma (prevenzione secondaria) e la comparsa di nuove sensibilizzazioni. LITS ha dimostrato di mantenere lefficacia clinica per vari anni dopo la sospensione. …L ITS è una terapia delloculorinite allergica stagionale, potente almeno quanto i farmaci, fin dalla prima stagione di trattamento. JACI, 2011

31 * - La rinite allergica è patologia estremamente comune, ma clinicamente sottovalutata; * - La rinite allergica è il fattore più importante nello sviluppo di asma; * -è necessario rivolgersi al più presto al proprio medico ed eventualmente allo specialista quando si pensa di soffrire di allergia perché molte terapia funzionano meglio se prescritte presto e correttamente Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "Lallergia: meccanismi, sintomi e terapia Dr.ssa Alessandra Fusi Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica."

Presentazioni simili


Annunci Google