La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FANTASIA e LIBERTA' Fame Tristezza Guerra Disperazione Solitudine.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FANTASIA e LIBERTA' Fame Tristezza Guerra Disperazione Solitudine."— Transcript della presentazione:

1 FANTASIA e LIBERTA' Fame Tristezza Guerra Disperazione Solitudine

2 E così... un’idea dopo l’altra è nata questa storia.
Fantasia? Che bella parola... eppure... dove vive la sofferenza, la paura, la fame non ti vengono alla mente belle parole ma solo brutte sensazioni. Tuttavia è proprio grazie alla fantasia che si riesce a trovare uno spazio di libertà anche nelle situazioni più terribili e proprio saper immaginare le cose diverse da come sono, a volte, può salvarti la vita. Quando mi capita un brutto pensiero cerco di scacciarlo. Come? Sostituendolo con qualcosa di positivo, magari cambiando le parole ad una canzone o inventando una storia. A volte basta poco: uno spunto accende la curiosità e l’immaginazione comincia a galoppare. Un’idea ne fa nascere un’altra, si segue un percorso e poi un altro e così via... Per esempio, un giorno mi è capitato di leggere una notizia curiosa su un vecchio ritaglio di giornale: parlava di un furto al museo Correr da parte di un giovane proveniente da Parigi. La cosa mi ha incuriosita e mi sono chiesta: quale relazione poteva esserci fra il ladro e il personaggio del ritratto? Doveva esserci qualcosa di misterioso: il quadro non era certo un capolavoro che valesse la pena di rubare! E così... un’idea dopo l’altra è nata questa storia.

3 A cura di Silvia Cappelletto
FURTO AL MUSEO Ovvero, la scomparsa e il ritorno del ritratto del doge Francesco Foscari A cura di Silvia Cappelletto

4 “Noi non vogliamo queste elezioni. Noi non vogliamo queste elezioni. ”
“Noi non vogliamo queste elezioni! Noi non vogliamo queste elezioni!”. In quella gelida e luminosa mattina di un dicembre di fine Trecento, il grido si propagò tra la folla in Piazza San Marco davanti alla Basilica e a Palazzo Ducale, e altre persone si unirono: ”Noi non vogliamo queste elezioni! Noi non vogliamo queste elezioni!”. Il gruppo, sempre più numeroso, cominciò a urlare così forte che le elezioni del doge furono sospese e furono mandate delle pattuglie per arrestare i ribelli.

5 ascoltava imperturbabile da dietro le sbarre.
Un mese dopo: “Voi, Cavalier Nicolò Foscari, siete stato condannato all’esilio in Egitto per aver acceso un forte scontro tra i cittadini e il Consiglio, per esservi rifiutato di obbedire alle leggi, per esservi opposto all’esercito e per aver sospeso così le elezioni. E’ stato prestabilito che l’indomani una nave vi scorterà fino in Egitto, potrete portare con voi solo vestiti e nient’altro, così il tribunale ha deciso”. Ogni parola del giudice rimbombava tra le pareti del tribunale mentre Nicolò Foscari ascoltava imperturbabile da dietro le sbarre.

6 Alle cinque del mattino una pattuglia andò a casa Foscari e prelevò l’esiliato. Il viaggio fu tormentato: onde altissime scuotevano la nave, il vento gelido soffiava forte infilandosi in ogni fessura, e Nicolò fu costretto a indossare tutti i vestiti che aveva per poter passare la notte. Dopo diversi giorni di navigazione la nave raggiunse le coste d’Egitto, Nicolò fu lasciato lì, con vestiti e borracce d’acqua. La nave si allontanò e Nicolò restò a guardarla sparire all’orizzonte, poi si incamminò nel deserto.

7 Col passare degli anni Nicolò imparò le usanze, la lingua, la cultura del luogo. Si sposò ed ebbe un figlio, Francesco, un ragazzo molto abile e intelligente. Francesco perse i genitori a diciott’anni e, rimasto solo, cominciò a pensare al suo futuro: gli tornarono in mente i racconti di suo padre su Venezia, così intensi che gli pareva di conoscere quella città in cui non era mai stato. Sentiva che il suo destino era là, in quel luogo lontano e affascinante, e decise di partire. A Venezia, prese in affitto una casa e terminò gli studi. Cominciò a tessere una rete di rapporti con le persone importanti della città, diventando un abile politico, e proprio per questo a soli trentun anni venne a far parte del Consiglio dei Dieci. Essendo di famiglia nobile, Francesco Foscari poteva aspirare al dogado, ma si trovò in aperto conflitto con Pietro Loredan. “Quel posto sarà mio! Nessuno può essere rivale di Pietro Loredan!” esclamò. “Non ti agitare, non farti strane idee Pietro, saranno i nobili elettori a decidere” cercava di spiegargli Francesco Foscari. Un brutto giorno però Pietro e Mario Loredan morirono avvelenati. Il figlio di Pietro, Jacopo, accusò apertamente Foscari di essere il mandante del delitto ma non risultò mai un suo coinvolgimento. Foscari fu eletto doge e rimase in carica dal 1423 al 1457.

8 Pietro Loredan Francesco Foscari

9 Sotto la guida di Foscari Venezia raggiunse la
massima espansione della sua storia, ponendo i confini di terraferma dall’Adda all’Isonzo.

10 Ma non fu un dogado tranquillo: ci furono grandi lotte interne e calamità naturali raccontate dai cronisti di quel tempo: 1424: è da giorni che la gente muore, l’acqua non v’è, non ci si può lavar, ma soprattutto non si può viver senza bere l’acqua dolce che non arriva ai nostri pozzi. 1431: freddo e gelo ci bloccan la vita, la laguna non è accessibile, uno specchio di ghiaccio ferma i mezzi di trasporto. Si vede la gente cadere sopra il lastrone spesso e i bambini scivolar. 1451: la terra vibra sotto i nostri piedi, gli edifici si chinano alle forti vibrazioni, la gente urla e scappa via in preda al panico. Periodo di peste: la gente muore e tutti son preoccupati, non si sa come guarir quel coro d’anime dannate. Oggi quattro Foscari vengono a mancar e solo sette la famiglia terrà, pianti e disperazione giungono da ogni dove.

11 Una notte, a Palazzo Ducale, si sentì un urlo: il doge Foscari era stato pugnalato dai suoi avversari politici. Ma Francesco era di tempra forte, abituato a superare le avversità, e il suo fisico guarì in pochi giorni, consentendogli di rimanere alla guida della Repubblica. Jacopo Loredan, sospettato di essere il mandante del tentato omicidio, fuggì in Spagna dove si stabilì. Ma la vecchiaia di Francesco Foscari fu tormentata dalla vicenda del figlio Jacopo che, accusato di aver ucciso un Donà, era stato esiliato dal Tribunale. Avendo tentato di rientrare clandestinamente, fu arrestato all’Arsenale e condannato a morte dal Maggior Consiglio. E così il Doge perse anche l’ultimo figlio.

12 “Vogio andar zoso per quella scala per la quale ascesi in dogado”
Ormai ottantaquattrenne, fu così colpito da questa sventura da non riuscire più a svolgere le sue funzioni; il Consiglio dei Dieci decise quindi di deporlo dalla carica. Un giorno i rappresentanti dei Dieci entrarono nelle stanze dogali e tolsero al Doge il Corno Dogale e l’anello col sigillo, che fu spezzato. Marco, suo fratello, gli suggerì di andarsene dal palazzo di nascosto, salendo in barca da una porta secondaria, ma Francesco rispose: E con grande dignità il Doge Francesco Foscari lasciò Palazzo Ducale scendendo dalla Scala dei Giganti.

13 533 anni dopo, la sera di giovedì 20 settembre 1990, un giovane mulatto, originario delle Antille, partì da Parigi verso Venezia. Si portava dietro una lunga storia di esili e sofferenze: il suo lontano antenato Jacopo Loredan, fuggito in Spagna, aveva avuto un figlio che nel 1492 era partito sulla Santa Maria assieme a Cristoforo Colombo per le Indie, approdando nelle isole dei Caraibi. Quel marinaio si era stabilito lì, formando una famiglia; per generazioni e generazioni era stata tramandata la storia di Francesco Foscari che aveva rovinato la vita ai Loredan. Dopo la Seconda Guerra Mondiale la famiglia aveva deciso di trasferirsi dalle Antille Francesi a Parigi, dove l’ultimo discendente aveva potuto studiare nelle scuole francesi. Colto e spregiudicato, si era specializzato in furti di opere d’arte su commissione.

14 Facendo ricerche nelle biblioteche per la sua attività, aveva scoperto che al Museo Correr di Venezia era conservato un ritratto dell’odiato Francesco Foscari. B I B L I O T E C A

15 Hmvondo : rubare il quadro e bruciarlo. Così si era ritrovato
Una bizzarra idea si era sviluppata nella mente di Eto Hmvondo : rubare il quadro e bruciarlo. Così si era ritrovato quella sera su quel treno e per tutta la notte il suo cervello, accompagnato dal tu - tun tu - tun tu - tun tu – tun del treno, aveva messo a punto i dettagli del furto. Alle otto era già a Venezia e aveva progettato tutto: i percorsi, gli orari per poter risalire sul treno di ritorno quello stesso giorno, il modo per nascondere il quadro e passare inosservato, il travestimento per non farsi riconoscere.

16 Mi guardo intorno: che magnifici palazzi, marmi, mattoni, statue che si elevano quasi senza peso sopra l’acqua. E i colori, i colori del cielo sono quelli che ho visto al Louvre nei quadri di Veronese e Canaletto. Pensare che io potevo nascere, vivere e studiare qui, se non fosse stato per quell’odioso Foscari! Devo ancora attendere qualche ora perché il Museo sia meno affollato; intanto vado in pasticceria, mi serve la carta per nascondere il piccolo quadro e ho anche un po’ fame. Com’è lunga quest’attesa! Ma fra qualche ora sarà tutto finito…

17 Ma chi xe quel fio in giacca de pele e ociai scuri
Ma chi xe quel fio in giacca de pele e ociai scuri? No me par uno che va a musei! Xe megio che lo tegno de ocio. Quello strano ragazzo mulatto dopo un po’ esce, forse si è accorto che lo sto osservando. Io ora cambio sala per andare a vedere cosa stanno combinando quei due ragazzetti giapponesi. Alcuni turisti mi chiedono delle informazioni e io parlo con loro cercando ugualmente di controllare che tutto sia in ordine. Ma appena ritorno nella sala dei Dogi mi prende un sussulto: c’è qualcosa che non quadra. E così, da buon guardiano del Correr da lontano lo osservo senza perderlo di vista; si aggira con fare sospetto, non si toglie gli occhiali scuri e rimane sempre nella stessa zona ad ammirare il quadro quattrocentesco del nostro doge Francesco Foscari di Lazzaro Bastiani, si guarda attorno velocemente e non ammira le altre opere esposte.

18 "Il doge Foscari è stato rubato!!!"
La gente è confusa e anche un po’ spaventata dalle sirene che stanno ancora suonando. Gli altri guardiani hanno bloccato le entrate e le uscite in attesa dell’arrivo dei Carabinieri. Più ci penso e più mi convinco che il giovane mulatto c’entri con questa faccenda; e se fosse rientrato mentre io ero nell’altra sala? Si, forse è possibile, anzi ne sono quasi sicuro. Spiego subito ai carabinieri, che sono appena entrati in museo, come sono andate le cose; il comandante mi ascolta attentamente e prende nota sul suo taccuino. Sembra molto interessato alla mia versione dei fatti, come se si fosse già fatto un’idea, e subito ordina alle pattuglie di formare dei blocchi di controllo alla ferrovia, al porto e all’aeroporto. "Il doge Foscari è stato rubato!!!" Mi guardo attorno e in una frazione di secondi trovo il particolare che manca; sulla parete di destra il doge Francesco Foscari non c’è più…………….. Urlo con tutta la voce che ho e con le mani e le gambe tremanti corro a suonare l’allarme. Mentre suona la sirena sono tantissimi i pensieri che scorrono veloci nella mia mente. Sono così tanti gli anni che faccio questo mestiere, in questo Museo, che posso dire di conoscere queste sale, e tutto ciò che vi è contenuto, meglio di casa mia.

19 Riuscirò a prendere il treno delle 20
Riuscirò a prendere il treno delle per Parigi, tutto come programmato. STAZIONE

20 Venezia L’identikit che ho fornito ai carabinieri è stato diramato anche all’Interpol e intanto a Venezia del Doge non c’è traccia. Squilla il telefono del dott. Romanelli, qualcuno lo avvisa che la polizia francese forse conosce già l’identità del ladro e si sta recando a casa del sospetto. Parigi Eccomi a casa; la mia mansarda sopra i tetti di Parigi è il posto ideale per chiudere i conti con la famiglia Foscari. Con cautela apro la carta della pasticceria ed estraggo l’opera.

21 Ora potrò liberarmi per sempre dei Foscari! Ma chi sta bussando
alla porta? Questo quadro diventerà un mucchietto di cenere che nessuno ricorderà più…

22 Il telefono squilla... DRIIIIIIIN!!! ritrovato un attimo prima
Il quadro è stato che il ladro lo bruciasse. Il telefono squilla... DRIIIIIIIN!!! Ora finalmente il doge Francesco Foscari farà ritorno nella sua amata Venezia e io sarò qui ad accoglierlo.

23 Nel febbraio 2007 muore a Venezia la contessa Teresa Foscari
Nel febbraio 2007 muore a Venezia la contessa Teresa Foscari. Fra le carte conservate nel suo archivio la nipote Elisabetta trova un gruppo di documenti che provano in modo definitivo come il doge Francesco Foscari non fosse coinvolto nell’avvelenamento di Pietro e Mario Loredan e avesse anzi cercato per tutta la vita di individuarne i responsabili.


Scaricare ppt "FANTASIA e LIBERTA' Fame Tristezza Guerra Disperazione Solitudine."

Presentazioni simili


Annunci Google