La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello1 / 35 Gli allievi con Bisogni Educativi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello1 / 35 Gli allievi con Bisogni Educativi."— Transcript della presentazione:

1 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello1 / 35 Gli allievi con Bisogni Educativi Speciali Speranze e Preoccupazioni Le tematiche dellosservazione e della valutazione in un Istituto dIstruzione Superiore

2 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello2 / 35 La direttiva ministeriale 27/12/2012 ricorda che: Bisogni Educativi Speciali Area della Disabilità Area dei Disturbi Evolutivi Specifici Area dello Svantaggio Socio/Economico Linguistico Culturale

3 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello3 / 35 Area Disabilità È quella più nota (legge 104/1992): dopo il percorso diagnostico del SSN, viene riconosciuto il diritto dellallievo alla risorsa aggiuntiva dellinsegnante di sostegno; I percorsi didattici e valutativi (che vibrano tra il conforme ed il differenziato) vengono adattati allallievo;

4 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello4 / 35 Pro e contro dellarea Disabilità È unarea che si focalizza molto sul singolo allievo, rischiando quindi di: –Concentrarsi sui limiti (sulla malattia) piuttosto che sulle possibilità; –Tendere ad un rapporto 1:1, poco integrante ed inclusivo, anche se per accogliere i complessi ciò può essere necessario. –Va detto che il sostegno è ormai una tradizione pedagogica italiana consolidata e positiva: uneccellenza

5 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello5 / 35 A proposito: quali sono gli Stati più inclusivi?

6 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello6 / 35 Area Disturbi Evolutivi Specifici Di recente istituzione (leggi 53/2003, 170/2010); comprende gli allievi con diagnosi di: DSA (famiglia Dislessie) Disturbi coordinazione motoria (Disprassie) Disturbi autistici lievi (Asperger) Disturbi attenzione e iperattività (ADHD) Funzionameno Intellettivo o Cognitivo Limite (FLI, FCI: QI compreso tra 85 e 70 punti)

7 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello7 / 35 Caratteristiche comuni dei DES: Competenze intellettive nella norma o sul confine, ma presenza di disturbi in un solo ambito specifico (verbale, non verbale, relazionale…), caratterizzato come una Disfunzione, una Sindrome, una Malattia; Dopo la diagnosi (da parte del SSN) del Disturbo Specifico, lallievo ha diritto ad un percorso didattico adattato, ma non ha diritto allinsegnante di sostegno (viene indicato un referente curricolare allinterno del CdC); È prevista solo la valutazione conforme, con modalità di verifica equipollenti.

8 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello8 / 35 Pro e contro dellarea DES È unarea che punta molto allinclusione (anche per motivi ideologici), ma ci sono grandi difficoltà: –Zero risorse aggiuntive; –Zero formazione specifica degli insegnanti curricolari; –Grande fatica per gli allievi, che devono conseguire gli stessi risultati dei loro compagni.

9 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello9 / 35 Area dello Svantaggio Di recentissima definizione (D.M. 27 / 12 / 2012); Viene definita pedagogicamente e non clinicamente; può essere temporanea; In pratica, gli allievi vengono indicati dal CdC; Utilizza gli strumenti progettuali e operativi già definiti per larea Disabili e DES; La presenza dellallievo svantaggiato non dà alla scuola il diritto di usufruire di risorse aggiuntive (insegnanti di sostegno); viene invece indicato un referente curricolare allinterno del CdC (come per i DES)

10 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello10 / 35 Chi fa parte dellArea dello Svantaggio? Allievi con difficoltà linguistico-culturale (i diversamente italiani) Allievi con problematiche socio-economiche (i diversamente ricchi) Allievi in attesa di diagnosi (necessariamente incognita: DSA? Disabilità? Nulla di grave?) Allievi con situazioni di svantaggio temporanee (Ricoveri? Eventi famigliari? Disturbi depressivi?)

11 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello11 / 35 Lo Svantaggio, quanti problemi… Si osservano gli allievi… e poi? Quali strumenti pedagogici abbiamo per capire che cosa ha? È giusto informarsi informalmente? Presso gli insegnanti delle medie, collaborazionisti alla NPI o ai Serv.Soc., suoi coetanei… È giusto costringere la famiglia ad iniziare un percorso medicale o istituzionale di diagnosi e certificazione presso il SSN o i Serv.Soc.? I risultati si aspettano a lungo. Noi, quanto tempo ci diamo? E se lallievo è maggiorenne o quasi? E se poi la famiglia non accetta la diagnosi, il sostegno, laiuto? In teoria non potremmo nemmeno sapere qual è il suo problema! Che didattica applichiamo ad un allievo svantaggiato, che ricadute ci sono sulla sua classe? Come lo valutiamo, su quale scala, con quali scopo? Che scommesse facciamo sulla sua pelle rispetto alle qualifiche o ai diplomi? Come lo indirizziamo nei nostri tre corsi?

12 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello12 / 35 Noi siamo insegnanti molto concreti In questo momento ci interessa solo: La fase iniziale della individuazione e della osservazione degli allievi bisognosi; La fase operativa della didattica equipollente e delle verifiche.

13 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello13 / 35 Un paradosso sociale Se tutti i più tonti dello stato di New York… Decidessero di emigrare in California… Si alzerebbe la media del QI in ambedue gli Stati!

14 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello14 / 35 La necessità di criteri pedagogici oggettivi e quantificabili Si corre il rischio che gli Svantaggiati di un liceo classico siano i Normodotati di un istituto professionale! Si corre il rischio di non riconoscere uno svantaggiato, coperto dal rumore di fondo di altri fattori disturbanti contestuali.

15 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello15 / 35 Evviva la pedagogia, ma… Quanto conviene al CdC attivare un faticoso percorso di: Individuazione degli allievi bisognosi Relazione maggiormente individualizzata Progettazione formale Personalizzazione della didattica Adattamento della valutazione Contatti con la rete esterna di sostegno Il tutto senza avere risorse aggiuntive, e poi... chi fa il referente?

16 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello16 / 35 … appunto.

17 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello17 / 35 Iniziamo a fare ciò che possiamo con le risorse che abbiamo

18 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello18 / 35 Nelle scuole (o almeno da noi) Abbiamo il Dipartimento di Sostegno che, con gli Insegnanti diffusi in tutte le classi, ha locchio clinico per scoprire gli allievi con disabilità o difficoltà di varia natura; Abbiamo i Referenti DSA che si occupano di censire e gestire le problematiche relative agli allievi con Disturbi Specifici dellApprendimento; Abbiamo i progetti Sos Italia e Fasce Deboli, che cercano risorse e attivano iniziative per gli allievi stranieri o lenti segnalati dai CdC;

19 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello19 / 35 Si tratta di un mix di dipartimenti, progetti, figure strumentali… che, ad oggi, viaggiano spesso come binari paralleli: nella stessa direzione, ma separati.

20 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello20 / 35 Alcune storie pedagogiche - Aldo 1 - Allievo iscritto in prima, in grande difficoltà didattica. Gli insegnanti del CdC contattano i referenti di Sostegno per capire il problema. Viene convocata la madre, che rivela una diagnosi necessariamente vaga (di psicologa privata) e la frequenza di una Scuola Media Parificata compiacente; Accettato e attivato il percorso di certificazione (SSN); in attesa della diagnosi, lo osserviamo con più attenzione e gli evitiamo la bocciatura;

21 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello21 / 35 Alcune storie pedagogiche - Aldo 2 - Lanno seguente, allarrivo (molto tardivo) della DF si attivano alcune ore di sostegno grazie al progetto Fasce Deboli (e alla presenza di altri allievi disabili in classe); lavoro didattico ridotto ed equipollente. Questanno scolastico: riconosciuto QI di confine, ma nellarea disabilità. Assegnate 5 ore di sostegno in una classe terza sociale che comprende altri 2 allievi con disabilità, 2 con DSA e alcuni stranieri.

22 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello22 / 35 Alcune storie pedagogiche - Sabrina 1 - Arriva, ripetente, da altra scuola, e da noi è nuovamente bocciata in prima; eppure i colleghi dicono che non ha grandi problemi di didattica – semmai qualcuno relazionale. La mamma si presenta ai colloqui di novembre dicendo di avere una certificazione SSN che le dà diritto al sostegno – certificazione mai comunicata prima, perché non volevano sentirsi diversi; La NPI rivela che la DF esiste, è effettivamente vecchia, mai usata e di una certa importanza (lieve deficit sensoriale ininfluente, QI basso)

23 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello23 / 35 Alcune storie pedagogiche - Sabrina 2 - Oggi: attiviamo un sostegno invisibile e discreto, rubando le ore ai compagni di classe; impediamo una possibile seconda bocciatura. Il prossimo anno: attiveremo alcune ore di sostegno aggiuntive in una classe seconda turistica, che comprende altri 2 allievi disabili e alcuni stranieri.

24 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello24 / 35 Alcune storie pedagogiche - Enver 1 - Appena arrivato in Italia dallAlbania, quasi maggiorenne; frequenta il CPT assieme al primo anno del nostro corso sociale; Le difficoltà linguistiche mascherano per molto tempo le gravi difficoltà nel curricolo e qualche bizzarria nel comportamento; Viene inserito nei progetto Sos Italia, poi a scuola si presenta la volontaria di unassociazione che conosce la famiglia e descrive la storia dellallievo; tra le altre gravi tribolazioni, ha forse avuto episodi di epilessia; Attualmente dimostra delusione rispetto ai risultati e agli obiettivi del suo percorso scolastico, ma è indeciso su cosa fare.

25 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello25 / 35 Alcune storie pedagogiche - Enver 2 - Si tenta quindi la strada della certificazione urgente del SSN, ritenendo che ci siano gli estremi per il sostegno (e che ciò sia indispensabile per la sua salute); Allo stesso tempo, si cerca di fare rete con i Serv.Soc., il Cpt ed il volontariato per definire un progetto informale, scolastico e relazionale. Lobiettivo minimo è di ricostituire le sue motivazioni allo studio; Oggi: siamo in attesa della diagnosi – contiamo di trattenerlo nella nostra scuola per qualche anno, per poi tentare (assieme a lui) di definire il suo progetto di vita; Prossimo anno: speriamo di rivederlo e di potergli dedicare ore di sostegno, per rinforzare le sue competenze di base, la sua socializzazione, e per aiutarlo a orientarsi. La sua classe accoglie un altro allievo disabile complesso.

26 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello26 / 35 Alcune storie pedagogiche - Fatima 1 - Allieva di origine marocchina, si presenta benissimo e parla un buon italiano: traduce sempre per la mamma, il padre è spesso lontano da casa; I risultati scolastici sono molto deludenti. Gli insegnanti non capiscono quale sia il problema. DSA? Svantaggio linguistico/culturale? Fatima e famiglia oppongono molta resistenza ad un percorso di analisi ed eventuale certificazione. Nella sua classe cambiano ogni anno gli insegnanti di sostegno, con i quali ha generalmente un buon rapporto. Si tenta un approccio tramite la mediatrice culturale.

27 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello27 / 35 Alcune storie pedagogiche - Fatima 2 - Dopo il secondo anno viene bocciata, e durante lanno di ripetenza le cose non vanno meglio: si convince a frequentare la NPI, accompagnata dagli insegnanti. Quando viene consegnata la DF a lei e alla madre, non la accettano e rinunciano al sostegno cui Fatima avrebbe diritto (QI molto basso). Gli insegnanti di sostegno si tirano indietro e si ritenta un approccio con la mediatrice culturale. Fatima e famiglia cambiano idea! Dal prossimo anno (terza aziendale) sarà attivato per lei un percorso progettuale individualizzato in una classe con una allieva sorda. Arriverà probabilmente alla qualifica. Ma se non avesse accettato? Come ci saremmo comportati?

28 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello28 / 35 Nel futuro ci dovrà essere una integrazione più stretta tra questi dipartimenti stagni: Il dipartimento di sostegno e la sua progettualità speciale per gli allievi disabili I referenti DSA,sia a livello di Istituto che di CdC Il progetto fasce deboli per i lenti Il progetto sos italia per gli allievi stranieri Il gruppo di lavoro valutazione per competenze I dipartimenti curricolari nella compilazione di test di ingresso e nella definizione degli obiettivi minimi Attraverso la costituzione di un GRUPPO di LAVORO per LINCLUSIONE (evoluzione del vecchio gruppo acca)

29 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello29 / 35 Immaginiamo di avere lavorato bene: Abbiamo individuato e osservato lallievo… Abbiamo redatto una progettazione pedagogica condivisa … Che abbiamo perseguito in gruppo, ottenendo i miglioramenti previsti… Attraverso una didattica personalizzata, motivante e inclusiva… Abbiamo misurato oggettivamente i progressi del nostro allievo attraverso verifiche ben calibrate, magari estese ai suoi compagni … E poi, e poi e poi…

30 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello30 / 35 …che prove, che valutazioni finali avranno i nostri allievi BES? E penso ai momenti topici, tipo: Qualifica Maturità Prove Invalsi

31 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello31 / 35 Diploma di qualifica: È stata, finora, la situazione più gestibile. Era un primo livello a cui molti allievi BES potevano ragionevolmente aspirare; Le prove sono redatte con il necessario anticipo da una equipe di insegnanti interni che conosce le caratteristiche individuali dei candidati, e adatta le prove a seconda delle loro necessità educative; La riforma Gelmini ci ha eliminato lesame per il corso Turistico, costringendo a scommettere sul futuro dei neo-iscritti senza conoscerli abbastanza. Inoltre, con le modalità esterne imposte dalla Formazione Regionale, quanto spazio avremo per rendere equipollenti le prove dei BES? Ci sono segnali poco rassicuranti.

32 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello32 / 35 Esame di stato: Ormai abbiamo qualche esperienza e un buon numero di precedenti; Si accettano e si elaborano (ma che fatica, a volte…) prove differenziate ed equipollenti per gli allievi con disabilità, o DSA. Si accettano abbastanza tranquillamente tutti gli strumenti dispensativi e compensativi. Ma quanta comprensione avrà una commissione esterna verso uno svantaggiato, giudicato tale solo dal suo CdC? Che diritti potrà far valere lallievo in situazione temporanea di svantaggio?

33 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello33 / 35 Test INVALSI: Questi sono i peggiori. Per fortuna contano ancora poco, e ancora non si capisce quanto siano obbligatori. I test INVALSI non sono modificabili, non prevedono modifiche né per i tempi né per le modalità di esecuzione, e quando lo fanno sembrano ignorare la profondità delle differenze tra persone. Daltra parte ciò è connaturato nel loro obiettivo di misurare delle prestazioni monodimensionali.

34 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello34 / 35 Quali sono gli Stati più inclusivi? Svezia Islanda Norvegia Portogallo Italia Grecia Spagna I cosiddetti PIGS dellEuropa Finanziaria!

35 Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello35 / 35 Grazie a tutti! Questa presentazione è disponibile sul sito del Progetto Christopher Nolan, gestito dal Dipartimento di Sostegno dellIIS Paolo Boselli di Torino – sezione normativa


Scaricare ppt "Salone del Libro di Torino - 20 maggio 2013 / IIS Paolo Boselli, Torino - Proff. Susanna Pasi e Oreste Garello1 / 35 Gli allievi con Bisogni Educativi."

Presentazioni simili


Annunci Google