La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE A. Lucifero VIA G. Carducci 0962/23572 – Fax 0962/23256 Cod. Fisc. 91011000790

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE A. Lucifero VIA G. Carducci 0962/23572 – Fax 0962/23256 Cod. Fisc. 91011000790"— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE A. Lucifero VIA G. Carducci 0962/23572 – Fax 0962/23256 Cod. Fisc CROTONE

2 Dalle Aule Parlamentari alle aule della scuola: lezioni di Costituzione

3 Il lavoro alla luce della Costituzione Italiana. Costituzione fa rima con occupazione?

4 Siamo un gruppo di 20 studenti che frequentano il penultimo anno dellIstituto Tecnico Commerciale A. Lucifero di Crotone. Viviamo in una realtà territoriale difficile e complessa, che manifesta in termini enormemente amplificati i disagi vissuti dai nostri coetanei in atre realtà territoriali del nostro paese. Forse è anche per questo motivo che ci sentiamo maggiormente motivati a fare di tutto perché le cose possano cambiare qui al Sud. Una riflessione corale Una riflessione corale

5 Abbiamo deciso di cominciare questo percorso assai arduo, nella scuola e con la scuola, aderendo a tutte quelle iniziative che possono aiutarci a penetrare e comprendere la società di cui facciamo parte con gli strumenti e le competenze adeguate. Siamo infatti convinti che è nella scuola che possiamo capire che democrazia e legalità convergono e che solo con limpegno responsabile di tutti possiamo costruire vere opportunità di giustizia, di sviluppo e di benessere.

6 Con grande entusiasmo abbiamo, dunque, accolto linvito del nostro Dirigente Scolastico a partecipare al Progetto promosso dalla Camera dei Deputati, dal Senato Della Repubblica e dal Ministero della Pubblica Istruzione, allo scopo di favorire lanalisi e la riflessione critica sulle tematiche costituzionali in occasione del 60° anniversario della Costituzione. E così abbiamo iniziato un percorso, fatto di incontri, studi, approfondimenti, ricerche, dibattiti,iniziato con lindividuazione del nostro campo dindagine.

7 E bastato guardare alla nostra realtà, al disagio sociale ed economico del nostro territorio ( nel 2 ° trimestre del 2007 la nostra regione ha registrato il tasso di occupazione più basso dItalia ed in particolare la provincia di Crotone presenta il più elevato indice di rischio-Usura per decidere : il lavoro alla luce della Costituzione Italiana… )

8 Costituzione occupazione fa rima con ?

9 Questo il titolo con il quale abbiamo inteso contraddistinguere il nostro elaborato, individuando il nostro campo dazione.

10 Con laiuto dei nostri insegnanti, in una prima fase del lavoro ci siamo accostati allo studio ed allanalisi critica della Carta Costituzionale, soffermandoci, in particolar modo sugli artt. e sulle leggi ad essi collegate, utilizzando la Piattaforma didattica messa a disposizione dalle Camere, documenti, testi, filmati, immagini in nostro possesso e in possesso della scuola. 1, 4, 35, 36, 37, 39, 40

11 Abbiamo incontrato esponenti del mondo sindacale, del mondo imprenditoriale, magistrati del lavoro e persone comuni che con le loro testimonianze dirette hanno suscitato in noi un interesse sempre crescente ed un impegno volto ad affrontare i grandi temi inevitabilmente legati al mondo del lavoro.

12 Abbiamo affrontato le problematiche relative al lavoro minorile, allavoro i ii irregolare, allo sfruttamento d dd della m mm manodopera o oo organizzata sia direttamente che indirettamente, dalla, criminalità mafiosa, alle c. d. morti bianche morti bianche, dellaparitàtra u uu uomo e ee e d dd donna s ss sul luogo di lavoro, precariatodel alla Legge Biagi, alla emigrazione a aa attualmente c cc contrassegnata d dd dalla fuga d dd di c cc cervellidal nostro Paese e soprattutto dalla nostra realtà territoriale, almobbinge alle molestiesul posto di lavoro., alla mobilità dei lavoratori nell area della Unione Europea,

13 Ci siamo improvvisati intervistatori, rivolgendo le nostre domande all esterno dellambito meramente scolastico, tra la gente, per la strada ed in famiglia e registrando, alla analisi dei dati acquisiti, una circa le tematiche costituzionali legate al lavoro. Procedendo oltre nella nostra indagine,è cresciuta in noi la consapevolezza che la normativa di cui al dettato costituzionale non trova spesso materiale riscontro operativo nella q qq quotidianità. conoscenzaestremamenteapprossimativa

14 Esistono, infatti, condizioni di lavoro che, piuttosto che esaltare la creatività, l ingegno e la dignità della persona, la trasformano in un mero strumento produttivo privo di anima, o peggio ancora in uno strumento che a volte inconsapevolmente, rende sempre più forte quel potere diffuso a tutti i livelli che si chiama ndrangheta. Questa gestisce gli aiuti finanziari che arrivano al Sud, pianifica e organizza gli interventi nel settore economico come una grande holding finanziaria, rappresentando così un ostacolo, anzi lOstacolo al lavoro libero e dignitoso e allo sviluppo economico, limitando di fatto il processo di affermazione dei nostri diritti costituzionalmente garantiti.

15 Proprio stamani ( ) è stata portata a termine unoperazione di polizia con ben 42 arresti di piccoli e grandi personaggi mafiosi della zona, a conclusione di una faida scoppiata la vigilia di Pasqua. Per lennesima volta assisteremo alla condanna di simili efferatezze criminali da parte dei cittadini e delle istituzioni, ma ciò non basta né basta la repressione: dobbiamo impegnarci a costruire la cultura della legalità.

16 Educhiamoci! Anzi,

17 educateci ad essa!

18 Sulloccupazione locale incide negativamente, tra le altre cose lelevato costo del denaro. Da unindagine condotta da Il Sole 24 Ore risulta che contrarre un prestito in Calabria costa ben il 70% in più rispetto a Bologna, Firenze e Trento. (lo scorso anno nella vicina Cosenza ad un finanziamento da restituire in 18 mesi, le banche hanno mediamente applicato un tasso del 9,32% contro il 5,46% di Trento!). Inutile puntualizzare che una tale condotta da parte degli istituti di credito, induce il cittadino, laddove non sostenuto da idonee garanzie personali, a doversi rivolgere a forme di finanziamento illecite che, nella stragrande maggioranza dei casi, sono in mano alla criminalità organizzata.

19 E intanto il divario tra nord e sud del Paese continua a crescere…….

20 Perché non sinterviene presso i vertici degli istituti bancari operanti nella nostra regione per lattuazione di strategie volte e ridurre il costo del denaro?

21 Ci sentiamo spesso rispondere che alla base del sistema ci sono meccanismi complessi per noi e di difficile comprensione.

22 È pur vero che lo Stato è intervenuto e continua ad erogare, con opportuni provvedimenti di politica economica, finanziamenti malgestiti, utilizzati per costruire cattedrali nel deserto che non produrranno mai ricchezza e benessere, ma soltanto spreco di denaro pubblico oltre che in recentissime occasioni, larricchimento di soggetti(molto spesso imprenditori del nord del Paese) che sfruttano le occasioni offerte dalle leggi agevolative della imprenditoria e, una volta ottenuta lerogazione dei relativi fondi, quasi mai realizzano le iniziative finanziate.

23 In questo scenario risulta davvero inimmaginabile per noi accedere a un lavoro onesto, giusto, dignitoso, e fin dora ci poniamo questo interrogativo:, che valorizzi la persona

24 dopo il diploma cosa fare?

25 Soggiacere alla realtà delle cose esistenti o rinviare sine die la collocazione lavorativa,proseguendo gli studi universitari, considerati nella stragrande maggioranza dei casi come un parcheggio in attesa di tempi migliori ?

26 E, del resto, questa nostra ultima riflessione trova specifico conforto in tutta una serie di contatti che abbiamo ritenuto di stabilire con nostri coetanei ai quali abbiamo posto lo stesso quesito, ottenendo le considerazioni che, qui di seguito, riteniamo utile riportare fedelmente e, con riferimento alle quali, invitiamo chi le esaminerà, a considerare il vero dramma che da esse traspare :

27 – Luigi, 16 anni, Io da grande avrei tanti obiettivi da raggiungere come laurearmi, ma se in caso dopo essermi diplomato lo Stato mi aiuta, io vorrei fare l imprenditore, ma visto che qui in Calabria è un po difficile, continuo con gli studi –

28 – Federica, 16 anni, Dopo il diploma vorrei studiare Giurisprudenza ma, parlando con persone più grandi, già immesse nel modo del lavoro mi sono sentita scoraggiata. Siccome già ci sono troppe persone che esercitano la professione di avvocato e che, purtroppo, non lavorano anche perchè in Calabria è difficile trovare una occupazione, non credo che prenderò questa strada. Ci sono molti miei parenti laureati e non riescono a trovare una seria occupazione. Sinceramente, dopo tutti i sacrifici fatti per studiare, non vorrei ritrovarmi in un negozio o in un call – center. Spero che in futuro la nostra città offra maggiori possibilità di lavoro e che non saremo più costretti ad emigrare –

29 – Francesca,18 anni Scegliendo questo Istituto le mie intenzioni erano quelle di entrare nel mondo del lavoro come ragioniera ma, visto che qui in Calabria il tasso di disoccupazione è molto elevato, sicuramente dovrò spostarmi al nord. Di certo sono consapevole che non è cosa facile abbandonare il proprio paese, però, forse per adesso, è l unica alternativa che ho. Inizialmente, avevo idee diverse, cioè di continuare gli studi ma, andando avanti, mi sono resa conto che se cè la possibilità di lavorare è meglio, per essere autonomi e costruirsi un futuro –

30 – Filippo, 18 anni Non saprei proprio cosa rispondere ; in un contesto storico in cui la politica e, di conseguenza, la società non ci dà nessun punto di riferimento e di sicurezza : precariato, nepotismo, organizzazioni mafiose sono i principali ostacoli alla nostra aspettativa di vita. Personalmente vorrei riuscire a fare ciò in cui meglio mi identifico, mi piacerebbe assumere un ruolo di grande responsabilità come la gestione amministrativa di una società che si occupa di servizi rivolti a grandi fasce di consumatori, dove la gestione del personale ed il marketing sono al primo posto nelle attenzioni della azienda. Credo, comunque, che qualsiasi cosa farò o riuscirò a fare, sarà una attività in cui credo e che mi darà soddisfazioni perché non ho nessuna intenzione di fare un qualcosa solo per avere in cambio un salario o uno stipendio –

31 – Luca,17 anni Da grande vorrei fare tante cose, però più si va avanti e più mi accorgo che nella società in cui viviamo sia praticamente impossibile diventare ciò che si vuole. Vorrei proseguire gli studi, ma entrare prima nel mondo del lavoro mi incuriosisce. Lavorando potrei raggiungere un altro mio obiettivo e cioè quello di rendermi finalmente una persona autonoma in modo tale da non dovere più dipendere dai miei genitori –

32 – Riccardo,18 anni Io che faccio parte della nuova generazione, alle soglie del diploma, provo a vedere cosa la mia città presenta al mio futuro. La questione davanti a miei occhi appare abbastanza critica. Le mie ambizioni per il futuro sono molte. Per ora, la mia tappa finale è diventare pediatra ; purtroppo, conoscendo la mia terra, so già che si presenteranno sul mio cammino diversi ostacoli : tra i tanti, le raccomandazioni per superare l ingresso alla facoltà di medicina. Nonostante ciò cercherò in tutti i modi di raggiungere l obiettivo prefissato, provando a cambiare anche la mentalità che esiste in Calabria, dando un contributo alla mia terra –

33 – Elisa, 17 anni Da grande vorrei diventare una interprete di lingua inglese. Naturalmente ho la consapevolezza che dovrò lasciare il mio paese per portare a termine gli studi e vivere lontano dalla mia famiglia. Da una parte mi fa piacere, perché potrò conoscere una realtà diversa da quella in cui vivo –

34 – Valentina,17 anni Dopo avere conseguito il diploma di ragioniera, vorrei tanto trovare un posto di lavoro inerente agli studi portati a termine, ma so già che sarà difficile qui al sud. Volendo potrei spostarmi verso il nord ma il fatto è che non voglio allontanarmi dai miei affetti ed anche perché la vita è più costosa lì. Perciò cercherò di valutare la proposta di continuare gli studi qui in Calabria anche se alla fine di questi, sarà sempre difficile trovare una occupazione.

35 Per concludere vogliamo sottolineare che, se il nostro percorso ha significato una conoscenza sostanziale della Carta Costituzionale, ci ha soprattutto indotto a rifiutare ogni vittimismo o rassegnazione che spesso costituiscono nellimmaginario collettivo la cifra della gente del Sud e, animati da una speranza di fondo, affermiamo che è necessario il cambiamento di cui noi vogliamo e possiamo essere parte attiva. Crotone, lì 15 Aprile 2008

36 Gli alunni: Angotti Rosario IV A Astorino Valeria IV A Balbi Settino Francesca IV A Carnè Pasquale IV A Catanzaro Francesco IV A Torchia Francesco IV A Rienzi Sara IV A Belcastro Caterina IV C Caponigro Adina IV C DOppido Cristian IV C Danise Jessyka IV C Krokhina Natallia IV C Gentile Marina IV C Brasacchio Maria IV E Carcea Fabio IV E Cardamone Genoveffa IV E Mungari Valentina IV E Leo Carlo IV E Pelle Valentina IV E Rocca Sabrina IV E

37 Con la collaborazione dei seguenti docenti: Raffaella Muscò Filomena Mustacchio Carlo Proto


Scaricare ppt "ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE A. Lucifero VIA G. Carducci 0962/23572 – Fax 0962/23256 Cod. Fisc. 91011000790"

Presentazioni simili


Annunci Google