La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA SORVEGLIANZA ANTINCENDIO PRIVATA SERVIZIO ATTUALMENTE RESO NELLELIPORTUALITA ED AEROPORTUALITA MINORE QUADRO NORMATIVO E TECNICO Ing. Francesco Pedone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA SORVEGLIANZA ANTINCENDIO PRIVATA SERVIZIO ATTUALMENTE RESO NELLELIPORTUALITA ED AEROPORTUALITA MINORE QUADRO NORMATIVO E TECNICO Ing. Francesco Pedone."— Transcript della presentazione:

1 LA SORVEGLIANZA ANTINCENDIO PRIVATA SERVIZIO ATTUALMENTE RESO NELLELIPORTUALITA ED AEROPORTUALITA MINORE QUADRO NORMATIVO E TECNICO Ing. Francesco Pedone Fiuggi Febbraio 20101

2 Innanzi tutto si devono ricordare le principali Organizzazioni che a livello internazionale e poi nazionale, attraverso recepimenti europei, stabiliscono norme legislative in materia aeronautica in generale e di salvataggio e lotta al fuoco in particolare. Congresso Fiuggi Febbraio 20102

3 ICAO – International Civil Avion Organization lorganismo al quale aderiscono la quasi totalità degli Stati, fornisce una serie di allegati tecnici, denominati ANNESSI, che costituiscono lossatura legislativa anche in materia di antincendio. Fondata con la Convenzione di Chicago nel 1944, ha pubblicato 18 annessi, dei quali, ai fini della sicurezza antincendio, sono essenziali gli annessi 14 (aerodromi) e 18 (misure di sicurezza per il trasporto aereo di merci pericolose). Fiuggi, Febbraio 20103

4 Manuale dei Servizi Aeroportuali – Parte 5 – Soccorso e lotta la fuoco che tende a chiarire ed uniformare le modalità di attuazione dellannesso 14. Tutti gli allegati tecnici sono periodicamente pubblicati con aggiornamenti e modifiche e contengono sia norme cogenti (e quindi vincolanti) sia raccomandazioni (indicazioni opportune ma non vincolanti che ogni Stato può rendere tali con autonomo provvedimento). LItalia ha recepito la Convenzione del 1944 nel Congresso Fiuggi Febbraio 20104

5 Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, attraverso lENAC, Ente Nazionale Aviazione Civile; Il Ministero dellInterno attraverso il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Congresso Fiuggi Febbraio 20105

6 Aviosuperfici, cioè aree idonee alla partenza e allapprodo di aeromobili non appartenente al demanio pubblico. Dal punto di vista di lotta al fuoco, sono considerati aeroporti tutte le strutture con utilizzo commerciale e, se non commerciale, quelle in cui sono impiegati aeromobili con 9 passeggeri a bordo e/o di peso uguale a 5700 kg. Congresso Fiuggi Febbraio 20106

7 In base alla lunghezza e larghezza massima della fusoliera degli aeromobili, lICAO stabilisce 10 categorie di aeroporti. In Italia il servizio antincendio viene svolto obbligatoriamente dalla 5° alla 10° categoria, dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Congresso Fiuggi Febbraio 20107

8 Eliporti, cioè aree idonee alla partenza e allapprodo esclusivo di elicotteri. LICAO stabilisce, analogamente alla categoria aeroportuale, delle classi di elisuperfici in base alla lunghezza fuori tutto dellelicottero più grande che può utilizzare larea. – Le classi sono 3. Le principali norme tecniche di costruzione sono stabilite dallICAO nel Heliport Manual. Congresso Fiuggi Febbraio 20108

9 Si riferiscono ad alcune Note del Ministero dellInterno e soprattutto alla n. 6277/3405/B del 1992 per gli aeroporti maggiori (V.V.F.) e dalla Nota 4468/3405/2/B del 1997, per gli aeroporti cosiddetti minori (ove il servizio antincendio è svolto da personale assunto dal titolare della licenza o dal gestore in base alla facoltà concessa dal Codice della Navigazione). Congresso Fiuggi Febbraio 20109

10 Il personale che svolge sorveglianza antincendio deve essere obbligatoriamente abilitato da parte del Ministero dellInterno in base alla legge 930/80, così come modificata dalla legge 384/91, con le modalità del DM – Il personale deve essere dotato dagli opportuni D.P.I., anche con riferimento alle disposizioni del D.Lgs 81/08. Congresso Fiuggi Febbraio

11 Il personale utilizza per la lotta al fuoco, nel caso di aeroporti, ovviamente automezzi e, nel caso di eliporti, o automezzi o impianti fissi. Congresso Fiuggi Febbraio

12 La tipologia e le caratteristiche degli agenti estinguenti complementari (polvere, CO2) e principali (schiuma), il rateo di scarico (litri/minuto), le percentuali di miscelazione nonché le minime quantità adoperabili di agenti estinguenti sono stabiliti dallICAO e dalle Note Ministeriali sopraccitate e successive circolari. Per le elisuperfici ha stabilito le essenziali norme il Decreto del 26 Ottobre 2007 n. 238, che ha sostituito il precedente DM 121/90. Congresso Fiuggi Febbraio

13 Anche lequipaggiamento minimo di salvataggio che deve essere presente in un aeroporto e in un eliporto è stabilito dallICAO in linea di principio, in funzione della categoria aeroportuale e alla classe eliportuale. Congresso Fiuggi Febbraio

14 Al Ministero dellInterno sono demandati i controlli e le verifiche attraverso gli Ispettorati rispettivamente per lItalia Settentrionale, (Milano) Centrale e Sardegna (Roma) Meridionale e Sicilia (Palermo) attraverso i Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco competenti per territorio. Congresso Fiuggi Febbraio

15 Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con decreto del , di concerto con i Ministero dellInterno, ha stabilito tutta una serie di disposizioni riguardanti la figura del gestore, la definizione di aviosuperfici e/o elisuperfici occasionali, alcune norme procedurali ed autorizzative, nonché ove e quando lassistenza antincendio è obbligatoria. Congresso Fiuggi Febbraio

16 Oltre ai casi già stabiliti per gli aeroporti, tale assistenza è prevista per le aviosuperfici con attività di scuola ed in particolare per le elisuperfici larticolo 14 recita : Devono essere dotate di assistenza antincendio: le elisuperfici in elevazione; le elisuperfici che costituiscono la base per le operazioni di trasporto pubblico e HEMS; le elisuperfici a servizio di strutture ospedaliere e quelle utilizzate per attività di trasporto pubblico, ove si svolgono con continuità operazioni di trasporto con una media giornaliera di movimenti uguale o superiore a due per ogni semestre di riferimento; le elisuperfici che costituiscono la base per le operazioni di attività aeroscolastica. Congresso Fiuggi Febbraio

17 LENAC, con la Circolare OPV18A del confermava la necessità del servizio antincendio nelle basi HEMS e tale obbligo veniva ribadito nel Regolamento Norme operative per il servizio medico di emergenza con elicotteri, edizione del 15 dicembre 2009, allart. 6. Congresso Fiuggi Febbraio

18 Questo il quadro normativo di riferimento entro il quale si è strutturato lintero comparto privato per esercire il servizio di salvataggio e antincendio nel settore aeroportuale ed eliportuale. Congresso Fiuggi Febbraio

19 Grazie per lattenzione Congresso Fiuggi Febbraio


Scaricare ppt "LA SORVEGLIANZA ANTINCENDIO PRIVATA SERVIZIO ATTUALMENTE RESO NELLELIPORTUALITA ED AEROPORTUALITA MINORE QUADRO NORMATIVO E TECNICO Ing. Francesco Pedone."

Presentazioni simili


Annunci Google