La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL NATALE CON LARTE Viaggio alla scoperta del Natale attraverso alcune opere artistiche di vari tempi a cura dellins. Andrea Gironda – www.andreagironda.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL NATALE CON LARTE Viaggio alla scoperta del Natale attraverso alcune opere artistiche di vari tempi a cura dellins. Andrea Gironda – www.andreagironda.it."— Transcript della presentazione:

1 IL NATALE CON LARTE Viaggio alla scoperta del Natale attraverso alcune opere artistiche di vari tempi a cura dellins. Andrea Gironda –

2 Larte attraverso il suo linguaggio espressivo è un mezzo per parlare del mistero del Natale. Molti artisti di tutti i tempi attraverso la pittura, la scultura, la musica, la poesia e altre forme artistiche hanno parlato del Natale agli uomini di ogni tempo. Spesso larte non vuole fermarsi ad un unico evento, ma li raggruppa cercando così di dare un messaggio ampio a chi si pone di fronte allopera.

3 LANNUNCIAZIONE affresco del Beato Angelico Presupposti biblici: Il Signore Dio prese luomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse. Il Signore Dio diede questo comando alluomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, ma dellalbero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti». Ma Adamo non ascoltò la voce di Dio e disobbedì alla sua parola. Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto. Scacciò luomo e pose ad oriente del giardino di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire la via allalbero della vita. (dal libro della Genesi capitoli 2-3) Nel sesto mese, langelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te». A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. Langelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dellAltissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse allangelo: «Come è possibile? Non conosco uomo». Le rispose langelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dellAltissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio ». Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto». E langelo partì da lei. Luca 1,26-38

4 Laffresco dellAnnunciazione risale al ed è stato dipinto per la Chiesa del Convento di Cortona, oggi conservato sempre a Cortona nel Museo Diocesano. Lautore: GUIDO DI PIETRO è un artista del Trecento, morì a Roma nel Faceva parte dellordine dei domenicani e prese il nome di Fra Giovanni da Fiesole. Per la sua umiltà e la bellezza delle sue opere venne chiamato dai suoi contemporanei Frate Giovanni Angelico

5

6 Vediamo alcuni particolari… Maria ha le MANI sul cuore in segno di accettazione della volontà di Dio. È seduta su un TRONO finemente tappezzato. Ha il VELO di una sposa Ha il LIBRO perché in Lei quanto annunciato si realizza Ha una VESTE di colore azzurro (contemplazione) e una veste rossa (colore regale)

7 La presenza di Adamo ed Eva che vengono cacciati dal Paradiso è un modo per collegare due eventi tra loro molto distanti. Il loro sguardo e la loro direzione va verso Maria, la nuova Eva Langelo ha una veste color rosso tenue, le ali perché è un messaggero che viene dal cielo. Ha un nimbo dorato sul capo (segno di dignità) con una fiammella perché ha la gloria degli angeli. Ha le mani rivolte una verso lorecchio una verso il seno di Maria. La colomba segno dello Spirito Santo e il volto di un anziano identificato con il profeta Isaia

8 LA NATIVITA mosaico di Jacopo Torriti Presupposti biblici: Cerano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande spavento, ma langelo disse loro: «Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia». E subito apparve con langelo una moltitudine dellesercito celeste che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama». Appena gli angeli si furono allontanati per tornare al cielo, i pastori dicevano fra loro: «Andiamo fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere». Andarono dunque senzindugio e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, che giaceva nella mangiatoia. Luca 2, 8-16

9 Lautore: Jacopo Torriti fu pittore e mosaicista. Lavora a Roma tra il 1290 e il Ha realizzato mosaici allinterno della Basilica di San Giovanni in Laterano e nella Chiesa di San Francesco ad Assisi. Lopera della natività è di datazione incerta, collocata nel XIII secolo Labside della Basilica di Santa Maria Maggiore dove si trova il mosaico della natività

10

11 Le dimensioni dellimmagine di Maria è sproporzionata rispetto agli altri personaggi. Anche qui ritornano i COLORI blu e rosso. Sorregge il BAMBINO quasi a volerlo presentare. La sua posizione, rivolta verso destra, la fa sembrare come sollevata in aria rispetto al resto della scena. San Giuseppe invece ha il volto di un ANZIANO, ha anche lui un manto di colore ROSSO, con una AUREOLA. Ha uno sguardo PENSIEROSO rivolto verso Maria

12 La posizione delle MANI degli angeli e la loro DISPOSIZIONE esprimono un assenso e uno stupore per quanto sta accadendo Questo è evidentemente un angelo che sta ANNUNCIANDO qualcosa ai pastori, tenendo anche in mano una carta profetica; angeli avvolti di gloria. La gloria di Dio! Il CAPO del Bambino ha una aureola a forma di CROCE. È avvolto in FASCE bianche, quasi fosse morto. La stella a otto punte simboleggia il giorno della salvezza portato da Cristo.

13 LADORAZIONE DEI MAGI di Giotto PRESUPPOSTI BIBLICI Gesù nacque a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode. Alcuni Magi giunsero da oriente a Gerusalemme e domandavano: «Dovè il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella, e siamo venuti per adorarlo». Alludire queste parole, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i sommi sacerdoti e gli scribi del popolo, sinformava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Messia. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta:E tu, Betlemme, terra di Giuda,non sei davvero il più piccolo capoluogo di Giuda: pascerà il mio popolo, Israele. Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire con esattezza da loro il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme esortandoli: «Andate e informatevi accuratamente del bambino e, quando l'avrete trovato, fatemelo sapere, perché anchio venga ad adorarlo». Udite le parole del re, essi partirono. Ed ecco la stella, che avevano visto nel suo sorgere, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti poi in sogno di non tornare da Erode, per unaltra strada fecero ritorno al loro paese. Matteo 2,1-12

14 Questo affresco di Giotto si trova nella Cappella degli Scrovegni di Padova, ed è stata realizzata tra il 1303 e il E situata allinterno di una serie di affreschi ritenuti i più belli di Giotto, che vengono addirittura definiti come la prima Bibbia visiva moderna italiana. Il racconto biblico è inserito in uno scenario plastico dove i personaggi – rivestiti con costumi trecenteschi – e le azioni sono presentati come una sacra rappresentazione attualizzata nel contesto storico del tempo in cui laffresco è stato realizzato. LAUTORE Giotto è stato pittore, scultore e architetto fiorentino vissuto tra il 1266/1267 e il è il fondatore del linguaggio figurativo italiano. Affresca la Cappella degli Scrovegni su un terreno dellomonimo signore che aveva acquistato un terreno su quella zona.

15

16 Maria è seduta su un seggio, vestita di AZZURRO e color PORPORA riservato alle autorità imperiali. Porge il Bambino avvolto in fasce, alladorazione dei Magi. I Magi indossano ABITI del trecento, hanno tutti lAUREOLA. Il numero di TRE rappresenta le tre età della vita e a tre razze diverse provenienti dai continenti allora conosciuti. Portano ORO (Gesù è Re), INCENSO (come Dio che si è manifestato nella Giudea) e la MIRRA per indicare che lui era venuto per morire, essere sepolto e salvare luomo dal peccato. Accanto al Mago di destra cè una TECA a forma di corona. San GIUSEPPE indossa un manto ROSSO; ha una BARBA folta e arrotondata, come spesso viene rappresentato PIETRO (Giuseppe come Pietro custodisce la Chiesa di cui Maria è la figura)

17 La STELLA che guida i Magi può essere considerata come Cristo stesso. Nellantico oriente la stella è segno di divinità, e in questo caso viene attribuita al Messia che deve venire. In questa Cappella è la prima volta che una cometa viene presentata come un corpo celeste. Uno stuolo di cammelli ti invaderà, dromedari di Madian e di Efa, tutti verranno da Saba, portando oro e incenso e proclamando le glorie del Signore (Is 60,6). Da questo testo del profeta Isaia viene dedotta lidea di inserire dei dromedari accanto alla mangiatoia.

18 Facciamo un viaggio di molti anni… 1925, Germania

19 La rappresentazione dei Re Magi di Koderl (1925, Germania), unopera darte contemporanea ci fornisce molti spunti per unattenta riflessione che ci farà apprezzare e contemplare un grande mistero. LAUTORE Lautore è Koderl, un sacerdote tedesco ordinato nel 1971 che ha vissuto la prigionia della II guerra mondiale con molto dolore. Nelle sue opere presenta, in modo particolare lAntico e il Nuovo Testamento ma non ama rappresentare la figura di Cristo e quando lo fa, lo mette comunque in secondo piano. È sempre nella posizione di colui che guarda, quasi a creare una sorta di invisibile-visibile. E così anche in questa opera Koderl non mette Cristo in primo piano ma rappresenta la sua regalità facendo parlare i Magi venuti dallOriente

20

21 Il Sapiente raffigurato sulla sinistra piega il volto in modo del tutto innaturale e questo perché è intento ad osservare la stella che è in cielo, la quale viene da Oriente, così come riportato in Nm 24,17 Io lo vedo, ma non ora, io lo contemplo, ma non da vicino: Una stella spunta da Giacobbe e uno scettro sorge da Israele, spezza le tempie di Moab e il cranio dei figli di Set. La stella è, nellantico Oriente, segno di un dio, e di conseguenza di un re divinizzato; anche nellantica lingua della Mesopotamia per indicare la divinità e la stella venivano usate le medesime parole. i Sapienti non sono seduti su dei sassi o su un qualsiasi sedile. Lautore li ha raffigurati su delle colonne, per giunta rotte. Questo perché si riferiva ad Am 9,11 In quel giorno rialzerò la capanna di Davide, che è caduta; ne riparerò le brecce, ne rialzerò le rovine, la ricostruirò come ai tempi antichi. Questo passo messianico indica la restaurazione del Regno di Davide e quindi profetizza la venuta del Messia

22 Ad una prima osservazione i sapienti hanno in mano dei fogli, ma luomo di centro sembra avere in mano una cartina geografica o meglio ancora una carta delle stelle servita per un orientamento durante il viaggio, anche perché era risaputo che essi conoscevano lastronomia. Questi sapienti vengono raffigurati in un luogo deserto, e così la stella rappresenta per loro lunico punto di riferimento. Ma è interessante invece sottolineare che luomo di destra ha il Rotolo della Legge. Oltre ad un orientamento geografico i magi hanno seguito un orientamento spirituale, biblico. Questo a significare che il loro non era un semplice viaggio, ma probabilmente essi stessi avevano quella consapevolezza che il loro era un vero Pellegrinaggio – unico nel suo genere – verso la grotta di Betlemme. Anche luomo di destra ha unespressione molto stupita, anche lui è intento a guardare la stella.

23 Realizzato dallins. Andrea Gironda Fonte: Il mistero dellincarnazione Orientamenti per lazione didattica A cura di Maria Luisa Mazzarello e Maria Franca Tricarico Elledici edizioni Roma


Scaricare ppt "IL NATALE CON LARTE Viaggio alla scoperta del Natale attraverso alcune opere artistiche di vari tempi a cura dellins. Andrea Gironda – www.andreagironda.it."

Presentazioni simili


Annunci Google