La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Territorio La Valle dAosta è la più piccola regione dItalia. Confina ad Ovest con la Francia, a Nord con la Svizzera, ad Est e a Sud con il Piemonte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Territorio La Valle dAosta è la più piccola regione dItalia. Confina ad Ovest con la Francia, a Nord con la Svizzera, ad Est e a Sud con il Piemonte."— Transcript della presentazione:

1

2 Territorio La Valle dAosta è la più piccola regione dItalia. Confina ad Ovest con la Francia, a Nord con la Svizzera, ad Est e a Sud con il Piemonte. La superficie di kmq accoglie circa abitanti, con una scarsa densità di popolazione (35 abitanti/ chilometro quadrato). La spiegazione è evidente se si osserva la carta geografica; infatti ci troviamo nella più montuosa regione italiana, con montagne che sono tra le più alte dEuropa: Monte Bianco (4810 m), Monte Rosa (4634 m), Cervino (4634 m) e Gran Paradiso (4061 m). Appena il 20% del territorio si trova al di sotto dei 1500 metri. Il territorio è caratterizzato da una grande vallata percorsa dal fiume Dora Baltea e da una serie di torrenti e valli minori. I torrenti sono per lo più formati dalle acque derivanti dallo scioglimento dei ghiacciai delle alte montagne circostanti. Le montagne, in particolare quelle esposte a Nord, sono caratterizzate da copiose e abbondanti nevicate: ciò ha consentito lo sviluppo di importanti centri per gli sport invernali (ed in qualche caso anche estivi) favorendo il turismo in Valle DAosta e rendendo famose non poche località della regione, tra cui le notissime Cervinia e Courmayeur. La Valle dAosta costituisce un importante passaggio dalla pianura padana allEuropa doltralpe: per questo bisogna soprattutto ringraziare i romani che avevano dotato i valichi di buone vie. Due sono i passi principali: il Gran San Bernardo (2.472 m) che conduce in Svizzera (attraverso la vallata del Rodano) e il Piccolo San Bernardo (2.188 m). La neve però per almeno metà dellanno impedisce lutilizzo dei passi: per superare il problema sono stati costruiti due lunghi trafori autostradali: il traforo del Monte Bianco (12 km) che collega lItalia alla Francia e il traforo del Gran San Bernardo (6 km) che collega lItalia con la Svizzera.

3 Paesaggio montuoso della Valle dAosta

4 Stemma della Valle dAosta

5 La Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste è una regione a statuto speciale dell'Italia nord-occidentale, con capoluogo Aosta. Confina a nord con la Svizzera, a ovest con la Francia, a sud e ad est col Piemonte. È la regione più piccola d'Italia con km² di superficie e anche quella meno popolata con abitanti. Con un PIL pro capite pari a è la regione più ricca d'Italia.

6 Laghi e fiumi della Valle dAosta Il fiume principale è la Dora Baltea con molti piccoli affluenti naturali che nel tempo hanno scavato delle valli laterali, confluendo tutti a spina di pesce nella Conca della Dora Baltea.

7 Storia della valle dAosta Dopo la conquista da parte delle truppe romane ai danni dei Salassi, la popolazione celtica che abitava la Valle d'Aosta in epoca antica, fu fondata Augusta Prætoria Salassorum, l'odierna Aosta. Aosta è la città al mondo in cui è stato ritrovato il maggior numero di reperti di epoca romana dopo Roma e Pompei, il che le vale il titolo di "Roma delle Alpi". La regione fece in seguito parte del regno dei franchi, dellmpero carolingio, e del regno di Borgogna. Dal 1032 entrò nell'orbita dei Savoia e dal 1720 fece parte del Regno di Sardegna fino alla nascita del Regno d'Italia, nel Situata all'intersezione dei maggiori assi militari e commerciali tra la Francia, la Svizzera e l'Italia, la Valle d'Aosta conserva delle tracce del suo passato, quali: L area megalitica di Saint-Martin-de-Corléans; L arco di trionfo d'Augusto; Le porte romane; La cinta muraria e le torri; Il teatro romano, capace di accogliere 4000 spettatori, e l'anfiteatro.

8 Area megalitica di Saint-Martin-de-Corléans

9 Arco di Augusto

10 Porte romane

11 Cinta muraria

12 Teatro romano

13 Castello di Fenis

14 Tradizioni della Valle DAosta Batailles des reines Letteralmente: battaglie delle regine. Si tratta di confronti incruenti fra bovine che hanno un istinto innato alla territorialità e alla dominanza gerarchica il cui esito determina la gerarchia all'interno di ciascuna mandria. Oggi questa pratica è regolamentata (le vacche devono essere gravide e sono suddivise per peso) ed è organizzato un autentico torneo, articolato in venti eliminatorie e una finale regionale che si svolge in autunno ad Aosta in un'apposita arena. Dopo la Fiera di S.Orso, è la manifestazione che attira il maggior numero di spettatori nella regione. La bataille più tradizionale è probabilmente quella che si svolge nel vallone di Vertosan.

15 Batailles des chèvres - Battaglia delle capre In Valle d'Aosta vengono organizzati anche combattimenti tra capre, animali diffusi soprattutto nella "bassa valle". Gli allevatori di questo rustico animale hanno dato vita nel 1997 all'Associazione Comité régional batailles des chèvres che regolamenta e gestisce il campionato, anche qui diviso in eliminatorie e una finale regionale che si svolge a Perloz, a inizio novembre.

16 Economia L'economia della Valle d'Aosta si basa soprattutto su tre attività principali: l'allevamento, l'agricoltura e il turismo. In particolare, l'autonomia conferita dallo statuto speciale ha ripercussioni rilevanti sulla gestione dell'economia locale e delle finanze, che sono controllate a livello regionale, con una partecipazione pressoché nulla da parte del governo centrale italiano. Sono presenti sul territorio due strutture principali. La prima è la Camera valdostana delle imprese e delle attività liberali, la camera di commercio regionale, istituita il 20 maggio 2002 con la legge regionale n°7, e attiva dal 1 giugno Si tratta di un organismo autonomo di diritto pubblico che lavora al servizio delle imprese locali e dei consumatori, in stretta collaborazione con l'amministrazione regionale e con gli enti locali. La seconda è la Finaosta S.p.A., la compagnia finanziaria regionale, istituita nel 1982 secondo la legge regionale n°16, sostituita in seguito dalla legge regionale n°7 del Il capitale sociale è interamente intestato alla regione autonoma Valle dAosta. La Finaosta ha come scopo lo sviluppo socio-economico della regione, tramite degli interventi mirati per favorire la modernizzazione delle attività imprenditoriali locali, in accordo con le autorità regionali. Gli organi finanziari regionali lavorano in collaborazione con la Banca di credito cooperativo valdostana, l'istituto bancario unico a livello regionale.

17 Gabriele Fiscarelli Scuola Primaria Montessori Classe 5^A


Scaricare ppt "Territorio La Valle dAosta è la più piccola regione dItalia. Confina ad Ovest con la Francia, a Nord con la Svizzera, ad Est e a Sud con il Piemonte."

Presentazioni simili


Annunci Google