La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Legge di Archimede Liceo Scientifico Galileo Galilei di Potenza. Esperimento svolto dalla classe 4 A s anno scolastico 2008/2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Legge di Archimede Liceo Scientifico Galileo Galilei di Potenza. Esperimento svolto dalla classe 4 A s anno scolastico 2008/2009."— Transcript della presentazione:

1 Legge di Archimede Liceo Scientifico Galileo Galilei di Potenza. Esperimento svolto dalla classe 4 A s anno scolastico 2008/2009

2 Obiettivo: Verifica sperimentale della legge di Archimede. un corpo immerso in un liquido subisce una spinta di verso contrario e intensità uguale al peso del liquido spostato. F = g x d x v Volume liquido spostato (m3) densità liquido (kg/cm 3 ) cost. (N/kg)

3 Materiale: -Bilancia idrostatica tarata + cilindro e secchiello dello stesso materiale e volume -Pesetti con pinza -Calibro -Recipiente con H 2 O -Baroscopio + peso in vetro e cilindro metallico con V

4 Materiale: -Recipiente cilindrico con 400 cm3 di H 2 O(tarato) -1parallelepipedo in ferro e 1 in alluminio -Dinamometro -Bilancia analogica

5 Esperimento1: A un braccio della bilancia idrostatica applico il secchiello con il cilindro dello stesso materiale e volume uguale. Sul piattino dell'altro braccio poggio i pesetti da laboratorio per bilanciare il peso del cilindro e del secchiello.

6 Immergo ora il cilindro nel recipiente pieno d'acqua. OSSERVAZIONI: Il sistema si sbilancia a favore dei pesetti. IPOTESI: Se la bilancia non è più in equilibrio, c è una forza che altera questa condizione.

7 Calcolo questa forza (se esiste): F=p s v Con il calibro calcolo raggio e altezza del cilindro per calcolare il volume (V=πr 2 h) r= 1,5cm e h= 4,4cm V= 31cm 3 ps=1g/cm 3 F= 31g Questa è la forza che altera l'equilibrio del nostro sistema.

8 VERIFICA e CONCLUSIONI: -Come verifica alla nostra ipotesi applico al braccio dove ci sono il cilindro e il secchiello un peso di 31g: F A =F 1 - F 2 F 1 =Sp 1 e F 2 =Sp 2 p 1 =p 0 + dgh 1 e p 2 =p 0 + dgh 2 p= p 0 + dg( h 1 +l ) F A =F 1 - F 2 =Sp 1 - Sp 2 =S( p 1 - p 2 ) =S[ p 0 +dgh 1 + dgl - (p 0 + dgh 1 )] F=S d g l =dg(Sl) =dgV

9 Clicca sul video per avviare lapplicazione

10 Esperimento 2: Verifichiamo che la legge di Archimede è valida anche nei gas. OSSERVAZIONI: Applico al baroscopio, da un lato, il peso di vetro e, dallaltro, il cilindro metallico con V

11 Pongo il baroscopio sotto una campana di vetro e, con laspiratore, creo una depressione dovuta alla mancanza di aria. IPOTESI: In questa nuova condizione la forza di Archimede non agirà più; il sistema si sbilancerà a favore del peso con V maggiore. Tolta tutta laria, il baroscopio si sbilancia verso il peso di vetro. CONCLUSIONI: La legge di Archimede è valida anche per gli aeriformi.

12 Clicca sul video per avviare lapplicazione

13 Esperimento3: La forza di Archimede dipende esclusivamente dal volume delloggetto. Misuro le masse dei due parallelepipedi e la portata del dinamometro.

14 Aggancio al dinamometro loggetto in alluminio. Il dinamometro segna un peso pari a 50 g. Immergo loggetto in un recipiente cilindrico tarato e pieno di H 2 O. Il dinamometro si accorcia per la spinta di Archimede. IPOTESI:

15 Il dinamometro si accorcia segnando la misura di 30 g. Ripeto la stessa esperienza con loggetto in ferro. IPOTESI: La forza di Archimede è la stessa poiché gli oggetti hanno V uguale. VERIFICA E CONCLUSIONI: la forza di Archimede è la stessa, quindi essa dipende dal volume del solido considerato.

16 Si ringraziano La professoressa Di Gregorio per il tempo dedicato al progetto E gli assistenti Montano e Buonadonna per laiuto tecnico. FINE


Scaricare ppt "Legge di Archimede Liceo Scientifico Galileo Galilei di Potenza. Esperimento svolto dalla classe 4 A s anno scolastico 2008/2009."

Presentazioni simili


Annunci Google