La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INAF / IASF Bologna Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna - Direttore: G. Malaguti –

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INAF / IASF Bologna Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna - Direttore: G. Malaguti –"— Transcript della presentazione:

1 INAF / IASF Bologna Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna - Direttore: G. Malaguti –

2 INAF/IASF Bologna Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna una delle Strutture di Ricerca dellINAF parole chiave: Fisica spaziale - Tecnologie per lastrofisica stretta collaborazione con Università (studenti di Laurea e/o Dottorato, docenze) progetti e contratti con ASI, MIUR, ESA, ESO, UE circa 60 persone tra ricercatori, tecnologi, tecnici, amministrativi, assegnisti, borsisti forte impegno nella divulgazione e nella didattica anche con il coinvolgimento delle scuole del territorio

3 Infrastrutture Tecnologiche Sala integrazione grandi apparecchiature Laboratori Centro di calcolo astrofisico Sistemi criogenici Camera pulita e termo-vuoto Macchina radiogena X

4 Ricerca Scientifica XMM-Newton XMM-Newton studia lUniverso in banda X aiutando a comprendere lorigine di sorgenti misteriose quali i nuclei galattici attivi, le binarie X, i gamma-ray burst Ferm Fermi permette di studiare lUniverso più estremo e violento attraverso la radiazione gamma emessa sia da oggetti galattici (per esempio il Sole, la Via Lattea, le pulsars, etc.) sia extragalattici (come i blazars e le radio galassie) Agile Agile studia lUniverso nella banda X (10-40 keV) e gamma (30 MeV- 30GeV). Tra i risultati più importanti raggiunti in 6 anni di operazione ci sono la variabilità della nebulosa del granchio e i TGF (Terrestrial Gamma-ray Flashes) Integral Integral osserva il cielo nel regime dei raggi gamma soffici. Tra le sue scoperte più importanti ci sono le Supergiant Fast X-ray Transient (SFXT), la rivelazione di emissione polarizzata dalla nebulosa del Granchio e dal buco nero Cygnus X-1 1. Astrofisica relativistica e delle alte energie 1. Astrofisica relativistica e delle alte energie : studio dei fenomeni più violenti che avvengono nellUniverso, sia nella nostra Galassia, come per esempio le binarie X, sia fuori da essa, come i buchi neri supermassicci, i nuclei galattici attivi e i lampi gamma. La radiazione X e gamma è fondamentale per investigare questi fenomeni e a tal scopo i ricercatori utilizzano dati acquisiti da telescopi spaziali in aggiunta a dati multifrequenza che permettono di avere una conoscenza più approfondita della fisica degli oggetti celesti. Tra le missioni spaziali in cui è coinvolto lINAF/IASF-Bologna per la realizzazione di strumentazione a bordo, calibrazioni, analisi e riduzione dei dati scientifici vi sono:

5 IL SATELLITE PLANCK Planck è un progetto dell Agenzia Spaziale Europea (ESA) e conta la partecipazione di più di 100 istituti in tutto il mondo. I maggiori contributori sono Italia e Francia. LItalia in particolare è responsabile dello strumento a basse frequenze LFI (con PI N. Mandolesi). Il satellite Planck è stato lanciato il 14 maggio 2009 e il 23 ottobre 2013 ha portato a termine la sua egregia missione. PLANCK HA OSSERVATO CON ALTISSIMA PRECISIONE LA PRIMA LUCE EMESSA DALLUNIVERSO: LA RADIAZIONE DI FONDO COSMICO A MICROONDE, I SUOI DATI HANNO PERMESSO DI DETERMINARE I PARAMETRI CHE DESCRIVONO IL NOSTRO UNIVERSO CON UNA PRECISIONE SENZA PRECEDENTI. Ideazione, progettazione, realizzazione, calibrazione, gestione delle operazioni in volo e analisi degli effetti sistematici dello strumento LFI Progetto e realizzazione della sola unità hardware di Planck (il 4K Reference Load) prodotta da un Ente di Ricerca Italiano Studio ed ottimizzazione della risposta ottica e della configurazione Termica del satellite. Ha coadiuvato JPL-NASA, nella progettazione e realizzazione del primo refrigeratore a Idrogeno per Astrofisica dallo Spazio Studio di modelli cosmologici e astrofisici e test con dati simulati per lottimizzazione degli strumenti danalisi Sviluppo di strumenti per lanalisi dati finalizzati a: separazione delle componenti, spettro di potenza angolare, likelihood e parametri cosmologici Analisi dati e studio/ interpretazione dei risultati cosmologici e astrofisici. Analisi di modelli cosmologici e inflazionari nonché studio delle anomalie a grandi scale angolari CONTRIBUTO IASF-BOLOGNA 2. Cosmologia

6 IL FUTURO ESA COSMIC VISION Euclid: lancio previsto nel 2020, studierà la geometria dellUniverso per capire la natura della materia e dellenergia oscura. EChO: atmosfere dei pianeti extra- solari (selezione inizio 2014) Partecipazioni IASF-BO, altre strutture INAF, altri Enti, supporto ASI LOFT: materia in condizioni estreme (selezione inizio 2014) ATHEnA+: Universocaldo edenergetico (selezione fine 2013) PROGETTI DA TERRA MAORY prima luce di E-ELT (ESO) sarà integrato e testato presso IASF-Bologna T-REX: progetto premiale MIUR ASTRI CTA – Cherenkov Telescope Array Astri realizzerà il prototipo del Small Size Telescope del Cherenkov Telescope Array (CTA) Progetto bandiera MIUR


Scaricare ppt "INAF / IASF Bologna Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna - Direttore: G. Malaguti –"

Presentazioni simili


Annunci Google