La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Economia Politica Facoltà di Economia R.Goodwin Corso di Laurea in Economia e sviluppo territoriale Docente: Luigi Bosco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Economia Politica Facoltà di Economia R.Goodwin Corso di Laurea in Economia e sviluppo territoriale Docente: Luigi Bosco."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Economia Politica Facoltà di Economia R.Goodwin Corso di Laurea in Economia e sviluppo territoriale Docente: Luigi Bosco

2 Obiettivi del corso Introdurre i principali concetti economici… … come strumento per capire il mondo Offrirvi un quadro sintetico ma preciso della complessità della teoria economica Fornirvi alcuni strumenti concettuali indispensabili per qualunque impiego nel campo delleconomia

3 Metodologia e materiali Libri: Krugman, P. e R. Wells Microeconomia. Zanichelli, Cap.1,2,3,4,5,6,7,8,9,13,14,15. Bowles S., Edwards S., Roosevelt F Introduzione allEconomia Politica: le dinamiche del capitalismo tutto Ci saranno lezioni ed esercitazioni: in tutti e due i casi la interattività è necessaria. Intervenite, fate domande dubbi, perplessità, angosce Per gli appassionati di telefilm polizieschi americani Il contrario dell avvertimento Miranda vale in questo corso tutto quello che dirai NON potrà essere usato contro di te allesame

4 Modalità desame I Prova intermedia (20 aprile 2012): Prova scritta con domande aperte, domande a risposta multipla ed esercizi. II Prova intermedia ( 31 maggio 2012) Prova scritta con domande aperte, domande a risposta multipla ed esercizi. Pagine web del corso Ci trovate: a) file ppt presentati a lezione b) file pdf con alcune parti integrative dei libri di testo c) copie dei testi desame passati

5 Come studiare per questo corso Ritornare più volte sugli stessi concetti anche quando sembra che li avete assimilati: il diavolo è nei dettagli! Capire e saper riprodurre i grafici cartesiani Fare attenzione al linguaggio tecnico: le parole sono importanti!

6 Cosa è leconomia Politica ? Che fa lEconomia Studia i meccanismi decisionali dei soggetti razionali in condizioni di scarsità I due concetti sono strettamente legati La scarsità è relativa I vincolo delle risorse scarse non è uguale per tutti Una risorsa scarsa per tutti: il tempo a)si formano un idea, mediamente, corretta del mondo e del comportamento degli altri; b)scelgono le azioni che meglio soddisfano le loro preferenze Non esistono risorse sufficienti a soddisfare tutti i bisogni individuali

7 Economia Politica: introduzione Economia: come lo fa Crea modelli astratti allo scopo di spiegare e prevedere il comportamento dei soggetti Tutte le decisioni economiche sono il risultato dellinterazione dialettica fra Quello che il soggetto vuole fare gli obiettivi che si prefigge Quello che il soggetto può fare i vincoli cui è soggetto

8 Economia Politica: introduzione Economia: può non essere politica? Teoricamente si Robinson Crusoe anche lui solo in un isola deserta compie delle scelte di tipo economico Ma non è interessante lessere umano è un animale sociale Quello che il soggetto vuole fare mode, consumi imitativi, reddito relativo, … Quello che il soggetto può fare consuetudine, regole morali e religiose, leggi, … La società influenza

9 Un po di storia Andamento degli standard di vita: salario reale Per migliaia di anni le condizioni di vita sono rimaste pressoché uguali Dalla seconda metà del secolo scorso tutto cambia Tutti gli indicatori del benessere economico fanno un prodigioso salto in avanti

10 Un po di storia Lo stesso andamento osserveremmo con altri indicatori Andamento demografico

11 Un po di storia Lo stesso andamento osserveremmo con altri indicatori Andamento del PIL pro capite negli ultimi 2 millenni

12 Un po di storia Quota del prodotto mondiale per aeree geografiche

13 Un po di storia Lo stesso andamento osserveremmo con altri indicatori a.Tempi di viaggio b.Aspettative di vita, vita media c.illuminazione ecc Cosa è successo per cambiare così profondamente il corso della storia? Molti fattori: Innovazione tecnologica (macchina a vapore, motore a scoppio elettricità) Innovazione politico-sociale (diritti individuali, rivoluzione francese, nascita degli stati nazionali) Innovazione economica avvento del capitalismo

14 Il capitalismo come sistema economico Il capitalismo è un sistema economico in cui: I datori di lavoro assumono i lavoratori per produrre beni e servizi… …da scambiare sul mercato… …con lintento di realizzare un profitto Le sue origini possono essere attribuite al 1500 d.C. Si tratta del sistema economico attualmente prevalente nel mondo La caratteristica distintiva del capitalismo rispetto ad altri sistemi economici è la sua natura mutevole e predisposta al rapido cambiamento

15 La straordinaria capacita propulsiva del capitalismo che ha garantito quasi duecento anni di sviluppo economico-sociale non è nella forza del meccanismo competitivo. Il successo del capitalismo: un interpretazione La forza del capitalismo è nella complementarietà fra la competizione e la cooperazione fra gli individui. La forma più semplice di cooperazione è laccordo perché la competizione avvenga allinterno di un sistema di regole condivise. Ad esempio la decisione di affidare il monopolio delluso della forza e della coercizione fisica allo Stato ha permesso agli individui di investire in conoscenza e di premiare e selezionare gli individui più intelligenti ed innovativi al posto di quelli semplicemente più forti. Per questo il capitalismo si è sviluppato quasi esclusivamente allinterno di sistemi politici stabili in grado di garantire il rispetto delle regole. Non a caso laffermazione dei sistemi capitalistici ha richiesto quasi dappertutto come prerequisito la nascita di un moderno stato di diritto.

16 Il successo del capitalismo: linnovazione Innovazione e difesa della concorrenza Senza leggi e regole a tutela della concorrenza, la competizione porta allaffermazione del più forte e a situazioni di monopolio che scoraggiano linnovazione e linvestimento in R&S

17 Capitalismo e distribuzione Le leggi e le regole condivise permettono di ridistribuire la ricchezza creata dalla innovazione

18 Altri cambiamenti rilevanti Il cambiamento nella natura del lavoro Riduzione della percentuale di lavoratori autonomi Rapida obsolescenza delle capacità acquisite (skills) Riduzione della percentuale di persone impegnate nella produzione di cibo Trasformazione della famiglia Riduzione della dimensione media delle famiglie La famiglia non svolge più il ruolo di unità di produzione Aumento della mobilità geografica di famiglie e singoli Mutamento dellecosistema Mutamento del ruolo del governo Aumento democrazia Aumento dellintervento dello stato nellattività economica

19 Il cambiamento climatico CO 2 nellaria

20 Tutti i fenomeni che abbiamo descritto finora sono in cerca di una spiegazione convincente… Crescita della produttività Crescita dei salari Sviluppo diseguale tra le nazioni Crescita della popolazione e urbanizzazione Dinamiche di eguaglianza e disuguaglianza allinterno dei singoli paesi: incl. classe, razza, genere Mutamento dellecosistema Mutamento del ruolo del governo Globalizzazione ed interdipendenza dei mercati

21 Globalizzazione economica Immaginiamo due mercati separati Immaginiamo vi siano delle BARRIERE che impediscono l'integrazione Mercato AMercato B DI FATTO (NATURALI) tutte quelle ragioni che impediscono fisicamente o economicamente lo scambio (distanza, differenze di lingua e cultura etc.) DI DIRITTO (ARTIFICIALI) barriere ARTIFICIALI al commercio (DAZI, REGOLAMENTI, altro)

22 PROCESSO economico per cui tutto il mondo tende a diventare un unico mercato nel quale si scambiano merci (beni e servizi) secondo il meccanismo della domanda e della offerta Globalizzazione : Definizione Si crea un unico mercato

23 Cosa ha accelerato il processo? Sono diminuite le barriere NATURALI a)Costi di trasporto b)Sviluppo tecnologico c)Rivoluzione informatica Sono diminuite le barriere Artificiali a)Politiche di apertura commerciale b)Clima ideologico e culturale favorevole alla liberalizzazione commerciale

24 The Shrinking Globe s 1960s Best average speed of horse-drawn coaches and sailing ships, 10 mph (16 Kmh). Steam locomotives average 65 mph. (104 Kmh) Steamships average 36 mph (58 Kmh). Propeller aircraft mph. (480 – 640 Kmh) Jet passenger aircraft, mph. ( Kmh) La diminuzione dei costi di trasporto rimpicciolisce il mondo

25 Dazi doganali medi nei paesi industriali Fonte: Wto. Politiche di apertura commerciale

26 Controlli sui movimenti di capitale

27 Vi sono tre principali mercati Merci Lavoro Capitale

28 La globalizzazione: integrazione dei mercati Mercato dei capitali Quasi perfettamente integrato

29 La globalizzazione: integrazione dei mercati Mercato dei capitali Barriere giuridiche quasi inesistenti fino allo scoppio della crisi del 08 la libertà di movimento dei capitali era un dogma indiscusso Costi della mobilità dei capitali quasi nulli basta un click del mouse per spostare milioni di euro da un paese allaltro

30 La globalizzazione: integrazione dei mercati Mercato dei beni Gli scambi di beni e servizi sono aumentati in modo straordinario Crisi del 2008

31 La globalizzazione: integrazione dei mercati Mercato dei beni Gli scambi di beni e servizi sono aumentati in modo straordinario Ma lintegrazione non è perfetta: dazi doganali differenze nelle politiche del consumo costi di trasporto non tutti i beni sonno commerciabili internazionalmente

32 La globalizzazione: integrazione dei mercati Mercato dei lavoro Il mercato del lavoro non è integrato: altissimi costi della migrazione monetari e personali leggi contrarie alla migrazione della manodopera La migrazione era molto maggiore nei secoli precedenti: 45% della forza lavoro maschile irlandese 39% della forza lavoro maschile italiana emigrò dal 1870 al 1910

33 Governare la globalizzazione La globalizzazione non è altro che la riproposizione del capitalismo su scala globale?

34 Governare la globalizzazione La globalizzazione non è altro che la riproposizione del capitalismo su scala globale? Motivi del successo del capitalismo forza del meccanismo competitivo ? complementarietà fra la competizione e la cooperazione fra gli individui. NO

35 Governare la globalizzazione La globalizzazione ha introdotto una novità rompendo il legame fra competizione e regole Esiste un unico mercato ma non esiste il controllore del marcato Non è la stessa forma di capitalismo che abbiamo osservato negli ultimi 200 anni Dove ci porterà ?


Scaricare ppt "Corso di Economia Politica Facoltà di Economia R.Goodwin Corso di Laurea in Economia e sviluppo territoriale Docente: Luigi Bosco."

Presentazioni simili


Annunci Google