La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Per il cristianesimo la temporalità è assunta quale categoria d'elezione della salvezza: la nascita di Gesù costituisce lo spartiacque della temporalità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Per il cristianesimo la temporalità è assunta quale categoria d'elezione della salvezza: la nascita di Gesù costituisce lo spartiacque della temporalità"— Transcript della presentazione:

1

2 Per il cristianesimo la temporalità è assunta quale categoria d'elezione della salvezza: la nascita di Gesù costituisce lo spartiacque della temporalità storica in due categorie temporali: avanti Cristo e dopo Cristo In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio … (Gv 1,1) Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo (Gv 1,9)

3 La temporalità è elevata a dimensione liturgica perché in essa si dispiega la storia della salvezza Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò … (Gn 1,27) … allora il Signore Dio plasmò l'uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita (Gn 2,7)

4

5 Nel corso dell'anno la Chiesa distribuisce tutto il mistero di Cristo dall'Incarnazione e dalla Natività fino all'Ascensione, al giorno di Pentecoste e all'attesa della beata speranza e del ritorno del Signore. Ricordando in tal modo i misteri della redenzione, essa apre ai fedeli le ricchezze delle azioni salvifiche e dei meriti del suo Signore, le rende come presenti a tutti i tempi e permette ai fedeli di venirne a contatto e di essere ripieni della grazia della salvezza. Nella celebrazione di questo ciclo annuale dei misteri di Cristo, la santa Chiesa venera con particolare amore la beata Maria, madre di Dio,… e la memoria dei martiri e degli altri santi (SC ).

6

7 La prima domenica di Avvento apre lAnno liturgico L 8 dicembre si celebra lImmacolata concezione di Maria Vergine. Si canta il Gloria E il tempo dellattesa e della preparazione allincontro con Dio. Non si canta il Gloria E il tempo dellattesa e della preparazione allincontro con Dio. Non si canta il Gloria La III domenica è detta Gaudete. Il termine è traducibile dal latino come gioite, e compare nell'introito della Messa tratto dalle parole di Paolo nella Lettera ai Filippesi

8 Inizia con la Messa della Santa notte del 24 dicembre e si conclude con il Battesimo di Gesù E il tempo della gioia in cui celebriamo il Dio con noi EpifaniaSacra famigliaMadre di DioBattesimo di Gesù

9 Inizia la domenica dopo il Battesimo di Gesù e si interrompe con il Mercoledì delle Ceneri … E il tempo dellascolto e della testimonianza

10 E un tempo di penitenza, conversione, rinascita in preparazione alla vittoria di Cristo sulla morte Non si cantano il Gloria e lAlleluia … termina Domenica delle Palme Inizia Mercoledì delle Ceneri … La IV domenica è detta Laetare, dall'introito della Messa: Laetare Jerusalem, Rallégrati Gerusalemme

11 Il le chiese sono chiuse sino alla Veglia serale che inizia prima della mezzanotte in attesa della Messa di Pasqua Il Sabato Santo le chiese sono chiuse sino alla Veglia serale che inizia prima della mezzanotte in attesa della Messa di Pasqua Il con la Messa in Coena Domini si ricorda l'ultima cena: l'istituzione dellEucarestia, del sacerdozio e la lavanda dei piedi, segno di amore e di servizio Il Giovedì Santo con la Messa in Coena Domini si ricorda l'ultima cena: l'istituzione dellEucarestia, del sacerdozio e la lavanda dei piedi, segno di amore e di servizio Venerdì Santo Il Venerdì Santo non si celebra Messa. NellActio liturgica si fa memoria della Passione di Gesù

12 Inizia con il giorno di Pasqua e si conclude con la Pentecoste E un tempo di riflessione sul significato della Pasqua e dello Spirito Santo Ascensione Pentecoste

13 … Ricomincia la domenica dopo Pentecoste e termina con la domenica di Cristo Re che chiude lAnno liturgico Il 15 agosto si celebra lAssunzione al cielo di Maria Vergine Tutti i Santi Corpus Domini SS. Trinità Cristo Re E il tempo della speranza

14

15 Il BIANCO rimanda alla festa, alla gioia, alla vittoria della luce sulle tenebre. Si usa a nel Tempo di Natale, di Pasqua e in tutte le festività Per Maria Vergine si usa anche lAzzurro Il ROSSO rimanda al sangue e al fuoco. Simboleggia la passione di Cristo, il martirio dei santi e lo Spirito Santo. Si usa la domenica delle Palme, il Venerdì Santo, a Pentecoste, per l'Esaltazione della Croce, per i martiri e gli apostoli Il VIOLA è il colore dei tempi forti, della penitenza e della conversione. Si usa in Avvento, in Quaresima e nelle funzioni funebri La domenica Gaudete in Avvento e la domenica in Laetare in Quaresima si usa anche il ROSA che rimanda allaurora che rischiara le tenebre Il VERDE è il colore della serenità, della speranza. Si usa nel tempo ordinario

16

17 In relazione alle Letture, gli anni liturgici sono 3 nel ciclo festivo: A, B, C e 2 nel ciclo feriale: I e II, dispari e pari. Nell'insieme degli anni liturgici vengono letti tutti i brani più importanti della Sacra Scrittura secondo uno schema organico In relazione alle Letture, gli anni liturgici sono 3 nel ciclo festivo: A, B, C e 2 nel ciclo feriale: I e II, dispari e pari. Nell'insieme degli anni liturgici vengono letti tutti i brani più importanti della Sacra Scrittura secondo uno schema organico

18 Anno A: Vangelo di Matteo Anno A: Vangelo di Matteo Anno B: Vangelo di Marco Anno B: Vangelo di Marco Anno C: Vangelo di Luca Anno C: Vangelo di Luca Il Vangelo di Giovanni … Il Vangelo di Giovanni …

19 dellAnno A … Giovanni si legge nel corso dei tre anni. In maniera continuativa nel Lezionario festivo dellAnno A nella III, IV, e V domenica di Quaresima, in cui si leggono le tre pericopi più marcatamente battesimali: … e in quello dellAnno B, nel tempo ordinario, in cui durante lestate si legge il 6° capitolo la Samaritana il Cieco nato Lazzaro Moltiplicazione dei pani

20 Nel ciclo feriale la lettura evangelica è la stessa tutti gli anni … mentre varia la prima lettura tratta dall'Antico Testamento e dagli Atti degli Apostoli nel Tempo Pasquale

21 T. di Natale T. Ordinario Quaresima T. di Pasqua Triduo T. Ordinario Avvento Cristo Re Tutti i Santi Assunzione Corpus Domini SS. Trinità Pentecoste Ascensione Pasqua Giovedì Venerdì sabato Le Palme Ceneri Immacolata Natale Battesimo di Gesù Epifania 4 settimane 40 giorni 50 giorni 34 settimane S. Famiglia Madre di Dio D. Gaudete D. Laetare Anno Liturgico


Scaricare ppt "Per il cristianesimo la temporalità è assunta quale categoria d'elezione della salvezza: la nascita di Gesù costituisce lo spartiacque della temporalità"

Presentazioni simili


Annunci Google