La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BancaSinaptica (per continuare a pensare) foglio informativo a cura di Antonino Esposto & friends del SAB di Venezia – Via Cappuccina, 9/g 30172 Mestre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BancaSinaptica (per continuare a pensare) foglio informativo a cura di Antonino Esposto & friends del SAB di Venezia – Via Cappuccina, 9/g 30172 Mestre."— Transcript della presentazione:

1 BancaSinaptica (per continuare a pensare) foglio informativo a cura di Antonino Esposto & friends del SAB di Venezia – Via Cappuccina, 9/g Mestre - FABIFABI Numero sei ottobre 2010 Federazione Autonoma Bancari Italiani NUMERO SPECIALE SUL FENOMENO DEL PRECARIATO NEL SISTEMA CREDITIZIO La stragrande maggioranza di noi che leggiamo BancaSinaptica non è un lavoratore precario, e magari abbiamo scarsa conoscenza del fenomeno nel nostro settore. In realtà il precariato si è consolida_ to anche nel sistema bancario, ritenuto fino a qualche anno fa immu_ ne da quel contagio dovuto, in larga parte, ad una abnorme, distorta applicazione della legge 30/2003, c.d. legge Biagi. Il nostro Sindacato, con il Centro Studi Sociali Pietro Desiderato, ha dato un essenziale contributo alla comprensione ed allo studio di questa materia, pubblicando Destinazione Banca – Il fenomeno del precariato nel sistema del Credito, la prima indagine nazionale al riguardo. Il libro, come si vede nella locandina a fianco, è stato pre_ sentato a Milano con la partecipazione del Segretario generale_ della FABI Lando Sileoni, del curatore delliniziativa Gianfranco Amato, presidente del nostro Centro Studi e lintervento, tra gli altri, del sociologo del lavoro Domenico Masi e del giornalista economico de Il Sole 24 Ore Nicola Borzi. Invito a leggere nelle pagine successive il riassunto dello studio. FABIFABI

2 IL FENOMENO DEL PRECARIATO NEL SISTEMA DEL CREDITO Indagine a cura del Centro Studi FABI Pietro Desiderato. La Federazione autonoma bancari italiani, attraverso il suo Centro studi Pietro Desiderato, ha realizzato unindagine statistica, la prima di settore, per rilevare il numero di lavoratori precari presenti nelle banche italiane al 31 dicembre Rientrano nella definizione di precari tutti quei lavoratori con una tipologia di contratto diversa da quella a tempo indeterminato (ossia di somministrazione, di collaborazione a progetto, di apprendistato, di inserimento, a termine). Lindagine è stata realizzata su un campione rappresentativo di 248mila lavoratori bancari del sistema Abi e 33mila del credito cooperativo. Dallindagine risulta che nel 2009 solo il 29% dei lavoratori è stato assunto in banca con un contratto a tempo indeterminato. La restante percentuale si è dovuta accontentare di un contratto a termine (31%), di apprendistato (13%), di somministrazione (11%), di inserimento (9%), di stage o tirocinio (6%), di collaborazione a progetto (1%). Effettuando una stima complessiva sulla base dei dati raccolti, al 31 dicembre 2009 i lavoratori precari nel sistema del credito erano , il 4,6% del totale della popolazione bancaria italiana,che ammonta a 335mila unità. Di questi, erano in forze alle banche di credito cooperativo, in servizio presso i grandi Gruppi bancari e dipendevano dalle banche e dai gruppi di piccole dimensioni. La presenza più consistente di lavoratori precari si registra nelle banche di credito cooperativo, dove la categoria rappresenta il 6,3% della forza lavoro complessiva, mentre nelle banche aderenti al sistema Abi, in particolare nei grandi Gruppi, il valore non supera il 4,6%. La motivazione di questa differenza è riconducibile al fatto che gli istituti di credito cooperativo assumono di più rispetto alle banche Abi, le quali ricorrono meno a nuove assunzioni perché, in virtù delle continue fusioni e ristrutturazioni cui periodicamente sono sottoposte, presentano un maggior numero di lavoratori in eccesso. La diffusione del precariato è maggiore nel Centro Italia e nel Settentrione piuttosto che al Sud, essendo correlata al tasso di assunzione che nel Mezzogiorno è minore a causa della crisi economica. In particolare, nelle banche di credito cooperativo del centro Italia (Lazio e Toscana) si arriva a sfiorare il 10% di lavoratori flessibili negli organici aziendali, contro il 6% del Sud e il 5,6% del Nord. FABIFABI

3 PRECARIATO E BANCHE: GENESI DI UN FENOMENO IN CRESCITA I contratti di lavoro flessibile ad oggi rappresentano, dunque, il canale di accesso principale al mondo del lavoro bancario. Seppur applicati in misura minore rispetto ad altri settori dei servizi,sono ormai ampiamente diffusi. Lapplicazione di questa tipologia contrattuale nel comparto del credito ha cominciato a farsi strada nella seconda metà degli anni 90 per poi intensificarsi a partire dal 2003 con lentrata in vigore della legge Biagi, la conseguente liberalizzazione del mercato del lavoro e il successivo adeguamento delle normative contrattuali di settore. Secondo le stime elaborate dal Centro studi FABI su dati Abi,dal 2005 al 2008 le assunzioni con contratto a tempo indeterminato in banca sono calate del 12,7%, mentre sono aumentati sensibilmente gli ingressi con contratti di lavoro precari. Se nel 2005 le assunzioni con contratto a tempo indeterminato sfioravano il 41,5%, nel 2008sono scese al 28,8%. Parallelamente hanno visto un incremento i rapporti di lavoro flessibile. Le assunzioni con contratti di inserimento sono passate a rappresentare dall 8% al 9% del totale delle assunzioni, quelle con contratto a termine dal 28,9% al 31%, quelle con contratto dapprendistato dal 2,2% al 13% e quelle con contratto di somministrazione dal 10,3%all11%. Da notare che le assunzioni di apprendisti dal 2006 sono sempre costanti (13% del totale), e che nel2008 i lavoratori a tempo determinato sono aumentati del 10% rispetto ai due anni precedenti a causa della crisi finanziaria, per cui le banche hanno preferito aumentare il numero di precari, più facilmente licenziabili, in attesa di vedere gli sviluppi delleconomia. Nel 2005, invece, la percentuale più alta di assunzioni a tempo determinato è stata causata dal ritardo dellapplicazione da parte delle Regioni dei corsi formativi destinati agli apprendisti, con la conseguenza che le assunzioni con tale contratto sono decollate solo a partire dal FABIFABI

4 E DOPO IL CONTRATTO PRECARIO? Non vi sono dati precisi su come si conclude il contratto di lavoro precario, se con una conferma o con il licenziamento. Tuttavia qualche intervista alle rappresentanze sindacali aziendali conferma che gli apprendisti sono quasi per intero stabilizzati, alcuni anticipatamente, e la stessa cosa accade per coloro che hanno contratti dinserimento. La situazione è diversa per il contratto di somministrazione, a causa del fatto che il lavoratore non è alle dirette dipendenze della banca ma dellagenzia per il lavoro. Molte volte, tuttavia, le banche tendono ad assumere il lavoratore in somministrazione con una certa esperienza lavorativa facendogli dare le dimissioni dallagenzia di lavoro. Analoga incertezza cè sul lavoro a tempo determinato. Tuttavia negli ultimi anni le organizzazioni sindacali sono riuscite ad ottenere, attraverso specifici accordi con le banche, la stabilizzazione di diversi lavoratori precari già in servizio a fronte delluscita incentivata di personale prossimo alla pensione. QUANTO RISPARMIA LA BANCA ASSUMENDO UN PRECARIO? Le banche assumono con contratti precari per due ragioni: perché così risparmiano sul costo del lavoro e perché i lavoratori precari sono più facilmente licenziabili rispetto ai dipendenti con contratto a tempo indeterminato. Di solito sono infatti proprio i precari a pagare il prezzo più alto delle fusioni e ristrutturazioni aziendali con la mancata riconferma. Per quanto riguarda il costo del lavoro flessibile, il centro Studi Fabi ha calcolato che un impiegato sportellista assunto con contratto precario costa in media euro netti mensili in meno di un collega assunto in pianta stabile. Facendo un raffronto tra la busta paga di uno sportellista assunto con contratto a tempo indeterminato e un apprendista con analoghe mansioni, scopriamo che a parità di grado il primo riceve una retribuzione mensile lorda di 2018, 26 euro, mentre lapprendista, come qualsiasi lavoratore assunto con contratto dinserimento, essendo inquadrato due livelli sotto, guadagna 1823,05 euro lorde al mese. Addirittura lapprendista costa in media il 54% di un impiegato assunto prima del Una differenza di costi notevole, che ha permesso laffermarsi della seguente politica nelle banche: si assume un FABIFABI

5 apprendista e nello stesso tempo si colloca un dipendente anziano nel Fondo esuberi, a totale carico delle banche e dei bancari, con un modesto aggravio di costo complessivo per listituto di credito. Se per effetto delle ristrutturazioni e dei miglioramenti organizzativi ogni due cessazioni viene fatta una assunzione, addirittura lazienda risparmia. LE PROPOSTE DELLA FABI Il mercato del lavoro flessibile ha creato unevidente e insostenibile sperequazione tra i diritti dei lavoratori occupati con contratti a tempo indeterminato e quelli impiegati con contratti precari, così vulnerabili sul piano sociale. Come FABI chiediamo pertanto al Parlamento di colmare questo gap, approvando una legge che contempli forme di protezione sociale anche a favore dei precari. Più nello specifico, dichiariamo che per la nostra Federazione è ormai improrogabile lesigenza che i bancari atipici siano sostenuti da ammortizzatori sociali durante i tempi di assenza dal lavoro, che possano godere di una maggiore tutela previdenziale e fruire di un adeguato sostegno dei servizi di welfare. Sarà infine nostro primario impegno, in sede di discussione dei prossimi piani industriali,chiedere la stabilizzazione di tutti i lavoratori precari presenti nei Gruppi bancari e siglare accordi specifici di Gruppo per favorire la riconferma a tempo indeterminato dei lavoratori atipici a fronte di uscite volontarie e incentivate di personale prossimo alla pensione. Ricordiamo che in questultimo anno, grazie alle intese sollecitate e successivamente sottoscritte dalla FABI, sono stati confermati a tempo indeterminato 550 lavoratori precari di Ubi, oltre 400 di Intesa Sanpaolo e 335 di Bnl. In totale quasi persone a cui è stato assicurato finalmente un futuro di stabilità. FABIFABI

6 Attualmente, nella procedura sindacale tuttora in corso in Unicredit, ci stiamo adoperando in maniera attiva per ottenere la riconferma di oltre 1000 precari del Gruppo (*), mentre nel Banco Popolare è imminente lapertura di una nuova trattativa sindacale che nelle nostre intenzioni porterà alla stabilizzazione di circa 600 lavoratori (**). Chiediamo, inoltre, che a partire dai prossimi rinnovi contrattuali venga aperto un tavolo di confronto aziendale nei Gruppi per monitorare il fenomeno del precariato e per concordare, qualora la situazione lo consenta, una conferma anticipata degli apprendisti e unassunzione a tempo indeterminato degli altri lavoratori precari. Riteniamo opportuno, in ultimo, creare una lista di collocamento di settore per i lavoratori licenziati, tra questi anche i precari non riconfermati, compatibile con la legislazione vigente,affinché si faciliti la loro ricollocazione professionale nellambito del settore del credito per evitare la dispersione delle professionalità acquisite. Tutte proposte che formuleremo alle controparti nei prossimi momenti di confronto. Note (*) Nel frattempo, il 18 ottobre, è stato firmato il Protocollo sul Piano di Riorganizzazione generale 2010/2013 del Gruppo Unicredit, che ha, tra le tante cose positive, stabilizzato a tempo indeterminato – alla naturale scadenza -i lavoratori con contratto di apprendistato. (**) Roberto Speziotto, responsabile risorse umane del gruppo scaligero, in una intervista al TGVerona del 13 ottobre ha affermato che i 600 precari saranno stabilizzati. La trattativa, che verte sugli esuberi, è ricominciata il 27 ottobre. COMUNICATO STAMPA del 6 novembre 2010 DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE DELLA FABI LANDO MARIA SILEONI IN MERITO A QUANTO DETTO DAL GOVERNATORE DI BANKITALIA MARIO DRAGHI SUL LAVORO PRECARIO Ho letto con grandissimo interesse lintervento del Governatore della Banca dItalia, Mario Draghi, fatto ieri presso lUniversità di Ancona. Ritengo che – come giustamente osserva il Governatore – la coesione sociale vada rafforzata, coltivando valori positivi e, tra questi, al primo posto il lavoro. La stabilizzazione dei precari che, specie negli ultimi due anni, assieme alle altre organizzazioni sindacali di categoria, ci ha visto ottenere la conferma in servizio nel settore bancario di oltre 4000 lavoratori, produce un beneficio permanente per leconomia ed è un antidoto al declino. Aprire le banche allingresso dei giovani, anche in una logica di ricambio generazionale e di inclusione sociale, è un dovere che però non è disgiunto dalla necessità di assicurare agli stessi giovani laccesso a tutti gli istituti e le tutele proprie del welfare.Su questi temi abbiamo già improntato la nostra mobilitazione in vista del prossimo rinnovo contrattuale. Questi stessi temi saranno centrali anche sotto il profilo dellindividuazione di un chiaro e definito percorso di ingresso e stabilizzazione dei giovani nelle aziende bancarie. In altre parole, non possiamo dimenticarci di tutelare coloro che, in assenza di un quadro di norme contrattuali esigibili e precise e di accordi collettivi o interventi legislativi significativi sotto il profilo previdenziale, rischiano di risultare privi delle minime coperture pensionistiche e assistenziali. Inoltre, proprio come organizzazione sindacale, consideriamo lintervento del Governatore un segnale coraggioso e chiaro indirizzato anche a tutto il sistema bancario per indurlo a percorrere con maggiore convinzione quella che è, oramai,non solo una strada ragionevole (la stabilizzazione dei precari, e lingresso dei giovani), ma anche una vera e propria necessità sociale. ULTIMISSIMA FABIFABI


Scaricare ppt "BancaSinaptica (per continuare a pensare) foglio informativo a cura di Antonino Esposto & friends del SAB di Venezia – Via Cappuccina, 9/g 30172 Mestre."

Presentazioni simili


Annunci Google