La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Federica Miriam Veronica Raffaele Domenico 5°G. Iniziamo con una domanda…

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Federica Miriam Veronica Raffaele Domenico 5°G. Iniziamo con una domanda…"— Transcript della presentazione:

1 Federica Miriam Veronica Raffaele Domenico 5°G

2 Iniziamo con una domanda…

3 Come mai non si trovano mammiferi terrestri in Antartide ?

4 I mammiferi delle zone artiche si sono evoluti a partire da antenati che abitavano in zone più calde, e che nel corso dei millenni si sono spostati sempre più a nord, adattandosi all ambiente freddo. Per questa ragione, solo gli uccelli e i mammiferi marini hanno potuto colonizzare il Polo Sud.

5 Le acque dellArtide e dell Antartide brulicano di microrganismi compongono il plancton e poi ci sono pesci e molti mammiferi marini. Anche gli uccelli si sono adattati alla vita dei Poli. Ma fuori dall acqua per i mammiferi ai due estremi del pianeta le cose vanno in modo molto differente. Nei pressi del Polo Nord sene trovano diversi orsi bianchi e foche artiche. Un po più a Sud, in corrispondenza delle terre emerse, dove scavando nella neve e possibile trovare un po di muschi e licheni, ci sono persino grandi erbivori, come le renne e i buoi muschiati. E poi piccoli roditori come i lemming e lepri artiche. In Antartide al contrario, i mammiferi non riescono a sopravvivere e i pinguini sono gli unici animali che popolano per il suo immenso territorio.

6 FOCA

7 L organizzazione Wold Conservation Union (I U C N). Compila un elenco delle specie animali o vegetali a rischio di estinzione. Le specie minacciate vengono incluse in elenchi detti Liste Rosse, elaborati da circa 10 mila ricercatori distribuiti in 181 paesi diversi vengono raggruppate in 9 categorie. Estinto, Estinto in natura, Gravemente minacciato, minacciato Vulnerabile, Prossimo alla minaccia, A rischio minimo, Dati insufficienti, Non valutato.

8 Nell Antartide ci sono più di 70 milioni di pinguini; un esercito di pennuti perfettamente adatti al freddo. Però i pinguini si trovano anche nelle zone più meridionali dell Africa, Nuova Zelandia e America. I pinguini

9 Pur essendo uccelli i pinguini non volano e le loro ali non assomigliano pinne, sono ottimi nuotatori. Possono nuotare a km /h per distanze lunghissime e immergersi a decine di profondità. In mare sono preda delle foche leopardo delle orche e dei leoni di mare. In terra gli adulti non hanno veri nemici ma le uova e i pulcini sono spesso predati da gabbiani e altri uccelli.

10 Assomiglia all albatro. Può pescare pesce, calamari o krill, ma si nutre anche di animali morti, altri uccelli e uova. Nel periodo riproduttivo forma piccole colonie. Le sue strane narici

11 Stato :a rischio minimo. E lunica specie di uccello volatore che vive stabilmente in Antartide.

12 Stato: a rischio minimo. Vive in zone rocciose e come molte altre specie di pinguini costruisce i nidi utilizzando piccoli sassi. Si nutre di krill e negli ultimi anni il suo numero sembra essere in aumento. La scomparsa di queste formidabili mangiatrici di krill infatti fa si che il cibo a disposizione dei pigoscelidi antartici sia più abbondante.

13 PINGUINO IMPERATORE Stato: a rischio minimo Sono i più grandi pinguini del mondo, e quelli più abituati a vivere al limite. Sono famosi per la marcia che ogni anno li porta ad allontanarsi dal mare percorrendo quasi cento chilometri per raggiungere un luogo dove deporre le uova. Dopo la deposizione, la femmina fa ritorno al mare per nutrirsi, lasciando l uovo alle cure del padre. Tornerà dopo circa due mesi e a quel punto sarà il turno del maschio andarsi a nutrire. I genitori si alternano in questa massacrante staffetta fino a che il piccolo non è abbastanza grande da affrontare a sua volta il viaggio verso il mare.

14 Sono forse i pinguini più numerosi al mondo, tuttavia la loro popolazione sta declinando in maniera cosi rapida da far temere per la sopravivenza della specie a lungo termine. Si nutrono di krill, calamari e pesci.

15 Lalbatro urlatore è il più grande uccello marino esistente e la sua apertura alare raggiunge anche i 3,5 metri. In ogni covata depone un unico uovo dalle dimensioni record: circa mezzo chilo. Il grande uovo viene accudito per giorni, più di quello di ogni altro uccello, e limpresa tiene occupati entrambi i genitori. La riproduzione è l unica ragione per la quale gli albatri vengono a terra. AL suolo infatti sono impacciati e inoltre le enormi ali e il peso complicano il decollo e l atterraggio. Anche la sosta sull acqua rappresenta un pericolo, perché c è il rischio di attacchi di predatori.

16 All inizio degli anni sessanta i ricercatori rimasero allibiti scoprendo il trucco utilizzando da alcuni pesci dell Antartide per sopravvivere a temperature bassissime : i pesci usano un antigelo ! Nel loro sangue si trovano proteine che ne abbassano le temperature di congelamento. Il sale disciolto nel mare fa si che lacqua resti allo stato liquido fino alle

17 Temperatura di circa-1,9°c. In queste condizioni il sangue normale congelerebbe, provocando la morte dell animale. Le proteine antigelo agiscono bloccando la crescita di cristalli di ghiaccio nei fluidi corporei, Perché appena un cristallo si forma si legano ed esso impedendogli di aumentare di dimensioni. Ciò significa che nel sangue dei pesci con l antigelo si formano comunque piccolissimi cristalli di ghiaccio, ma questi restano minuscoli e del tutto innocui. L antigelo naturale dei pesci artici ha un efficacia che è 300 volte superiore a quella dellantigelo artificiale che mettiamo nelle nostre automobili.

18 Foche, orsi polari, pinguini, gli animali che abitano ai Poli, hanno uno spesso strato di grasso è essenziale per la sopravvivenza. Le riserve di grasso servono anche come riserva energetica di emergenza, da bruciare nei periodi in cui il cibo scarseggia. Il grasso come isolante funziona molto bene anche in acqua. I mammiferi che si sono adattati a vivere in acqua hanno infatti perso gradualmente la pelliccia, che una volta bagnata non ha nessun potere isolante. Gli orsi polari, nuotatori ma terrestri, conservano ancora una pelliccia folta. Le foche, che alternano periodi in acqua a periodi a terra, hanno una pelliccia meno sviluppata ma più grasso. I cetacei, che vivono solo in acqua, hanno perso quasi completamente il pelo e sono famosi per il loro spesso strato adiposo

19

20 Le acque polari sono sempre piene di vita e nei mesi caldi si assiste a un vero tripudio di pesce diverse. I piccolissimi organismi che costituiscono parte del plancton marino approfittano dei periodi di luce per moltiplicarsi. Essi diventano il nutrimento di piccoli crostacei simili a gli gamberetti (krill), e assieme a questi ultimi e a miriadi di pesci costituiscono lalimentazione per pesci, uccelli e mammiferi marini. Nessuna specie può sopravvivere da sola e prede e predatorio sono uniti da legami di dipendenza che nel loro insieme formano una rete alimentare.

21

22 Stato:dipendente della conservazione. Si trova in tutto il mondo ma predilige le acque fredde dei circoli polari Artico e Antartico. è una predatrice di pesci, uccelli foche e persino balene. Può essere uno cacciatrice davvero audace e avvicinarsi alla riva tanto da catturare un giovane e inesperto leone marino fermo vicino allacqua..

23 Con la formazione del Passaggio di Drake, circa 25 milioni di anni fa,LAntartide rimase completamente separata da tutte le altre zolle continentali da profonde zone oceaniche.Ebbe così inizio un processo di isolamento che portò a drastici cambiamenti del clima e dell ambiente. Molti dei pesci costieri si estinsero ma un gruppo, i Notothenioidei, furono in grado di far fronte progressivo raffreddamento dellacqua marina con una serie straordinaria di modificazioni adattive della loro fisiologia, del loro aspetto e del loro modo di vita.

24


Scaricare ppt "Federica Miriam Veronica Raffaele Domenico 5°G. Iniziamo con una domanda…"

Presentazioni simili


Annunci Google