La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il modello a prezzi vischiosi Lezione 6 Capitolo 9 De Long.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il modello a prezzi vischiosi Lezione 6 Capitolo 9 De Long."— Transcript della presentazione:

1 Il modello a prezzi vischiosi Lezione 6 Capitolo 9 De Long

2 Piano della lezione n Cosa determina il livello del PIl reale quando i prezzi sono vischiosi? n Che cosa determina il valore del moltiplicatore della spesa? n Il modello in azione quando aumenta o diminuisce qualche componente della domanda aggregata

3 Prezzi vischiosi n Sono essenziali per spiegare le fluttuazioni del PIL n Definiamo i prezzi vischiosi quando non variano liberamente e istantaneamente in reazione a variazioni della domanda e dellofferta n Se i prezzi sono vischiosi si determina un cuneo tra il PIL reale e il PIL potenziale (YY*), e tra lofferta e la domanda di lavoratori n Quando i prezzi sono vischiosi il meccanismo di aggiustamento di mercato opera attraverso variazioni delle quantità prodotte (aggiustamento attraverso le quantità ovvero le scorte)

4 Perché i prezzi sono vischiosi? n Perché i manager e i lavoratori reputano costoso mutare istantaneamente i prezzi e rinegoziare i salari e preferiscono farlo a intervalli più lunghi n per la mancanza di perfetta informazione per cui i manager (e i lavoratori) confondono variazioni nei prezzi assoluti a livello aggregato con variazioni nei prezzi relativi (pensano sia mutato il prezzo dei loro prodotti) n Perché i sindacati si oppongono a riduzioni dei salari considerandoli uno scarso apprezzamento del datore di lavoro per i lavoratori dellimpresa. n I manager e i lavoratori possono essere soggetti a illusione monetaria non valutando adeguatamente limpatto dellaumento dei prezzi sulle variabili reali (salari e fatturato)

5 Qual è leffetto di prezzi vischiosi? Supponiamo una riduzione di C 0 n Cosa accade nel modello a prezzi flessibili? n Aumenta il risparmio (la curva di risparmio nel mercato del flusso dei fondi si sposta verso il basso n Il tasso di interesse reale diminuisce n Gli investimenti aumentano n Il tasso di cambio si deprezza e le NX aumentano n Poiché Y=Y* la riduzione dei consumi è esattamente compensata dallaumenti di I e di NX

6 Cosa accade se C 0 diminuisce nel modello a prezzi vischiosi? n La funzione del consumo si sposta vero il basso (diminuisce) e così anche la domanda aggregata. n La riduzione del consumo non mette in moto alcun meccanismo che possa far variare gli investimenti e le esportazioni nette. n Al contrario le imprese anziché aumentare gli investimenti sperimentano un eccesso non desiderato di scorte e poiché i prezzi sono vischiosi (e non possono ridurli) decidono di ridurre la produzione e quindi loccupazione n Il PIL si riduce e quindi anche il risparmio (non vi è alcuno spostamento della curva di risparmio nel mercato dei fondi)

7 Di quanto si riduce il PIL? n Qualsiasi variazione in aumento o in diminuzione della domanda aggregata provoca un aumento o riduzione amplificata nel livello del PIL per effetto del processo moltiplicatore.

8 Che cosè il moltiplicatore? n Il moltiplicatore è un coefficiente numerico introdotto nella TG da Keynes n Ciò che occorre sottolineare non è tanto il suo valore numerico (che può essere grande o piccolo a seconda di alcuni parametri e delle ipotesi impiegate per derivarlo) ma il processo attraverso il quale una variazione della domanda autonoma (quella non dipendente dal reddito) determina una variazione multipla nel reddito di equilibrio

9 Modi di derivazione del moltiplicatore n Y=AD n Y=C+I+G(1) n C= c 0 +c y YD n sostituendo C nella (1) si ha n Y= c 0 +c y (Y-T)+I+G n Y- c y Y= c 0 +I+G- c y T n (1- c y )Y= c 0 +I+G- c y T n dividendo per (1- c y ) si ha: n Y=1/ 1- c y [c 0 +I+G- c y T]

10 Moltiplicatore (2) n Assumendo variazioni nelle componenti autonome della domanda si ottiene la variazione corrispondente nel livello di reddito. Essendo c y < 1 il moltiplicatore sarà maggiore dellunità.

11 Ricordare: n La spesa racchiusa tra parentesi quadre rappresenta le componenti autonome della domanda e qualsiasi loro variazione determina variazioni di Y n Quanto amplificate saranno tali variazioni dipende dal valore numerico del moltiplicatore (che a sua volta dipende da c y =PMC

12 Esempio n Assumiamo che la spesa per investimenti aumenti di 100 mila euro : I=100 n che la PMC =0,8. n Di quanto aumenterà la produzione? Di un valore pari a 100 mila euro? Applichiamo la formula: n Y= 1/1-0,8 [ I=100]= 5x100= 500

13 Leffetto moltiplicatore si applica a tutte le componenti della domanda autonoma: n Consumo autonomo (c 0 ) n investimenti autonomi (I 0 ) n spesa pubblica (G) n una riduzione (aumento ) delle imposte T che determina un aumento (riduzione) del reddito disponibile e per questa via influenza il consumo n si applica per variazioni della spesa autonoma sia positive sia negative

14 Il moltiplicatore n Consumo autonomo, spesa pubblica e investimento hanno un moltiplicatore pari a 1/1-c y n Le imposte (a somma fissa) invece, come risulta dalle formule precedenti influenzano il reddito attraverso un valore del moltiplicatore pari a: n Y/ T= - c y /1-c y

15 Rappresentazione grafica del moltiplicatore G AD e Y AD Y Y Y 45° Y=AD E E 0

16 Modo alternativo di derivazione del moltiplicatore (1) n Il moltiplicatore ci dice di quanto il livello di Y varierà in seguito a una variazione della domanda autonoma e quindi a uno spostamento della spesa aggregata. n Un modo alternativo per ottenere la formula del moltiplicatore è cogliere i passaggi che si verificano in seguito a un aumento di una unità degli investimenti (o di altre componenti autonome della domanda)

17 I 0 =1 n La variazione di I 0 aumenta il reddito (prodotto) di 1 unità. Y=1 n I percettori di reddito (lavoratori- consumatori) aumenteranno il consumo di un ammontare pari alla loro PMC. Supponiamo che sia 0,7 n Per rispondere allaumento del consumo (domanda) le imprese aumentano la produzione di 0,7 n Il reddito aumenterà di 0,7 e i consumatori

18 n Continueranno ad aumentare il loro consumo in misura pari allincremento di reddito per la PMC ossia: 0,7 ( Y=0,7) = 0,49 n Le imprese continueranno ad aumentare la produzione di 0,49 per assecondare il nuovo lincremento indotto dei consumi etc… n Il processo continuerà nel tempo fino a quando gli effetti dellincremento iniziale di I non si saranno esauriti.

19 Come calcoliamo il moltiplicatore? n Occorre sommare tutti gli incrementi del prodotto e del reddito: n Moltiplicatore= 1+0,7+0,7 2 +0,7 3 +0,7 4 +…… Si tratta di infiniti termini di una serie geometrica. La somma di tutti questi termini è: moltiplicatore= 1/1-0,7=1/0,3=3,33 Y=( I x moltipl.) = 1x3,33=3,33

20 Moltiplicatore e PMS n Ricorderete che (1-c y ) = s= PMS n Risulta quindi che il denominatore del moltiplicatore è pari alla PMS n La formula del moltiplicatore quindi può essere anche scritta: Moltiplicatore = 1/s il moltiplicatore è il reciproco della PMS n quanto >la PMS tanto minore il valore del moltiplicatore

21 Esempio: cambiamento in -c 0 provoca uno spostamento in senso inverso n Aumento risparmio autonomo C C 0 Yd C S S S c0c0 C 0

22 Esempio numerico n Y=C+I; C= 10+0, 8Y; I=20 n Y= 10+0, 8Y+20 Y-0,8Y=30 n Y= 1/0,2 (30)=150 n S=Y-C; =20 S=I n assumi un aumento del risparmio autonomo di 5 (il consumo autonomo si ridurrà di pari ammontare) La nuova funzione del consumo sarà:

23 C= 5 +0,8 Y n Ricalcoliamo, Y, C, e S e controlliamo che S=I n Y= 5 +0,8 Y +20 n Y-0,8Y=25 Y= 1/0,2 (25)=125 n C= 5+0,8 (125)=105 n S=Y-C= =20 n S=I (20=20 come nellesercizio precedente)

24 Estensione a uneconomia aperta E=AD=C+I+G+NX E=AD=[C 0 +c Y (1-t)Y]+I+G+(GX-IM Y Y) Definiamo domanda autonoma A=C 0 +I+G+GX e la PME= c Y (1-t)- IM Y Riordinando lequazione precedente: E=AD= A+PMExY

25 Estensioni del moltiplicatore a uneconomia aperta n Il valore del moltiplicatore si modifica: n Con imposte in forma fissa il moltiplicatore diventa:

26 Imposte proporzionali n Si ricordi che se n T = t Y, il reddito disponibile sarà: n Y D = Y - t Y= Y(1-t) n Le famiglie trattengono ora solo una frazione (1-t) del reddito Y che percepiscono. Se t= 20% e il reddito è pari a 1000 Euro prima delle imposte, il loro Y D =800

27 PMC rispetto al nuovo reddito disponibile n Con una imposta proporzionale al reddito la frazione di reddito spesa in consumi sarà: n PMC(1-t) e questo modifica il valore del moltiplicatore, riduce linclinazione della funzione del consumo pari a c y (1-t), nonché linclinazione della funzione di domanda aggregata pari alla inclinazione della f. del consumo

28 Aumento di t e inclinazione della spesa aggregata 0 45° Y AD AD=c y (1-t)Y+A AD=c y Y+A Se aumenta t, la AD diventa più piatta e si riduceY

29 Il moltiplicatore con aliquota fiscale n Si ricordi che: n Quanto maggiore è laliquota t tanto minore sarà il moltiplicatore. Infatti con c y =0,80 e t=0,20, il moltiplicatore è1/0,36=2,7

30 Lequilibrio del modello Y=AD C0C0 45° E Y C 0 +I C 0 +I+G CYCY

31 Come si realizza lequilibrio E? n Attraverso variazione delle scorte E Y AD C 0 +I+ G+ S<0 S=0 S>0

32 Politica fiscale e reddito di equilibrio n Il livello di equilibrio del reddito può essere modificato attraverso manovre di politica fiscale che possono consistere in n variazioni della spesa pubblica in aumento o in diminuzione n variazioni delle aliquote fiscale in aumento o in diminuzione

33 Politica fiscale (2) n La politica fiscale espansiva o restrittiva serve quindi a modificare la domanda aggregata e quindi il reddito di equilibrio. n Ciò significa che può essere usata per ridurre le fluttuazioni del reddito (politiche di stabilizzazione o anticicliche o di controllo della domanda aggregata)

34 Politica fiscale espansiva E Y G AD Y E Y=AD Una politica fiscale espansiva aumenta il reddito di equilibrio Sposta la AD verso lalto

35 Perché lo Stato non attua una politica fiscale espansiva per ridurre la disoccupazione? n Esistenza di deficit troppo elevati che indurrebbero ulteriori incrementi del debito pubblico n laggravamento del deficit potrebbe avere conseguenze su altre componenti della domanda soprattutto sugli investimenti privati (effetti di spiazzamento) che studieremo nel modello IS-LM

36 Il deficit del bilancio pubblico è sempre un indicatore di politiche fiscali espansive? n Sebbene un aumento ( una riduzione) del deficit di bilancio può essere un indicatore di politiche fiscali espansive (restrittive) seguite dal governo, in realtà i deficit e le variazioni del deficit possono essere anche la conseguenza di fluttuazioni del reddito dovute a fasi di espansione o recessione dellattività economica

37 Stabilizzatori automatici n Sono dei meccanismi allinterno del sistema economico che attutiscono automaticamente le fluttuazioni del livello del reddito, in presenza di shock di qualsiasi natura, senza interventi discrezionali delle autorità di politica fiscale

38 Stabilizzatori automatici (2) Quali sono ? n Imposta proporzionale e progressiva sul reddito n I sussidi di disoccupazione (quando il reddito si riduce, i sussidi aumentano e questo contribuisce ad attenuare la riduzione della spesa n le importazioni

39 CONCLUSIONI n Il moltiplicatore è un valore numerico che ci permette di calcolare come varia il reddito nazionale in seguito a variazioni della domanda autonoma n A seconda del modello utilizzato e delle ipotesi che ad esso sottostanno il valore del moltiplicatore si modifica. n Si ricordi che in uneconomia aperta il valore del moltiplicatore è più basso di quello in economia chiusa n gli stabilizzatori automatici riducono le fluttuazioni della spesa aggregata e del reddito n il governo può adottare una politica discrezionale attiva per aumentare reddito e occupazione


Scaricare ppt "Il modello a prezzi vischiosi Lezione 6 Capitolo 9 De Long."

Presentazioni simili


Annunci Google