La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PUNTI COMUNI TRA I CICLI DI ISTRUZIONE Centralità della persona; unitarietà del sapere; metodologie partecipative; didattica per competenze; didattica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PUNTI COMUNI TRA I CICLI DI ISTRUZIONE Centralità della persona; unitarietà del sapere; metodologie partecipative; didattica per competenze; didattica."— Transcript della presentazione:

1 PUNTI COMUNI TRA I CICLI DI ISTRUZIONE Centralità della persona; unitarietà del sapere; metodologie partecipative; didattica per competenze; didattica laboratoriale; uso di tecnologie dellinformazione e della comunicazione; sviluppo della creatività; progettualità; risultati di apprendimento attesi in termini di conoscenze, abilità e competenze; valorizzazione della continuità; collaborazione con la famiglia.

2 PROGETTARE UNITA DI APPRENDIMENTO

3 Quando leducazione veniva considerata come attività antropoplastica, cioè azione plasmatrice, modellatrice dello studente considerato come una sostanza amorfa e la mente come una tabula rasa su cui imprimere i contenuti dellinsegnamento, la conoscenza delle caratteristiche personali dellalunno, così come quelle del suo ambiente di provenienza e della stessa situazione scolastica, aveva scarsa importanza.

4 Invece in una concezione del processo educativo e didattico che riconosce allalunno un ruolo attivo risulta indispensabile la conoscenza non solo delle caratteristiche evolutive e personali dei singoli alunni, ma anche dellambiente educativo, scolastico ed extrascolastico, in cui la formazione dellalunno si è attuata e contuinua ad attuarsi.

5 Leducazione non è un processo astratto dalla realtà esistenziale dei soggetti, ma si realizza in continua interazione con essa: lazione educativa e didattica non può prescindere dalla concreta situazione in cui si realizza.

6 La programmazione obbedisce, perciò, oltre che ai principi della razionalità, della socialità e della pubblicità, anche al principio della realtà: programmare significa muovere dalla conoscenza delle precise situazioni personali ed ambientali per delineare i percorsi didattici più idonei per pervenire alle mete fissate.

7 Ciclo di istruzione e formazione Occorre ripensare lesperienza del fare scuola. La sfida è dare un senso alla frammentazione del sapere. La scuola NON può ridurre tutto il percorso della conoscenza alla semplice acquisizione di contenuti. Compito della scuola è educare istruendo la persona: un essere unico ed irripetibile. EDUCARE ISTRUENDO è unaggiunta di responsabilità del docente, come del genitore che si declina nellessere maestri di vita, testimoni di ciò che si trasmette.

8 EDUCARE ISTRUENDO significa : Consegnare il patrimonio culturale che ci viene dal passato; Preparare al futuro, introducendo i giovani alla vita adulta, promuovendo in loro lo sviluppo di competenze; Accompagnare il percorso di formazione personale dello studente nel faticoso processo di costruzione della propria personalità.

9 Compito della scuola è educare la persona, un essere unico ed irripetibile rispetto ad ogni altra persona EDUCARE significa e-ducere, tirar fuori: lalunno ha bisogno di essere aiutato a scoprire il valore di se stesso, delle cose e della realtà. Nell educere, nel tirar fuori ciò che si è e nella relazione con gli altri, si IMPARA AD APPRENDERE. Obiettivo della scuola è quello di far nascere il tarlo della curiosità, lo stupore della conoscenza, la voglia di declinare il sapere con la fantasia, la creatività, lingegno, la pluralità delle applicazioni delle proprie capacità, abilità e competenze, così come indicato nelle Raccomandazioni del Parlamento Europeo (Risoluzione del Consiglio dEuropa di Lisbona-2000).

10 CAPACITA Potenzialità dellessere umano; propensione a fare, pensare, agire in un certo modo, quindi, è ciò che lallievo può fare e pensare senza avere ancora trasformato queste possibilità in una realtà; analizzabili logicamente; dinamiche; non insegnabili.

11 CONOSCENZE Sapere teoretico e pratico che luomo acquisisce. Sono collegabili tra loro e determinano i saperi organizzati, utilizzati per risolvere problemi; si attivano e si integrano ad altre conoscenze; insegnabili.

12 Competenza Cosa non è: NON è una CONOSCENZA = somma di saperi dichiarativi NON è una ABILITA= saper fare = somma di saperi procedurali NON è la somma di conoscenze e abilità e neanche la loro integrazione COMPETENZA = SAPER FARE CON CIO CHE SI SA; la competenza possiede un valore aggiunto, è un aspetto della persona nel suo complesso, perché insite nella competenza sono le CAPACITA personali, come la flessibilità, limpegno, la responsabilità, la disponibilità al cambiamento, lo spirito di iniziativa, la capacità di adattamento, il problem solving. Le competenze sono DINAMICHE.

13 COMPETENZE Capacità portate a compimento; potenzialità realizzate nel modo più perfetto, nel concreto di determinate situazioni; forma del nostro essere attuale; analizzabili logicamente; possono essere socio-relazionali, cognitive, trasversali o specifiche disciplinari; Non insegnabili.

14 NATURA CAPACITA Attitudini NON INSEGNABILI CULTURA Trasmissione di CONOSCENZE Esercizio di ABILITA INSEGNABILI VITA COMPETENZE NON INSEGNABILI OBIETTIVI FORMATIVI

15 VERSO LE COMPETENZE ESSENZIALI

16 LA SEQUENZA PROGETTUALE Il docente, inteso come singolo o in equipe, tenendo conto delle INDICAZIONI NAZIONALI e degli Orientamenti per lorganizzazione dei curricoli (in cui sono elencate Conoscenze e Abilità), coniugandoli con le esperienze e le caratteristiche dellalunno, elabora -gli OBIETTIVI FORMATIVI, costruisce -le UNITA DI APPRENDIMENTO, che nel loro insieme costituiscono la PROGRAMMAZIONE ANNUALE.

17 IL DOCENTE OPERA CONSIDERANDO ESPERIENZA E CARATTERISTICHE DELLALUNNO ELABORA GLI OBIETTIVI FORMATIVI COSTRUISCE LE UNITA DI APPRENDIMENTO PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE INDICAZIONI NAZIONALI – LINEE GUIDA, OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PIANO DI STUDI PERSONALIZZATI

18 Conoscenza dellalunno Presupposto essenziale : raccordo pedagogico tra i gradi di istruzione - Caratteristiche personali - Conoscenza dellextrascuola : realtà familiare e socio-culturale - Conoscenza della realtà scolastica precedente - Risorse personali - Motivazione - Caratteristiche della scelta della scuola

19 VALORIZZAZIONE DELLE DISCIPLINE La valorizzazione delle discipline avviene pienamente quando si evitano due rischi: Sul piano culturale quello della frammentazione dei saperi Sul piano didattico quello della impostazione trasmissiva

20 OBIETTIVI FORMATIVI I docenti sono tenuti a trasformare gli obiettivi specifici di apprendimento(CONOSCENZE E ABILITA) in obiettivi formativi adatti per i singoli allievi in relazione al contesto in cui si trovano ad operare e alla pluralità dei soggetti che agiscono nellazione educativa. A questo scopo essi dovranno progettare le UDA necessarie a raggiungerli e a trasformarli in reali competenze di ciascuno. Un OF comprende, quindi, sempre, oltre alla dimensione cognitiva, anche quella affettiva, emotiva e relazionale della persona.

21 Le CONOSCENZE e le ABILITA sono e diventano obiettivi formativi nel momento in cui si trasformano nei compiti di apprendimento, ritenuti realmente accessibili, in un tempo dato e programmato e percepiti come traguardi importanti e significativi da raggiungere.

22 Un OBIETTIVO FORMATIVO comprende, oltre alla dimensione cognitiva, anche quella affettiva, emotiva e relazionale della persona. Lobiettivo è formativo, non solo quando si adatta alla realtà psicologica e didattica di ciascun allievo, ma quando è APPRESO, INTEGRATO nel repertorio operativo del soggetto e tale da concorrere a sviluppare le sue competenze.

23 Il contenuto degli obiettivi formativi Si legge negli orientamenti che gli OF …non possono essere formulati in maniera atomizzata e previsti quasi come performances tanto analitiche quanto, nella complessità del reale, inesistenti. A livello di obiettivi formativi si ripete lesigenza… di riferirsi al principio della sintesi e dellologramma.… Se non testimoniassero la traduzione di questo principio nel concreto delle relazioni educative e delle esperienze personali di apprendimento… difficilmente, del resto, potrebbero essere ancora definiti formativi.

24 Sembra chiaro che, per soddisfare queste esigenze, gli OF debbano identificare e proporre un intero di apprendimento, ossia un compito di apprendimento che abbia le seguenti caratteristiche: - che sia unitario, tanto nel senso di essere relativamente autonomo ed isolabile rispetto al resto, quanto nel senso di unificare il fine formativo e gli scopi didattici; - che sia articolabile, cioè divisibile nelle sue parti costitutive (conoscenzeabilità, capacità-competenze); - che sia organico, cioè costituito da parti ordinate e funzionali le une alle altre; - che sia adatto e significativo, cioè che abbia in sé e non in altro il proprio senso e motivazione.

25 Ma esiste un contenuto del genere? e dove trovarlo? Compiti di apprendimento di questo genere esistono e si possono ricavare, in primo luogo, dai compiti di vita reale, ossia da quelle prassi reali, sensate e compiute, ciascuna con un proprio fine, che ci impegnano nella nostra vita quotidiana.

26 LE UNITA DI APPRENDIMENTO Linsieme della progettazione di uno o più obiettivi formativi, nonché delle attività, dei metodi, delle soluzioni organizzative, delle modalità di verifica necessarie per tasformarli in competenze degli allievi, va a costituire le UNITA DI APPRENDIMENTO INDIVIDUALI O DI GRUPPO

27 I testi ufficiali considerano le unità di apprendimento il cuore del processo educativo. -LUNITA DI APPRENDIMENTO SI PONE COME OCCASIONE PER SVILUPPARE IN MODO ARMONICO ED INTEGRALE LE CAPACITA DI CIASCUN ALUNNO; -Lunità di apprendimento ha una valenza formativa, poiché rende funzionale lacquisizione delle conoscenze (sapere) allutilizzazione diretta in situazioni problematiche (saper fare). - LUDA si precisa come UNITA, non perché sceglie un tema unitario, ma perché opera su un compito di apprendimento unitario, articolato, organico, adatto, significativo, avvertito come rilevante dal singolo allievo. Questa connotazione le consente di adeguarsi alle diversità degli alunni e di personalizzare gli apprendimenti.

28 Sono il luogo privilegiato in cui si realizza un a situazione di apprendimento che coniuga conoscenze e abilità specifiche su compiti unitari e significativi per gli alunni. Si può realizzare con gruppi di alunni della stessa classe, di classi parallele o verticali, che vengono riuniti per livello di apprendimento o per eseguire un preciso progetto o per assecondare liberamente interessi e attitudini co muni.

29 SINOSSI POF U. di A. PSP (PEP)

30 Il POF rappresenta la sintesi delle Unità di Apprendimento e, queste, peraltro, rappresentano la sintesi dei Piani Personalizzati. Al riguardo, però, non si può non evidenziare la grossa difficoltà di questo discorso che si muove in una prospettiva inconsueta, almeno nella prassi didattica, nella quale le realtà particolari, siano quelle dei singoli alunni, siano quelle dei contesti socio-culturali, molto spesso non hanno diritto di cittadinanza.


Scaricare ppt "PUNTI COMUNI TRA I CICLI DI ISTRUZIONE Centralità della persona; unitarietà del sapere; metodologie partecipative; didattica per competenze; didattica."

Presentazioni simili


Annunci Google