La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La psicologia sociale Definizione La psicologia sociale studia l'interazione tra individuo e gruppi: – Studia il comportamento degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La psicologia sociale Definizione La psicologia sociale studia l'interazione tra individuo e gruppi: – Studia il comportamento degli."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11 La psicologia sociale

12 Definizione La psicologia sociale studia l'interazione tra individuo e gruppi: – Studia il comportamento degli individui, non in quanto tali, ma in quanto appartenenti ad un gruppo sociale – Studia il comportamento dei diversi gruppi sociali (hanno una loro «anima») Gli psicologi sociali tipicamente spiegano il comportamento umano in termini di interazione tra stati mentali e situazioni sociali immediate. Lewin, formalizza il comportamento (C) come una funzione (f) dell'interazione tra la persona (P) e l'ambiente (A), concetto sintetizzato nella formula C = f(P,A).

13 Metodo Ricerche empiriche in laboratorio (metodo sperimentale) I primi dati sperimentali che segnano la nascita della psicologia sociale sono quelli raccolti nel 1936 da Musafer Sherif sulla comparsa delle norme di gruppo

14 Esperimento di Sherif La ricerca nacque dallesigenza di rispondere ad un quesito di interesse collettivo: Come è stato possibile che alcune grandi democrazie europee si sono potute trasformare in dittature che godevano di un vastissimo consenso popolare? Attraverso il PARADIGMA SPERIMENTALE Sherif riprodusse in laboratorio il processo di formazione delle norme sociali e dimostrò quanto pervasivi e potenti siano i processi di controllo sociale che ogni gruppo mette in atto nei confronti dei suoi componenti per mezzo di tali norme.

15 Esperimento di Sherif (Riferimenti teorici) Sherif partì dal fenomeno della TENDENZA ALLUNIFORMITA DI GIUDIZIO evidenziata da Floyd Allport: Floyd Allport dimostrò che i giudizi espressi dalle persone sono meno radicali e estremi quando sono espressi in presenza degli altri membri del gruppo. Egli era convinto che tale fenomeno fosse dovuto al processo di formazione delle norme sociali che si innesca ogni volta che un gruppo si forma o quando i membri del gruppo si trovano in una situazione nuova. Le norme sociali forniscono degli schemi di riferimento ai membri del gruppo per orientarli sia nei comportamenti che nei giudizi.

16 Esperimento di Sherif (Questione) I membri del gruppo si influenzano a vicenda e finiscono per comportarsi secondo la stessa modalità oppure i membri del gruppo mantengono le proprie posizioni individuali?

17 Esperimento di Sherif (Metodo) Disegno sperimentale: Osservazione e analisi dellampiezza del movimento autocinetico percepito dai soggetti – (LEFFETTO AUTOCINETICO: Fenomeno che compare quando uno stimolo visuale viene percepito nello spazio in assenza di altri punti di riferimento. Losservatore ha la falsa impressione che lo stimolo luminoso si sposti in diverse direzione illusione ottica) SOGGETTI: Studenti di sesso maschile della Columbia e New York Universities PROCEDURA: I soggetti erano condotti in una stanza buia. Lo sperimentatore diceva loro che avrebbero visto un puntino luminoso. Quando i soggetti vedevano il puntino dovevano avvertire lo sperimentatore premendo un pulsante. Dovevano poi riferire allo sperimentatore di quanti centimetri si era mosso il puntino … vedi libro pag. 190

18 Esperimento di Sherif (Risultati) Sherif spiega la convergenza osservata nelle valutazioni rese dai soggetti nella sessione di gruppo come un effetto della spiacevole sensazione di aver percepito se stessi come membri devianti del gruppo sperimentale. La causa di questa spiacevole sensazione era laver fornito valutazioni individuali divergenti da quelle di gruppo La convergenza è un fenomeno sociale dellinterazione tra i membri del gruppo perché – Non si genera istantaneamente ma progressivamente – Non è provocata dallinfluenza esercitata da alcuni membri di status più elevato – Nessun soggetto se ne rende conto Ogni gruppo dunque esercita una forma di controllo sociale nei confronti dei propri membri attraverso le norme sociali che vengono elaborate al suo interno. Esse sono infatti SCHEMI DI RIFERIMENTO che orientano nella stessa direzione opinioni, emozioni e comportamenti dei membri del gruppo.

19 Il conformismo Dagli esperimenti di Sherif emerse come i convincimenti abbiano una componente sociale. Nasce così il tema del conformismo, studiato, soprattutto da Salomon Asch negli anni 50 La prova è realizzata esponendo il soggetto ad una «sorgente di influenza» (la maggioranza) che fornisce risposte false. Il soggetto è detto «ingenuo» in quanto non è a conoscenza dellesperimento La consistenza delle affermazioni false poggia sulla quantità (numero di affermazioni) e non sulla qualità (verità delle affermazioni) Video sul conformismo: 58B4F56 58B4F56

20 Massa e gruppi In sociologia e psicologia sociale si definisce gruppo un insieme di persone che interagiscono le une con le altre in modo ordinato sulla base di aspettative condivise riguardanti il rispettivo comportamento. Dato che gli esseri umani sono fondamentalmente animali portati a cooperare, i gruppi sono una parte vitale della struttura sociale. I gruppi si formano e si trasformano costantemente Secondo Lewin un gruppo sociale è costituito da un certo numero di individui che interagiscono con regolarità. Questa regolarità di interazione tiene insieme i partecipanti, dando vita a una distinta unità con una propria identità sociale; mentre gli aggregati (masse) sono insiemi di individui che si trovano nello stesso luogo allo stesso momento, senza tuttavia condividere tra loro alcun preciso legame; infine una categoria sociale è un raggruppamento statistico. È costituita da individui classificati nella stessa categoria in base a una particolare caratteristica comune. Tali individui non interagiscono tra loro, né si ritrovano insieme nello stesso luogo. Lewin (1948) parla di gruppo come una totalità dinamica, i cui membri sono in stretta interdipendenza e in cui il cambiamento che avviene in uno degli elementi interessa tutti gli altri componenti (il tutto è più della somma delle parti)

21 Caratteristiche del gruppo (totalità, interdipendenza, dinamicità ) I gruppi hanno diverse caratteristiche: – i membri interagiscono e si influenzano a vicenda – ogni membro deve rispettare le norme di comportamento, che caratterizzano un determinato gruppo – ogni membro in un gruppo gioca dei ruoli – Tutti i membri sono interdipendenti, cioè hanno bisogno l'uno dell'altro per arrivare agli scopi che il gruppo si è prefissato – I gruppi vengono tenuti insieme dall'intensità della relazione tra i membri (grado di coesione). La coesione è determinata da molti fattori, come «lattrazione mutuale» e «lIdentificazione» (quanto un membro si identifica col gruppo)

22 Tipi di gruppo Gruppi primari: i membri interagiscono per un periodo di tempo lungo, sulla base di rapporti intimi faccia a faccia (es: famiglia, gruppi di pari, piccole comunità). Gruppi secondari: i membri interagiscono occasionalmente, con poco coinvolgimento personale (i membri non si conoscono personalmente o si conoscono in relazione a particolari ruoli formali anziché come persone nella loro completezza). Solitamente conseguono finalità specifiche e meno emotivamente impegnate come (es: aziende, partiti politici, burocrazie statali). Gruppi naturali: presuppongono un legame di affezione seppur a gradi diversi (famiglia, amici, vicini) Gruppi artificiali: i membri stanno insieme per uno scopo specifico, fino al raggiungimento del fine (es: i gruppi terapeutici) Video sul gruppo:


Scaricare ppt "La psicologia sociale Definizione La psicologia sociale studia l'interazione tra individuo e gruppi: – Studia il comportamento degli."

Presentazioni simili


Annunci Google