La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ORIENTAMENTO SCOLASTICO PROFESSIONALE Dott.ssa Paola Basilico Dott.ssa Cecilia Pecchioli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ORIENTAMENTO SCOLASTICO PROFESSIONALE Dott.ssa Paola Basilico Dott.ssa Cecilia Pecchioli."— Transcript della presentazione:

1 ORIENTAMENTO SCOLASTICO PROFESSIONALE Dott.ssa Paola Basilico Dott.ssa Cecilia Pecchioli

2 COSA INTENDIAMO PER ORIENTAMENTO?

3 U NA DEFINIZIONE Con ORIENTAMENTO PROFESSIONALE si indicano tutte quelle ATTIVITA DI SUPPORTO E DI FACILITAZIONE alla presa di decisione di un soggetto che si trova a fronteggiare una fase di TRANSIZIONE

4 I N PASSATO … Lorientamento era diviso in fasi (scolastico, professionale, ecc.) Si concentrava soprattutto: Sulle attitudini (usando prevalentemente i test) Sulla mediazione tra soggetto e ambiente Sulle possibilità adattive di un soggetto al contesto Sugli interessi delle organizzazioni (luomo giusto al posto giusto)

5 A TTUALMENTE, IN CONSIDERAZIONE DELLA COMPLESSITÀ SOCIALE E DELLA RICORRENZA DEI MOMENTI DI SCELTA … Lorientamento è vissuto come un processo educativo (ed evolutivo) lungo larco della vita Vengono usati metodi che si concentrano SUI SOGGETTI e che assegnano agli stessi un RUOLO DI DECISIONALITA circa la propria vita e un PROTAGONISMO nel processo stesso di orientamento.

6 C OSA E IMPORTANTE PER IL SOGGETTO ? La conoscenza di sé e delle proprie risorse La conoscenza ed il disvelamento delle proprie motivazioni e dei propri obiettivi La conoscenza del contesto di riferimento in relazione ai propri obiettivi La definizione di un progetto professionale o formativo mediando fra obiettivi della persona e realtà oggettiva

7 Q UALI COMPETENZE NECESSARIE ? Capacità di valutare adeguatamente le proprie potenzialità personali Capacità di reperire informazioni Capacità di costruire strumenti di ricerca attiva Orientamento a concretizzare le azioni (Agentività) di ricerca scaturite dal progetto formativo/professionale

8 C ONCETTO DI SE = è linsieme di tutte le convinzioni che un individuo nutre riguardo alle proprie qualità personali

9 gli individui costruiscono la conoscenza di sé in maniera molto simile a quella con cui formano le proprie impressioni sugli altri: 1) inferiscono le proprie caratteristiche dai propri comportamenti 2) per formarsi opinioni su sé stessi prendono in considerazione i propri pensieri e sentimenti, nonché le reazioni altrui 3) infine paragonano sé stessi agli altri per sapere quali caratteristiche li rendono unici

10 1) T RARRE INFERENZE DAL COMPORTAMENTO Teoria dellautopercezione = in presenza di indizi interni deboli o ambigui, le inferenze sulle proprie caratteristiche personali vengono tratte dai propri comportamenti Come faccio a sapere quello che penso finchè non vedo quello che dico? Possiamo imparare delle cose su chi siamo osservando il nostro comportamento Esempio: quando recitiamo in uno spettacolo teatrale amatoriale e ci rendiamo conto di essere estroversi

11 2) T RARRE INFERENZE DA PENSIERI E SENTIMENTI Nessuno vi conosce bene quanto vi conoscete voi stessi? Gli indizi più significativi che utilizziamo per conoscere noi stessi sono le nostre reazioni interiori al mondo : i nostri pensieri e sentimenti Questi indizi possono dirci di più su noi stessi di quanto non faccia il nostro comportamento manifesto, perché sono meno influenzati da pressioni esterne Esempio: Partecipare al matrimonio del vostro migliore amico può spingervi a comportarvi come lanima della festa, ma i vostri sentimenti interiori di invidia e perdita sono molto più rivelatori

12 3) G LI EFFETTI DELLE REAZIONI ALTRUI Anche il modo con cui le altre persone ci vedono contribuisce allo sviluppo del concetto di Sé - Sé riflesso = fonte di conoscenza di sé stessi data dalle reazioni altrui Queste reazioni sono una sorta di specchio che riflette la nostra immagine in modo che anche noi possiamo vederla (soprattutto nel caso di bambini o di coloro che mancano di un saldo concetto di Sé )

13 - Profezia che si autoavvera = le aspettative che una persona nutre nei confronti di unaltra diventano realtà, in quanto sollecitano comportamenti in grado di confermarle Esperimento : 3 gruppi di scolari: Gr.1: insegnanti e familiari dissero ripetutamente che erano ordinati Gr.2: insegnanti e familiari dissero ripetutamente che dovevano essere ordinati Gr.3: Non venne detto nulla I ricercatori osservarono quanti rifiuti i bambini sparsero attorno a sé I bambini più ordinati furono quelli del primo gruppo: etichettati come ordinati, essi si comportarono di conseguenza, esprimendo il loro nuovo concetto di Sè

14 4) I L CONFRONTO SOCIALE Teoria del confronto sociale = teoria secondo cui le persone apprendono e valutano le proprie qualità personali confrontandosi ad altri Il concetto di Sé viene sovente plasmato dai confronti tra noi stessi e gli altri Esempio: Se in quanto giocatori di scacchi volete sapere quale sia il vostro effettivo livello di maestria, il miglior approccio non è ascoltare quello che dicono gli altri, ma piuttosto giocare molte partite e vedere quante ne vincete

15 Rivelandoci quali attributi fisici o sociali ci distinguono dai nostri familiari o dalle persone a noi vicine, i confronti sociali ci consentono di sviluppare il senso della nostra UNICITA Riassumendo i modi in cui differiamo dagli altri, il confronto sociale aiuta a costruire un concetto di noi stessi che dà a ciascuno di noi lintensa sensazione di essere UNICO e DISTINGUIBILE Esempio: E probabile che le auto-descrizioni dei bambini menzionino caratteristiche, come il fatto di portare gli occhiali o di essere bassi, che li contraddistinguono allinterno della loro famiglia o della loro classe

16 C ONOSCENZA DI SÉ E CONOSCENZA DEGLI ALTRI : UGUALI O DIVERSE ? Benchè i modi in cui si arriva a conoscere se stessi e gli alti siano in genere simili, la conoscenza di sé è più ricca e dettagliata della conoscenza degli altri E infatti possibile osservare se stessi in una gamma più vasta di situazioni e avere miglior accesso a pensieri e sentimenti intimi (DIFFERENZA NELLA QUANTITA DI CONOSCENZE)

17 Inoltre, si tende a spiegare in maniera diversa il proprio comportamento e quello altrui : - le proprie azioni vengono attribuite alle caratteristiche della situazione o dello stimolo - le azioni degli altri di solito si fanno risalire alle loro caratteristiche personali (DIFFERENZA NELLATTRIBUZIONE)

18 L A MOLTEPLICITA DEI SÈ Poiché le persone percepiscono se stesse in unampia gamma di situazioni e di ruoli, la conoscenza di sé è organizzata attorno a molteplici ruoli, attività e relazioni Il numero e la diversità dei sé che si ritiene di possedere variano da individuo a individuo ( Scarsa vs elevata complessità del sé )

19 Quindi: - Nella parte superiore : la persona si considera dotata di 5 aspetti del sé, caratterizzati da insiemi di tratti relativamente distinti - Nella parte inferiore : possiede invece solo 3 aspetti del sé, con una maggior tendenza alla sovrapposizione dei tratti (alcuni di essi, come rilassata o scherzosa si applicano alla maggior parte o a tutti gli aspetti del suo sé)

20 C OSTRUZIONE DI UN COERENTE CONCETTO DI SÈ Come i pezzi del Lego, gli aspetti del sé vanno assemblati in un insieme coerente, se lindividuo vuole avere un senso di unità e di stabilità Per costruire questo coerente senso del sé vengono utilizzate diverse strategie: 1) Limitando laccessibiltà 2) Mediante la memoria selettiva 3) Mediante le attribuzioni 4) Selezionando alcuni tratti chiave

21 1) Limitando laccessibiltà … immaginate per un momento una casa in cui ogni stanza sia arredata in uno stile diverso … … se vi trovaste in unanticamera centrale dalla quale fosse possibile vedere tutte le stanze contemporaneamente, la casa vi sembrerebbe un vero e proprio miscuglio di stili … … ma se entraste in una stanza e chiudeste la porta, larredamento risulterebbe coerente e lambiente confortevole … Spesso affrontiamo nello stesso modo le incongruenze tra le parti del nostro sé : ci adagiamo confortevolmente in UN RUOLO perché altri ruoli con quello incongruenti sono lontani dagli occhi e dalla mente

22 2) Mediante la memoria selettiva Quando si pensa al proprio passato si ricostruisce unautobiografia che integra varie caratteristiche e vari aspetti del sé Per esempio: persone il cui comportamento è cambiato da timido a estroverso spesso recuperano una serie distorta di ricordi autobiografici per dimostrare di essere sempre state estroverse Tale ricostruzione affronta le incoerenze CANCELLANDOLE

23 3) Mediante le attribuzioni Le persone tendono ad attribuire il proprio comportamento alle circostanze, non a tratti stabili e generali della personalità Questa tattica ci permette di interpretare i nostri comportamenti incongruenti come il prodotto di circostanze incongruenti e non dellincoerenza del nostro sè

24 4) Selezionando alcuni tratti chiave Un senso unificato del sé viene costruito anche enucleando alcuni attributi fondamentali che riteniamo ci caratterizzano in maniera esclusiva rispetto alle altre persone e in maniera coerente nelle diverse situazioni Queste caratteristiche importanti e distintive formano lo schema di sè

25

26 E SERCIZIO : M I PRESENTO … Utilizzando la tecnica del collage (ritagli di giornale, immagini, colori ecc.) creazione di un CARTELLONE intitolato: Questo sono IO - 15 min. per la creazione individuale del cartellone - 2 min. ciascuno di presentazione di sé alla classe

27 AUTOSTIMA = valutazione, positiva o negativa, che un individuo ha di se stesso

28 L A COSTRUZIONE DELL AUTOSTIMA Unaccurata conoscenza delle nostre capacità e preferenze è importante perché ci guida attraverso lesistenza e ci aiuta a vivere nella maniera più consona ai nostri sogni e alle nostre abilità.... MA nel valutare il sé siamo anche fortemente influenzati da motivazioni che ci spingono a pensare bene di noi stessi, distorcendo molto i nostri pensieri e sentimenti relativi al sé (distorsioni da sopravvalutazioni del sé)

29 Gli eventi che ci riguardano influiscono positivamente o negativamente sulla nostra autostima, ma noi cerchiamo in diversi modi di accumulare più esperienze positive che negative … per lo più tendiamo ad abbandonare i rapporti che ci rendono infelici, gli hobby per i quali non siamo portati e le carriere che non ci consentono di esprimere il meglio di noi stessi …... le nostre scelte di vita spesso ci portano in ambiti che ci permettono di esprimerci al nostro meglio

30 Vi sono differenze individuali sia nel modo di reagire agli eventi positivi e negativi, sia nellimpatto che tali eventi hanno sullautostima Da alcune ricerche (Patricia Linville, 1985) è emerso che leffetto di tali eventi risulti amplificato nei soggetti che hanno una scarsa complessità del sé ( ossia coloro che si considerano dotati di relativamente pochi tratti del Sé) Perché? Se gli aspetti del sé sono indipendenti e numerosi, solo una piccola porzione del concetto si sé viene influenzata da un evento e diviene dunque possibile pensare Bene, sono un disastro a scuola, ma almeno rimango un bravo giocatore di pallacanestro e un eccellente chitarrista

31 Valutiamo noi stessi anche effettuando confronti con gli altri … i confronti sociali ci aiutano a formarci un quadro preciso delle nostre abilità e capacità, MA spesso cerchiamo di evitare paragoni che ci facciano apparire in una luce negativa Attraverso quali STRATEGIE ? 1) una tattica comunemente impiegata consiste nel mettere una distanza tra noi stessi e coloro che hanno successo, minimizzandone le similarità o ritraendoci dai rapporti con loro 2) Confronti al ribasso = ci paragoniamo ad altri che in qualche modo sono meno fortunati di noi o hanno avuto minor successo

32 I CANONI INTERIORI PER IL SE : L E GUIDE DEL SÈ Valutare se stessi significa anche misurarsi con i propri canoni interiori Due guide del Sé: - il sé ideale = ciò che vorrei essere - il sé imperativo = ciò che dovrei essere Questi confronti possono suscitare sentimenti positivi o negativi sul sé

33 Teoria della discrepanza del sé = discrepanze tra il sé reale (ciò che sono) e il sé ideale o il sé imperativo danno luogo a specifiche emozioni - le discrepanze rispetto ai Sé ideali producono delusione, tristezza e depressione, MA quando si conseguono effettivamente obiettivi di avanzamento (= esiti positivi che le persone cercano di conseguire) ne risultano emozioni di gioia e di esultanza - Le discrepanze rispetto a un Sé imperativo o linsuccesso nel conseguire obiettivi di prevenzione (= esiti negativi che le persone cercano di evitare, per esempio il ritenere di dover evitare di prendere un 4 in pagella), porta a emozioni di ansia e agitazione ; conseguire questi obiettivi produce invece sentimenti di sollievo e rilassamento

34 I MPORTANZA DEL CONCETTO DI SÈ Una volta formatosi, il concetto di sé è relativamente difficile da modificare : si evitano o si respingono attivamente le informazioni incoerenti con le proprie consolidate opinioni su se stessi La conoscenza di sé serve anche da quadro di riferimento per percepire le altre persone e influenza quali tipi di informazioni sociali ricorderemo

35 PERSONALITA = rappresenta le caratteristiche della persona che sono responsabili di modelli coerenti di sentire, pensare e comportarsi

36 C AUSE CHE DETERMINANO LA PERSONALITA Le cause che determinano la personalità sono state generalmente suddivise in: GENETICHE AMBIENTALI Controversia NATURA - CULTURA = importanza dell AMBIENTE nel determinare la personalità dellindividuo = contributo dei GENI nel determinare la personalità dellindividuo

37 a) Cause genetiche I fattori genetici hanno generalmente maggiore influenza rispetto a caratteristiche quali l intelligenza e il temperamento e minore influenza su valori, ideali e credenze Alcuni psicologi sostengono che molti modelli di comportamento risalgono alla nostra eredità evoluzionistica e sono in relazione a geni che condividiamo con membri di altre specie I geni rivestono un ruolo centrale nel renderci simili in quanto uomini e differenti in quanto individui

38 b) Cause ambientali I fattori ambientali includono: La cultura = ogni cultura ha i propri modelli istituzionalizzati di comportamenti appresi, rituali e credenze ; la maggior parte dei membri di una determinata cultura avrà certe caratteristiche della personalità in comune Classe sociale = alcuni modelli di comportamento sono il risultato dellappartenenza ad una certa classe sociale ; i fattori sociali influenzano il modo in cui le persone definiscono le situazioni e vi rispondono

39 La famiglia = i diversi modelli di comportamento genitoriale influenzano lo sviluppo della personalità del bambino I coetanei = il gruppo dei coetanei serve a far socializzare lindividuo, facendogli accettare nuove regole di comportamento e fornisce esperienze che avranno influenze durevoli sullo sviluppo della personalità Il processo di sviluppo della PERSONALITA rappresenta lesito delle interazioni continue tra geni e ambiente

40 A LTRI TERMINI LEGATI AL CONCETTO DI SÉ E ALLA PERSONALITA (secondo la Teoria cognitivo-sociale) OBIETTIVI = eventi futuri desiderati che motivano la persona per lunghi periodi di tempo e la guidano a stabilire priorità e a scegliere tra le diverse situazioni ASPETTATIVE = ciò che lindividuo anticipa o prevede che accadrà come risultato di comportamenti specifici in situazioni specifiche (conseguenze anticipate ) COMPETENZE-ABILITA = capacità dellindividuo di risolvere problemi o eseguire compiti necessari al raggiungimento di un obiettivo AUTOEFFICACIA = la percezione della propria capacità di affrontare situazioni specifiche (Bandura, 1995)

41 COME GIUNGERE AD UNA SCELTA AUTONOMA E CONSAPEVOLE LA PAURA DI SBAGLIARE

42 C OME AFFRONTARE I DILEMMI DECISIONALI NESSUNO PUO SCEGLIERE COMPLETAMENTE DA SOLO!! …MA… LE SCELTE DEFINITIVE RIGUARDANO SOLO SE STESSI, E NESSUNO PUO PRENDERE DECISIONI IMPORTANTI PER GLI ALTRI!!!

43 C ONSIGLI UTILI Scegliere da soli ma condividere la decisione con le persone significative; Non sottovalutare le proprie esperienze di vita; Riflettere su se stessi e sulle proprie caratteristiche; Considerare le scelte scolastiche come importanti ma non irreversibili; Informarsi nel miglior modo possibile.

44 UNA SCELTA CON METODO I 3 PASSI DA FARE

45 1. CONOSCERSI Che cosa mi interessa? Quali sono le mie materie preferite, quelle in cui riesco meglio? E quelle che amo meno? Quali sono i miei punti di forza? Gli aspetti che dovrei migliorare con limpegno? Che cosa mi caratterizza (qualità, attitudini)? Che cosa pensano di me le persone che mi conoscono? Come mi immagino da grande? In base a cosa dovrei scegliere il mio percorso di studi? Quali sono i miei criteri di scelta?

46 U N ASPETTO IMPORTANTE : LE COMPETENZE Insieme strutturato di conoscenze, capacità e atteggiamenti necessari per lefficace svolgimento di un compito – Pellerey -

47 L E 9 COMPETENZE ESSENZIALI - R APPORTO D E S E C O Agire in modo autonomo Servirsi di strumenti in maniera interattiva Funzionare in gruppi socialmente eterogenei Capacità di difendere e affermare i propri diritti, interessi, responsabilità, limiti e bisogni Capacità di usare la lingua, i simboli e i testi in modo interattivo Capacità di stabilire buone relazioni con gli altri Capacità di definire e realizzare programmi di vita e progetti personali Capacità di utilizzare le conoscenze e le info in maniera interattiva Capacità di cooperare Capacità di agire in un quadro dinsieme, in un contesto ampio Capacità di utilizzare le nuove tecnologie in maniera interattiva Capacità di gestire e risolvere i conflitti

48 2. INFORMARSI Scelgo un punto di partenza Lorganizzazione del sistema scolastico e la conoscenza di tutte le possibilità offerte; I miei criteri di scelta del percorso. Quali sono le proposte formative che rispondono ai miei criteri di scelta? Lofferta completa specifica del mio territorio I percorsi che preparano alle professioni di interesse

49 3. PROGETTARSI Qual è il percorso più rispondente ai miei criteri di scelta? Che cosa prevede il consiglio orientativo dei miei insegnanti? Che cosa ne penso? Che cosa mi ha colpito ed interessato maggiormente delle informazioni raccolte? Quali sono i miei punti di forza in relazione alle informazioni che ho raccolto sui percorsi di mio interesse? Quali sono i miei aspetti da migliorare, i vincoli? Cosa posso fare per superarli? Facendo una sintesi ragionata di tutti gli elementi, qual è il percorso che scelgo? Perché?


Scaricare ppt "ORIENTAMENTO SCOLASTICO PROFESSIONALE Dott.ssa Paola Basilico Dott.ssa Cecilia Pecchioli."

Presentazioni simili


Annunci Google