La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA FIABA La struttura Origine del genere Il commento Il testo della fiaba La raccolta Calvino: notizie sullautore Colori e numeri Il linguaggio Spazio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA FIABA La struttura Origine del genere Il commento Il testo della fiaba La raccolta Calvino: notizie sullautore Colori e numeri Il linguaggio Spazio."— Transcript della presentazione:

1

2 LA FIABA La struttura Origine del genere Il commento Il testo della fiaba La raccolta Calvino: notizie sullautore Colori e numeri Il linguaggio Spazio e tempo I ruoli dei personaggi

3 Le fiabe sono antichi racconti di origine popolare, tramandati oralmente di generazione in generazione. Essi parlano delluomo, delle sue fatiche, delle sue paure e delle sua speranze. Nelle fiabe vengono sempre esaltati il coraggio, la bontà, lintelligenza, e vengono, invece, puniti la cattiveria, linvidia e linganno. Alla fine trionfano il Bene e la Virtù.

4 Le fiabe tramandate oralmente, per la loro origine, sono dette fiabe tradizionali o classiche. Queste fiabe, col passare del tempo, sono state raccolte dalla viva voce della gente e trascritte da studiosi e scrittori. Torna alla mappa

5 Quasi tutte le fiabe cominciano con lespressione Cera una volta e si concludono con e vissero felici e contenti. Nella fiaba si riscontrano caratteristiche costanti e medesime trame in aree geografiche lontane. In ogni storia gli eventi sono legati tra loro da un filo logico e si sviluppano secondo uno schema fisso: Situazione iniziale: vengono presentati i personaggi e lambiente in cui si svolge la storia. Complicazione: lequilibrio iniziale si rompe, a causa di un danneggiamento, di una mancanza, di un allontanamento. Sviluppo: è il momento dellazione. Il protagonista affronta imprese ed avventure impreviste. Conclusione: con il superamento delle prove ci si avvia verso la conclusione della vicenda. Il finale prevede una vittoria del protagonista e spesso la punizione dellantagonista. Torna alla mappa

6 Lo studioso russo Propp, mettendo a confronto le azioni dei personaggi in moltissime fiabe popolari, osservò che i personaggi presentano caratteristiche umane comuni e possono essere definiti secondo ruoli fissi. I ruoli principali sono sette, anche se non tutti sono sempre presenti nella stessa fiaba.sette

7 Leroe-protagonista: dotato di qualità positive deve superare prove difficili per risolvere un problema o ottenere ciò che desidera Lantagonista: è lavversario delleroe e lo ostacola in ogni modo Il falso eroe: è colui che cerca di usurpare il posto delleroe spacciandosi per lui con linganno Laiutante: aiuta leroe quando è in difficoltà o in pericolo Il donatore: consegna alleroe gli oggetti magici con cui potrà superare gli ostacoli Il mandante: affida alleroe una missione da compiere La persona ricercata: è la persona (o loggetto) di cui leroe è in cerca. Rappresenta la mancanza alla base della fiaba. Torna alla mappa

8 Lo spazio in cui è ambientata la fiaba è astratto e indeterminato. Talvolta si tratta di luoghi che possiamo trovare nella realtà (un castello… un fiume…), spesso si tratta di luoghi immaginari (ai confini del mondo… in un paese lontano…). Anche il tempo nella fiaba non viene mai precisato: può dilatarsi o contrarsi. Vengono sempre fornite coordinate temporali indefinite (una volta… tanto tempo fa…) e spesso avvengono salti temporali (si svegliò… dopo cento anni…). Torna alla mappa

9 Il linguaggio della fiaba presenta: Formule fisse sia allinizio che alla fine Frasi semplici Elementi ricorrenti che si ripetono sempre uguali, facili da ricordare Uso di voci verbali al modo indicativo, al tempo presente, imperfetto e passato remoto Narrazione alla terza persona singolare: il narratore non si manifesta mai, ma rimane sempre avvertibile, filtrando la vicenda attraverso il suo punto di vista. Torna alla mappa

10 Le fiabe usano colori come mezzi di comunicazione; i tre colori più antichi, il nero, il bianco e il rosso sono sempre stati considerati colori magici, capaci di produrre incantesimi. Il bianco è il colore della purezza; il nero del peccato, della crudeltà del male; il rosso del fuoco e del sangue, è la tinta che simboleggia le emozioni violente. I numeri, invece, servono alla struttura narrativa del racconto caratterizzato dalla ripetizione. Il numero tre è il più ricorrente: anche nelle enumerazioni descrittive vengono ricordati generalmente tre elementi. Torna alla mappa

11 Italo Calvino, un importante scrittore del Novecento ha composto un libro intitolato Fiabe italiane: le fiabe originali erano spesso in dialetto e non potevano quindi essere comprese al di fuori della regione di origine. Calvino ha riscritto invece le fiabe in italiano, restando però fedele al racconto originale e indicando per ciascuna fiaba la zona dorigine. Il criterio seguito per la compilazione della raccolta è stato quello di rappresentare tutte le regioni dItalia e tutti i generi di fiabe, scegliendo tra i testi simili la versione più bella e completa e operando eventualmente delle commistioni. Torna alla mappa

12 Italo Calvino, nellIntroduzione al suo libro, testimonia limportanza che ha avuto per lui il lavoro di raccolta e riscrittura delle fiabe: «Le fiabe, prese tutte insieme, sono una spiegazione generale della vita, sono il catalogo dei destini che possono darsi ad un uomo e ad una donna, soprattutto per la parte di vita che è appunto il farsi di un destino: la giovinezza, dalla nascita che sovente porta in sé un auspicio o una condanna, al distacco dalla casa, alle prove per diventare adulto […]; la fedeltà ad un impegno e la purezza di cuore come virtù basilari che portano alla salvezza e al trionfo». Torna alla mappa

13 Situazione inizialeSituazione iniziale Allontanamento protagonistaAllontanamento protagonista Mancanza Aiutante Trasferimento Prove Elemento magico e divietoElemento magicodivieto Ritorno Partenza antagonistaPartenza antagonista Prove antagonistaProve antagonista Danneggiamento antagonistaDanneggiamento antagonista Punizione protagonistaPunizione protagonista Allontanamento antagonisteAllontanamento antagoniste Lieto fineLieto fine Torna alla mappa

14 Cera una volta una donna che aveva due bambine. Una si chiamava Lina ed era pigra, bruttina e poco generosa. Laltra si chiamava Lena ed era buona di cuore, paziente e molto graziosa. Stranamente la madre aveva una forte predilezione per Lina e spesso, ingiustamente, sgridava e puniva Lena per colpe che non aveva commesso. I1 tempo passò e le due bambine crebbero. Lena, nonostante dovesse lavare; cucinare, stirare e pulire la casa, era sempre allegra e sorridente. Lina, al contrario, pur passando nellozio le sue giornate, era sempre di cattivo umore. Torna indietro

15 Un giorno la madre ordinò a Lena di andare alla fontana a lavare due cesti di panni. «Eccoti un pezzo di sapone», disse la donna. «E vedi di non sprecarlo, il sapone non ce lo regala nessuno!» Lena arrivò alla fontana, raccolse i capelli sulla nuca, poi prese il sapone dalla tasca e iniziò a lavare i panni. Mentre insaponava la biancheria, si mise a cantare, come faceva sempre. A un tratto, però, il sapone le scivolò dalle mani e cadde in fondo alla fontana. Lena cercò di riprenderlo, ma ogni tentativo fu inutile. La fontana era profonda e il sapone sembrava sparito. «Come faccio adesso?» si chiese preoccupata la povera ragazza. «Se torno a casa coi panni sporchi e senza sapone, la mamma mi punirà...» E mentre pensava alla madre una grossa lacrima le scese sul viso e rotolò per terra. Torna indietro

16 Proprio in quel momento passava da quelle parti una vecchierella dallo sguardo dolce che, vedendola piangere, si fermò a domandare cosa fosse accaduto. «Dovevo lavare tutti questi panni», spiegò Lena allanziana signora, «ma il sapone è caduto nella fontana e non riesco a riprenderlo. Mia madre sarà furiosa con me. Non me la sento di tornare a casa e sentire unaltra volta le sue sgridate». «Ascoltami», le disse la vecchia. «Non è successo niente di grave. Ora ti indicherò la strada per arrivare al palazzo del Gatto Mammone. Non è lontano da qui. Bussa e chiedi un altro pezzo di sapone. Vedrai che te lo daranno... ». Torna indietro

17 Lena ascoltò le indicazioni della donna, poi si diresse al palazzo del Gatto Mammone. Arrivata davanti al portone, bussò e pochi istanti dopo venne ad aprirle un bellissimo gatto dal pelo bianco e dagli occhi verdi come smeraldi. «Cosa posso fare per te?» chiese il gatto alla ragazza. «Vorrei parlare con il Gatto Mammone», rispose Lena «Devo chiedergli una cosa». «Che cosa devi domandargli?» volle sapere il gatto bianco. «Ecco... io avrei bisogno di un nuovo pezzo di sapone... una vecchina gentile mi ha detto che il Gatto Mammone potrebbe darmelo. Il mio è caduto dentro la fontana e prima di sera devo finire di lavare una montagna di panni, se no a casa saranno guai...» «Va bene, seguimi», disse il gatto bianco, facendola entrare nel palazzo. «Vado ad avvisare il Gatto Mammone. Appena sarà libero ti porterò da lui. Tu puoi aspettarmi in quel salone laggiù». Il gatto bianco si allontanò lungo un corridoio. Torna indietro

18 Finalmente il gatto bianco venne a chiamarla: il Gatto Mammone era pronto a riceverla. Lena seguì il gatto bianco per il lungo corridoio e arrivò in un salone ancora più grande del primo. Lì, seduto su una poltrona, cera un gatto grosso grosso, con il pelo lungo e lucido e due occhi buoni e dolci, come quelli di una mamma: era il Gatto Mammone. «Vieni, Lena», le disse il Gatto Mammone. «Ho saputo che hai perso il tuo pezzo di sapone per il bucato e che ne vorresti un altro da me». «Le sarei infinitamente grata se potesse darmene un altro. Mia madre non mi perdonerebbe se le dicessi che ho perso il mio». Il Gatto Mammone allora mandò a chiamare i gatti che Lena aveva aiutato nelle faccende di casa e domandò loro se Lena meritava il pezzo di sapone. «Oh, sì!» disse il primo gattino. «Mi ha aiutato a scopare tutto il pavimento!» «Oh, sì! » disse il secondo gattino. «Mi ha aiutato a spolverare ogni cosa nella stanza!» «Oh, sì!» disse il terzo gattino. «Mi ha aiutato a rifare i letti!» Torna indietro

19 Rimasta sola, Lena iniziò a gironzolare per il palazzo. In una stanza vide un gattino che si dava da fare per spazzare il pavimento. La scopa era grande e il micetto faceva davvero tanta fatica a trascinarla. «Lascia fare a me», disse Lena. Prese la scopa dalle zampette del gatto e spazzò tutto il pavimento. Poi entrò in unaltra stanza e questa volta vide un gatto che spolverava. Cercava di raggiungere i mobili più alti ma, nonostante i suoi sforzi, non riusciva a pulire come si deve. Lena sorrise, prese lo spolverino e spolverò ogni cosa. Nella terza stanza un altro gatto si stava affannando per rifare i letti. «Se ti aiuto io, finiremo prima», disse Lena. E in quattro e quattrotto rifece i letti. Torna indietro

20 «Sei stata buona», disse il Gatto Mammone. «Eccoti un altro pezzo di sapone. Ancora una cosa. Quando sarai alla fontana e sentirai cantare il gallo, voltati. Ma fa bene attenzione a non voltarti per nessun motivo se sentirai ragliare un somaro!» E, con questo misterioso avvertimento, il Gatto Mammone la salutò. Lena tornò alla fontana e si mise a lavare. Dun tratto udì un somaro che ragliava forte. Ricordando le parole del Gatto Mammone, la ragazza non si voltò. Pochi minuti dopo, udì cantare un gallo. Si voltò a guardare e in quellattimo sulla fronte le apparve una stella doro che le illuminava il viso. Torna indietro

21 Lena finì il suo lavoro e corse a casa. Appena la madre la vide con la stella doro in fronte, fu presa da uninvidia feroce e la obbligò a dirle cosera successo. Lena, che non sapeva mentire raccontò tutto per filo e per segno. Torna indietro

22 Il giorno dopo la madre decise di mandare Lina alla fontana, affinché anche a lei toccasse la stessa sorte che era toccata alla sorella. Lina fece scivolare il sapone nellacqua e poi finse un pianto disperato. Anche questa volta passò da quelle parti la buona vecchina, che, ascoltato il racconto di Lina, le consigliò di andare a chiedere dellaltro sapone al Gatto Mammone. Lina arrivò al palazzo, bussò e spiegò ogni cosa al gatto bianco che la fece entrare e le disse di attendere. Torna indietro

23 Annoiata, la ragazza si mise a gironzolare per il palazzo, entrò nella prima stanza e incontrò il primo gattino, quello che scopava. Ma invece di aiutarlo scoppiò a ridere. «Che scena ridicola», disse. «Un gattino con una scopa». Poi entrò nella seconda stanza e vide il gatto che spolverava. «Potresti darmi una mano a pulire in alto, dove io non arrivo?» le chiese il gattino. «Scordatelo!» rispose seccata la ragazza. «Ma per chi mi hai preso? Non sono la tua serva!» Lina arrivò infine nella terza stanza. «Puoi tirare un pochino le coperte dalla tua parte?» disse il gatto. «Mi sembra che pendano un po troppo da questo lato... » «Oh, ma certo!» disse Lina. E diede un tale strattone che disfece tutto il letto. «Guarda che hai fatto!» la rimproverò il gatto. «Ti sta bene», disse Lina «Così impari a infastidirmi». Torna indietro

24 In quellattimo arrivò il gatto bianco e le disse di seguirlo. Quando fu davanti al Gatto Mammone, la ragazza raccontò tutta la storia e chiese un pezzo di sapone. Il Gatto Mammone allora mandò a chiamare i gattini che lavoravano nelle stanze e domandò loro se Lina meritava ciò che aveva chiesto. «Oh, no!» disse il primo gattino. «Mi ha preso in giro invece di aiutarmi!» «Oh, no! disse il secondo gattino. «Mi ha risposto sgarbatamente invece di aiutarmi!» «Oh, no!» disse il terzo gattino. «Mi ha fatto un dispetto invece di aiutarmi!» «Va bene, ti do comunque il sapone che mi hai chiesto», disse il Gatto Mammone. «Ora torna alla fontana a lavare i panni. Quando sentirai ragliare un somaro, voltati a guardare». Lina andò alla fontana e si mise ad aspettare; appena udì il somaro ragliare, si girò e... in fronte le spuntò un ciuffo di coda di somaro! Torna indietro

25 Non vi dico la rabbia della madre quando vide la figlia prediletta tornare a casa conciata in quel modo. «È tutta colpa sua!» disse Lina indicando la sorella. La madre, allora, furibonda, cominciò a picchiare Lena. E gliene diede tante che la ragazza urlò dal dolore. Torna indietro

26 Proprio in quel momento vicino alla casa stava passando la carrozza del figlio del re. Il principe, udendo quelle grida, scese dalla carrozza e andò a vede re cosa stava succedendo. Lena, tra le lacrime, gli raccontò ogni cosa e il giovane, commosso, decise di portare la fanciulla con sé a palazzo. Il principe si innamorò subito di Lena, non solo per la sua bellezza, ma anche e soprattutto per la bontà e il carattere allegro. Dopo qualche giorno, le chiese se voleva diventare sua moglie. La ragazza, che a sua volta si era innamorata, fu felicissima di accettare. Il principe avrebbe voluto che la madre e la sorella della sua futura moglie ricevessero una punizione esemplare, ma Lena lo supplicò di perdonarle: erano la sua famiglia e, nonostante le pene patite, Lena non riusciva a odiarle. Il figlio del re allora ordinò che le due donne venissero allontanate dal paese e nessuno le vide più. Torna indietro

27 Ci furono le nozze e tutto andò a meraviglia. Però sapete cosa mi sembra strano in questa fiaba? Mi sembra strano che il principe sia passato sotto le finestre di Lena proprio quando cera bisogno di lui. Sì... ma è stato un caso. Eppure, sbaglierò, ma secondo me ci ha messo lo zampino... un certo Gatto Mammone! Torna indietro

28 Il gatto mammone, personaggio tipicamente fiabesco, è tra i campioni dei bestiari favolosi medievali; le sue fattezze bizzarre e i suoi misteriosi poteri affondano le radici nella notte dei tempi e negli oscuri recessi dellimmaginario comune. Mostro fantastico evocato per incutere paura ai bambini troppo vivaci allo scopo di sedarne gli eccessi di brio, è rintracciabile nei racconti popolari fin dal XIV secolo: è una variante del gatto scimmiesco, e deve probabilmente il suo nome alla parola araba maymun scimmia (ma secondo altri ad uno degli attributi biblici del demonio, mammona). È significativo che sia, invece, leroe buono della fiaba di Calvino dove la virtù è premiata e la malvagità punita. Il gatto mammone, giusto e magnanimo, dispensatore magico di premi e castighi secondo merito, ha della mamma e del re (negli occhi dolci e nella superiore capacità di giudizio, nellistintiva affettuosità della lode per la mite umiltà e nella facoltà di prendere provvedimenti correttivi contro la sgarbata superbia), e conserva intatto il suo alone misterioso di creatura sovrannaturale: sia Lena che Lina sono ammesse alla sua presenza dopo una serie di prove, attraverso anticamere ed ostacoli da superare, che lo isolano dallordito narrativo della fiaba facendone il simbolo della giustizia divina. Significativa è pure la paraetimologia tra il nome del gatto e il nome mamma: tentativo di sottolinearne la bontà, lamore nellerogazione del premio (non semplice saldo per le buone azioni, ma tributo di ammirazione, affetto, compiacimento e incoraggiamento). Torna alla mappa


Scaricare ppt "LA FIABA La struttura Origine del genere Il commento Il testo della fiaba La raccolta Calvino: notizie sullautore Colori e numeri Il linguaggio Spazio."

Presentazioni simili


Annunci Google