La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Soluzioni agli esercizi della verifica 1. 1.Sequenza principale. Descrivere quale relazione esiste fra luminosità L e massa M di una stella, fra il raggio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Soluzioni agli esercizi della verifica 1. 1.Sequenza principale. Descrivere quale relazione esiste fra luminosità L e massa M di una stella, fra il raggio."— Transcript della presentazione:

1 Soluzioni agli esercizi della verifica 1

2 1.Sequenza principale. Descrivere quale relazione esiste fra luminosità L e massa M di una stella, fra il raggio R e la massa M e spiegare come da queste due relazioni si deriva, lungo la sequenza, la relazione fra la temperatura T e la massa M. Soluzione: In una stella di sequenza principale si osserva la seguente relazione fra luminosità e massa: L M 4 continua

3 Inoltre il bilancio fra lenergia rilasciata nel nucleo interno in seguito alla fusione e il flusso di energia che migra verso gli strati esterni (trasporto radiativo) è tale che in generale (tranne nella parte alta della sequenza, dove R M0.6): R M Combinando le due relazioni: R M L M 4 con la formula per la Luminosità L espressa in termini della legge di Stefan-Boltzman: L = (4 R 2 ) T e 4 si ricava, per le stelle di sequenza principale, la relazione: T e M 1/2

4 2.Stadio di sub-gigante rossa. Perché la stella si espande ? E perché si arrossa ? Soluzione: Quando tutto lH disponibile nel nucleo si è trasformato in He, la fusione nucleare cessa e cessa la produzione di energia termonucleare che bilancia lautogravità. Quindi il nucleo inerte di He si contrae. Ma anche il guscio di H subito al di sopra di esso si contrae e si porta a una profondità in cui la pressione P e la temperatura T ne possono innescare la fusione Tuttavia, il modo di bruciare del H nel guscio sovrastante il nucleo inerte di He è diverso da quello che si aveva originariamente nel nucleo di H. Il nucleo inerte di He tende sempre più a contrarsi e trascina verso linterno anche il guscio di H sovrastante. Inoltre, poiché nel guscio sovrastante si produce He, questo tende a gocciolare sul nucleo inerte, aumentandone la massa. Il guscio di H sente quindi sotto di se un campo gravitazionale elevatissimo, sia perché il nucleo continua a contrarsi, sia perché continua ad appesantirsi. Il guscio di H si trova quindi in condizioni di densità e temperatura molto più elevate del nucleo originario di H. Pertanto, lH nel guscio brucia molto più efficacemente di quanto non bruciava lH nel nucleo originario. continua

5 Finché linviluppo è radiativo (finché cioè si ha trasporto radiativo) risulta sempre L M 4. Cioè, anche se aumenta la produzione di energia radiante allinterno, il fenomeno del trasporto radiativo è tale che è sempre la stessa L M4 che riesce a uscire. La differenza fra lenergia radiante prodotta allinterno e quella che esce risulta in riscaldamento degli strati intermedi e quindi in una espansione. La stella si arrossa perché: La luminosità rimane costante (L M 4 ), ma il raggio R aumenta, quindi in base alla: L = 4 R 2 T e 4 T e diminuisce

6 3.Relazione Massa-Raggio in una Nana Bianca. Illustrate la relazione e spiegate le conseguenze. Soluzione: Imponendo la condizione di equilibrio fra la pressione degenere degli elettroni e la pressione centrale dovuta alla stessa gravita si ricava la relazione Massa-Raggio: R (h 2 / G m e m p 5/3 ) (Z/A) 5/3 M -1/3 Ci aspettiamo quindi che una Nana Bianca più massiva sia più piccola di una leggera: 0.8 M 0.4 M

7 4.Derivazione classica e derivazione relativistica del raggio di Schwarzschild. Descrivete i due approcci e spiegate perché la formulazione classica, non è fisicamente corretta, anche se porta formalmente allo stesso risultato. Soluzione: Nella derivazione classica si calcola, dato un oggetto di massa M, a quale raggio R corrisponde una velocità di fuga v = c, e si scrive ½ mv 2 – GMm/ R = 0 da cui: R Sch = 2GM/c 2 Nella derivazione Relativistica, si dimostra che un fotone di lunghezza donda 0 emesso a una distanza r da una massa sferica di massa M, quando raggiunge distanza infinita presenta uno spostamento verso una lunghezza donda più lunga, detto redshift gravitazionale, dato da: / 0 = (1 2GM / c 2 r) ½ al tendere di r 2GM/c 2 questa formula prevede che la lunghezza donda del fotone tenda a di conseguenza, lenergia del fotone tende a zero hc/ 0 In sostanza, i fotoni emessi a una distanza pari o inferiore al raggio di Schwarzschild vengono redshiftati verso uno stato di non esistenza continua

8 La formula del raggio di Schwarzschild ricavata classicamente contiene alcune assunzioni errate: a) Si associa implicitamente a un fotone massa m e energia cinetica ½ mc 2 b) Si postula erroneamente che la legge di gravitazione Newtoniana sia ancora valida anche nel caso si campi gravitazionali estremamente elevati In effetti questi due errori si cancellano e forniscono la formula esatta, ma non ne mettono correttamente in evidenza il significato fisico.

9 5. Legge di Stefan-Boltzman per un corpo nero. Relazioni per la densità del campo di radiazione e per il flusso superficiale in funzione della temperatura. Spiegate il significato fisico della temperatura nelle due formulazioni e le differenze che emergono quando si tratta un caso reale Soluzione: Nelle formule di Stefan-Boltzmann: E rad = aT 4 (erg cm -3 ) f = T 4 (erg cm -2 s -1 ) la temperatura T si riferisce alla temperatura ideale di corpo nero, cioè un corpo opaco, in cui quindi il campo di radiazione e la materia sono in equilibrio. Nel caso reale, un corpo a temperatura T, di cui osserviamo lemissione, per il semplice fatto che irradia, non è in equilibrio. Possiamo immaginare che una buona approssimazione del corpo nero ideale sia un forno perfettamente isolato dallUniverso, a temperatura interna T, con un piccolo foro da, quale possiamo misurare la radiazione In questo caso, definiamo una temperatura efficace T e, come la temperatura superficiale che il forno avrebbe se fosse un corpo nero ideale con uno spettro di radiazione uguale a quello della radiazione osservata f = T e 4. Nel caso reale distingueremo quindi la temperatura media interna, che tiene conto della densità di energia del campo di radiazione, in equilibrio con la materia, dalla temperatura superficiale che tiene conto del flusso di corpo nero equivalente che si osserva fluire verso lesterno.

10 6.Riserva di energia nel Sole. Ricavate una stima della riserva di energia gravitazionale del Sole. Soluzione: Lenergia gravitazionale E grav di una sfera di massa M e raggio R dipende dalla distribuzione di massa allinterno della sfera, ma è comunque dellordine di E grav = G M 2 / R nel caso del Sole (M = 1.99 x gm R = 6.96 x cm) si ha: E grav = G M 2 / R = 3.8 x erg (G=6.67 x )

11 7. Arrossamento ed estinzione. Spiegare sinteticamente. Soluzione: La misura di un solo indice di colore non è sufficiente a fare una stima attendibile della temperatura. Infatti, le polveri presenti nel mezzo interstellare che ci separa d una stella ne attenuano la luce, ma in modo non uniforme a tutte le lunghezze donda. La diffusione (scattering) è più efficace sulla luce blu che su quella rossa. La stella appare quindi più rossa (in effetti si tratta di un deficit di blu) Lestinzione A, definita dalla: M = m – 5 Log (d) + 5 A rappresenta lestinzione in magnitudine dovuta a tutto il mezzo fra losservatore e la stella. Cioè ci dice quanta magnitudine è stata persa nel mezzo interstellare Lestinzione è funzione della lunghezza donda. Lestinzione nella banda visibile A v è connessa alleccesso di colore B-V dalla relazione: A v 3 x E B V

12 8. Principi di dinamica in un ammasso globulare. Nel caso in cui sono presenti specie stellari di diversa massa, spiegate i fenomeni essenziali che si osservano. Soluzione: A seguito della tendenza del sistema a equipartire lenergia cinetica, le stelle più leggere tendono ad avere velocità v > v e (velocità di fuga) e quindi evaporano. Le stelle più massive tendono invece ad avere velocità più basse e quindi ad avvicinarsi luna allaltra verso il centro. Lammasso tende a contrarsi Nel contrarsi lammasso rilascia energia di legame. Di conseguenza (…teorema del Viriale) le stelle massive al centro acquistano nuova energia cinetica, e negli incontri successivi con stelle più leggere rimaste ancora intrappolate nellammasso, queste ultime acquistano sempre più velocità: levaporazione aumenta In sostanza si crea una configurazione nucleo centrale + inviluppo simile a quello di una gigante rossa.


Scaricare ppt "Soluzioni agli esercizi della verifica 1. 1.Sequenza principale. Descrivere quale relazione esiste fra luminosità L e massa M di una stella, fra il raggio."

Presentazioni simili


Annunci Google